Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-11-2009, 10.51.11   #11
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: Spiegare l'esistenza di Dio

Mi pare che l’argomentazione di Stavrogin si raccolga in questa affermazione: Dio è trascendente e come tale può essere riconosciuto solo per via di fede, che egli distingue dalla umana, troppo umana fiducia. Bene, io credo che c’è però qualcosa di umano che precede la fede o ne costituisce la base e la trama, cioè il bisogno, la tensione, la necessità di arrivare a ciò che supera i nostri limiti e i nostri mali, che va al di là della scienza e della filosofia, e che si può definire solo come “assoluto”. Infatti scienziati e filosofi sono esseri storici, ma la storia può essere interpretata nella sua infinita estensione come una ricerca dell’assoluto e quindi una ricerca di Dio. E se è difficile per un essere storico compiere questa ricerca, potrebbe essere proprio questa la dimostrazione che Dio esiste, e l’impossibilità di arrivare a lui diventare la sua eterna possibilità. Sta qui, cioè nel fatto che Dio, al di là della sua esistenza, è sempre possibile, la sua vera prova.
emmeci is offline  
Vecchio 12-11-2009, 12.08.34   #12
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Spiegare l'esistenza di Dio

Citazione:
Originalmente inviato da emmeci
credo che c’è però qualcosa di umano che precede la fede o ne costituisce la base e la trama, cioè il bisogno, la tensione, la necessità di arrivare a ciò che supera i nostri limiti e i nostri mali, che va al di là della scienza e della filosofia, e che si può definire solo come “assoluto”.
Puoi definirlo come vuoi..non è questo che conta..
ma questo bisogno,tensione,necessità che esprimi...sono già fede.
Fede,che non è il rito di andare la Domenica a Messa..ma constatare la limitatezza umana rispetto a quell'assoluto..
sinquando non si giunge per Grazia e non ragionamento,a constatare che si è da sempre quell'assoluto,un suo riflesso di luce...
per questo i mistici sono anche eretici..

Ultima modifica di Noor : 12-11-2009 alle ore 20.24.35.
Noor is offline  
Vecchio 12-11-2009, 16.58.22   #13
Nikolaj Stavrogin
Ospite abituale
 
L'avatar di Nikolaj Stavrogin
 
Data registrazione: 07-11-2009
Messaggi: 59
Riferimento: Spiegare l'esistenza di Dio

Citazione:
Originalmente inviato da emmeci
Mi pare che l’argomentazione di Stavrogin si raccolga in questa affermazione: Dio è trascendente e come tale può essere riconosciuto solo per via di fede, che egli distingue dalla umana, troppo umana fiducia. Bene, io credo che c’è però qualcosa di umano che precede la fede o ne costituisce la base e la trama, cioè il bisogno, la tensione, la necessità di arrivare a ciò che supera i nostri limiti e i nostri mali, che va al di là della scienza e della filosofia, e che si può definire solo come “assoluto”. Infatti scienziati e filosofi sono esseri storici, ma la storia può essere interpretata nella sua infinita estensione come una ricerca dell’assoluto e quindi una ricerca di Dio. E se è difficile per un essere storico compiere questa ricerca, potrebbe essere proprio questa la dimostrazione che Dio esiste, e l’impossibilità di arrivare a lui diventare la sua eterna possibilità. Sta qui, cioè nel fatto che Dio, al di là della sua esistenza, è sempre possibile, la sua vera prova.

Secondo te la storia ha un telos, cioè un fine, un vero ordinamento e sviluppo? E secondo te, data come premessa l'ordinamento verso un fine, la nostra cultura è migliore rispetto a quelle precedenti?

Io non credo in un ordinamento vero un "assoluto" (qualsiasi cosa voglia dire, e qualsiasi cosa tu intenda). Dovresti, per dare più credibilità alla tua argomentazione metafisica, portare qualche prova a favore. Non so, credo che una "tensione verso l'assoluto" sia presente in alcune scuole di pensiero, e in alcuni artisti particolari, come il romanticismo e il pittore Caspar Friedrich, ma per interpretare l'intera storia umana sotto un'unica ottica onnicomprensiva, il passo mi pare molto lungo...
Nikolaj Stavrogin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it