Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 07-01-2009, 21.02.09   #1
Socrate78
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-05-2007
Messaggi: 107
Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Spesso mi chiedo da grande appassionato della filosofia in che cosa consista la vera sapienza, quella con la S maiuscola, intesa come conoscenza che è veramente in grado di farci cresere umanamente e di dare significato alla nostra esistenza.Difficile dirlo, davvero tanto. Sì, perchè moltissime persone possono essere espertissime e competenti in un preciso settore della conoscenza, ma poi risultare assolutamente ignoranti e maldestre in altri ambiti ben più importanti ed essenziali della vita. In questo senso un analfabeta può benissimo essere infinitamente più "sapiente" (per senso morale e sensibilità umana ) di un uomo coltissimo ma totalmente privo di ricchezza morale e quindi incapace di dare un significato alla sua stessa esistenza.
D'altronde non vi è univocità nel definire l'idea di sapienza:se ci si muove in un'ottica religiosa essere sapienti significherebbe conoscere e penetrare i dogmi della fede, ma nessuno garantisce che questa sia la via di una conoscenza autentica, anche perchè purtroppo la fede religiosa può condurre a gravi forme di fanatismo e presunzione di possedere la Verità. Chi è presuntuoso non è mai un vero sapiente, ma è un saccente.
Secondo voi, in che cosa consiste la sapienza, o almeno, quale forma di conoscenza umana si avvicina di più a tale concetto?
Socrate78 is offline  
Vecchio 08-01-2009, 07.37.27   #2
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da Socrate78
Spesso mi chiedo da grande appassionato della filosofia in che cosa consista la vera sapienza, quella con la S maiuscola, intesa come conoscenza che è veramente in grado di farci cresere umanamente e di dare significato alla nostra esistenza.Difficile dirlo, davvero tanto. Sì, perchè moltissime persone possono essere espertissime e competenti in un preciso settore della conoscenza, ma poi risultare assolutamente ignoranti e maldestre in altri ambiti ben più importanti ed essenziali della vita. In questo senso un analfabeta può benissimo essere infinitamente più "sapiente" (per senso morale e sensibilità umana ) di un uomo coltissimo ma totalmente privo di ricchezza morale e quindi incapace di dare un significato alla sua stessa esistenza.
D'altronde non vi è univocità nel definire l'idea di sapienza:se ci si muove in un'ottica religiosa essere sapienti significherebbe conoscere e penetrare i dogmi della fede, ma nessuno garantisce che questa sia la via di una conoscenza autentica, anche perchè purtroppo la fede religiosa può condurre a gravi forme di fanatismo e presunzione di possedere la Verità. Chi è presuntuoso non è mai un vero sapiente, ma è un saccente.
Secondo voi, in che cosa consiste la sapienza, o almeno, quale forma di conoscenza umana si avvicina di più a tale concetto?

Carissimo Socrate, non vorrei peccare di saccenza, ma a mio avviso,dopo una analisi consapevole e riflessiva,deduco che;dato che il fine ultimo dell'essere umano è la felicità,la beatitudine,quindi colui che è in possesso del magggior volume di giuste norme atte ad avvicinare l'uomo a detto fine,io lo reputo il miglior sapiente. Dette norme sono attingibili dalla interpretazione ed analisi corretta della tradizione umana,reputando questa,a mio avviso la più accettabile e forse unica pietra di paragone, stando in lei il maggior volume di esperienza umana. Sono convinto però che detta giusta analisi sia difficile da comprendere ed attuare,essendo la mente delle persone componenti il mondo evoluto odierno, occupata per oltre il novanta per cento dai soli valori materiali,quindi questa disarmonia è e sarà sempre un enorme impedimento.
Ciò che ho detto è semplicemente una mia opinione.
Cordiali saluti espert37
espert37 is offline  
Vecchio 09-01-2009, 09.15.59   #3
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

La vera sapienza è integrale e sintetica.
Integrale perché non ha bisogno più di dividere in campi diversi ciò che "sa" e li unisce e li integra in un unico processo sintetico esperenziale non più concettuale,dialettico ,culturale, disquisitivo,speculativo...
La vera sapienza inoltre,non è più discriminabile dalla saggezza.


