Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 29-01-2004, 14.13.49   #1
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Previsione sul comportamento Morale!

...argomento che da sempre ha affascinato filosofi, la Morale è considerata l'insieme degli atteggiamenti da adottare con guiudizio tra i due termini bene e mle...

...considerando la maggior parte delle religioni e delle filosofie di vita, viene fuori che l'uomo deve far di tutto per l'uguaglianza e la salvaguardia dei suoi simili...

...ipotizzanzo un modo in cui regna una morale incontrastata, secondo voi quali sarebbero le conseguenze rispetto al problema demografico?...e quali le conseguenze dell'ambiente idoneo alla sopravvivenza dell'uomo?...
Marco_532 is offline  
Vecchio 29-01-2004, 23.53.16   #2
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Non hai specificato se nell'ipotesi tieni presente la morale comune, che cammina a braccetto con bigottismo e ipocrisia, o se ti riferisci alla Morale ideale e praticamente utopistica, se parli della prima bisognerebbe sbrigarsi a colonizzare Marte, se parli della seconda si potrebbe tornare ad un livello demografico accettabile.
Ciao Marco
Uno is offline  
Vecchio 30-01-2004, 00.18.08   #3
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
....non ho ben chiari i concetti di morale da te utilizzati oppure, anche se espressi male, hai invertito i termini?...
Marco_532 is offline  
Vecchio 30-01-2004, 00.30.44   #4
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Ci provo,
Per morale comune intendo quella legata ai tempi oggi questo è sbagliato tra dieci anni è giusto, alle comunità, che siano paesi, nazioni, religioni o altro, in pratica quella moralità per cui se non vai a messa sei un degenerato, se non fai figli o sei sterile o sei degenerato perchè i figli bisogna farli per forza, se segui certe regole sociali sei o matto o fuori dalla grazia di Dio, questi sono solo esempi.
Per morale ideale praticamente utopistica intendo quella in cui ogni individuo dovrebbe agire secondo giustizia, coscienza etc senza essere minimamente influenzato da qualsiasi credo, partito o gruppo.
Da qui rivedi l'attinenza al tema che tu hai proposto.
Ciao
Uno is offline  
Vecchio 30-01-2004, 00.54.47   #5
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Si, ma se ci pensi, la morale sociale, quella che tu definisci utopistica, è meta ambita da tutti e non è necessario che ogni individuo agisìca secondo la stessa, ma basta che lo Stato per portare alle conseguenze che hai accennato...sembrerebbe che la globalizzazione morale porterà all'esubero di esseri umani, che alla fine in qualche modo moriranno - non solo per scarsità di risorse o altre cause naturali...risistemando il normale equilibrio - se ancora sarà possibile - tra gli umani e la terra con il resto delle sue creature...

...il problema secondo me è che l'uomo ha voluto da sempre dominare quello che poteva metterlo in pericolo, quella parte della natura che senza il suo intervento avrebbe fatto un'altra strada...si potrebbe dire che non c'è stata possibilità di scelta, forse si potrà tornare in dietro, ma alla fine l'uomo rimarrà sempre un animale capace di autodistruggersi, a meno che non entri in gioco un'evoluzione genetica, più o meno indotta...

Che ne dici?

