Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 30-05-2004, 00.44.17   #1
nessuno
Ospite
 
Data registrazione: 03-02-2003
Messaggi: 9
Bene, Male, Separabili ?

Può esistere il BENE senza il MALE ?
Una domanda come questa presuppone che, sia il bene che il male siano già di per sè identificati, separati e classificati.
Ma come al solito noi usiamo una scala di valori che è nostra,
legata alla nostra epoca, alla nostra condizione e educazione.


Vi confesso una cosa: il male (quello cattivone e classico) fa paura anche a me, nn è quello il punto.

Ho il dubbio che in definitiva nn esista una contrapposizione reale
tra queste forze necessarie, o almeno non come tra due schieramenti in campagna elettorale.
Il male quello classico ha molte "virtù" a pensarci bene , prima fra tutte crea adesioni , unioni nella lotta contro di lui.
E' un ottimo collante per le masse.
Poi elimina ogni fraintendimento ogni mezza misura e traccia un solco oltre il quale nn si può andare, pena l'essere dei malvagi.
Il male serve al bene per distinguersi dall' altro per elevarsi a essere superiore.
Tutto sommato offre un alibi a chi stà dalla parte del "bene"
e gli alibi si sà possono sempre servire.
nessuno is offline  
Vecchio 30-05-2004, 12.03.56   #2
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
... non eiste Bene e non esiste il Male ... non esiste il Giusto e non esiste il non-Giusto ... sono solo idee generate dall'istinto di conservazione del singolo che cerca di pre-difendersi dai suoi simili ...

... per quanto riguarda la separazione : il Bene/Giusto è tutto ciò che non nuoce e il Male/Non-Giusto il contrario ... entrambi da distinguare nel contesto del singolo e nel contesto della comunità ...
Marco_532 is offline  
Vecchio 31-05-2004, 03.02.31   #3
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Non mi ricordo piu' dove ho appreso questa storia che cerchero' di raccontarvi in brevi linee: Un indigeno nella giungla....appaie una tigre dando chiari segnali di volersi mangiare l'indigeno....ma in quel momento arriva un cacciatore e uccide la tigre. Ormai morta, la pelle della tigre finisce in una boutique esclusiva di New York in forma di pelliccia, che viene aquistata dal presidente degli Stati Uniti per fare un regalo alla sua amante. Purtroppo (per il presidente) i media vengono a conoscenza della relazione extraconiugale suscitando scandalo. Allora per riscattare l'opinione pubblica il presidente incomincia una guerra contro dei "banditi" nella quale vanno a morire molte persone. Racconto un po fantasioso ma il concetto e' questo. Cos'e' il bene, cos'e' il male? Ciao

Ultima modifica di neman1 : 31-05-2004 alle ore 03.19.57.
neman1 is offline  
Vecchio 02-06-2004, 17.08.35   #4
nessuno
Ospite
 
Data registrazione: 03-02-2003
Messaggi: 9
Grazie per aver cercato una risposta sensata alla mia domanda.
Credo di essere d' accordo con ogni eventuale definizione anche perchè una nn esculde l 'altra, anzi la completa.
E credo che proprio nelle 'riflessioni' in genere sia sembra bene aggiungere piuttosto che tagliare.
In effetti il senso della mia domanda era proprio quello che possiamo trarre dal racconto di neman1.
In definitiva la nostra percezione di 'giusto' o 'ingiusto' difficilmente può valutare con precisione cause ed effetti che ogni
azione (o non azione) andrà a determinare nel tempo.

Arrivato a questo punto forse quello che posso dire di apprezzare (o almeno in parte) come principio la buona fede e l'ingenuità assoluta come terra di nessuno (appunto la mia) e per ciò al di sopra di ogni speculazione.

Un elogio alla follia per dirla come Erasmo da Rotterdam
Ciao Enrico.
nessuno is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it