Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 19-11-2004, 22.48.07   #11
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
..mi trovo nell'inquietante condizione di essere costretto ad eliminare uno dei due gruppi..


..Rubin.. mi sfugge qualcosa..
Perché e da chi costretto..?
E se non c'è un perché ed un chi.. quale il senso del problema..?
Non certo porre la questione di cosa sia il valore vita.. perché in questi termini proprio non vedo la possibilità di un 'serio' approccio alla questione..


Gyta
gyta is offline  
Vecchio 19-11-2004, 23.10.01   #12
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

..Rubin.. mi sfugge qualcosa..
Perché e da chi costretto..?
E se non c'è un perché ed un chi.. quale il senso del problema..?
Non certo porre la questione di cosa sia il valore vita.. perché in questi termini proprio non vedo la possibilità di un 'serio' approccio alla questione..


Gyta

e daglie! non c'è un perchè e da chi, cosa cambia? dai, siamo elastici, non mi sembra difficile immaginare un palloncino per aria che non è stato gonfiato... due uova che cadono da due mani lanciate...

qual'è il senso del problema se non c'è un perchè e un chi.
da destra a sinistra, dall'alto in basso, dopo il titolo.
non vedo perchè dovrebbe esserci per forza un perchè e un chi.
se proprio vuoi, ma era sottinteso, il perchè, è un "perchè totalmente vincolante", e il chi, è un "chi degno del suo perchè".

il proposito inziale è il proposito iniazle, che trovi scritto.
senza "serie" (che barba!) pretese...

ma nulla vieta di considerare qualsiasi cosa come uno spunto.
anzi.

piuttosto spiegami perchè sarebbe insignificante la situazione posta in questi termini

ciao
r.rubin is offline  
Vecchio 19-11-2004, 23.22.33   #13
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: Re: Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
..piuttosto spiegami perchè sarebbe insignificante la situazione posta in questi termini..

Perché il valore 'uomo' può esistere solo in un contesto dove la sostanza 'libertà' possa avere ancora un qualche senso..

Per ora è quanto..





Gyta
gyta is offline  
Vecchio 19-11-2004, 23.52.45   #14
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: Re: Re: Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Perché il valore 'uomo' può esistere solo in un contesto dove la sostanza 'libertà' possa avere ancora un qualche senso..

Per ora è quanto..





Gyta

oddio gyta, spero che quel "per ora è quanto" significa che hai fretta, e non che "per ora vi concedo solo questa pillola di saggezza"... credo farei un infarto ! anzi, ora mi sbronzo.

comunque, la libertà c'è ancora, c'è libertà di scelta tra due gruppi.
i due gruppi hanno la possibilità di morire o continuare a vivere. certo non sono liberi. ma se ti sembra che questa dipendenza dalla scelta altrui elimini il valore della loro vita... se ti sembra che il valore uomo possa esistere solo in presenza di libertà, e una volta che un uomo sta 5 minuti in condizione di non-libertà non valga più niente...
r.rubin is offline  
Vecchio 20-11-2004, 00.30.07   #15
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: Re: Re: Re: Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
..comunque, la libertà c'è ancora, c'è libertà di scelta tra due gruppi..



Ma che ca**** di libertà e libertà.... uffff!!!!
Oh.. mò mi calmo..
Dunque..

Io non dico ASSOLUTAMENTE che "un uomo che sta 5 minuti in condizione di non-libertà non valga più niente.." ma che non possiamo parlare di 'dignità' e 'valore umano' in un contesto dove l'uomo di fatto come soggetto non esista più..!!!!!
Il tuo quizzone -che in tal caso supera di gran lunga ogni più 'intrigante' quesito 'alla bomber'.. - penso
sia alla stregua del senso razionale di libertà di 'scelta' imposta dalle SS naziste ai loro deportati.. (!!)

Mi spiego.. ?('spiego' da pronunciarsi tassativamente al napoletano o siculo.. per una buona impronta di sottotesto dialettico.. intrinseco !!!!)

Rigurdo alle pillole.. dè che..????
No, guarda.. io quando e se scrivo.. non mi 'centellino' in gocciole pro forma tipo 'non so na mazz*** ma ce provo' o 'chi nulla dice.. tutto e di più afferma'.. etc..etc..etc.. !!!





Gyta
gyta is offline  
Vecchio 20-11-2004, 11.04.24   #16
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: Re: Re: Re: Re: Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Ma che ca**** di libertà e libertà.... uffff!!!!
Oh.. mò mi calmo..
Dunque..

Io non dico ASSOLUTAMENTE che "un uomo che sta 5 minuti in condizione di non-libertà non valga più niente.." ma che non possiamo parlare di 'dignità' e 'valore umano' in un contesto dove l'uomo di fatto come soggetto non esista più..!!!!!

in quel contesto, "l'uomo come soggetto" esiste ancora, solo che non appare. è solo temporaneamente privo della possibilità di manifestare questa sua propria caratteristica, perchè la sua libertà è limitata da quel contesto.

per fare un esempio, è come un impiegato che sta in ufficio, in orario di ufficio, e non è libero di urlare "viva la libertà! viva la dignita!", perchè è oggetto di regolamenti.
ma sarà libero di farlo non appena scattate le 18:00.
r.rubin is offline  
Vecchio 20-11-2004, 11.07.42   #17
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
ah, quanto sopra vale per i due gruppi.

per l'uomo mitraglia invece, la sua libertà è possibilità di scelta tra alternative limitate.
le sue sono solo due ed entrambe spiacevoli, quindi la cosa sembra molto limitante, ma è di fatto la stessa condizione in cui ci troviamo ad agire quotidianamente: siamo liberi di scegliere tra alcune alternative.
r.rubin is offline  
Vecchio 20-11-2004, 13.35.50   #18
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
..è di fatto la stessa condizione in cui ci troviamo ad agire quotidianamente: siamo liberi di scegliere tra alcune alternative.


