Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 09-03-2006, 09.22.39   #11
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
ma non si poteva restare in geometria che usa modelli più lineari e comprensibili?

Degli ultimi due post non ho capito due cose fondamentali:

1) La logicità dei dati presi come base di partenza per lo sviluppo del concetto di Weyl,
....ed ancor più grave
2) cosa si vuole dimostrare.

maxim is offline  
Vecchio 10-03-2006, 15.26.27   #12
Jack Sparrow
Pirate of the Caribbean
 
L'avatar di Jack Sparrow
 
Data registrazione: 23-05-2005
Messaggi: 363
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
ancor oggi talune persone affermano orgogliose,
IO SONO UN COMUNISTA!

...cambiassero almeno quel termine...
pensa che ancor oggi talune persone affermano orgogliose,
IO SONO UN CATTOLICO!

...cambiassero almeno quel termine...

saluti
Jack Sparrow is offline  
Vecchio 10-03-2006, 16.33.41   #13
(XH)
...?!
 
L'avatar di (XH)
 
Data registrazione: 30-01-2006
Messaggi: 106
La similtudine geometrica è perfettamente applicabile alle ideologie poichè, essendo ideologie, sono puramente soggettive (non ne esiste una "migliore").
Va però fatta attenzione ai mezzi con cui una data ideologia viene applicata e a quei contenuti che negano le libertà fondamentali dell'uomo. Questo è quello che rende un'ideologia (o l'applicazione di essa) un gradino (molto alto) "inferiore" alle altre.
(XH) is offline  
Vecchio 10-03-2006, 20.51.10   #14
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Re: Re: Non è affatto vero.

Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl
Non mi soffermo sul merito della questione: in questa sezione preferirei approfindire questioni più specifiche.
Intendo: l'equivalenza nazismo-comunismo non può essere concepita "more geometrico", ed è un insulto ad entrambe le parti senza che vi si ponga un centro.
Mi interessa di più l'ipotesi logaritmica di kantaishi, secondo il quale, tra qualche secolo, l'intelligenza umana si disporrà in modo tale per cui il solo 5% della popolazione potrà essere classificato come superiore al 40° percentile della distribuzione complessiva.
Ora, l'unica equazione che ho trovato, la quale rispetti i criteri proposti dall'amico, conduce alla seguente conclusione: in quella società del futuro solo l'1,38% della popolazione soddisferebbe i requisiti di "mediocrità" delle potenzialità intellettive, mentre il il 98,62% starebbe al di sotto.
I numeri stessi indicano l'impossibilità di un assetto democratico di quella, presupposta, società futura: in essa, a quanto pare (e me ne rallegro) gli imbecilli applauderebbero al Duce ed al Fuehrer, ma anche, suppongo, all'ideologia marxiana.

Pongo, però, all'amico, la seguente questione: dato che, in una società simile, la democrazia (la quale si fonda non solo su un presupposto giuridico di "uguaglianza", ma anche sull'intento antropologico di appianare le "differenze") non potrebbe neppure lontanamente essere ipotizzata come modalità di governo;
dato che, inoltre, le differenze all'interno di quell'1,38% sarebbero mastodontiche, al punto che, se essi fossero un miliardo (il che presupporrebbe una popolazione mondiale di un centinaio circa di miliardi di individui), solo poche decine supererebbero il 90° percentile, ossia il livello di "eccellenza":

ne consegue che:
1) in quella società del futuro il consenso al nazifascicomunismo varrebbe tanto quanto l'adesione che diamo, oggi, a proverbi del tipo "Rosso di sera, bel tempo si spera";
2) la distanza tra coloro che confidano in convinzioni e idee, e coloro che le "producono", sarebbe talmente grande, da assomigliare a quella che intercorre tra il contadino e le sue vacche.
Giusto?

Ho un senso vago di inquietudine per coloro che, assomigliandomi, mi seguiranno.
Ostaggi, in mano al Destino.

