Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 28-10-2007, 23.05.01   #1
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Libero Arbitrio e Astrologia

A S T R O L O G I A -- E -- L I B E R O -- A R B I T R I O
di Alessandro D'Angelo

Poiché il I° Comandamento nella formula catechistica afferma: “Amerai il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio al di fuori di me”, la Chiesa lo commenta nel Nuovo Catechismo dove, particolarmente interessante è il paragrafo 2116 nel quale è messo in risalto l’antitesi fra “Astrologia” e “Dio Solo” .
Nel Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica, redatto nel 1992/93 e firmato da Papa Giovanni Paolo II; al paragrafo 2116 è riportato:
"Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che "Svelino l'avvenire". La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto al timore amante, che dobbiamo a Dio solo".
Dal testo del Catechismo Cattolico emerge che non bisogna studiare l’astrologia, né leggere o ascoltare i messaggi propinati dai media. Quanto vieta, sembra che lo manifesti senza considerare che i giornali o gli organi di propaganda, troppo spesso, riportano sintetiche sciocchezze ascientifiche. Pare che la Chiesa condanni tali scritti non perché superficiali o poco dotti, ma perché, secondo la stessa, l’Astrologia, allontana dall’Altissimo, mentre in alcuni ambienti ecclesiastici si sente ripetere che “studiando l’astrologia ci si mette al posto di Dio”.
Tale affermazione può apparire vacua o senza consistenza dal credente che si rende conto di come l’Altissimo è sempre stato al di sopra d’ogni realtà manifesta ed immanifesta; visibile ed invisibile, statica o dinamica come ci ricorda la Genesi (cap. 1 vv. 14-15 e16) quando Dio creò i Luminari e le stelle.
Forse è quasi strumentale attribuire all’Astrologia un valore analogo a quello dell’Altissimo. Questo dire, ha una funzione poco etica: far rimanere ignoranti le persone che seguono un certo testo sacro, ma che ugualmente, e sempre più spesso, scelgono di andare a raccontare tutti i fatti personali all’astrologo invece che al confessore. E’ risaputo infatti, che presso l’astrologo, vanno ad esporre i propri problemi, soprattutto le persone sfiduciate, a volte deboli ed insicure.
Quando il contenuto legislativo ecclesiastico, attraverso il Paragrafo 2116, proibisce alcune forme di sapere; esaspera gli amanti della conoscenza, blocca lo spirito indipendente dei curiosi pronti a sapere sempre di più, uccide le sane e forti intelligenze considerandole banali, la vita interiore del credente subisce un trauma, un disdegno ed una confusione che lo spinge alla fuga dalla Chiesa.
Gli alti prelati non vogliono ammettere che ci potrebbero essere nel XXI secolo uomini come Giordano Bruno, Tommaso Campanella, Galileo Galilei, Dante Alighieri, Leonardo da Vinci, e molti altri, (anche se sconosciuti ai più). Che anche oggi c’è chi studia e lavora in silenzio mantenendo attiva la luce della verità.
Se la Chiesa vuole proseguire a condannare l'Astrologia, non deve, come si recita nel paragrafo 2116, confonderla con le materie magiche o pseudo-magiche. Tale fatto non fa che discriminare questo studio rendendolo ingiustamente analogo a riti o pratiche tese all’evocazione dei morti o ad altre pratiche che a volte possono allontanare l’uomo dalla luce. La Chiesa dovrebbe invece scrivere un nuovo paragrafo dove si condanni, ma solo se fossero presenti i presupposti, quest’antichissima scienza.
L'Astrologia, al contrario d’altri studi, è vita Eterna, è Eterno Divenire statico dell’umano essere dinamico. E' una scienza pronta ad aiutare e migliorare l’uomo; quindi a conoscere se stesso e gli altri.
Quando il testo del Catechismo dichiara che fra le tante pratiche anche l’Astrologia possiede “una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste”, tale asserzione sbalordisce chiunque; anche un fervido credente.
""Tutti siamo sotto lo stesso cielo per vivere ciò che l’alto compie"".
Per quanto riguarda “il desiderio di rendersi propizie le "Potenze nascoste” si può asserire che sono molti coloro che credono di poter riuscire a fare ciò; magari usando particolari preghiere, incensi profumati, musiche, mantra o altro, ma spesso quest’insieme di folcloristiche realtà danno luogo, o sono create da un’illusione o sogno.
Bisogna studiare ogni campo dello scipite comprese le stelle ed ogni loro influenza e moto, ma bisogna contemporaneamente avere una visione positivistica e logica della realtà per avere la possibilità di rendersi conto della realtà che ci circonda sia a livello materiale che animico-spirituale.
Il breve, ma denso paragrafo, termina con la frase: “Tutte le forme di divinazione, sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto al timore amante, che dobbiamo a Dio solo.”
In altre parole il testo vorrebbe esprimere il suo dissenso anche verso l’Astrologia dichiarando che il suo studio è “in contraddizione con l’onore ed il rispetto che si deve a Dio solo”.
