Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 08-06-2006, 14.24.04   #1
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Caso D'Elia..e già che ci siamo caso Farina...

Gentili Signore e Signori,
non so se questa discussione è stata già approfondita da qualcuno di voi..pertanto vi chiedo gentilmente di potermi dare i Vs. commenti a quanto segue. In particolare chiedo i commenti di quanti criticarono la presenza di indagati e condannati per corruzione nell'allora maggioranza di Silvio Berlusconi, definendolo un governo ignorbile perchè presentava questi ignobili candidati.

Ora mi domando, nessun commento da fare in merito alla elezione di D'Elia ?

E la elezione di Farina ?

Per chi non lo sapesse il d'Elia fu condannato a suo tempo per OMICIDIO e non solo, durante la sua onesta militanza in Prima Linea, noto gruppo terroristico di estrema sinistra, famoso ai più per i sequestri, rapine e omicidi.

Per chi non lo sapesse il Farina, adesso vice presidente della commissione di Giustizia della camera del Governo Prodi, fu leader storico del famoso centro sociale Leoncavallo di Milano.

Bene i commenti li lascio a voi, e mi auguro che i più siano obbiettivi e che non mi dicano, che siccome la legge lo consente allora non c'è nulla di male..perchè altrimenti la mia prossima domanda sarebbe, e il buon senso tanto richiesto a Silvio Berlusconi che fine ha fatto per il Prodi ?

E poi se aspettiamo qualche hanno, rischio di vedere anche Bonpressi al governo ?

VERGOGNA !! ONORE ALLA FAMIGLIE DELLE VITTIME DI D'ELIA...
Aristippo is offline  
Vecchio 08-06-2006, 15.55.22   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Caso D'Elia..e già che ci siamo caso Farina...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo
VERGOGNA !! ONORE ALLA FAMIGLIE DELLE VITTIME DI D'ELIA...
Il caso D’Elia viene indicato come una vittoria delle istituzioni, (anche da qualcuno della destra), perché in esso si ravvisa il successo della giustizia che recupera alla società civile, un cittadino.

Di seguito riporto due stralci. Uno il commento della vedova D’Antona riportato dall’ANSA ed uno preso da uno scritto dello steso D’Elia.

Se non cogliamo funzione ravvedimento carcere, noi sconfitti (ANSA) - ROMA, 6 GIU - 'D'Elia e' stato riabilitato dal carcere, ha gia' pagato'. Lo dice Olga D'Antona, vedova del professore ucciso dalle Br. La parlamentare dell'Ulivo reagisce cosi' alla lettera, diffusa dall'Udc, con gli stralci della sentenza di condanna del parlamentare della Rosa nel Pugno ed ex esponente di Prima Linea. 'E' possibile - si chiede D'Antona - che non siamo capaci di cogliere quando il carcere invece che luogo di pena e' anche luogo di riflessione e di ravvedimento?'.

Nel 1993, ricorda ancora D'Elia, ''fondammo Nessuno tocchi Caino con la mia compagna Mariateresa Di Lascia'', ora ''sono stato eletto deputato della Rosa nel pugno al Parlamento italiano assumendo un ruolo anche di responsabilità: credo che sia questo un altro fatto politico che può essere letto, non come la vergogna che denuncia il collega Giovanardi, ma come la parabola felice di una storia, che è storia di cittadinanza democratica e di accoglienza umana e civile di cui, non solo Marco Pannella, ma anche lo Stato italiano può andare fiero... Se ha senso l'articolo 27 della nostra Costituzione, se hanno senso le parole lì scritte sulla rieducazione e il reinserimento sociale del condannato''. ''Se qualcuno, ancora oggi, dopo trenta anni, vuole cristallizzare la mia vita nell'atto criminale di allora (che non ho materialmente commesso) e non tener conto della semplice verità che l'uomo della pena può divenire un uomo diverso da quello del delitto, rischia - ammonisce - di non cogliere il senso profondo della giustizia, del carcere e della pena descritto dalla nostra Costituzione''.
''Ho pagato con 12 anni di carcere il conto che lo Stato e la legge italiana mi hanno presentato per ciò che ho fatto o non fatto. Non sono il solo a ritenere di aver compiutamente e consapevolmente pagato anche l'altrimenti non necessario, il 'sovrapprezzo' dovuto a leggi, tribunali, procedure e regole, opzioni politiche che si imposero come necessarie, carceri e detenzione speciali''. ''Ora, sono disposto ad accettare anche il giudizio inappellabile di quel severissimo tribunale della storia che è l'opinione pubblica. Quel che non accetto - avverte D'Elia - è di rimanere ostaggio perpetuo della memoria, del mio passato e di ciò che ho fatto trenta anni fa''.


