Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 18-08-2002, 16.04.50   #1
Cecil B. Dement
F&D'ers
 
L'avatar di Cecil B. Dement
 
Data registrazione: 14-05-2002
Messaggi: 25
!!!!Teorie da F&D?????

Ciao a tutti.
E' ora di iniziare una nuova discussione, oltre quella della pagina surreale che ha aperto le porte a tutto il disordine che c'è nelle nostre menti.

Scrivere le vostre teorie più strane che una persona può concepire, senza regole, senza alcun ostacolo.

Vi riporto una discussione, per iniziare....

C: C'è una linea sottile ed invisibile che divide il mondo, che lo dividerà sempre nonostante gli uomini sognino un mondo unito.

L: La religione?

C: Ok, quella è uno dei fattori che auto-distruggerà la civiltà umana da qui ai prossimi 200 anni. Ma c'è una cosa più concreta, sotto gli occhi di tutti.

L: Spara.

C: La comunicazione, la lingua, la scrittura.

L: C'è sempre l'inglese, ormai è conosciuto da tutti, è quasi una lingua mondiale

C: Ok, l'inglese. Vai a spiegarlo ad un pastore tibetano o un pescatore del Rio delle Amazzoni.

L: E allora cosa pensi che dovremmo usare per formare la lingua Globale?

C: Vedi che non capisci un cazzo, era solo un osservazione, non dico di creare la Lingua. Prova a pensare quali sono i simboli che possono essere usati da tutti, capiti da tutti.

L: Non ho proprio idea.

C: Sono i numeri caro dottore. 4 preghiere per il tibetano o 4 pesci per il pescatore sono la stessa cosa in termini di quantità. Lo ZERO, tutti sanno cos'è, il niente, il vuoto, il nulla. I numeri arabi sono i simboli più chiari ed efficaci, sono la sintesi di più di 3000 anni di storia umana. Sono la perfezione della comunicazione. Un linguaggio fatto di numeri nel futuro non sarebbe così tanto fantascientifico.

L: Dovresti ricorrere a troppe combinazioni, quasi infinite.

C: Elasticità del linguaggio. Sono felice = 14. Sono triste = 15. Sono molto triste = 144. Mi farei volentieri quella lì = 90. Vorrei un altra birra, grazie = 33,7. Numeri in virgola mobile, il futuro è nella calcolatrice.

L: 80
Cecil B. Dement is offline  
Vecchio 18-08-2002, 19.20.47   #2
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
dici?

i numeri son serviti a mettere l'ordine nel caos...così dice Pitagora.
Ma quale calcolatrice! Ci vuole un codificatore....tramutare le parole in numeri e comunicare solo attraverso il pc...(codificatore)

1 = solo
2 = l'ideale
3 = siamo in troppi
4 = la fame
5 = la miseria

comunicare? comunicare cosa se tanto nn ti da retta nessuno... o quasi.

forse bisognerebbe essere muti e corrispondersi a gesti... a volte sono molto più eloquaci delle parole.....ci vorrebbe la webcam....



però mi comprenderebbero anche gli indù........
Mha,
tammy is offline  
Vecchio 19-08-2002, 00.08.12   #3
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Bene, Cecil…
Poi mi racconterai dove sta la fregatura.

Provo ad inventarne una… forse due… non so… si vedrà (sto iniziando a scrivere).

Io non sono mai nato! Non esisto… come faccio a parlarti?
Vediamo… proverò a spiegare (in effetti, non si tratta di una teoria originale… piuttosto di un paradosso che ha fatto impazzire gli astrofisici di tutto il mondo – noterai che ingloba anche non poche conseguenze di tipo etico, filosofico, religioso etc… - … credo che non si sia ancora arrivati a fornire una soluzione logica)

Recentemente è stato inventato uno strumento portentoso: la macchina del tempo. Attraverso questo prodigio della scienza e della tecnica, io, Visechi (per POISON, solo per lui, viESchi), primo fra gli umani, ho avuto l’onore e l’onere di sperimentarne l’efficacia.
Al C.I.F.F. (Centro Internazionale del Futurismo Futuribile – embè, si chiama così… cosa c’entro io?), hanno tarato l’orologio del tempo a 2002 anni fa. Io ho espresso, infatti, il desiderio di conoscere personalmente Gesù.
Tutto a posto per il ‘lancio’... conto alla rovescia... nessun problema.
Cazzo! il singhiozzo! La paura, il nervosismo, l’ansia, l’emozione alle volte giocano brutti scherzi. Non mi è consentito, in un così angusto spazio, fare movimenti inconsulti. Cazzo! Ho il singhiozzo! Che cosa può accadere? Niente… una cazzata come questa non potrà in alcun caso rappresentare un problema… mi tranquillizzo… piano, piano.
Tre…. Due… uno… zero........... partenza. Allo scoccare dell’attimo fatidico, penso, ‘zero’… poi c’è ancora qualcuno che afferma che questo ‘non-numero’ (sic! Pietà!) non rappresenta nulla… anzi sarebbe il NULLA. Un cazzo… a me quel ‘non-numero’ mi sta cambiando completamente la vita.

