Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-10-2003, 21.29.09   #1
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
nel tempio

Nel tempio si trovano a pregare due zingari: uno dice:
ma perchè siamo qua?
Per pregare il buon dio, dice l'altro.
Ma chi ti ha detto che dio esiste? dice il primo.
Me l'ha detto il prete, dice l'altro.
E se il prete sbagliasse, dice il primo.
Lascia stare, replica ancora l'altro, se a noi piace stare qui, siamo poveri zingari senza casa, non facciamo del male a nessuno.
Se il prete ha ragione, avremo una ricompensa, se non è vero...pazienza, questo tempio, te lo dico sinceramente, sai, mi fa sentir bene.
Il primo dice: ma sai che mi hai convinto.

E se i due zingari non fossero entrati mai in quel tempio?
Però ci sono entrati, e questa è la verità.
Kninos is offline  
Vecchio 08-10-2003, 20.08.08   #2
NowHere
Ospite
 
L'avatar di NowHere
 
Data registrazione: 07-10-2003
Messaggi: 5
Molto bella questa storia.

Leggi questa, è di un anonimo della Tradizione islamica:

Da bambino Ytzhak Mèir fu portato una volta da sua madre dal Maggid di Kosnitz.
Qualcuno si prese gioco di lui, dicendogli: "Mio piccolo Ytzhak, ti do’ un fiorino se mi dici dove abita Dio."
"E io - rispose il bambino - te ne do due, se mi dici dove non abita."
NowHere is offline  
Vecchio 09-10-2003, 10.31.58   #3
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
nel tempio
Nel tempio si trovano a pregare due zingari: uno dice:
ma perchè siamo qua?
Per pregare il buon dio, dice l'altro.
Ma chi ti ha detto che dio esiste? dice il primo.
Me l'ha detto il prete, dice l'altro.
E se il prete sbagliasse, dice il primo.
Lascia stare, replica ancora l'altro, se a noi piace stare qui, siamo poveri zingari senza casa, non facciamo del male a nessuno.
Se il prete ha ragione, avremo una ricompensa, se non è vero...pazienza, questo tempio, te lo dico sinceramente, sai, mi fa sentir bene.
Il primo dice: ma sai che mi hai convinto.

E se i due zingari non fossero entrati mai in quel tempio?
Però ci sono entrati, e questa è la verità.

Io ne conosco un'altra, anzi ne invento un'altra.
Un giorno un signore timorato di Dio, che aveva fino a quel momento condotto un'esistenza proba e scevra dalle intemperanze che la vita spesso stimola, nel riflettere su sé stesso si rese conto che non era felice. Eppure aveva sempre camminato vicino al suo Dio, per mantenersi casto e non cadere preda delle passioni terrene, aveva anche rinunciato a sposarsi e conduceva una vita ritirata; come mai allora questa insoddisfazione, questa inquietudine?
Solo in punto di morte si rese conto quanto la sua esistenza fosse stata sterile e inutile, lontana dagli uomini e dalla vita, priva di emozioni e di un rapporto reale con i propri simili e si lagnò della solitudine che lo avvolgeva e della mancanza di rapporti umani che aveva da sempre contraddistinto la propria esistenza. Comprese l'abominio da lui compiuto: aver rifiutato di vivere secondo natura umana, e non aver compreso per tempo che l'unico vero Dio è l'insieme dell'umanità e delle relazioni che si possono intessere per vivere con empatia e socialità l'unica esistenza che ci è dato di vivere.
Morì piangendo!