Salve,
io non ho parlato del futuro ma del passato fino al 1991.
Io sono un insegnante e fino a quell'anno si facevano in classe dei test di intelligenza generale e i risultati sono quelli che ho scritto nel mio post.
Poi qualcuno(io per primo)andava a spifferare ai genitori degli alunni i risultati dei test e così quei test sono stati eliminati.
Riguardo al nazismo:
volendo essere ottimista io credo di essere una delle 200 o forse 300 persone che in Italia sanno"cos'è" il Nazismo.
Lo riassumo in tre parole?
Il Nazismo Gerarchico Tedesco non è altro che un tentativo di rinascita del Cristianesimo medievale.
E sfido chiunque a dimostrarmi il contrario.

Pacebbene.

Kantai-Shi.
kantaishi is offline  
Vecchio 11-03-2006, 16.11.31   #15
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
crimini comunisti
olocauto comunista

Inserito il 25 novembre 2005 da anonimo - nocomunismo=pacenelmondo

elenco di alcune delle delle stragi compiute dai regimi comunisti nel secolo appena trascorso:

- URSS, 20 milioni di morti,
- Cina, 65 milioni di morti,
- Vietnam, un milione di morti,
- Corea del Nord, 2 milioni di morti,
- Cambogia, 2 milioni di morti,
- Europa dell'Est, un milione di morti,
- America Latina, 150 mila morti,
- Africa, un milione 700 mila morti,
- Afghanistan, un milione 500 mila morti,
- movimento comunista internazionale e partiti comunisti non al potere, circa 10 mila morti.

queste cifre sono esatte, basta fare una ricerca "crimini comunismo" per trovare tutto. è inutile affermare che il comunismo teorico è perfetto se in tutti i paesi ha portato nella pratica i stessi risultati.. tutte le ideologie se escono dalla teoria senza capacità mediativa risultano criminali..
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 11-03-2006, 17.31.39   #16
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Citazione:
Messaggio originale inviato da Jack Sparrow
pensa che ancor oggi talune persone affermano orgogliose,
IO SONO UN CATTOLICO!

...cambiassero almeno quel termine...

saluti

E bravo il nostro Sparrow!!!

kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 11-03-2006, 17.35.34   #17
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Citazione:
Messaggio originale inviato da SebastianoTV83
crimini comunisti
olocauto comunista

Inserito il 25 novembre 2005 da anonimo - nocomunismo=pacenelmondo

elenco di alcune delle delle stragi compiute dai regimi comunisti nel secolo appena trascorso:

- URSS, 20 milioni di morti,
- Cina, 65 milioni di morti,
- Vietnam, un milione di morti,
- Corea del Nord, 2 milioni di morti,
- Cambogia, 2 milioni di morti,
- Europa dell'Est, un milione di morti,
- America Latina, 150 mila morti,
- Africa, un milione 700 mila morti,
- Afghanistan, un milione 500 mila morti,
- movimento comunista internazionale e partiti comunisti non al potere, circa 10 mila morti.

queste cifre sono esatte, basta fare una ricerca "crimini comunismo" per trovare tutto. è inutile affermare che il comunismo teorico è perfetto se in tutti i paesi ha portato nella pratica i stessi risultati.. tutte le ideologie se escono dalla teoria senza capacità mediativa risultano criminali..

Salve,
la somma di tutti quei morti non eguaglia il numero di Ebrei ammazzati dai cristiani in 1500 anni :secondo una stima abbastanza realistica: 250 milioni.

Shemà Yisrael.

Kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 12-03-2006, 23.02.02   #18
Lenin
Marxista
 
L'avatar di Lenin
 
Data registrazione: 12-02-2005
Messaggi: 78
Faccio un gigantesco collage di frasi che non riesco ad accettare.

Citazione:
La teoria socialista (per ora) è una dottrina puramente utopica

Ti ricordo che cardine del movimento socialista/comunista (fino al 1917 i due termini erano sinonimi) è stato la divisione tra programma massimo e programma minimo. Il primo era la rivoluzione socialista, il secondo era la rivendicazione di diritti sociali, economici e politici.
Entrambi i punti facevamo a tutti gli effetti parte del programma, si citavano a vicenda.
Ebbene il secondo punto è stato egregiamente sviluppato, non portato a termine ma egregiamente dibattuto e in parte realizzato.
Andiamoci piano a parlare di utopia.