Personalmente penso che è certamente meno marcio un ex-terrorista pentito che un tangentaro, corruttore che porta i guanti bianchi mentre fa affari con le mafie, che non ammazza la gente ma immette nel circuito sociale logiche di corruzione il cui veleno, alla lunga, ha effetti peggiori del terrore stesso. Lo penso ma spiego anche il perché e non butto lì uno slogan del tipo – VERGOGNA!! ED ONORE AI GIUDICI DI MANI PULITE –

Tu invece non spieghi questo sentire, per altro comune a molta parte della destra, questo oddio preconcetto verso i diversi, gli zingari, i drogati, i giovani dei centri sociali, i terroristi pentiti, etc…. Non lo spieghi e non mi dai gli agganci razionali per seguirti e per capire le tue ragioni….

VanLag is offline  
Vecchio 08-06-2006, 16.47.45   #3
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Si certo la vittoria delle istituzioni e la sconfitta del buon senso.
Chissà poi come mai la vittoria delle istituzioni viene vista solo per il centro sinistra.
Ma a parte questo, voglio vedere se la signora Dantona fra 10 vedesse il carnefic di suo marito in parlamento se avrebbe il coraggio di ripetere ciò che ha detto e scritto.

E' una vergonga morale, allora io se lo trovo ti riporto ciò che ha detto la figlia del polizziotto ucciso da D'Elia....siam bravi a vedere le cose da fuori ma mai da dentro.
Immagino che tu Van , saresti sicuramente felice di sapere che l'omicida di tuo padre è stato recuperato e adesso ti governa...ahahah ma non farmi ridere con documenti inutili e fuori luogo.
Io penso alla moglie e alla figlia di chi è morto non alle istituzioni che fanno acqua ovunque.

VERGOGNA !!!

PER I PRECONCETTI NON TI RISPONDO NEMMENO...non ho mai detto di odiarew zingari etc....odio gli assassini e anche se dopo 10 anni si credono riabilitati il miop pensiero va alle vittime di queste persone.
Il buon senso va oltre le istituzioni ricordatelo.
Aristippo is offline  
Vecchio 08-06-2006, 18.42.23   #4
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Vogliamo essere obiettivi? Se il marcio c'è in entrambi gli schieramenti forse è solo il caso di iniziare a pensare di non andare a votare? A me pare, caro Aristippo, che i nostri politici siano troppo occupati a cercare la paglizza nell'occhio altrui e non si rendano invece conto di avere dinnanzi ai propri una grossa trave. Come facciano a vedere la prima ma non la seconda, proprio non lo capisco. Così come i nostri politici fanno i loro tifosi. Il fatto che la parte avversa abbia delle pecche non giustifica le proprie. Quando andavo a scuola, un insegnante (forse lo faceva apposta, chi sa....), se due studenti andavano da lui mostrandogli due compiti in classe con gli stessi errori ma con un punteggio diverso, lui abbassava il punteggio più alto e non viceversa. Questo per ribadire che la "gara a chi scopre più pecche nell'avversario" è una gara persa in partenza. E' una sorta di catenaccio (termine calcistico per indicare una difesa che non fa giocare la squadra avversaria), è un brutto modo di agire, ereditato dall'America degli anni 80/90.... preoccupiamoci di esprimere il meglio di noi stessi, anziché perdere tempo a criticare il peggio del prossimo! E' difficile? Secondo me no.
Forse sarebbe necessaria una legge che stabilisse che chi ha avuto un qualsivoglia problema con la giustizia, non sia eleggibile.... O sbaglio?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 08-06-2006, 21.11.16   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo
Immagino che tu Van , saresti sicuramente felice di sapere che l'omicida di tuo padre è stato recuperato e adesso ti governa...ahahah ma non farmi ridere con documenti inutili e fuori luogo.
Hai il diritto di esprimere il tuo dissenso ed anche se è chiaramente espresso sull'onda emotiva ti capisco..... Anche a me succedeva di vedere il governo Berlusconi con uguale emotività.