Direi invece che chiunque asserisce ed è convinto che lo studio dell’influenza della luna e delle stelle, sarebbe antitetico all’amore e al rispetto per Dio, non solo manifesta un sintomo di ignoranza, ma palesa una forma di malafede e pigrizia mentale legata anche a pregiudizi che dovrebbero essere cancellati dalla società di oggi.
Dare il giusto valore allo studio dell’Astrologia, cioè dell’Alto rapportato al microcosmo, avvicina l’uomo al Suo Eterno Divenire Storico ed Astorico conferendogli la possibilità di farlo vivere in “Eterna Armonia col Tutto”.
Dal paragrafo 2116 emerge che l’Astrologia non rispetterebbe Dio.
Ma è proprio vera una tale affermazione? La risposta non è molto semplice se si analizzano i testi biblici:
Il libro del Deuteronomio (Cap. 11, vv.26-28) recita: “Vedete, io pongo davanti a voi una Benedizione e una Maledizione: (v.26); … la Benedizione, se obbedirete ai comandi del Signore vostro Dio, che oggi vi dò (v.27);… la Maledizione, se non obbedite ai comandi del vostro Dio e se vi allontanate dalla via che oggi vi prescrivo, per seguire gli stranieri (i pagani) (v.28)”. Altre traduzioni riportano: “Dio lasciò l’uomo in balia del suo proprio volere …”.
Dunque, secondo il Sacro Testo biblico, l’uomo avrebbe la possibilità di scegliere fra il bene ed il male, mentre nella cultura astrologica, il libero arbitrio assume un modo d’ essere che può sembrare antitetico con quanto scritto nella Bibbia. Rimane il fatto che tutto proviene da Dio poiché Egli è il “Costruttore di ogni cosa”, anche delle stelle e dei pianeti come ci ricorda l’inizio della Genesi .
Dante Alighieri terminava la Divina Commedia col Canto XXX del Paradiso, con la frase: “l'amor che move il sole e l'altre stelle”. intendendo con ciò dire che chi sospinge l’intelletto e la volontà è l’Amore/(cuore) di Dio, quello stesso Dio che muove l’Universo Tutto: dalle stelle agli uomini. Ma solo quest’ultimi sono liberi?
Il ricorso all’astrologia nacque nell’uomo dall’eterna convinzione che gli indovini possedessero il segreto per conoscere il futuro si da stornare i colpi della cattiva sorte. Si credeva, infatti, che tutto ciò che accadeva nel mondo era già predestinato e che ogni avvenimento era scritto nel Libro del destino o meglio delle Stelle. A questo proposito ricordiamo l’arrivo dei Re Magi e di come solo attraverso lo studio dell’astrologia questi poterono giungere presso il Messia o il Nuovo Adamo, quindi venerarlo attraverso i simboli regali di oro, incenso e mirra. Interessante è Matteo nel cap.2, vv. 6/10. Il v. 7 recita: <<.Allora Erode chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella …>>Se i Magi non avessero conosciuto l’astrologia non avrebbero potuto seguire la stella cometa per giungere a venerare il “Nuovo Grande Profeta”.
La base dell’eterna lotta fra cristianesimo ed astrologia è collegata all’ignoranza. Infatti, in nessun passo biblico è riportato che è vietato studiare i segni o i simboli. Anzi, nel libro di Daniele, nel cap. 2 dal v. 2 al 15, è riportato un sogno del re “Nabucodonosor” (per un maggior approfondimento leggere i lunghi capitoli 4 e 5 del libro di Daniele) ed di come il profeta chiamò a se tutti gli astrologi di sua conoscenza per comprendere il reale significato del suo sogno.
Secondo la scienza dell’astrologia si credeva che un dio diverso controllasse ciascuna sezione dei cieli. Ogni movimento e fenomeno celeste, come il sorgere e il calare del sole, gli equinozi e i solstizi, le fasi lunari, le eclissi e le meteore, era attribuito agli dei. Perciò si osservavano i movimenti cosmici, si tracciavano grafici e si compilavano tabelle della loro ricorrenza, e su questa base venivano predetti avvenimenti terrestri e casi umani.
Per cui l’astrologia fu considerata una forma di sapere che poteva coesistere con la maggior parte delle religioni, ma non con la cristiana o l’ebraica poiché era considerata una “sopravvivenza” dei riti pagani. Tale scienza era vista dalla Chiesa come un “Astro-magia” o “Astro-latria” praticata in segreto, mentre i segni celesti come i tuoni, i fulmini, le eclissi o le comete, erano interpretati come collera divina.
I Tempi sono maturi per assegnare il giusto spazio ad ogni forma di conoscenza sia exoterica che esoterica.
La Conoscenza ed il Sapere sono “Grandi Doni” che ’Altissimo ci ha posti su un vassoio d’argento. Se noi non li accettiamo o li umiliamo, la Sua grazia e la Sua Luce si allontaneranno da noi.
Alessandro D'Angelo is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it