Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 04-04-2006, 12.09.45   #21
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da Leonardo Monopoli
Maxim scrive: Non essendo mai possibile l’assemblaggio completo dell’uomo se non concependo un’entità divina, non potremo mai ritornare NOI…ed è un gran bel sollievo.
Se accettiamo questo bene…altrimenti, nessun problema…la nostra mente prevede in dotazione idee intuitive per tutti i gusti e per tutte le situazioni.

Queste parole mi sembrano dettate dal lieve disprezzo per chi non avrebbe il coraggio di accettare la propria fine. Cioè l'autore lascia intendere, almeno a me, che coloro che mancano di coraggio possono pur sempre rifugiarsi in idee intuitive secondo il loro gusto.
Non è così, perché nessuna ipotesi è da scartare, nessuna congettura è una illusione, fino a quando non abbiamo la prova che sia così, e come sappiamo da Popper nessuna prova è decisiva, può sempre venire un momento nel futuro che un fatto si scopre essere vero o falso, mentre prima l'avevamo ritenuto il contrario, senza ombra di dubbio.
La speranza non è una illusione, come ci insegna Bloch, ma è il motore della vita.
Non è che aveva ragione Pasolini quando scriveva amareggiato che gli uomini del futuro (cioè noi) sarebbero stati privi di pietà e di speranza e possessori solo del futuro?

Chi si è preso la briga di leggermi potrà comprendere quanto io ritenga fallibili i miei pensieri quindi, per me, potrebbe anche essere vero che gli asini volano.
Purtroppo a volte dobbiamo fare i conti con la nostra "fallibilissima" ragione. Non possiedo altri strumenti per potermi difendere...si..avrei anche l'intuizione per dire il vero ma se la sottopongo ad esame della di cui sopra ragione non faccio molta strada...anzi ne faccio parecchia ma non è convincente.
Se sottopongo ad esame ragionevole ad esempio la reincarnazione, gli elementi che possiedo in questo momento mi fanno presumere che non sia possibile.

...però potrei cambiar idea da un post all'altro...

maxim is offline  
Vecchio 04-04-2006, 12.47.00   #22
Leonardo Monopoli
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2006
Messaggi: 94
Io non ho potuto leggere i tuoi post precedenti, caro Maxim, per il fatto che sono nuovo qui... e mi premeva introdurre subito il mio argomento del cuore, cioè l'eterno ritorno.
Detto questo, dopo aver letto il tuo ultimo post al quale rispondo, mi rendo conto che la Verità non la scopriremo mai, e se c'è un Dio è questa nostra insicurezza che Egli vuole.
Mi complimento per la tua "leggerezza" (del resto io parlavo prima di "lieve" disprezzo) che ti consente quell'antidogmatismo necessario a chi è in "ascolto" delle istanze che provengono dalla Realtà ed è pronto a cambiare idea. Ti auguro di essere felice in questa leggerezza... che è anche la mia, che congetturo a volte contraddicendomi. Ma che fa se ci si contraddice nella ragione, quando il cuore può restare saldo e forse anche puro?
Leonardo Monopoli is offline  
Vecchio 04-04-2006, 13.20.45   #23
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
"quando tempo trascorre tra la fine dell'universo X(n) e l'inizio dell'universo X(n+1)?"

io contunuo a ritenere che tale domanda -- presupposta sensata dalla teoria dell'eterno ritorno -- sia un nonsense.


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 04-04-2006, 15.11.57   #24
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da Leonardo Monopoli
Io non ho potuto leggere i tuoi post precedenti, caro Maxim, per il fatto che sono nuovo qui... e mi premeva introdurre subito il mio argomento del cuore, cioè l'eterno ritorno.
Detto questo, dopo aver letto il tuo ultimo post al quale rispondo, mi rendo conto che la Verità non la scopriremo mai, e se c'è un Dio è questa nostra insicurezza che Egli vuole.
Mi complimento per la tua "leggerezza" (del resto io parlavo prima di "lieve" disprezzo) che ti consente quell'antidogmatismo necessario a chi è in "ascolto" delle istanze che provengono dalla Realtà ed è pronto a cambiare idea. Ti auguro di essere felice in questa leggerezza... che è anche la mia, che congetturo a volte contraddicendomi. Ma che fa se ci si contraddice nella ragione, quando il cuore può restare saldo e forse anche puro?