Perché?

Un attimo… quanta fretta… lasciatemi il piacere di scrivere.

Dicevo, ‘zero’, in quel preciso istante un rollio tremendo avvolge l’intera mia persona… sono sospinto, anzi catapultato, entro un vortice … sempre più scuro… nero (le cose che fanno paura, che accrescono l’ansia e la preoccupazione sono sempre nere… anche nel ventennio). Pian piano… dopo mille sollecitazioni, anche violente, intravedo un lumicino… è il segnale che il mio viaggio è vicino alla conclusione.
Entro breve atterrerò nella Palestina di 2002 anni fa.
Immaginate l’emozione, l’impazienza… il timore di aver commesso un errore… sarò pronto? Che farò? Io mi porto appresso un bagaglio di conoscenze impressionante per gli uomini del tempo (tranquilli… chiunque di noi sarebbe in possesso di un bagaglio di conoscenze impensabile per l’anno ‘zero’ – di nuovo quel ‘non-numero’ – figuratevi, anche Berlusconi… Romolo, Remolo e Silviolo).

Atterro… che cazzo! Qui non si atterra da nessuna parte… i motori della macchina del tempo si spengono. Esco… sono nervoso, sudo, l’emozione mi fa vacillare.
Mi guardo intorno… che strano… automobili? Vecchi modelli! Uomini e donne che indossano abiti di qualche decennio fa, anni cinquanta? Che delusione… dove cazzo mi ha condotto questa macchina. Trafelato, ritorno indietro, apro l’abitacolo, controllo il temporizzatore (sarà??)… porca miseria! 10 agosto 1956. Indago sulle possibili cause… quello ******* del tecnico ha sbagliato? Impossibile! Il singhiozzo… NOOOOOOO! Io, quel cazzo di singhiozzo… NOOOO! Me lo sentivo che portava male. Mentre sono in queste faccende affaccendato, incuriosita, si ferma a meno di un metro di distanza da me una bellissima ragazza… Carina!!!! Mi rincuoro… bè, sembra interessata a me… no! Alla macchina… non ne ha mai visto una simile… faccio lo sbruffone e cerco di conquistarla… chissa! E’ proprio carina. Non la conosco… eppure, un’aria familiare… il sorriso… mi affascina e dimentico la mia brutta avventura… mah! Forse si sta già trasformando in una bella avventura ( alle volte si riesce a trovare il bello in ogni luogo)…Non so, c’è del feeling fra noi… Le chiedo il nome… bello… Le dico il mio… silenzio! Come silenzio… vabbè, non fa niente, dai…
Decidiamo di passeggiare per un po’… alla sera l’accompagno a casa… mi dice che fra due giorni deve sposarsi… Le dico, non fa niente… passeggiamo… non so cosa sia stato, non capisco il perché… siamo usciti insieme per gli altri due giorni… Non biasimatemi… era veramente carina… mi attirava… un non so che di familiare… mi ricorda qualcuna… chi???
Ovviamente, niente matrimonio… tutto all'aria.
Dal 13 di agosto, incomincio ad avvertire un certo leggero malessere; che sarà??? Che mi sta accadendo?
Usciamo ancora insieme… niente di compromettente, per carità… non so perché, ma con lei non riuscirei ad andar oltre la piacevolissima compagnia… perché? Eppure, mi attira molto.
Mah! Sarà il viaggio… sarà la mia nuova condizione di naufrago in un’epoca tutta da scoprire e, allo stesso tempo, già nota. 1956… la data mi dice qualcosa… trascorro le giornate vivendo una sempre più intensa sensazione di non essere presente… quasi evanescente… Che c’è… forse devo darmi una controllatine… vediamo se almeno i miei occhi segnalano qualcosa…. Uno specchio… mi guardo… mi guardo… MI GUARDOOOO! Nooo, lo specchio non riflette più la mia immagine… cosa è successo? Con la memoria (scarsa per la verità) torno indietro al primo momento in cui sono comparsi questi strani sintomi… 13 agosto 1956… Come? 13 agosto 1956? Ma è il giorno dopo il matrimonio di mia madre con mio padre… come? Quella ragazza che mi attira tanto ha lo stesso bellissimo nome di mia madre… come? Ho conosciuto mia madre e le ho impedito di sposare mio padre, si sono lasciati… io, in quanto figlio di mia madre e di mio padre, quella madre e quel padre, quell’uomo e quella donna, non sono nato… non sono potuto nascere. Io non sono nato… non esisto… non sono esistito… Ecco perché mi attraeva, ecco perché non potevo andare oltre la dolce e piacevole compagnia…
INCONSCIAMENTE HO RIFIUTATO L’INCESTO… ho sconfitto Edipo e sono svanito.
Poi, mi coglie un dubbio… se io non sono mai esistito, se non sono mai nato, come ho potuto impedire il matrimonio di mio padre con mia madre? Quindi, quel matrimonio ci fu… perché dubitare, allora, che nacquero anche dei figli… i miei fratelli… ma se nacquero loro, come potrei impedirmi di nascere io pure? Evidentemente io ci sono… ma se poi…