Che te devo dì..
Se la vedessi come te.. mi sarei già sparata alla testa..
Ma forse.. l'ho fatto.. (in un certo 'senso'.. non so se 'comprendi' ciò che intendo..)
No.. Rubin..
La realtà non è così merdosa.. passami il termine pesantuccio..
ma anche il tuo 'nero' non va per il sottile..
Si può scegliere.. e le scelte non sono -grazie agli Uomini !(che hanno combattuto e combattono per una dignità umana di vita)- così nere.. (!)
E comunque.. anche in fondo alle fogne.. se abbiamo creduto nell'uomo.. -fosse anche per 'pochi' "degni"..- possiamo trovare nel fondo del sangue più nero ancora un urlo di amore disperato.. fosse pure.. l'ultimo che tiriamo..
Non so dirti se sia 'facile'.. di certo non lo è..
e mi auguro di non dovermici mai trovare al fondo d'una fogna con la morte alla gola che stringe ed il sapere che il mio urlo -anche non lo sentisse nessuno- sarebbe di dovere verso la mia vita tirarlo come ultimo..

E non lo auguro a nessuno..
Poichè siamo sulla stessa barca..
E se qualcuno dice che sta affondando..
io continuo a buttare in mare l'acqua della falla
ed a vedere unicamente.. la falla..
come un'idiota.. se vuoi..

Sì.. forse -a volte- sono troppo 'seria'..



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 20-11-2004, 14.47.05   #19
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Re: uomini e sottrazioni. razionalità in una questione di vita e di morte

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
la situazione, abbastanza assurda e improbabile, ma non per questo insignificante e trascurabile, è posta in questi termini:

ho di fronte a me due gruppi di uomini, da una parte c'è un gruppo di 3 uomini, dall'altra un gruppo di 2 uomini.
io, mitragliatrice in mano, mi trovo nell'inquietante condizione di essere costretto ad eliminare uno dei due gruppi. sono costretto a scegliere una delle due alternative, ma fosse per me li lascerei vivere tutti, perchè secondo me la vita è un valore. partendo da questo principio ovviamente,devo cercare la soluzione migliore, quella che mi permette di preservare il più possibile il valore della vita.

può esistere una soluzione di questo tipo?

se secondo te la vita E' UN VALORE nei fatti e non a parole...
NON OBBEDISCI!!!!!!
anche se questo vuol dire che qualcuno per cui la vita
NON E' UN VALORE
elimina te per la tua non obbedienza...
rodi is offline  
Vecchio 20-11-2004, 16.03.42   #20
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Che te devo dì..
Se la vedessi come te.. mi sarei già sparata alla testa..
Ma forse.. l'ho fatto.. (in un certo 'senso'.. non so se 'comprendi' ciò che intendo..)
No.. Rubin..
La realtà non è così merdosa.. passami il termine pesantuccio..
ma anche il tuo 'nero' non va per il sottile..
Si può scegliere.. e le scelte non sono -grazie agli Uomini !(che hanno combattuto e combattono per una dignità umana di vita)- così nere.. (!)
E comunque.. anche in fondo alle fogne.. se abbiamo creduto nell'uomo.. -fosse anche per 'pochi' "degni"..- possiamo trovare nel fondo del sangue più nero ancora un urlo di amore disperato.. fosse pure.. l'ultimo che tiriamo..
Non so dirti se sia 'facile'.. di certo non lo è..
e mi auguro di non dovermici mai trovare al fondo d'una fogna con la morte alla gola che stringe ed il sapere che il mio urlo -anche non lo sentisse nessuno- sarebbe di dovere verso la mia vita tirarlo come ultimo..

E non lo auguro a nessuno..
Poichè siamo sulla stessa barca..
E se qualcuno dice che sta affondando..
io continuo a buttare in mare l'acqua della falla
ed a vedere unicamente.. la falla..
come un'idiota.. se vuoi..

Sì.. forse -a volte- sono troppo 'seria'..



Gyta

vedi nel mio discorso un pessimismo che proprio non c'è, non ho detto nulla di quello che hai detto, figurati, la realtà è merdosa! non l'ho mai detto nemmeno nel mio peggiore incubo!
quella frase che hai riportato
"..è di fatto la stessa condizione in cui ci troviamo ad agire quotidianamente: siamo liberi di scegliere tra alcune alternative."
, stava a significare, non "ogni giorno ci troviamo a dover scegliere chi amazzare"! ci mancherebbe!
voleva solo dire che ci troviamo a scegliere tra alternative: la libertà non è mai assoluta, ma sempre limitata.
sono libero di scegliere tra la torta di mele, al cioccolato, alla frutta, ma non la torta ai pistacchi, perchè in quel momento, nella pasticceria in cui mi trovo, non c'è.
sono libero di andare al mare al lago in montagna, ma non sulla luna! la libertà è libertà di scegliere tra alternative possibili.
r.rubin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it