Magari caro Leonardo fossi sicuro di contraddirmi solo nella ragione. Ne possediamo solamente una ed il risultato che produce è l’unico del quale ci si debba fidare (nell’istante). Non dare fiducia alla propria ragione è non dare fiducia a se stessi.
Il problema sorge nel momento in cui il risultato prodotto dalla ragione si scontra con quello prodotto dal cuore, dall’istinto e dai sentimenti e questi ultimi si sa, sono molti più forti...ma di che preoccuparsi?...in quel momento è stata la ragione stessa a suggerimenti di dare ascolto ai sentimenti e di lasciarla perdere.

Piuttosto…

Supponendo che l’eterno ritorno sia verità assolutaa te, ed in questo istante……cosa importa saper di ritornare non sapendo di essere già esistito?
maxim is offline  
Vecchio 04-04-2006, 16.09.27   #25
Leonardo Monopoli
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2006
Messaggi: 94
Caro Maxim, l'eterno ritorno può far comodo a chi nella vita ha avuto solo rose; io che sono disabile - anche se non dalla nascita - ho conosciuto le spine invece. Ma anche se avessi conosciuto le rose senza spine, che giudizio mi farei di questo eterno ritorno, che mi sembra la ripetizione del caos rappresentato dalla vita, il caos più completo? Pensa a come sarebbe la ripetizione di un figlio abortito: dovrebbe riformarsi in eterno nella pancia della madre anch'essa eternamente ritornante, per non nascere mai, quel figlio, per essere mera vita intrauterina... Insomma, almeno in questa fase della mia vita, mi affido a una speranzosa ricerca che contraddica l'eterno ritorno, che resta comunque la mia "idea fissa".

Ultima modifica di Leonardo Monopoli : 04-04-2006 alle ore 16.11.24.
Leonardo Monopoli is offline  
Vecchio 04-04-2006, 16.34.51   #26
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da Leonardo Monopoli
Caro Maxim, l'eterno ritorno può far comodo a chi nella vita ha avuto solo rose; io che sono disabile - anche se non dalla nascita - ho conosciuto le spine invece. Ma anche se avessi conosciuto le rose senza spine, che giudizio mi farei di questo eterno ritorno, che mi sembra la ripetizione del caos rappresentato dalla vita, il caos più completo? Pensa a come sarebbe la ripetizione di un figlio abortito: dovrebbe riformarsi in eterno nella pancia della madre anch'essa eternamente ritornante, per non nascere mai, quel figlio, per essere mera vita intrauterina... Insomma, almeno in questa fase della mia vita, mi affido a una speranzosa ricerca che contraddica l'eterno ritorno, che resta comunque la mia "idea fissa".

Io infatti concordo con la tua idea…e ci sarà modo di spiegare meglio.

Permettimi una cosa però…
Chi fa filosofia non dovrebbe mai affermare…”per chi nella vita ha avuto solo rose"
Rifletti su quella frase e scoprirai quanto falsa essa sia!
maxim is offline  
Vecchio 04-04-2006, 16.49.45   #27
Leonardo Monopoli
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2006
Messaggi: 94
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
Io infatti concordo con la tua idea…e ci sarà modo di spiegare meglio.

Permettimi una cosa però…
Chi fa filosofia non dovrebbe mai affermare…”per chi nella vita ha avuto solo rose"
Rifletti su quella frase e scoprirai quanto falsa essa sia!

Rifletto sulla frase e ti dico che è una iperbole voluta. Lo so bene che nessuno è esente da guai o spine, ma non si può nemmeno dire che la vita è uguale per tutti, alla fine dei conti, almeno fino alla decurtisiana "livella" della morte. Se ci fosse una possibilità di guarigione per un disabile, magari con le cellule staminali, ti pare che lui preferirebbe restare malato? E allora vedi che è meglio essere sano che malato! E se poi gli andiamo a dire: guarda, tu sarai disabile per l'eternità, nell'eterno ritorno dell'uguale, quello un tantino si dispiacerà, non pensi? D'accordo, può anche fare filosofia e adempiersi in qualche modo, ma gli resterà comunque un desiderio di sanità irrealizzato, insieme ad altri desideri che non avrà potuto realizzare a motivo del suo stato di salute. Comunque, bando alla tristezza e coraggio (mi dico)!
Leonardo Monopoli is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it