Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 27-12-2004, 15.56.03   #21
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Grazie

Ho letto con grande interesse le vostre opinioni e mi rendo conto che la mia era una domanda inutile se c'è AMORE non ci può essere profitto; il mio era un tentativo di nascondermi dietro ad un dito e non accaettare una situazione ; mi assale ora un altro quesito come la mettiamo con

AMOR CHE NULLO AMATO AMAR PERDONA

NON PICCHIATEMI
fallible is offline  
Vecchio 28-12-2004, 08.53.58   #22
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking grazie, Rocco

Grazie a te, Rocco, per la tua risposta alle mie osservazioni che non volevano assolutamente sfociare nel confronto personale...e mi dispiace che esse siano state equivocabili in quel senso...non era assolutamente mia intenzione e chiedo, quindi, scusa...

Tornando a bomba...la cupezza fa parte della vita, bisogna accettarla, cercare di comprenderla sì da percepirne i frutti che anche un momento negativo ci può donare (tormente e burrasche dell'anima comprese)...io ho maturato la convinzione che i periodi cupi (se compresi, appunto) siano i più fertili, forieri di grandi e positivi cambiamenti...
Herzog
herzog is offline  
Vecchio 28-12-2004, 08.57.31   #23
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking A fallible

Io ho sempre interpretato la massima anche in chiave positiva:
se sei innamorato, non potrai sfuggire alle responsabilità (oltre che ai piaceri, si intende) che quel sentimento di amore ti chiama ad onorare, perché, altrimenti, esso non ti perdonerà, ti lascerà nel tormento di non essere stato alla sua altezza...e di che responsabilità si tratti, mi sembra di averne già parlato nei precedenti interventi
Interpretazione molto libera ed arbitraria, me ne rendo conto, ma prendila almeno come spunto...
Herzog
herzog is offline  
Vecchio 28-12-2004, 09.52.21   #24
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
Fragola
Per me l'unico vero amore è quello estremamente "interessato", che ama perchè ricava piacere dall'amare. E che ama con questo scopo e basta. Ed è premiato immediatamente da se stesso. WE quindi esente da qualsiasi calcolo e da qualsiasi "devi".

Sottoscrivo interamente questo periodo (ciao Fragola, è sempre un piacere leggerti… colgo sempre l’occasione per salutare le persone che stimo J ). L’amore per un’altra persona, se di amore si tratta, è sempre estremamente interessato, oltre che esclusivo. Questo accade, e non potrebbe essere altrimenti, perché come il suo opposto, l’odio, l’amore travalica le capacità raziocinanti dell’uomo, è un flash emotivo che sconvolge qualsiasi piano o programma. Si accompagna con tanti altri elementi – quali la gelosia, il desiderio di essere unici per la persona di cui ci s’innamora, lo struggimento, la contrazione o dilatazione del tempo psicologico - che fanno di questo sublime e tremendo sentimento uno sconvolgimento che assorbe una copiosa mole di energie psichiche e fisiche della persona innamorata, soprattutto in quella fase iniziale definita ‘nascente’. Cioè quando si è ancora nel crinale ascendente, in cui l’oggetto d’amore… sob, il soggetto a cui sono rivolte le nostre delicate ed esclusive attenzioni, è posto al centro del nostro universo relazionale ed emotivo. Nell’amore non vi sono calcoli, vi è abbandono, tant’è che nulla è più prossimo alla follia dell’amore. Si diventa, in un certo senso e in una buona misura, un pò folli, perché gli schemi e qualsiasi programma saltano , subendo una sorta di corto circuito. L’amore dà per ricevere, non esiste un amore unidirezionale; è attesa, perché dall’altra persona si attende un corrispettivo, altrimenti isterilisce e s’incupisce. L’amore è passione, e come tale reindirizza tutte le attenzioni emotive e relazionali verso colui, anzi, perché no, sono io che scrivo, COLEI che di questo umanissimo e bellissimo sentimento è la destinataria. Per dire una banalità, l’amore è come un fluido ricco di emozioni che coniuga due anime (quando corrisposto), oppure ridondante struggimento che separa ancor più due cuori (se non corrisposto). Perché in molti casi l’amore è anche causa di profonde lacerazioni, sia intime che dal punto di vista del rapporto interpersonale, che subisce sovente un improvviso break proprio per effetto dell’insorgere di questo sentimento non condiviso. L’amore è egoismo nei confronti di chi resta al di fuori della sfera emotiva, mentre è donare per ricevere in contraccambio se inquadrato nell’ambito di quella medesima sfera. E’ una dolcissima lusinga che una persona concede ad un’altra per ottenerne come contropartita una altrettanto dolce ed esclusiva. L’amore senza un minimo (MINIMO) di gelosia è un amore in doppio petto, per giunta grigio, mentre, invece, io lo vedo come un vestito sbrindellato, ma variopinto e sempre estremamente scanzonato ed irriguardoso. L’amore non ‘deve’, ma ‘fa’ e ‘muove’, è il ‘motore mobile’ più potente che vi sia nell’universo, purtroppo, spesso, controbilanciato dal suo ‘omologo contrario’ – l’odio – altra forza propulsiva che soggiace a ben poche regole, anche se più incline al calcolo millesimale, perché quest’ultimo, a differenza dell’amore, si nutre di piccole trame e piccoli sotterfugi tesi a procurare danno. L’amore è l’unicità dell’essere, nel senso che si diviene unici ed insostituibili – almeno finché dura. E’ una dolce e calda coccola che l’anima si concede, oppure un profondo graffio nel cuore. L’amore è quell’elemento che affranca l’uomo dal rischio di una completa omologazione e che lo rende sempre più irripetibile nella sua particolarissima individualità, è, in sintesi, una variabile indipendente ed impazzita che non soggiace ad alcuna regola interamente codificabile… è l’essenza stessa dell’uomo.
Ciao
visechi is offline  
Vecchio 28-12-2004, 10.09.17   #25
Rocco
Ospite abituale
 
L'avatar di Rocco
 
Data registrazione: 14-05-2004
Messaggi: 301
Wink x fallibile......

