Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 18-06-2006, 21.33.54   #31
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Citazione:
Messaggio originale inviato da Bige
Bè che Nietzsche dovesse morire prima o poi non è una novità. Il paradosso sta nella sua tesi per cui Dio, teoricamente immortale, è stato ucciso. Con questo in ogni caso non intende la morte fisica di Dio, ma la soppressione di tutte le vecchie tavole di valori, che devono essere riscritte.

" E nell'eco della risata si dà in Nietzche la verità del nichilismo che libera dall'inutile peso dello "spirito di gravità", per poter valutare <il più pesante dei pesi>, che è poi l'uomo dopo l'annuncio della morte di Dio.

L'uomo che scopre che ciò che considerava un dialogo non è che l'allucinazione di un monologo nell'abisso di vita che, dopo aver perso con Dio anche i suoi fini e i suoi valori, appare fatalmente assurda. ...."

Da U. Galimberti
Patri15 is offline  
Vecchio 18-06-2006, 22.21.01   #32
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Citazione:
Messaggio originale inviato da Bige
Il paradosso sta nella sua tesi per cui Dio, teoricamente immortale, è stato ucciso.

La tesi in realtà non è sua, ma dei cristiani...
Secondo i quali, Dio si è incarnato, si è fatto carne, e si è fatto uccidere dagli uomini ingiustamente, senza aprire bocca, senza alzare un dito per difendersi, senza far nulla di nulla...

La predicazione della croce è pazzia per quelli che periscono, ma per noi, che veniamo salvati, è la potenza di Dio; infatti sta scritto:
«Io farò perire la sapienza dei saggi e annienterò l'intelligenza degli intelligenti».
Dov'è il sapiente? Dov'è lo scriba? Dov'è il contestatore di questo secolo? Non ha forse Dio reso pazza la sapienza di questo mondo? Poiché il mondo non ha conosciuto Dio mediante la propria sapienza, è piaciuto a Dio, nella sua sapienza, di salvare i credenti con la pazzia della predicazione. I Giudei infatti chiedono miracoli e i Greci cercano sapienza, ma noi predichiamo Cristo crocifisso, che per i Giudei è scandalo, e per gli stranieri pazzia; ma per quelli che sono chiamati, tanto Giudei quanto Greci, predichiamo Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio; poiché la pazzia di Dio è più saggia degli uomini e la debolezza di Dio è più forte degli uomini.
Infatti, fratelli, guardate la vostra vocazione; non ci sono tra di voi molti sapienti secondo la carne, né molti potenti, né molti nobili; ma Dio ha scelto le cose pazze del mondo per svergognare i sapienti; Dio ha scelto le cose deboli del mondo per svergognare le forti; Dio ha scelto le cose ignobili del mondo e le cose disprezzate, anzi le cose che non sono, per ridurre al niente le cose che sono, perché nessuno si vanti di fronte a Dio. Ed è grazie a lui che voi siete in Cristo Gesù, che da Dio è stato fatto per noi sapienza, giustizia, santificazione e redenzione; affinché com'è scritto:
«Chi si vanta, si vanti nel Signore».

(Paolo di Tarso in 1 Corinzi 1:18-31)

La predicazione di Dio crocifisso è pazzia... ma questo è quanto predicano i cristiani: Dio è morto!
E muore ogni volta che noi uomini non amiamo il nostro prossimo come noi stessi.
Dio risorge solo quando...

Se io muoio non piangere per me, fai quello che facevo io e continuerò vivendo in te.
(Rubo le parole del Ché in modo arbitrario...)

Risorge solo in noi stessi, quando noi Amiamo.
Quando noi Amiamo, lui è risorto.

Io me ne vado, e torno da voi.
(Gesù in Giovanni 14:28)

Dio se ne va, muore... e torna da noi, risorge...

