Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-09-2003, 09.12.58   #11
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Ciao Snake Eyes...hai ragione, ogni giorno è buono per prendere coscienza di sè..ma credo che certi impulsi vengano in parte naturalmente proprio come dici tu,come il bisogno di respirare...ci sono momenti nella vita in cui ci si sente di non appartenere a quello che stiamo vivendo e allora ci guardiamo dentro,ricerchiamo qualcosa in fondo a noi stessi eper capire cosa c'è che non quadra...è allora che inizia il cmabiamento,poi la parte del leone la fa la volontà,l'introspezione,ma credo che lo stimolo iniziale venga naturalmente...
A te credo sia successo così...o sbaglio?

Ti abbraccio anche io,
Rain
rain is offline  
Vecchio 12-09-2003, 10.01.12   #12
Snake-eyes
Ospite
 
L'avatar di Snake-eyes
 
Data registrazione: 07-09-2003
Messaggi: 15
Carissima rain,
si, credo sia accaduto proprio così...ho sempre sentito di non appartenere al mondo che mi circondava, di dare valore a sentimenti e principi diversi da chi mi stava attorno, ma l'inconsapevolezza e la paura mi portavano spesso a chiedermi se quella "sbagliata" ero io oppure tutti gli altri, e razionalmente mi rispondevo che non potevano essere tutti gli altri a "sbagliare".
Non potevo peccare di cotanta presunzione! Poi, un giorno, non so quando nè come, ho capito che poco importava chi avesse una visione sana e chi una distorta della realtà....io vedevo le cose a modo mio e volevo continuare a farlo perchè se mi fossi uniformata alle "regole" avrei avuto la netta sensazione di vivere non la mia vita, ma quella che qualcun altro aveva deciso per me. Ancora oggi, nonostante io ritenga di aver fatto la scelta giusta, i dubbi mi assalgono, perchè andare controcorrente crea conflitti esterni che devo aver la forza di compensare con una fermezza interiore non indifferente.

un abbraccio.
Snake-eyes is offline  
Vecchio 12-09-2003, 11.19.26   #13
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Cool

Già...ma i dubbi ancora assalgono...Forse è troppo controcorrente il modo in cui si va? Accettarsi come mosca bianca fra le mosche non vuol dire disprezzare il cielo... Il coraggio di vedersi solo davanti la corrente non vuol dire voler fare a botte con le onde impetuose, come potremmo? e a che servirebbe?
Sté-detonator is offline  
Vecchio 12-09-2003, 11.25.29   #14
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Ciao stè compaesano!!!!
Io credo che andare controcorrente sia giusto,come rimanere "nella corrente" lo sia altrettanto solo se rispettiamonoi stessi e quello che siamo.Poco importa se siamo "comui" o "diversi" o "originali" o banali...l'importante è capire cosa siamo e fare di tutto per andare in quella direzione...
Un bacio,
Rain
rain is offline  
Vecchio 12-09-2003, 11.53.46   #15
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Talking

Ciao compaesana (boia, ma sei Pisana o stai a La Rotta????). Non ti rispondo come al mio solito sennò poi mi diono che ciò il tono alto (lo devo moderà, ma io non vedo nessuna manovella nella mia gola) e quindi ok, va bene così!
due baci
Sté-detonator is offline  
Vecchio 12-09-2003, 11.55.08   #16
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Stè...compaesana nel senso di toscana...io sono di Prato..però sono in "trasferta" a Sondrio per cui sento compaesano strettissimo chi è di qualunque parte della Toscana...
Due baci anche a te!!
Ciao,
Rain
rain is offline  
Vecchio 14-09-2003, 00.49.21   #17
ceinwyn
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 1
Volete sapere cos'è l'amore???L'amore può essere tante cose lo si può vedere tra un figlio e una madre,tra parenti,tra un uomo e un cane.....ma la domanda a cui voglio rispondere non è cos'è quel tipo di amore....ma quell'altro tipo....quello folle e sconsiderato che possiamo provare per una persona(in genere di sesso diverso dal nostro..ma può accadere anche il contrario)Quell'amore senza freni..senza regole..senza leggi..che ci lega fisicamente e psicologicamente all'altro...quell'amore che se finisce..porterà nella polvere anche la nostra anima.
Cos'è allora questa forza cosi pazzamente debole?
Esso è una scalata del nostro cuore..una scalata su una montagna ripida e altissima,una scalata che per quanto il nostro compagno ci ami,dovremmo fare da soli..affrontando riski considerevoli,sopportando ferite e paura,una paura di perdere chi ci sta accanto che non può essere spiegata..tuttavia quando siamo arrivati in cima a questa montagna....nulla sarà piu' come prima,la vita avrà il suo senso,la felicità avrà la sua forma,in quel momento capisci che Dio esiste ed è attraverso l'amore che si sta manifestando....ma non è un nirvana di felicità.....da quella vetta non potrai piu' muoverti....perchè se ti muovi cadi e muori.
Questo è l'amore
ceinwyn is offline  
Vecchio 16-09-2003, 09.46.36   #18
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Citazione:
Messaggio originale inviato da Snake-eyes
Carissima rain,
si, credo sia accaduto proprio così...ho sempre sentito di non appartenere al mondo che mi circondava, di dare valore a sentimenti e principi diversi da chi mi stava attorno, ma l'inconsapevolezza e la paura mi portavano spesso a chiedermi se quella "sbagliata" ero io oppure tutti gli altri, e razionalmente mi rispondevo che non potevano essere tutti gli altri a "sbagliare".
Non potevo peccare di cotanta presunzione! Poi, un giorno, non so quando nè come, ho capito che poco importava chi avesse una visione sana e chi una distorta della realtà....io vedevo le cose a modo mio e volevo continuare a farlo perchè se mi fossi uniformata alle "regole" avrei avuto la netta sensazione di vivere non la mia vita, ma quella che qualcun altro aveva deciso per me. Ancora oggi, nonostante io ritenga di aver fatto la scelta giusta, i dubbi mi assalgono, perchè andare controcorrente crea conflitti esterni che devo aver la forza di compensare con una fermezza interiore non indifferente.

un abbraccio.

A.S.
scusate l'intrusione ... non ho resistito!!!


Ciao e ben venuta

hai detto una cosa .. una frase. Io credo che il punto, il nocciolo della convivenza quotidiana del rispetto reciproco di ogni capacità di condividere è questa ... " Poi, un giorno, non so quando nè come, ho capito che poco importava chi avesse una visione sana e chi una distorta della realtà...." .. posso continuarla se mi permetti ... coem fai a dire chi è e chi non è sano ... non importa perchè ciò che conta è esserre se stessi al di sopra di ogni impostazione mentale .. ed essere se stessi sempre implica il comprendere che lo sono anche gli altri .. oppure che non lo sono e che rispondono a degli schemi imposti dalla loro sopravvivenza. E' un lavoro difficile. Si chiama accettazioni prima di noi stessi .. e vien da sola l'accettazione degli altri!! Non importa più poi quanto e come gli altri ci possano giudicare o cosa si aspettino da noi ... Noi siamo in pace, tutto il resto è contorno!!!

Se hai fatto davvero tua questa frase ... sei grande!!!

kri is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it