...non temere..non credo affatto che la tua domanda fosse inutile .


Credo anzi che essa ci sproni a riflettere seriamente su ciò che continuamente viene chiamato e classificato come amore ed invece non lo è.

E soprattutto su come noi tutti siamo poco consapevoli delle nostre contraddizioni e del fatto di smarrire facilmente questo prezioso componente duranet il corso dellla nostra esistenza.

I sintomi della nostra confusione sono molteplici......tuttavia mi fa piacere notare come questo forum , ancora una volta , possa costituire una sorta di pozzo virtuale dal quale attingere incredibilmente tanta concretezza.


Scusate il bisticcio di parole......



Rocco
Rocco is offline  
Vecchio 30-12-2004, 15.45.48   #26
AM3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 28-12-2004
Messaggi: 75
Ti posso semplicemente dire che ad una certa età , se non ci si è sposati , si capisce in modo chiaro è limpido come esista un amore senza profitto .
In quanto solo il vero amore è disinteressato ( o almeno dovrebbe essere così ) ,anche se col tempo si impara ad apprezzare una persona anche per la sua testa , rendendo veramente il rapporto senza profitto , ma solo di conoscenza .

Saluti
AM3 is offline  
Vecchio 28-01-2005, 00.14.19   #27
elisa.a
Ospite abituale
 
L'avatar di elisa.a
 
Data registrazione: 26-01-2005
Messaggi: 100
Nella mia vita ho sempre cercato il vero amore, quell'amore che dà senza nessun profitto, quell'amore che dà solo per la gioia d'amare.
Ma purtropo mi sono accorta che in fondo, in fondo l'essere umano si aspetta almeno che l'amore che dà sia almeno riconosciuto. E' questa forse una sottile forma di egocentrismo ?
In un vecchio libro di Carlo Caretto " Ciò che conta è amare" ho trovato scritto che l'unica persona che ha trovato capace d'amare in questo modo è stata una madre verso il proprio figlio.
Ma anche le madri sanno amare senza egoismo i loro figli?
Oppure il fatto di essere una brava madre è una realizzazione per se stessa?
Eppure quanto difficile è amare solamente perchè così dovrebbe essere la natura dell'uomo come un fiore che semplicemente emana il suo profumo
Elisa.A
elisa.a is offline  
Vecchio 28-01-2005, 00.41.22   #28
Fredric
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-01-2005
Messaggi: 22
Il vero amore,senza profitto è quello tra figlio(maschio)e madre..secondo il mio modesto parere.Avete mai paragonato l'amore per la donna amata a quello per vostra madre?Direi senza limiti enormemente più grande.In ogni specie di mammiferi esiste questo magico legame che unisce il figlio con la propria madre.Siamo parte di lei,in lei prima,quando eravamo feto,il nostro corpo nel suo.Lei ci nutre,ci protegge,ci alleva..quale amore più grande di questo esiste.Forse,perciò èper questo che tutto sommato l'amore tra uomo e donna non potrà mai essere superiore.Mai troveremo un essere verso il quale provare lo stesso sentimento,la stessa intensità,perchè in fondo proprio questo si cerca nella vita.Perciò intenderei l'amore per la propria donna di secondo livello rispetto a quello che nutriamo verso la mamma.Ovviamente mi riferisco un pò più vrso un pubblico machile,ma se si estende un pò il discorso potrebbe essere valido come verità totale.Pensateci su,magari può essere uno spunto in più,gradirei se qualcuno avesse da aggiungere a questo punto di vista....bye
Fredric is offline  
Vecchio 28-01-2005, 14.30.50   #29
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Io credo che esista e lo sto sperimentando. Il discorso è un altro. Agire per il gusto o agire per un fine. Tutto qui! Il rapporto con un'altra persona dipende molto, a mio modesto parere, dipende molto da ciò. Se si agisce perché è bello, si ama perché è bello, ecc... tutto ha un aspetto diverso dall'agire e amare per un tornaconto. Spesso mi capita di fare un esempio "calcistico": il gioco brasiliano è quello che costruisce il proprio gioco indipendentemente dall'avversario e il risultato è solo una conseguenza, mentre il catenaccio è quello che non fa giocare l'avversario. Forse nel secondo caso si ottiene un risultato migliore, ma lo spettacolo ci perde....
Mr. Bean is offline  
Vecchio 28-01-2005, 14.41.36   #30
Rocco
Ospite abituale
 
L'avatar di Rocco
 
Data registrazione: 14-05-2004
Messaggi: 301
Wink .agire.....

Citazione:
Agire per il gusto o agire per un fine




Scusate se mi intrometto al volo.......

Molto spesso si pensa a ciò ..senza altre possibilità ..perchè forse impossibili o addirtittura stolte ....ma io dico :

Proviamo a non "attaccarci " a motivazioni o ragioni , buoni , valide o scarse che esse siano...


Ma ...AGIAMO !

Perchè ..chissà..forse , in fondo ...dietro ciò ci sono pesanti condizionamenti che non fanno affatto bene all'amore.

Spero di aver reso l'idea......



Rocco
Rocco is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it