Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 31-12-2004, 12.49.43   #1
AM3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 28-12-2004
Messaggi: 75
sondaggino sulla verità

Questo lo premetto è un semplice sondaggino , per pura curiosità :
Secondo voi esiste una verità universale ? .
Insomma una verità unica che accomuna tutto e tutti , una verità che raccoglie tutti noi in un'unica grande famiglia ( se riuscite anche a dire il perchè della vostra risposta sarebbe meglio , ma non necessario ) .
Comincio io : non penso che esista una verità universale , anche perchè la verità cambia da persona a persona e quindi non vi può essere una strada unica per tutti .

PS : per verità universale si può intendere anche l'esistenza stessa della parola verità .

Saluti
AM3 is offline  
Vecchio 31-12-2004, 13.16.04   #2
Knacker
Epicurus' very son
 
L'avatar di Knacker
 
Data registrazione: 26-12-2003
Messaggi: 375
La verità è questione di punti di vista.
Knacker is offline  
Vecchio 31-12-2004, 14.50.36   #3
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Penso che si possa parlare di 'verità oggettiva', cioè abbiamo dei criteri per poter dire 'questo pezzo è di ferro', cioè la comunità linguistica definisce come 'ferro' un materiale che etc.

Mentre è 'verità assoluta' che non penso abbia senso...

Ovviamentente non dobbiamo dimenticare che la verità non è nulla di 'concreto', bensì è un concetto che ci serve per dire se una proposizione è concorde o meno con la realtà.


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 01-01-2005, 21.18.15   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: sondaggino sulla verità

Citazione:
Messaggio originale inviato da AM3
Secondo voi esiste una verità universale ? .
Ogni tanto emerge qui nel forum il quesito o la discussione sulla verità.
Io amo dire che – La Realtà è l’hardware e la Verità il suo software – Intendendo con ciò che se vediamo ciò che ci circonda senza interpretarlo coi nostri schemi mentali, quello che vediamo è la Verità, che non è necessariamente una formula verbale o dialetticamente perseguibile.

Può darsi che se potessimo smettere di interpretare ciò che vedremmo sarebbe una cosa dal senso così compiuto che persino la parola Verità sembrerebbe inadeguata per descriverla. Può darsi di si, può darsi di no, ai posters l’ardua sentenza.

A domanda precisa Secondo voi esiste una verità universale?
Rispondo si, a patto che si rinunci all’interpretazione personale.
Per analogia dirò che è più vicino alla verità chi riesce ad essere obbiettivo ed imparziale. Tanto più vicino quanto più ha sviluppato obbiettività ed imparzialità.

Sulla domanda probabile che potrebbe nascere e cioè se penso sia possibile omettere l’interpretazione personale, mi appello al quinto emendamento.

Ci ridurrebbe ad una grande famiglia?

Come sopra.


Ultima modifica di VanLag : 01-01-2005 alle ore 21.24.36.
VanLag is offline  
Vecchio 02-01-2005, 01.47.07   #5
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Poco sopra avevo scritto che esiste la verità oggettiva, mentre la verità assoluta è solo una confusione linguistica, ora cercherò di spiegare il motivo di questa mia seconda affermazione.

Le proposizioni sono descrizioni del mondo (di una parte di esso), ma esistono più descrizioni vere di un fatto, non solamente una.
William James, verso la fine della propria esistenza, scrisse in una lettera ad un amico (Letters of William James) l’esempio di colui che deve scegliere una descrizione per dei fagioli sparsi su un tavolo. I fagioli, prosegue James, possono essere descritti in un numero illimitato di modi, a seconda degli interessi del descrittore, ed ogni descrizione corretta corrisponderà al sistema fagioli-meno-il-descrittore, riflettendo comunque gli interessi del descrittore. Queste possibili descrizioni, impregnate degli interessi del descrittore, sono comunque tutte vere, inoltre, continua James, non esistono descrizioni che non riflettano degli interessi particolari.
Quindi l’intuizione corretta di James sta nell’aver riconosciuto che sì i nostri interessi determinano la descrizione, ma che non è affatto vero che tali interessi modifichino il mondo. Se getto dei fagioli sul tavolo (per usare lo stesso esempio di James) posso basare la mia descrizioni su differenti fattori: grandezza, attiguità, colore, peso etc., ma questo non implica che tali descrizioni siano false, anzi James stesso ci dice che non v’è descrizione imparziale, non v’è, per così dire, una descrizione fatta da nessun luogo: da qui la critica all’idea di ‘realtà assoluta’.
In questo ambito è illuminante l’osservazione di Hilary Putnam (Il pragmatismo: una questione aperta). Secondo Putnam la descrizione non è una mera copia dell’oggetto che si intende copiare, bensì tale descrizione viene modellata dalle nostre scelte concettuali, influenzate dalla nostra natura, dalla nostra cultura e, in particolare, dai nostri interessi: i linguaggi sono infatti funzionali a dei particolare scopi. Putnam sostiene che Kant si accorse di questo, ma sbagliò volendo andare oltre, credendo che se la descrizione è modellata dalle nostre scelte concettuali allora noi non stiamo descrivendo il mondo, non giungiamo alla cosa come essa è in realtà (notiamo che il noumeno richiama il concetto di realtà assoluta: concetto che io ritengo, nella maggior parte dei casi, vuoto, e nei rimanenti non problematico). In particolare l’errore che fece è rappresentato dalla domanda “Se le descrizioni del mondo sono solo le nostre descrizioni del mondo, dipendenti da fattori che ci riguardano, allora qual è la descrizione del mondo come il mondo è in sé?”.
Questo ‘in sé’ (come ‘realtà assoluta’) è un termine senza senso: chiedersi “qual è la descrizione del mondo come il mondo è in sé?” equivarrebbe a chiedersi “qual è la descrizione del mondo nel linguaggio proprio del mondo”, ma noi sappiamo che tale linguaggio non esiste, perché esistono solo linguaggi umani funzionali a scopi umani. (Notare che se non ha senso affermare che “è possibile descrivere il mondo come è in sé” non ha senso neppure la negazione “non è possibile descrivere il mondo come è in sé”.)
Putnam così ci insegna quanto la nozione di ‘realtà assoluta’ sia una chimera metafisica, un non-so-che.
epicurus is offline  
Vecchio 02-01-2005, 12.37.19   #6
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Re: sondaggino sulla verità