Basta… non ho altro tempo… qui fra le ombre ti lasciano troppo spazio per dialogare con i vivi… ho dovuto ricorrere ad uno stratagemma, ma questa è un’altra storia…

Ah, a proposito… poi, al mondo, c’è ancora qualcuno che afferma che lo ‘zero’ ha un qualche valore… per me ha significato il NULLA… forse Cecil ha ragione???? Chi lo sa…


#############


Forse potrei raccontare quando ho vissuto l’avventura di guardare dentro un telescopio e vedere un pianeta del tutto simile alla terra, distante milioni di anni luce, e, grazie al mio telescopio ultratecnologico e ultrapotente, che mi restituiva l’immagine di quel pianeta lontano così come si presentava in quel momento… (solo un problema di velocità della luce… non so come sia possibile… ma qui è possibile), ho potuto vedere un uomo che guardava dentro un telescopio ed osservava un pianeta del tutto simile al suo e dentro questo pianeta c’era un uomo che osservava un pianeta del tutto simile al suo con un telescopio e vedeva un uomo che…

Oppure sarebbe simpatico rompervi i c.g.i.n. con la storia… reale anziché no… di quella volta in cui mi misi a dipingere e, come colto da improvvisa ispirazione, iniziai a ritrarre un uomo su una spiaggia (sempre… sempre… sempre… mare e spiagge) che con il suo cavalletto, i suoi pennelli e colori dipinge un uomo su una spiaggia
che
dipinge una spiaggia con un uomo
che
altro non fa che guardare me, mentre dipingo me…

Ma son certo che vi annoierei oltremodo, quindi mi limiterò a descrivervi i tempi di reazione di un bradipo supersonico… bé se si parla di reazione, non può che avere i reattori supersonici…
Il bradipo è capace di salire su un albero alto 30 metri, cagare (scusate!), scendere giù appena in tempo per vedere il proprio culo che caga…

Accidenti… questa non mi doveva proprio sfuggire… Cecil, ti chiedo scusa… per farmi perdonare, ti dirò:
Il linguaggio dei sordomuti… forse è l’unico linguaggio comprensibile in tutto il mondo… forse domani il mondo sarà pervaso dal mormorio dei sordomuti.
No, non è così… i segni che utilizzano i ciechi… solo quelli sono comprensibili da tutte le genti del mondo, in Italia come in Indonesia etc… Forse… Chissà!

Francamente ero in dubbio se inserire queste immonde cazzate qui o nella pagina surreale… Boh!

BASTAAAAA!


Ciao!
visechi is offline  
Vecchio 19-08-2002, 00.35.18   #4
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
ehm...

rimango sempre più...per la comunicazione a gesti, visiva,...del corpo. Le parole verbali o scritte a volte..... sono proprio inutili.
Se pensiamo per un attimo al "mimo"..quana comunicabilità traspare dai suogi gesti e dall'espressione del suo viso?


Hei, anch'io vorrei salire sulla macchina del tempo, ma per andare nel futuro!
tammy is offline  
Vecchio 19-08-2002, 08.32.50   #5
scultore
 
Messaggi: n/a
Xtammy

Ciao

Quella faccia
che sta uscendo dalla carta
da quelle parole confuse
quella bocca, quel naso perfetti
quella luce riflessa mi ha sorpreso,
sconosciuto il suo esistere
impenetrabile come la faccia del mondo
si staglia, mi acceca
quegli occhi vuoti di solitudine
quelle labbra mute,
il pallore della carta
di una sola e sospirata opera
che porta in fondo
la mia firma.