Bando alla fantasia e vediamo cosa può significare l'aneddoto raccontatoci da Kninos.
Mi pare che emergano due diversi livelli di verità: l'una relativa ai due soggetti, che potrebbe anche differire da quella effettiva (l'esistenza di Dio), argomento di cui abbiamo discusso a profusione in altra occasione, per cui evito di addentrarmi in noiose ripetizioni. Emerge anche un altro elemento, che forse inerisce più che altro alla psicologia piuttosto che alla spiritualità o filosofia. L'uomo è portato, per sua natura, ad effettuare continui 'adattamenti' nel suo continuo relazionarsi con le 'cose'. Tant'è che i due protagonisti della novellina decidono di non indagare oltre in merito alla possibilità che Dio esista o meno; scelgono, piuttosto, di adeguarsi alla condizione più vantaggiosa, in poche parole, dopo una frettolosa e breve analisi dei pro e dei contro, operano una scelta utilitaristica senza curarsi della possibilità che la loro azione, quella di pregare, potesse essere priva di significato. La loro unica verità, in quel momento, non era tanto l'esistenza di Dio, quanto invece la mancanza di un tetto sotto il quale trovare rifugio (forse fuori pioveva) e il loro atto è semplicemente un'apertura di credito in bianco nei confronti di un terzo, insomma una delega ed un transfert effettuato scientemente nei confronti del prete… pare un po’ la storia dell'ipocrisia cattolica… non vi pare?
Se i due zingari non fossero entrati in chiesa, forse mancherebbe l'occasione e lo spunto per la loro riflessione, ma le cose, suppongo non dovrebbero mutare troppo, infatti non è il loro ingresso nel tempio che determina la riflessione, al più la induce e stimola, penso che l'unica ragione e motivo della riflessione sia semplicemente la confidenza del prete ad uno dei due protagonisti… la riflessione si sarebbe imposta comunque… l'ambientazione penso rappresenti solo un pretesto. Ne deriva che l'unica verità che emerge da questo aneddoto è che i due zingari sono entrati nel tempio.



Citazione:
Molto bella questa storia.

Leggi questa, è di un anonimo della Tradizione islamica:

Da bambino Ytzhak Mèir fu portato una volta da sua madre dal Maggid di Kosnitz.
Qualcuno si prese gioco di lui, dicendogli: "Mio piccolo Ytzhak, ti do’ un fiorino se mi dici dove abita Dio."
"E io - rispose il bambino - te ne do due, se mi dici dove non abita."

Di diversa natura è la morale che traggo dalla lettura del secondo aneddoto. Mi pare di poter intuire che alcuno dei due protagonisti sia in condizione di affermare con certezza l'esistenza o meno di Dio. Entrambi ignorano, infatti, dove possa essere la casa di Dio, tanto che se ne affermi l'esistenza, quanto che se ne dichiari l'inesistenza. E', quindi, un prevalere della fede (positiva o negativa) rispetto alla conoscenza, è un voler affermare, attraverso contrapposte tesi, che in assenza di risposte chiare e perfette, ci si deve affidare appunto alla propria fede interiore.


Ciao
visechi is offline  
Vecchio 09-10-2003, 10.38.56   #4
basil
Ospite abituale
 
L'avatar di basil
 
Data registrazione: 16-08-2003
Messaggi: 242
Citazione:
Messaggio originale inviato da NowHere
Leggi questa, è di un anonimo della Tradizione islamica:

Da bambino Ytzhak Mèir fu portato una volta da sua madre dal Maggid di Kosnitz.
Qualcuno si prese gioco di lui, dicendogli: "Mio piccolo Ytzhak, ti do’ un fiorino se mi dici dove abita Dio."
"E io - rispose il bambino - te ne do due, se mi dici dove non abita."

fa parte del repertorio chassidico: tradizione mistica ebraica, non islamica. Ma è bella lo stesso.

b.
basil is offline  
Vecchio 09-10-2003, 14.18.47   #5
valentin
Ospite
 
Data registrazione: 08-10-2003
Messaggi: 9
Talking

Bella storia...
credo che bisogna cercare d'aver sempre il bene di prendere il buono che c'è nelle cose...anche perchè..ahimè..non esiste una cosa in cui il buono e il cattivo non siano mescolati..
ciauuuuu
valentin is offline  
Vecchio 09-10-2003, 23.31.24   #6
Antonio Franco
Ospite abituale
 
L'avatar di Antonio Franco
 
Data registrazione: 23-04-2003
Messaggi: 150
viseeeeeeeeeeeeeee!!!!

Sono ancora una volta d'accordo con te, e tendenzialmente in contrasto con Kninuccio (tendenzialmente perché si è solo limitato a riportare una storia, ma io sento che lui la reputa una storia bella e interessante, dalla quale dovremmo apprendere qualcosa)

La prima storia è pura dialettica, retorica, demagogia.

La seconda è onesta ma parte dai presupposti della prima

(Signori, sto leggendo la Bibbia: è uno spasso: mi scompiscio dalle risate:

Eva mente e il serpente no, Abramo è un puttaniere e Jahvè ha i complessi di inferiorità. Ma l'apoteosi è la torre di Babele. E sto leggendo le edizioni paoline, mica bubbole: nell' introduzione tra l'altro ho trovato una vera chicca: "il fumo razionalistico accieca". Ma si può? )
Antonio Franco is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it