Lascia stare, però, per favore le cose personali, come mio padre che non sai come è morto e perché.... Stiamo ai fatti che ci guadagniamo tutti.......

VanLag is offline  
Vecchio 09-06-2006, 01.03.18   #6
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Consenso

Citazione:
Messaggio originale inviato da Aristippo
Si certo la vittoria delle istituzioni e la sconfitta del buon senso.
Chissà poi come mai la vittoria delle istituzioni viene vista solo per il centro sinistra.
Ma a parte questo, voglio vedere se la signora Dantona fra 10 vedesse il carnefic di suo marito in parlamento se avrebbe il coraggio di ripetere ciò che ha detto e scritto.

E' una vergonga morale, allora io se lo trovo ti riporto ciò che ha detto la figlia del polizziotto ucciso da D'Elia....siam bravi a vedere le cose da fuori ma mai da dentro.
Immagino che tu Van , saresti sicuramente felice di sapere che l'omicida di tuo padre è stato recuperato e adesso ti governa...ahahah ma non farmi ridere con documenti inutili e fuori luogo.
Io penso alla moglie e alla figlia di chi è morto non alle istituzioni che fanno acqua ovunque.

VERGOGNA !!!

PER I PRECONCETTI NON TI RISPONDO NEMMENO...non ho mai detto di odiarew zingari etc....odio gli assassini e anche se dopo 10 anni si credono riabilitati il miop pensiero va alle vittime di queste persone.
Il buon senso va oltre le istituzioni ricordatelo.


Caro Aristippo, è proprio il consenso politico ciò che delegittima una parte politica sotto il profilo morale.
D'Elia, in quanto persona che ha espiato la sua colpa, ha tutti i diritti di integrarsi e di occupare un ruolo attivo in quel contesto sociale che, a suo tempo, ha tenacemente e criminalmente combattuto.
Anzi, proprio il fatto che vi occupi posizioni di prestigio conferma l'effettiva sconfessione delle proprie precedenti posizioni.
Altro è, quindi, il riconoscere tale diritto ed il prendere atto, con soddisfazione, di tale ravvedimento.
Altro, invece, evidentemente, il proporlo, riconoscerlo e confermarlo nella posizione politica di rappresentante dello Stato, in una posizione istituzionalmente prestigiosa.

Ora, il segno del degrado morale della sinistra in questo paese non è ancora neppure questo, ma il fatto, ulteriormente più grave, che la "base" consenziente neppure ne percepisca l'abnormità.
Ma che, anzichè vergognarsene o tacere, ne difenda e ne confermi spudoratamente la liceità e l'opportunità e che lo faccia contrapponendo all'assassinio di un difensore dello Stato, la solita solfa di teoremi e di dietrologie paranoiche.
La degenerazione della sinistra in Italia sta anche in questo: nella prepotenza con cui pretende di legittimare il grottesco e l'indegno.
Di farlo, per di più, nel modo più becero: ossia mediante l'uso, deliberato, dell'argomentazione ad hominem, cioè screditando il dichiarante per indebolirne la dichiarazione.
Una forma tanto antica quanto ovvia di fallacia retorica.
Weyl is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it