Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 01-05-2004, 19.47.26   #1
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
solo catene causali... o forse no...

ad un'analisi spassionata sembrerebbe relamente che il mondo non sia altro che il prodotto di un incrociarsi di catene causali di eventi, il convergere di serie di processi in disparati nodi che a loro volta si diramano, così come palle da biliardo che si urtano a vicenda senza sosta, così come una rete sempre in movimento, così come una gabbia.

sì, perchè qual'è il mio ruolo, se non quello di organismo mosso dalle circostanze? i miei pensieri sono il prodotto delle esperienze vissute ed elaborate secondo le mie caratteristiche genetiche, il mio cervello non l'ho formato io assecondando i miei desideri, le vie nervose che percorre sono prestabilite e non da me, e sono percorse da memorie e vissuti determinati da ciò che ho vissuto per come l'ho vissuto, modi che non ho scelto io. Io è una parola molto vuota. Libero arbitrio è molto insensata. sono solo una tessera di domino che cade.

proviamo a tirarci sù il morale, o a seppellirci, che ne dite?
r.rubin is offline  
Vecchio 01-05-2004, 19.53.00   #2
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile il mio incubo

a parte il mistero
degli specchi contrapposti
è rappresentato proprio
dalle tessere del domino
disposte a cerchio
che però (non so come o perchè)
continuano a franare
una addosso all'altra
all'infinito -non si arriva mai all'ultima-
non è terribile poterlo immaginare ?
e le tessere poi
tutte nere sul dorso
portano coppie di numeri differenti
stampate sulla pancia
-casualità di uomini ?
codici e nomi ?
tutte diverse e tutte uguali
tutte insignificanti pedine
di un domino-effect
senza capo né coda

...brrrrrrrrr
w.

- il tavolo dove si svolge il gioco è :
l'Universo Intero .
dawoR(k) is offline  
Vecchio 02-05-2004, 07.33.49   #3
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Condivido pienamente il ' ..brrrrrrrrrrr ' !
Qualsiasi accidente di cosa (o di essere) che ci circonda ha un senso pressoché insostituibile e assolutamente ben 'definito' ..di molti esseri e cose conosciamo il loro insostituibile scopo, indissolubilmente legato alla vita/al mondo circostante..
Anche a me capita a volte ( spesso, nei periodi 'neri' ) di pormi la medesima domanda/sfiducia e.. BRRRRRRR Rabbrividisco!
Poi cosciente del 'periodo-nero' mi guardo attorno, mi sforzo di osservare al di là del velo nero o rosa e..
Non può essere possibile che al di sotto di 'trame' così ben 'ordinate' proprio la PIU' importante sia caotica..
Dico.. Trovo 'ordinate' quelle che conosco ..e 'caotico' ciò a cui non so dare (ancora) un Senso
..Respiro profondamente e -come uno scienziato- decido di non 'fermarmi', di non credere che non vi sia un senso solo perché la trama mi è ancora tutta ingarbugliata..

Penso che soffrire sia contro natura,
la sofferenza come malattia,
come 'mancanza' di qualcosa,
come 'negazione'(di qualcosa),
non come 'entità' vera e propria.
Il pensare alle nostre vite,
ai nostri mondi,
come maledetto 'frullatore'
senza che nessuno aspiri Divinamente
al Distillato Succo,
non mi fa semplicemente Soffrire
mi Annienta Totalmente.
Io divento la Sofferenza Pura,
la Negazione Pura !
Ma se Noi Siamo la Negazione Pura (della Trama )
-PER FORZA di logica- la Trama deve Esistere;
se per Negazione -come dato di fatto,
e Sofferenza -come animicità(/sentimento)
intediamo 'Mancanza di' !
Isomma, per esserci 'mancanza di' deve esserci l'<oggetto> di tale mancanza !!

Accidenti.. non è semplice spiegare il mio pensiero che è fatto di logica e sentimento-intuitivo ..!
Boh, spero di esserci riuscita almeno un pochettino...