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 30-01-2004, 09.54.23   #6
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Alt!!
Marco torrna un momento indietro!!
O come al solito mi sono spiegato male io, o hai capito male tu, booh...
La "mia" morale ideale, utopistica non è quella sociale, almeno attualmente e ho buoni motivi di credere che o non coinciderà mai o ci vorrà moltissimo tempo.
Anche che la morale ideale sia meta ambita da tutti solleva i miei dubbi, bisognorebbe poter dare una bella ripulita alle personalità della gente.....
La mia speranza è la grande capacità e potenza della Natura che fino a dei livelli molto alti riuscirà a compensare in qualche maniera gli obbrobri umani, certo che se invece che metterla sempre di più alla prova gli dessimo una mano...
Ciao Marco
Uno is offline  
Vecchio 30-01-2004, 13.41.03   #7
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...la Natura ha sempre fatto il suo cilclo...l'essere umano è l'unica sua creatura che tenta in ogni modo di poter controllare il destino della stessa specie...guarda per esempio gli esperimenti sull'ibernazione, la genetica ecc...l'uomo non accetta l'eventualità che un giorno dovrà scomparire dalla faccia della terra...in realtà se l'uomo si lasciasse vivere senza tentare di prendere in mano le redini di un "animale" inammaestrabile come la Natura, probabilmente la naturale l'evoluzione genetica avrebbe un ciclo diverso dall'attuale e si potrebbe credere nell'eventualità che l'essere umano oggi conoscuto si tramuterà in una sorta di omo novo o scomparirà del tutto...nonostante ciò, considerando che l'uomo per sua natura non avrebbe potuto agire diversamente, il suo destino prevedibile è quello di autodistruggersi distruggendo il suo abitat naturale...
...ora, se quanto ipotizzato corrisponde al vero, esiste l'eventualità in cui l'uomo, con questa consapevolezza, agisca diversamente modificando il suo destino prevedibile in questo momento...la soluzione da adottare ancora non è facilmente reperibile...l'unica fino ad oggi argomentata da studiosi antropologi, è quella di un ipotetico ritorno al passato...ma questo secondo il loro parere ed anche il mio, non è possibile...la soluzione studiata risulta quindi inapplicabile...eppure è impossibile rassegnarsi a questo problema...non è detto che l'evoluzione genetica indotta, non possa essere di aiuto alla risoluzione di questo problema, ma rimane sempre il fatto che se la genetica naturale non trasforma in qualche modo l'essere umano, questi non potrà che continuare per la sua strada, con i desideri odierni...

P.S. Ti lascio con una frase di un professore di storia del pensiero europeo di Londra, con la quale conclude il libro "Cani di paglia" (pensieri sull'uomo e gli altri animali) : Gli altri animali non hanno bisogno di uno scopo nella vita. L'animale uomo, che è contraddittorio verso se stesso, non può farne a meno. Ma non riusciamo davvero a pensare che lo scopo della vita sia semplicemente vedere?

Che ne pensi?

Ciao, Marco.

Ultima modifica di Marco_532 : 30-01-2004 alle ore 13.47.44.
Marco_532 is offline  
Vecchio 30-01-2004, 14.41.38   #8
Lord Enrico
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-01-2004
Messaggi: 79
"Ma non riusciamo davvero a pensare che lo scopo della vita sia semplicemente vedere?"

No, l'uomo comune della societa moderna non lo capisce.
Le nuove generazioni non si porranno nemmeno piu' questa domanda, visto che la cultura sta prendendo una strada sbagliata.

L'uomo sta perdendo il senso della ragione.


Lord Enrico is offline  
Vecchio 30-01-2004, 16.28.25   #9
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
"Ma non riusciamo davvero a pensare che lo scopo della vita sia semplicemente vedere?"

No io credo che lo scopo della vita sia vivere

"non è detto che l'evoluzione genetica indotta, non possa essere di aiuto alla risoluzione di questo problema, ma rimane sempre il fatto che se la genetica naturale non trasforma in qualche modo l'essere umano,"

Io non credo nello scienziato con mania di onnipotenza, non credo nelle multinazionali, che se una cosa ha un grande ritorno economico (es pillola anticoncezionale) gli basta sperimentarla 6 mesi, altrimente la si prende in considerazione solo dopo aver trovato il modo di sfruttarla. E purtroppo la maggiore parte della ricerca genetica è portata avanti da loro.
Io ho fiducia nella trasformazione genetica naturale esesmpio ho letto che i giovani americani stanno iniziando a trsformare i processi digestivi per poter affrontare le montagne di spazzatura che ingurgitano (MacDonald & company)
Comunque per me l'uomo si sta già trasformando in un "omo novo" solo che nell'arco di una vita umana non facile vederne i cambiamenti.


Uno is offline  
Vecchio 30-01-2004, 16.46.47   #10
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...non c'è dubbio che quanto dici sia vero, ma il fatto che vivere significa vedere, è molto più esplicito del concetto assai relativo di vivere=vivere...vuole esprimere un concetto contro le auto-illusioni che inducono l'uomo a crededere che vivere sia - per esempio - ricerca del divertimento...

...speriamo che la natura faccia faccia il suo corso prima che l'uomo si autodistruggerà invece di essere distrutto (o radicalmente modificato in tempi molto più lunghi) in maniera meno sofferente dalla natura stessa...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it