Citazione:
Messaggio originale inviato da AM3
Comincio io : non penso che esista una verità universale , anche perchè la verità cambia da persona a persona e quindi non vi può essere una strada unica per tutti .

PS : per verità universale si può intendere anche l'esistenza stessa della parola verità.
Naturalmente esiste una verità universale!
L'universo può essere solo ciò che è, e niente altro.
E la conoscenza di questa realtà o delle leggi su cui si basa la vita è quindi identica alla verità.

Dal fatto che la gran parte di noi ancora non le conosciamo non si può trarre la conclusione che la verità non esiste.

D'altronde, se è vero come molti dicono, che la veritá non esiste significherebbe che quest'affermazione fosse la verità, che quindi esiste sotto forma di questa negazione.

Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 02-01-2005, 13.51.20   #7
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Io penso che se la verita' esiste, essa sia solo una ,assoluta, vera in se' e per se', e unicamente fondata sulla fede.
Al di la' di essa ogni nostra parola rimarrebbe un flatus vocis, e nulla di cio' che pensiamo avrebbe piu' senso, perche' tutto si dimostrerebbe sensato senza un discriminante termine assoluto di paragone.
Il problema e' che l'unico modo beffardo che la verita' ha per dimostrarsi e rivelarsi a noi è sopravvivere alla nostra eventuale esistenza , ma chi mai potra' dire di averla vista o sentita? Noi ci troviamo nelle stesse condizioni di una lampada da tavolo accesa, che e' in grado di far luce ovunque fuorche' su se' stessa, e non e' nelle condizioni di sapere se il suo mondo e' cio' che essa illumina e se e' frutto della propria proiezione, o se, una volta spenta, un grande lampadario acceso sopra di lei continui ad illuminare quello che prima pareva essergli visibile solo grazie al suo tenue bagliore.


ciao a tutti
and1972rea is offline  
Vecchio 02-01-2005, 14.44.33   #8
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da and1972rea
Io penso che se la verita' esiste, essa sia solo una ,assoluta, vera in se' e per se', e unicamente fondata sulla fede.
La verità non può naturalmente essere "fondata sulla fede" visto che la "fede" per definizione è il contrario di sapienza o conoscienza vere. Credere in una dogma è infatti risultato della capitolazione intellettuale davanti alle domande esistenziali.
Penso che lo scopo della vita non sia che l'uomo sarà sempre ignaro della natura della vita, prima o poi arriviamo a conoscenza anche concernente la "verità".

Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 02-01-2005, 16.30.57   #9
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Verità e malattia mentale.

Om!Shanti!
In ogni epoca esiste la Rivelazione come ogni anno fioriscono i limoni.Ma la stupidità umana dice che è esistita una sola rivelazione 2004 anni fa.Ed è una totale stupidaggine perchè Dio parla in continuazione e non si stanca mai,non dà la Rivelazione a S.Giovanni e poi va in pensione.
In una delle Rivelazioni più recenti(1976)ricevuta da Helene Schucman,Cristo o Buddha o Maometto o chi per lui,spiega le 4 cause principali della malattia mentale:
causa N°2:avere opinioni personali riguardo la Realtà Una.
E rispolvera l'etimologia della parola"idiota".
Deriva da" idios-ta" che vuol dire:opinione personale.come"idioma"deriva da"idios-ma"che vuol dire inguaggio personale o linguaggio di un dato popolo.
Pertanto esiste una sola Realtà e una sola Verità.

Vedi:"Un corso in miracoli"di Anonimo-ed. Armenia.

Om!Shanti.

Kantaishi Grdv.
kantaishi is offline  
Vecchio 02-01-2005, 17.09.15   #10
Wuaw
Ospite abituale
 
L'avatar di Wuaw
 
Data registrazione: 01-01-2005
Messaggi: 83
una nessuna o molte verità

sono convinto esista una Verità assoluta che è la descrizione della Realtà assoluta.
Però come nella descrizione dell'elefante fatta dai ciechi che ne toccavano solo un pezzo, anche noi abbiamo della verità una conoscenza parziale che ci fa credere che esistano verità diverse e soggettive.
Purtroppo la realtà è molto più complessa del semplice elefante e la nostra percezione sempre limitata.
Immaginate per esempio come descriverebbero l'elefante dei microbi o come lo descriverebbe un elettrone oppure un neutrino.
Inoltre esiste il problema che noi stessi siamo parte della Realtà e quindi della sua descrizione.
In definitiva la Verità assoluta esiste ma sappiamo per certo che è al di là della nostra possibilità di descrizione, come ogni forma di Assoluto.
Wuaw is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it