Chi ha orecchie per capire, capisca.
Elijah is offline  
Vecchio 18-06-2006, 23.30.40   #33
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
La tesi in realtà non è sua, ma dei cristiani...
Secondo i quali, Dio si è incarnato, si è fatto carne, e si è fatto uccidere dagli uomini ingiustamente, senza aprire bocca, senza alzare un dito per difendersi, senza far nulla di nulla...
Si la tesi è la stessa, ma il problema sta nell' interpretazione che danno cristiani e nicciani della sofferenza: Nel primo caso la sofferenza vale la pena di essere sofferta perchè è la via che conduce ad un'esistenza beata; nel secondo, si ritiene che l'essere sia abbastanza beato da giustificare anche una sofferenza mostruosa.
La differenza sta tutta qui...
Bige is offline  
Vecchio 26-06-2006, 22.29.23   #34
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Wink

Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
Non ha forse Dio reso pazza la sapienza di questo mondo? Poiché il mondo non ha conosciuto Dio mediante la propria sapienza, è piaciuto a Dio, nella sua sapienza, di salvare i credenti con la pazzia della predicazione. I Giudei infatti chiedono miracoli e i Greci cercano sapienza, ma noi predichiamo Cristo crocifisso, che per i Giudei è scandalo, e per gli stranieri pazzia; ma per quelli che sono chiamati, tanto Giudei quanto Greci, predichiamo Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio; poiché la pazzia di Dio è più saggia degli uomini e la debolezza di Dio è più forte degli uomini.
Infatti, fratelli, guardate la vostra vocazione; non ci sono tra di voi molti sapienti secondo la carne, né molti potenti, né molti nobili; ma Dio ha scelto le cose pazze del mondo per svergognare i sapienti; Dio ha scelto le cose deboli del mondo per svergognare le forti; Dio ha scelto le cose ignobili del mondo e le cose disprezzate, anzi le cose che non sono, per ridurre al niente le cose che sono, perché nessuno si vanti di fronte a Dio.
Forse non lo sapevi, ma nietzsche ha analizzato anche questo stesso brano quando stava studiando la morale cristiana e la così detta "trasvalutazione dei valori"...
Puoi leggere che cosa ne ha ricavato qui:Genealogia della morale (la prima dissertazione)
Bige is offline  
Vecchio 26-06-2006, 22.40.15   #35
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
dopo nietzche

Riporto qui, come appassionata di Nietzche, le parole di un altro grande - Giorgio Colli - che, appunto nella sua opera "Dopo Nietzche" scrive:

..<Adesso che tutti i tabù sono superati, ridicolizzati, non rimane che eliminare l'ipocrisia.

Ma l'ipocrisia è l'ultimo baluardo, dove la potenza della morale, braccata da ogni parte, ha trovato rifugio.>
Patri15 is offline  
Vecchio 26-06-2006, 23.12.51   #36
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Citazione:
Messaggio originale inviato da Spaceboy
...quoto...

...e se esistesse magari ad Auschwitz qualcosa avrebbe fatto...

...e se non ha fatto nulla allora, non lo farà più...



ouuuu che tristezza!
Io credo che si sbagli nel cercare un Dio risolutore di problemi; che magari agisce come agiremmo noi fessi esseri mortali e umani.....spazzando via i cattivi con tuoni e fulmini! Lo accetteremmo e lo desidereremmo in fondo un Dio del genere?
Io credo che Dio ha agito, ed agisce tutt'ora.....però sia imperscrutabile.

Io non amo i Santi della Chiesa, ma c'è una frase di Padre Pio che mi piace (o almeno mi pare sia una sua frase). Dice che l'importante non è che tu creda in Dio; tanto Lui crede in te.
Io penso che tutti possiamo renderci strumento.....e realizzare qualcosa di dignitoso e forse divino.
Anche Oscar Wilde, una volta in carcere, vedeva nell'uomo la possibilità di realizzazione di un'ispirazione, di un progetto divino.Il senso della vita di ogni persona stava nella realizzazione più o meno completa di quell'ispirazione.
Io ci credo. Sarò mezza matta e antiquata......ma in realtà chi lo può sapere....
odissea is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it