Immagini allegate
Tipo file: jpg quellafaccia.jpg (14.4 KB, 57 visite)
 
Vecchio 19-08-2002, 08.38.33   #6
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Re: ehm...

Citazione:
Messaggio originale inviato da tammy

Hei, anch'io vorrei salire sulla macchina del tempo, ma per andare nel futuro!

Porta pazienza... per il momento accontentiamoci di quella che ci trasferisce nel passato... per il momento... poi


Per scultore...
Quella faccia... quel mimo??? Barcellona???


Ciao
visechi is offline  
Vecchio 19-08-2002, 08.50.54   #7
scultore
 
Messaggi: n/a
X visechi

Viaggio indimenticabile estate 1995

Immagini allegate
Tipo file: jpg il_battesimo.jpg (21.9 KB, 58 visite)
 
Vecchio 19-08-2002, 11.47.38   #8
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Bonan tagon! (Buon giorno)
Esiste già una lingua internazionale chiamata Esperanto.
Questa lingua è, si può dire, „matematica“ nel senso che è logigica e regolare. Ogni regola grammatical è sempre vigente, cioè, non ci sono eccezioni, e perciò è molto semplice imparare l´esperanto.
L´esperanto è una lingua vivente, basata sulle parole già esistenti nelle lingue nazionali. Io conosco un uomo che ha parlato Esperanto con i suoi bambini, che ora parlano due lingue come “lingua madre”. Libri in tantissime lingue nazionali sono tradotti in esperanto.
Ma penso che l´esperanto sta ancora nascendo, e con lo sviluppo dei raporti internazionali e la cosi detta “globalizazione” il bisogno di una lingua internazionale, neutrale, non nazionale, sará sempre più ovvio. L´esperanto è da tanto tempo diffusa e parlata in tutto il mondo.
Bonan tagon.
Rolando is offline  
Vecchio 19-08-2002, 13.15.54   #9
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
oggi sono in vena..e dopo essermi fatta un fuori vena posso permettermi di rispondere....

Nononono...guarda che la storiella dei numeri l'hanno già inventata i cabalisti.....numeri=lettere.. ..mezzo di comunicazione occulto....
dai flagellatemi..sono un'asessionata da misticismo ebreo
ma me le tirate proprio fuori......hehehehe...
vado a fare una doccia fredda..oggi ho la strana sensazione che finirò col spalancare le finestre ed urlare al mondo intero....HO SCOPERTO L'ACQUA CALDA!
deirdre is offline  
Vecchio 19-08-2002, 16.10.21   #10
Cecil B. Dement
F&D'ers
 
L'avatar di Cecil B. Dement
 
Data registrazione: 14-05-2002
Messaggi: 25
Esperanto: basata sulle parole già esistenti nelle lingue nazionali

=

Lingue nazionali, cioè 8 o al massimo 10 al mondo.

per cui i popoli del Tibet o del Rio delle Amazzoni sono costretti a impaparlo da ZERO.

Citazione:
visechi e la macchina del tempo

Bello il paradosso della tua esistenza.
Ma facciamo un altra ipotesi, più bizzarra, ma non meno interessante.

Siamo nel futuro, un futuro lontano, dove è stata inventata la macchina del tempo.
E' una multinazionale, una super-potenza che controlla molti mercati nel mondo....
Solo una persona può viaggiare, questa organizzazione decide tra i suoi canditati una sola persona, adatta a compiere questo viaggio, decidono un piano, fanno un progetto ambizioso che farà compiere un ulteriore salto di qualità....

Parte il viaggio, lo spediscono nel passato, con la tecnologia di quei giorni, compie cose mirabolanti per quell'epoca grazie a congegni mai visti, fa cose strane e incredibili, cammina sull'acqua (con un congegno che ai suoi tempi è comune a tutti), moltiplica pani e pesci (sempre con un congegno) si fa amare per la sua abilità di linguaggio....ecc. ec...

viene venerato, viene idolatrato....
quest'uomo è chiamato Gesù, poi all'improvviso sparisce.

Ai giorni d'oggi quante persone lo conoscono? milioni
Il libro più venduto? la Bibbia
l'istituzione più potente (anche se non sembra) ? la C h i e s a.

Non potrebbe essere??
chi vi dice che non può essere andata così?

Gli avvenimenti passati potrebbero essere stati già corretti da persone del futuro (se viaggiare nel tempo fosse possibile)

Chi si accorge di questo ?
Cecil B. Dement is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it