Ultima modifica di Noor : 09-01-2009 alle ore 11.53.46.
Noor is offline  
Vecchio 09-01-2009, 22.41.10   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da Socrate78
Spesso mi chiedo da grande appassionato della filosofia in che cosa consista la vera sapienza, quella con la S maiuscola, intesa come conoscenza che è veramente in grado di farci cresere umanamente e di dare significato alla nostra esistenza.Difficile dirlo, davvero tanto. Sì, perchè moltissime persone possono essere espertissime e competenti in un preciso settore della conoscenza, ma poi risultare assolutamente ignoranti e maldestre in altri ambiti ben più importanti ed essenziali della vita. In questo senso un analfabeta può benissimo essere infinitamente più "sapiente" (per senso morale e sensibilità umana ) di un uomo coltissimo ma totalmente privo di ricchezza morale e quindi incapace di dare un significato alla sua stessa esistenza.
D'altronde non vi è univocità nel definire l'idea di sapienza:se ci si muove in un'ottica religiosa essere sapienti significherebbe conoscere e penetrare i dogmi della fede, ma nessuno garantisce che questa sia la via di una conoscenza autentica, anche perchè purtroppo la fede religiosa può condurre a gravi forme di fanatismo e presunzione di possedere la Verità. Chi è presuntuoso non è mai un vero sapiente, ma è un saccente.
Secondo voi, in che cosa consiste la sapienza, o almeno, quale forma di conoscenza umana si avvicina di più a tale concetto?
Forse la vera Sapienza è conoscere il denominatore comune delle cose. Mi spiego:

Cosa fa dire che una determinata azione sia virtù, (virtuosa)?

Cosa fa dire che una determinata cosa abbia valore, (valore etico e morale non solo materiale)?

Secondo Socrate quella cosa è l’ousia cioè l’essenza

Secondo me conoscere l’ousia delle cose è la Sapienza.

VanLag is offline  
Vecchio 10-01-2009, 14.42.23   #5
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Credo che la vera sapienza sia quella che guida l’essere umano al suo fine e credo, in sintonia con Dostoevskij:
“colui che è felice compie il fine della esistenza"

Con Wittgenstein, però, mi posso chiedere:
“Come può in genere essere felice l’uomo quando non riesca a evitare la miseria di questo mondo?
Attraverso la vita della conoscenza.
La buona coscienza è la felicità assicurata dalla vita della conoscenza”


Ciao
Giorgiosan is offline  
Vecchio 11-01-2009, 04.29.32   #6
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Credo che la vera sapienza sia quella che guida l’essere umano al suo fine e credo, in sintonia con Dostoevskij:
“colui che è felice compie il fine della esistenza"

Con Wittgenstein, però, mi posso chiedere:
“Come può in genere essere felice l’uomo quando non riesca a evitare la miseria di questo mondo?
Attraverso la vita della conoscenza.
La buona coscienza è la felicità assicurata dalla vita della conoscenza”


Ciao

Carissimo Giorgiosan, è un grande peccato di presunzione, sperare di riuscire da soli ad evitare le miserie di questo mondo. Ci dobbiamo convincere che una sola goccia è poca cosa,ma tante gocce insieme formano un oceano. Per cui
cerchiamo di donarci la giusta felicità ascoltando anche la nostra COSCIENZA e non solo il nostro EGO, solo in questo modo, trasmettendo l'esempio, potremo contribuire con il tempo a rendere il grande oceano più dolce. La nostra pecca sta nell'agire e pretendere di goderne subito i risultati. Purtroppo dobbiamo convincerci che l'azione di migliorare il mondo è un investimento a lungo termine.
Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 12-01-2009, 08.53.54   #7
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37
Carissimo Giorgiosan, è un grande peccato di presunzione, sperare di riuscire da soli ad evitare le miserie di questo mondo. Ci dobbiamo convincere che una sola goccia è poca cosa,ma tante gocce insieme formano un oceano. Per cui
cerchiamo di donarci la giusta felicità ascoltando anche la nostra COSCIENZA e non solo il nostro EGO, solo in questo modo, trasmettendo l'esempio, potremo contribuire con il tempo a rendere il grande oceano più dolce. La nostra pecca sta nell'agire e pretendere di goderne subito i risultati. Purtroppo dobbiamo convincerci che l'azione di migliorare il mondo è un investimento a lungo termine.
Ciao espert37

Che in questo mondo ci siano le miserie (morali) sembra fuori discussione ed ognuno di noi molto probabilmente ha contribuito o contribuisce.
La coscienza collettiva, però, è una astrazione a meno che non si intenda che individuali coscienze sono in sintonia.

Esiste solo la coscienza personale cioè la coscienza delle singole persone.

Dalla miseria del mondo si esce quando la coscienza individuale supera la compromissione col male morale.

Nella mia esperienza: non c'è possibilità di alcuna crescita morale se non nella docilità allo Spirito, in questo senso non si supera la propria miseria da soli.

Quando parli di, ego, o fai riferimento a qualche teoria psicologica e allora devi specificare a quale, oppure ne dai una personale.

EGO o ego altrimenti non significano alcunchè per me.

Dubito molto che si possa trasmettere ad altri la felicità, nel quale pensiero mi supporta il Vangelo.

Chi ottenga la beatitudine la può ottenere solo simultaneamente ad una pratica eroica: povertà volontaria, perdono, amore dei nemici, sopportazione delle ingiustizie ed altre non facili condizioni.

