Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 20-11-2006, 18.53.02   #11
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Le organizzazioni umanitarie nel mirino de "Il Foglio"

Citazione:
Originalmente inviato da S.B.
Gli interessi\scopi di questa guerra sono molto più complessi di come li stai mettendo.
Per fare una buona analisi secondo me bisogna partire dall'11 settembre 2001, da allora Bush ha intrapreso una durissima repressione, con l'appoggio di gran parte del globo.
La sua idea, la sua tattica è quella della guerra preventiva (beh non molto preventiva in questo caso, visto che le torri gemelle sono già a terra figliolo), lui vede un vespaio nel medio oriente, un nido di terrorismo e antiamericanismo che gli USA da brava potenza mondiale vuole stroncare.
Il problema era giustificare la cosa all'opinione pubblica, c'hanno provato maldestramente, in più hanno fallito miseramente, dimostrando come il terrorismo sia molto più difficile da sconfiggere, teoria della guerra asimmetrica.
Non dico che la situazione sia peggiorata in Iraq, ma il terrorismo è stato appena intaccato e il popolo è sull'orlo della guerra civile, i governi fantoccio funzionano fino ad un certo punto.
Dalla padella alla brace, insomma, ora con i democratici probabilmente tenderanno verso una politica estera meno aggressiva.

Cosa c'entra Gino Strada? Ha messo in luce il dato umano della tragicità della guerra, di una guerra che altrimenti non sentiremmo nostra come le centinaia di scontri che avvengono ogni giorno in Africa e di cui non si parla.
Questo da molto fastidio ai più pragmatici e filo-americani, come Ferrara.

Ah se solo l'Europa avesse un minimo di forza, di coerenza d'azione e d'intenti.




Innnegabile che leaziende legate ai bush hanno guadagnato dalla guerra come nessun altra azienda americana ....
L'irak non era considerata per nulla prima dell'11 settembre un vespaio di terroristi, anzi paesi indagati di terrorismo come l'arabia (nazione nativa di Bin laden e tanti altri simpatiche canaglie) la palesina, la Gordania, l'egitto ecc...
Ma se tu vuoi fare una ripulisti perche colpisci il paese arabo che in assoluto aveveva meno nazionali coinvolti nella strage dell'11 settembre ???
Quello che non mi spiego a livello di logica è qusto ...
Se arrivono 10 terroristi e fanno saltare il colosseo e sono tutti cinesi egiapponesi e addestrati in sud corea perche dovrei attacare il nord corea ???
bomber is offline  
Vecchio 20-11-2006, 20.51.23   #12
S.B.
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-04-2006
Messaggi: 486
Riferimento: Le organizzazioni umanitarie nel mirino de "Il Foglio"

Citazione:
Originalmente inviato da bomber
Innnegabile che leaziende legate ai bush hanno guadagnato dalla guerra come nessun altra azienda americana ....
L'irak non era considerata per nulla prima dell'11 settembre un vespaio di terroristi, anzi paesi indagati di terrorismo come l'arabia (nazione nativa di Bin laden e tanti altri simpatiche canaglie) la palesina, la Gordania, l'egitto ecc...
Ma se tu vuoi fare una ripulisti perche colpisci il paese arabo che in assoluto aveveva meno nazionali coinvolti nella strage dell'11 settembre ???
Quello che non mi spiego a livello di logica è qusto ...
Se arrivono 10 terroristi e fanno saltare il colosseo e sono tutti cinesi egiapponesi e addestrati in sud corea perche dovrei attacare il nord corea ???

Col terrorismo non si può ragionare con la solita logica, è difficile da combattere, si nasconde dietro a stati e a civili, l'Iraq anche se magari non direttamente come Siria o Palestina aiutava e ospitava terroristi, praticamente ogni paese li ospita.

Scusa ma queste fantomatiche leggende delle aziende di Bush da dove vengono?va bene che Bush può sembrare un individuo amorale, ma fare una guerra per la propria azienda (come se gli servissero altri soldi) mi sembra una baggianata, senza offesa, anche perchè non è lui che decide tutto, ma Donald (ex) e Condoleeza partecipano attivamente alla cosa....

Poi sono il primo a dire che questa guerra è stata un errore, ogni guerra in generale è un errore anche se a volte necessaria purtroppo.
S.B. is offline  
Vecchio 20-11-2006, 20.58.14   #13
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
Riferimento: Le organizzazioni umanitarie nel mirino de "Il Foglio"

Qui la politica non c'entra. E' nota l'antipatia di Ferrara per Gino Strada, solo che cerca di mascherarla con qualche pseudo argomentazione politica la cui inconsistenza è fin troppo evidente. Non vedo infatti sulla base di cosa si possa sostenere che la posizione di Strada sia ambigua.
E' chiaro che per il tipo di professione che svolge, curare le vittime civili delle guerre, non possa che essere un "ultrà" della pace. La maggior parte delle persone che tifa allegramente per la guerra o la considera nell'ordine delle cose, una cosa naturale perfino giusta, non ha la minima idea di cosa significhi vivere sotto le bombe e nella paura, perché le guerre le vede in tv....lontano dagli occhi, lontano da cuore come si dice...
bside is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it