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 02-05-2004, 09.15.52   #4
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Re: solo catene causali... o forse no...

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
ad un'analisi spassionata sembrerebbe relamente che il mondo non sia altro che il prodotto di un incrociarsi di catene causali di eventi, il convergere di serie di processi in disparati nodi che a loro volta si diramano, così come palle da biliardo che si urtano a vicenda senza sosta, così come una rete sempre in movimento, così come una gabbia.

sì, perchè qual'è il mio ruolo, se non quello di organismo mosso dalle circostanze? i miei pensieri sono il prodotto delle esperienze vissute ed elaborate secondo le mie caratteristiche genetiche, il mio cervello non l'ho formato io assecondando i miei desideri, le vie nervose che percorre sono prestabilite e non da me, e sono percorse da memorie e vissuti determinati da ciò che ho vissuto per come l'ho vissuto, modi che non ho scelto io. Io è una parola molto vuota. Libero arbitrio è molto insensata. sono solo una tessera di domino che cade.

proviamo a tirarci sù il morale, o a seppellirci, che ne dite?

L'analisi lucida che fai, a mio parere, é vicina al vero.
Soltanto che sei ancora identificato con il film, nel fenomeno di causa effetto, e non con la Coscienza impersonale che osserva neutralmente tutto ciò che E' e che non é mai coinvolta, ma é solo Pura Osservazione.
Il senso di trovare il SE' é tutto quì.
Una differenza fra la filosofia e la spiritualità é anche questa: il soggetto (Io illusorio) che é effetto fenomenico vuole scoprire la causa (speculazione filosofica), mentre nel ricerca spirituale si dovrebbe ritrovare Il SE' (la Coscienza Impersonale) che autorivelandosi nel Risveglio si riconosce come causa e, quindi, non si ricerca più negli effetti e "liberata" trascende le domande.
Il libero arbitrio é un concetto creato dall'Ego e non esiste, proprio come l'ego stesso che svanisce nella "realizzazione" del SE', pur rimanendo un finto protagonista (ormai osservato dalla Consapevolezza) di un gioco di ruolo nella rappresentazione della scena mondana (maya).
Tirati sù il morale che é meglio e vivi la vita come un grandissimo gioco con infinite possibilità (meravigliose e terribili) che non potrai mai conoscere dal punto di visto personale. Cerca di seppellire (neutralizzare) solo quell'Io che continuamente t'illude.
Goditi l'esistenza così com'E'! Lascia che sia.
Mirror is offline  
Vecchio 02-05-2004, 09.19.25   #5
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile

"non è semplice spiegare il mio pensiero che è fatto di logica e sentimento-intuitivo"

oh,invece io lo seguo,lo seguo
perchè è tra tutti i pensieri
la cosa più rara
un'anima che si apre
il discorso che finalmente
può slegarsi
senza per questo
divenire "follia"
adoro inciampare e rialzarmi
partecipare
ad ogni tentativo di fuga
superare la pulsione
del voler tappare la luce
che vorrebbe uscire e volarsene via
io leggo e rileggo
ogni tua parola
e la sento mia
e sento che c'è
un'anima comune e strana
che nessuno riuscirà mai a spiegare
a proteggere gli spiriti liberi come noi
sotto le sue forti ali
e...
potrei parlare ancora ed ancora
e lo farò,ma adesso
vado a farmi una cavalcata
sul dorso delle tue parole

wahankh .
dawoR(k) is offline  
Vecchio 02-05-2004, 11.45.19   #6
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
...

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 02-05-2004, 13.47.21   #7
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile wow ! che corsa ...

