Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 14-10-2005, 11.59.11   #1
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
la purezza della lingua

Lo posto qui perché vorrei avere un parere "tecnico". Secondo voi è meglio per la lingua italiana mantenersi pura o lasciarsi contaminare da termini forestieri? Mi riferisco tanto a quella parlata quanto a quella scritta.... a voi la sentenza più o meno ardua....
Mr. Bean is offline  
Vecchio 15-10-2005, 11.52.19   #2
reiniku
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 14-10-2005
Messaggi: 2
secondo me non è possibile mantenere una lingua completamete pura...Il linguaggio è uno strumento evolutivo e in quanto tale in continuo adattamento e trasformazione. E' vero soprattutto che il linguaggio veicola il pensiero e la cultura (noi in fondo pensiamo "ufficialmente" con il linguaggio o comunque l'occidentale confonde il pensiero con il linguaggio). E' un fatto che le culture e le economie dominanti basino proprio il loro dominio sulla divulgazione della loro lingua..Oggi come tutti sanno questa lingua dominante è l'inglese che, non solo è considerata la prima lingua straniera da imparare in tutti i paesi (forse non ancora in tutti i paesi medioorientali dove primeggia ancora il francese come prima lingua straniera)ma che entra nel lessico quotidiano con un 'infinità di parole che a loro volta veicolano più o meno inconsciamente determinate concezioni delle cose. E' risaputo che tutte le forme più strutturate di colonialismo, antico o moderno, partono essenzialmete da un colonialismo linguistico. per questo certi intellettuali in passato (come ad esempio Mishima in Giappone negli anni 60-70) si sono battuti contro l'intrusione dei termini occidentali, inglesi soprattutto.
reiniku is offline  
Vecchio 02-10-2011, 19.52.49   #3
Toni Monti
Ospite
 
Data registrazione: 28-09-2011
Messaggi: 8
Riferimento: la purezza della lingua

Mi fa piacere rispolverare questo argomento, per farvi una domanda: secondo voi, la nostra Madre Lingua, si evolve oppure,soccomberà?
Toni Monti is offline  
Vecchio 04-10-2011, 01.48.56   #4
variabile + fisso
fuori dal branco è bello
 
L'avatar di variabile + fisso
 
Data registrazione: 10-08-2011
Messaggi: 101
Riferimento: la purezza della lingua

Citazione:
Originalmente inviato da Mr. Bean
Lo posto qui perché vorrei avere un parere "tecnico". Secondo voi è meglio per la lingua italiana mantenersi pura o lasciarsi contaminare da termini forestieri? Mi riferisco tanto a quella parlata quanto a quella scritta.... a voi la sentenza più o meno ardua....

A mio parere, non è migliore una direzione piuttosto che l'altra, ma solo diversa. Poter pensare a quale differenze, questo è arduo.

Citazione:
Originalmente inviato da reiniku
E' vero soprattutto che il linguaggio veicola il pensiero e la cultura (noi in fondo pensiamo "ufficialmente" con il linguaggio o comunque l'occidentale confonde il pensiero con il linguaggio).

reiniku, non potevi dire cosa più giusta. Pienamente condivisibile, volevo ineffetti creare una nuova discussione proprio su questo.
variabile + fisso is offline  
Vecchio 04-10-2011, 14.06.48   #5
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: la purezza della lingua

La lingua italiana, come ogni altra lingua, è continuamente "contaminata" da altri idiomi per i rapporti di ogni genere che ogni popolo ha con gli altri.
Nel mondo globalizzato di oggi ed ancor più in quello di domani tutti i rapporti sono verosimilmente destinati ad aumentare e gli idiomi ne risentiranno sempre più nella direzione della "contaminazione".

E' sempre stato così nonostante siano testimoniati dalla storia tentativi di preservare una lingua nella sua purezza: ultimo, l'inutile tentativo praticato nel ventennio fascista.

Occorrerebbe un "magnifico isolamento", per usare una espressione che riguarda la religione ebraica e che è stata appllicata erroneamente a quella ... ma sarebbe poi magnifico?

Quando una cultura di tipo scientifico, umanistico, religioso o ideologico si impone e si espande conquista spazi linguistici per l'idioma portatore di quelle culture. L'esempio più attuale è quello del linguaggio informatico, con la scienza informatica inevitabilmente si trascina anche la lingua che la esprime.

Ogni tipo di scambio fra gli esseri umani può trascinare le lingue e di solito le trascina. Se è prevalente nella direzione che dal più "forte" va verso gli altri tuttavia la penetrazione è in qualche misura sempre a doppio senso di marcia.
In certo modo e misura vale il detto: Graecia capta ferum victorem cepit

Talvolta il fenomeno della "contaminazione" ha luogo in virtù della forza politica e militare, ed è dunque quasi obbligato.

Gli idiomi puri, in conclusione, non possono esistere, non sono forse mai esistiti e tanto meno sembra che possano esistere in futuro....a meno che i popoli non giungano ad avere una medesima e sola lingua nel qual caso però gli inevitabili dialetti ancora "contaminerebbero" quell'unico idioma ufficiale.

( Mi piacerebbe che la lingua italiana "contaminasse" con la sua fonologia tutte le altre )
Giorgiosan is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it