Citazione:
Concezione geometrica sul perché il fascismo è uguale al comunismo.

Chiunque confonda la geometria, scienza basata sulla matematica e quindi su concetti astratti matematici, con le idee, le persone, i partiti, tutte cose concrete, non merita una risposta.
E' come se cercassi di dimostrare che votare Berlusconi è sbagliato parlando dell'area del cerchio.

Citazione:
La cina comunista e capitalista è una realtà.

La cina è comunista o capitalista??? Deciditi. Prima era comunista e ora è capitalista? Bene, è curioso notare allora che la violazione dei diritti umani, le condizioni inumane di dittatura sono uguali ora come allora.

Citazione:
Tutti i tentavi di mettere in pratica le teorie del comunismo sono stati fallimenti in un bagno di sangue.

Questo è un commento da forum di quintordine non da "riflessioni" nella sezione "filosofia".
Si è cercato di mettere in pratica le idee di chi? Perchè le idee di LEnin non sono quelle di Marx, che non sono quelle di Plechanov, che non sono quelle di Martov, etc...
E Lenin ha cercato di realizzare un comunismo in Russia CONTRO Martov, Plechanov, pur essendo tutti e tre marxisti.
Allora è di fronte alla realtà, alla pluralità della storia che questi schemettini di voi anti-comunisti crollano.
Primo perchè IL comunismo non esiste, ma esistono I comunismi, diversi, plurali.
Secondo perchè il comunismo è un sistema economico, non un sistema politico. Il capitalismo è l'avversario del comunismo, non il fascismo.
Mettendo insieme fascismo e comunismo si mette insieme pere e astronavi, due cose non omogenee.
L'uno è un progetto di struttura economica, l'altro è un movimento politico.

Citazione:
Ma se tutti avessero ragione allora comunista=fascista=liberale=PO TERE!
E' forse questa l'equazione esatta?

No. Il comunismo come movimento politico si basa sugli stessi valori di fondo del liberalismo. Il fascismo no.
Il fascismo nasce come rifiuto degli ideali della rivoluzione francese, dell'illuminismo.
Il comunismo è il liberalismo si pongono come evoluzione di questi valori, non come loro negazione.
Tra i tre l'intruso è il fascismo, perchè nega alla sua base la democrazia e i diritti umani, ciò non fanno gli altri due.

Citazione:
Tutti gli estremi covano in sè cellule maligne dormienti pronte a scatenarsi nel terreno fertile dell'ignoranza.

Il liberalismo è l'estremismo del 1700. Il tuo discorso è esattamente quello che avrebbe potuto fare un nobile settecentesco di fronte a quei terroristi liberali che vogliono minare le solide basi del regno di sua maestà.

Ciò che bisogna fare per uscire dalla banalità è analizzare caso per caso.
Il marxismo non è un'ideologia di morte. Il liberalismo neppure. Il fascismo si.

Citazione:
Il Nazismo Gerarchico Tedesco non è altro che un tentativo di rinascita del Cristianesimo medievale.
E sfido chiunque a dimostrarmi il contrario.

Nel medioevo non esisteva il capitalismo. Il nazismo del 1930 è la diretta conseguenza dei movimenti economici capitalisti. La crisi del '29, la struttura capitalista della società, la nuova concezione della politica nata nel 1789, la nuova concezione di sovranità popolare, sono tutti elementi da cui il nazismo non può prescindere. Tutti sono elementi che nel medioevo non esistevano.

Citazione:
crimini comunisti
olocauto comunista

Fai il conto dei crimini capitalisti, dell'olocausto capitalista di ora, di sempre, e facciamo un confronto di cifre.

Citazione:
la somma di tutti quei morti non eguaglia il numero di Ebrei ammazzati dai cristiani in 1500 anni :secondo una stima abbastanza realistica: 250 milioni.