La felicità dunque è vincolata ad un essere in un certo modo e l'"essere in un certo modo" non si può donare ad altri.
Ognuno deve compiere un cammino, deve diventare un essere in un certo modo, cammino che i cristiani sintetizzano con un simbolo: croce.
E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo

L'esempio è senz'altro il modo migliore di persuadere il nostro prossimo, purtroppo non solo per quanto riguarda il bene ma anche per il male.

Ciao

Ultima modifica di Giorgiosan : 12-01-2009 alle ore 11.34.20.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 12-01-2009, 23.04.10   #8
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Che in questo mondo ci siano le miserie (morali) sembra fuori discussione ed ognuno di noi molto probabilmente ha contribuito o contribuisce.
La coscienza collettiva, però, è una astrazione a meno che non si intenda che individuali coscienze sono in sintonia.

Esiste solo la coscienza personale cioè la coscienza delle singole persone.

Dalla miseria del mondo si esce quando la coscienza individuale supera la compromissione col male morale.

Nella mia esperienza: non c'è possibilità di alcuna crescita morale se non nella docilità allo Spirito, in questo senso non si supera la propria miseria da soli.

Quando parli di, ego, o fai riferimento a qualche teoria psicologica e allora devi specificare a quale, oppure ne dai una personale.

EGO o ego altrimenti non significano alcunchè per me.

Dubito molto che si possa trasmettere ad altri la felicità, nel quale pensiero mi supporta il Vangelo.

Chi ottenga la beatitudine la può ottenere solo simultaneamente ad una pratica eroica: povertà volontaria, perdono, amore dei nemici, sopportazione delle ingiustizie ed altre non facili condizioni.

La felicità dunque è vincolata ad un essere in un certo modo e l'"essere in un certo modo" non si può donare ad altri.
Ognuno deve compiere un cammino, deve diventare un essere in un certo modo, cammino che i cristiani sintetizzano con un simbolo: croce.
E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo

L'esempio è senz'altro il modo migliore di persuadere il nostro prossimo, purtroppo non solo per quanto riguarda il bene ma anche per il male.

Ciao


Carissimo giorgiosan, Condivido in linea di massima tutto ciò che mi dici, ma purtroppo l'ultima frase mi ha rovinato tutto il resto.
Ripeto quì ciò che già espressi in diversi miei interventi.( se ti va di conoscere un po meglio il mio pensiero ti invito a leggere nel mio blog,il mio pensiero,il cui indirizzo lo trovi in calce ad ogni mio tread).
L'essere umano ragionante può senza tanta difficoltà imparare innanzitutto a conoscere se stesso,dopodichè chiedersi il perchè vive e cosa desidera raggiungere, dopo che si è dato queste elementarissime risposte,cercare il giusto sentiero che lo conduca a ciò che cerca. Questo essere a mio avviso è la persona intelligente.Lo strumento per questa ricerca sta nella corretta interpretazione della tradizione che ci è giunta dall'evoluzione dell'umanità."non riesco a trovare una fonte migliore"Tutte le azioni di detto individuo saranno di esempio per il suo prossimo e questi se in possesso di normale dose di intelletto farà tutto il possibile per assecondarlo al fine di non fare danno a se stesso negandosi un maggior grado di felicità,essendo questa la meta da raggiungere,condivisa dall'umanità intera.
Ti spiego a grandi linee la ma posizione circa L'IO,L'Ego ed il SE': L'essere umano non è solo corpo matariale,ma è composto anche di spirito, la spiritualità è entrata a far perte dell'umano già dai suoi albori. L'Ego è la parte materiale,è ciò che noi concepiamo come corpo,L'IO è la parte spirituale,"Anima",il SE' è l'azione,l'agire promosso dall'intelletto.Qualora l'Ego attraverso la meditazione, da ascolto alla coscienza che è il tramite tra l'Ego e l'IO,tra la materia e la spiritualità,gli giunge automaticamente il desiderio di tralasciare i desideri materiali e voluttuari dellEgo che donano un grado ridotto e limitato di felicità,per adottare i consigli della coscienza giunti dallo spirito che sono quelli che inducono il SE' sul giusto sentiero verso la felicità. In questo SE' non ci sarà assolutamente male ma solo bene tanto contagioso.