Alééééooooooooo....
"mancanza di"
piccola creatura misteriosa
confusa in una folla
di piccole creature misteriose
"mancanza di"
sembri dire e scorri
come una corrente di luce
che taglia il fondo dell'oceano
negandone l'essere buia profondità
"mancanza di"
sei un cavallo veloce
di orecchie nel branco
e nella polvere
gesti scomposti da parte mia
in pulviscoli d'indifferenza
che s'innalzano al cielo
senza riuscire a trovarlo

Vai cavallo alééééooooooo...
corri veloce
portami ad attraversare i suoni
di ciò che sembra reale
ed invece è solo un'ombra
con vita propria e radicale

Più veloce,galloppa,frullami
che tutto frulla
ed io aspiro divinamente
al distillato Succo
negando assolutamente
ogni assolutezza
ed in questo
mancando
di
*?*

wahankh

della serie - Vale Tutto.
dawoR(k) is offline  
Vecchio 02-05-2004, 23.17.19   #8
Knacker
Epicurus' very son
 
L'avatar di Knacker
 
Data registrazione: 26-12-2003
Messaggi: 375
Re: solo catene causali... o forse no...

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
ad un'analisi spassionata sembrerebbe relamente che il mondo non sia altro che il prodotto di un incrociarsi di catene causali di eventi, il convergere di serie di processi in disparati nodi che a loro volta si diramano, così come palle da biliardo che si urtano a vicenda senza sosta, così come una rete sempre in movimento, così come una gabbia.

Questo è il mio pensiero.
Knacker is offline  
Vecchio 03-05-2004, 06.51.35   #9
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
>Rif. DawoR(K)

Koan ..niente male !
Tanto che, distolto lo sguardo dallo schermo,
sorridendo i miei occhi si sono persi in mezzo agli alberi..
..ma niente bastonate (reciproche) ..please !

A proposito..
Un monaco taoista andò a trovare Ch'ong Tzu (del quale aveva udito parlare come d'un autentico saggio) con l'intenzione nascosta di mettere alla prova l'acutezza della sua comprensione del Grande Vuoto.
Il maestro ricevette il monaco taoista con squisita gentilezza invitandolo a bere una tazza di tè verde mentre, disse, si sarebbero reciprocamente ammaestrati sul Tao.
Con immenso stupore del monaco, però, quando furono seduti per bere il tè, Ch'ong Tzu si cinse d'impenetrabile silenzio.
Invano il monaco taoista enumerava le virtù dell'Inesprimibile Sorgente d'ogni virtù, invano con abbondanza di parole dalle mille sfaccettature egli intarsiava l'una accanto all'altra (come abile maestro orefice) le infinite verità che procedono dalla Verità né vera né falsa.
Per nulla compreso dalla forbita eloquenza dell'ospite, il maestro sorbiva il suo tè verde restando più silenzioso d'un macigno.
Concluso il monaco che ebbe il suo monologo, Ch'ong Tzu si levò in piedi, agguantò un nodoso bastone e lo colpì nel bel mezzo della pelata (poiché il monaco apparteneva a un ordine in cui era prescritta la tonsura) lasciandolo senza sensi per circa mezz'ora.
Rinvenendo dal mondo dell'oblio e del nulla, il monaco si ritrovò accanto Ch'ong Tzu il quale, con un amabile sorriso, gli disse: "Per dieci minuti mi hai assordato con quelli che chiami i Centomila bellissimi Nomi del Senza Nome. In compenso io t'ho inviato per mezz'ora abbondante nel Grande Vuoto. Dimmi: chi tra noi due è maestro e chi discepolo?" (da ‘Il Giusto Comportamento’di Tchi Ch’ong Tzu)

Un saluto lieve..
(da un cavallo alato che troppo spesso crede di essere un asino)

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 03-05-2004, 09.56.10   #10
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile

bella storia questa !
spesso però
il Grande Vuoto
s'impossessa di me
senza che nessuno
prenda a bastonate
il mio cranio
poi quando faccio ritorno
prendo ad enumerare
(per la gioia di chi mi sta vicino...
seeeeee...)
le virtù dell'Inesprimibile Sorgente d'ogni virtù

w. (sarò mica un Maestro?)

..prendetemi a calci !
dawoR(k) is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it