Questo non fa del Cristianesimo un'ideologia di morte.
Quello che tutti i patetici anticomunisti non capiscono, è che un'idea non è un agente fisico, un assassino reale.
Gli assassini sono le persone fisiche che compiono l'atto.
Se queste persone si spacciano per chissaccheccosa è irrilevante.
La propaganda di un regime non è sostanza, è essenza, è fumo negli occhi.
Così come un papa del 1300 poteva dire cosa voleva, ma le crociate sono contro i valori cristiani, non sono cristianesimo, così i Gulag non sono il comunismo.
Stalin sta al papa, come i gulag stanno alle crociate.
Il Cristianesimo non è un'ideologia di morte, così come non lo è il comunismo.
Lenin is offline  
Vecchio 13-03-2006, 00.54.26   #19
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
[quote][i]Messaggio originale inviato da Lenin [


Gli assassini sono le persone fisiche che compiono l'atto.
Se queste persone si spacciano per chissaccheccosa è irrilevante.
La propaganda di un regime non è sostanza, è essenza, è fumo negli occhi.
Così come un papa del 1300 poteva dire cosa voleva, ma le crociate sono contro i valori cristiani, non sono cristianesimo, così i Gulag non sono il comunismo.
Stalin sta al papa, come i gulag stanno alle crociate.
Il Cristianesimo non è un'ideologia di morte, così come non lo è il comunismo. [/b][/QUO

Vi sono idee che non uccidono, ma che armano le mani.
Non condannano le vittime, certo, ma assolvono i carnefici.
Il marxismo appartiene ad esse, come il cristianesimo, l'islam e i molti fascismi.

Non mi risultano eccidi in nome di Popper, di Keynes o Adam Smith, Stuart Mill o von Mises.
Certo, tu replicherai citando le vittime del commercio internazionale, etc etc.
Ma esse stanno alle idee dei pensatori di cui sopra come le equazioni di Maxwell stanno ai morti per folgorazione.
In nome di Lenin, Stalin, Hitler, Mussolini si è aggredito e ucciso: in forza di quelle ideologie ci si è sentiti motivati e giustificati a farlo, e infine assolti.
Certo che i gulag non sono il comunismo.
Ma essi vennero creati al fine di consentirne la "realizzazione".
Anche i Lager nazionalsocialisti, anch'essi "non sono" il nazismo: ma furono concepiti al fine di realizzare la rivoluzione hitleriana.

Neppure i carri armati sovietici che rotolarono su Praga professavano intenzioni e sciorinavano teorie: questo era il compito di chi ve li inviava.
E in grazia di esse, quella fu spacciata per "liberazione".

Certo, tu dirai che i cecoslovacchi erano in realtà comunisti: "veri" comunisti.
Anche Lutero era un "vero" cattolico, anche la sua riforma voleva essere più cattolica e cristiana del cristianesimo stesso.
E nel nome dell'una e dell'altra milioni di uomini, donne e bambini furono trucidati e arsi vivi.

Mai nessuno fu dato al rogo in nome di Voltaire, nessun uomo fu inviato in manicomio, per esservi sanato dalle proprie devianze ideologiche, nessuno in nome di Russell e Popper.

Occorre prudenza, amico mio, perchè ciò che oggi tu definisci "propaganda", solo ieri era venduto, nel nome dei tuoi stessi ideali, come "informazione" e "verità".
Weyl is offline  
Vecchio 13-03-2006, 02.08.14   #20
olypaul
Ospite
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 38
Citazione:
Messaggio originale inviato da kantaishi

Salve,
la somma di tutti quei morti non eguaglia il numero di Ebrei ammazzati dai cristiani in 1500 anni :secondo una stima abbastanza realistica: 250 milioni.

Shemà Yisrael.

Kantai.

Le persone vengono ammazzate da altre persone per estendere il proprio potere politico ed economico, e la religione viene usata come pretesto e collante per compattare e arruolare le coscienze a questo scopo.
Io leggo 250 milioni di persone vittime di altre persone, e altre ancora a New York, Madrid, Tel Aviv, Bagdad, e ritengo sia riduttivo e banale portare la discussione sul piano religioso.
A meno che non interessi capire la storia dell'umanità, ma voler dimostrare qualcos'altro.

Ultima modifica di olypaul : 13-03-2006 alle ore 02.10.34.
olypaul is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it