Probabilmente quanto ho espresso ti farà ridere,ridi pure,ma sappi che io sono anni che adotto questo pensare e tanta felicità è in me ed intorno a me.
Ciao,spero di non averti annoiato. espert37
espert37 is offline  
Vecchio 13-01-2009, 16.37.20   #9
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da espert37
Carissimo giorgiosan, Condivido in linea di massima tutto ciò che mi dici, ma purtroppo l'ultima frase mi ha rovinato tutto il resto.
Ripeto quì ciò che già espressi in diversi miei interventi.( se ti va di conoscere un po meglio il mio pensiero ti invito a leggere nel mio blog,il mio pensiero,il cui indirizzo lo trovi in calce ad ogni mio tread).
L'essere umano ragionante può senza tanta difficoltà imparare innanzitutto a conoscere se stesso,dopodichè chiedersi il perchè vive e cosa desidera raggiungere, dopo che si è dato queste elementarissime risposte,cercare il giusto sentiero che lo conduca a ciò che cerca. Questo essere a mio avviso è la persona intelligente.Lo strumento per questa ricerca sta nella corretta interpretazione della tradizione che ci è giunta dall'evoluzione dell'umanità."non riesco a trovare una fonte migliore"Tutte le azioni di detto individuo saranno di esempio per il suo prossimo e questi se in possesso di normale dose di intelletto farà tutto il possibile per assecondarlo al fine di non fare danno a se stesso negandosi un maggior grado di felicità,essendo questa la meta da raggiungere,condivisa dall'umanità intera.
Ti spiego a grandi linee la ma posizione circa L'IO,L'Ego ed il SE': L'essere umano non è solo corpo matariale,ma è composto anche di spirito, la spiritualità è entrata a far perte dell'umano già dai suoi albori. L'Ego è la parte materiale,è ciò che noi concepiamo come corpo,L'IO è la parte spirituale,"Anima",il SE' è l'azione,l'agire promosso dall'intelletto.Qualora l'Ego attraverso la meditazione, da ascolto alla coscienza che è il tramite tra l'Ego e l'IO,tra la materia e la spiritualità,gli giunge automaticamente il desiderio di tralasciare i desideri materiali e voluttuari dellEgo che donano un grado ridotto e limitato di felicità,per adottare i consigli della coscienza giunti dallo spirito che sono quelli che inducono il SE' sul giusto sentiero verso la felicità. In questo SE' non ci sarà assolutamente male ma solo bene tanto contagioso.

Probabilmente quanto ho espresso ti farà ridere,ridi pure,ma sappi che io sono anni che adotto questo pensare e tanta felicità è in me ed intorno a me.
Ciao,spero di non averti annoiato. espert37

Sgomberiamo il campo dalla "noia" anche per eventuali post a venire.
Tu avresti comunque ogni diritto, per quanto mi riguarda, di annoiare.
Partecipare al forum è per me un piacere intelletuale ed umano in quanto è un incontro, sia pur virtuale, con altre persone.

Detto questo non ho capito perchè la mia ultima frase, la più ovvia, ti abbia rovinato tutto come dici.
[ L'ultima frase: L'esempio è senz'altro il modo migliore di persuadere il nostro prossimo, purtroppo non solo per quanto riguarda il bene ma anche per il male.]
Se vuoi me lo spiegherai.

Ho capito cosa intendi per Ego, IO, SE' e del loro dinamismo.

Credo di essere d'accordo, se con quel dinamismo vuoi implicare la necessità di una ascesi

Ciao
Giorgiosan is offline  
Vecchio 14-01-2009, 09.17.14   #10
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Secondo voi, in che cosa consiste la vera Sapienza?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Sgomberiamo il campo dalla "noia" anche per eventuali post a venire.
Tu avresti comunque ogni diritto, per quanto mi riguarda, di annoiare.
Partecipare al forum è per me un piacere intelletuale ed umano in quanto è un incontro, sia pur virtuale, con altre persone.

Detto questo non ho capito perchè la mia ultima frase, la più ovvia, ti abbia rovinato tutto come dici.
[ L'ultima frase: L'esempio è senz'altro il modo migliore di persuadere il nostro prossimo, purtroppo non solo per quanto riguarda il bene ma anche per il male.]
Se vuoi me lo spiegherai.

Ho capito cosa intendi per Ego, IO, SE' e del loro dinamismo.

Credo di essere d'accordo, se con quel dinamismo vuoi implicare la necessità di una ascesi

Ciao

Carissimo Giorgiosan, probabilmente la mia natura fondamentalmente ottimista mi ha fatto interpretare in modo errato quella tua ultima frase; la mia intenzione si basa principalmente su quelle persone che conoscendo se stesse e consapevoli della giusta strada da percorrere, possono trasmettere solo del bene,ma purtroppo come giustamente tu dici altre parsone ignoranti ma con spiccato carisma possono trasmettere il male,ma il mio ottimismo mi induce a sperare verso un aumento del bene,nella consapevolezza che come la luce ha vinto sulle tenebre,anche il bene ha vinto sul male, dimostrabile dalla chiara realtà che l'umanità è in continuo evolversi verso la chiara luce,verso la Verità.

Ciao e buona giornata. espert37
espert37 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it