Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-05-2006, 21.23.20   #21
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
..Non mi risulta! Quando si sogna si è anche in grado di credere di stare sognando o di sognare di ricordare sogni fatti ! (Non è successo solo a me, beninteso! Quindi come "prova" di differenza la lascerei perdere..!
Non intendevo questo, gyta.
Io volevo dire che quando siamo nel mondo della veglia siamo coscienti dell'esistenza del mondo onirico, quando siamo nel mondo onirico non siamo coscienti del mondo della veglia.
Quindi, nel mondo onirico c'è solo il sogno, nel mondo della veglia c'è il sognatore e il sogno.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Sul fatto che nessuno può entrare nel sogno dell'altro.. questo sarebbe da verificare...
E allora forse ne potremmo discutere quando l'avremo verificato.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

" 'trascendere' il pensiero significa 'svegliarsi' " : sì, penso di essere d'accordo..Ma questa affermazione così scritta sembra esprimere bene un pensiero più d' interiorità che non espressione di una sorta di metodo filosofico;
Come ho detto in precedenza, io non sono una studiosa, gyta, ma una sperimentatrice. Ed esprimere con le parole un'esperienza, è fuorviante. Ognuno interpreterà quelle parole in base al suo livello culturale e di consapevolezza.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Anzi questa frase così riassunta da te sembrerebbe affermare che la cosiddetta "realtà" sia dunque "sogno" poiché è prettamente attività del.. pensare!
Sogno, è quando sei nel pensiero; quando sei fuori del pensiero, improvvisamente conosci la realtà.


cincin is offline  
Vecchio 07-05-2006, 17.00.33   #22
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
volevo dire che.. quando siamo nel mondo onirico non siamo coscienti del mondo della veglia.


E' cosa più rara ma accade anche questo! Come ho cercato di spiegare.
Accade di essere, mentre dormiamo e sogniamo, coscienti di stare dormendo e sognando e di ricordare la distinzione con l'esser svegli.

Citazione:
Ed esprimere con le parole un'esperienza, è fuorviante. Ognuno interpreterà quelle parole in base al suo livello culturale e di consapevolezza.

Di sicuro è "fuorviante"! Ma ho sempre pensato che bastasse conoscere sufficientemente bene l'uso di una lingua per poter comprendersi e comunicare qualunque tipo di esperienza e di studio. Come ben sai il compito dei divulgatori scientifici è proprio questo: portare il sapere alla portata di chiunque abbia una diversa conoscenza formativa. Mi auguro sia sempre più incoraggiata questa volontà di rendere la comunicazione ad un buon livello di comprensibilità e di partecipazione per tutti.

Citazione:
Sogno, è quando sei nel pensiero; quando sei fuori del pensiero, improvvisamente conosci la realtà.

Questa frase a me sta benissimo! Perché ne colgo il messaggio di sintesi, dove si riassume tutto il percorso verso la conoscenza spirituale dell'essere.
Ma se come dici sei sperimentatrice allora capirai sicuramente il disagio che un comune mortale distante dal tua esperienza può provare di fronte a certe parole senza una transazione che ne delinei il percorso.
Pure a me, spesso piace la sintesi, così sforo in monologhi pseudo-poetici ma la ricerca filosofica richiede una sorta di processo dimostrativo a supporto delle idee personali, e con ciò dovrebbe distinguersi dalla fantasia e dalla fantascienza (anche se non sempre avviene! ) Solo alla religione è data la possibilità di contare su "salti quantici" alla cui dimostrazione nulla è realmente dovuto.
Insomma, come ripeto: benissimo per il tuo concetto.. Tant'è ch'era nelle mie intenzioni nello scritto "semi-poetico" provocare un sentimento di questo tipo ma nella più semplice logica della coerenza del comunicare manca a mio avviso un qualche passaggio per far comprendere perché diamine l'assenza di pensiero risulti l'unica caratteristica peculiare della tanto indagata realtà.
Se la 'realtà' è solo assenza di pensiero allora i vegetali probabilmente (li amo, ma le mie conoscenze sono scarne.. tranne il fatto che amino oltre chopin anche i pink ) sono gli unici assieme ai minerali ad abbracciare in pieno tale dimensione.
[Hai "gettato il sassolino".. io l'ho raccolto come spesso mi capita di fare.. ]

P.S.: Esprimere con le parole un'esperienza è spesso fuorviante quando hai a che fare con la Santa Inquisizione.. o con qualcuno che elasticamente abbia problematiche serie.. Differentemente non c'è ambito migliore dove poter far valere appieno il potere seppur limitato del linguaggio nemmeno troppo povero che abbiamo a disposizione! Non ci sono solo i poeti, ci sono anche i pensatori oltre gli sperimentatori!



Gyta

Ultima modifica di gyta : 07-05-2006 alle ore 17.04.54.
gyta is offline  
Vecchio 07-05-2006, 18.53.54   #23
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

E' cosa più rara ma accade anche questo! Come ho cercato di spiegare.
Accade di essere, mentre dormiamo e sogniamo, coscienti di stare dormendo e sognando e di ricordare la distinzione con l'esser svegli.

Tu ne hai mai fatto esperienza, gyta?

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Ma se come dici sei sperimentatrice allora capirai sicuramente il disagio che un comune mortale distante dal tua esperienza può provare di fronte a certe parole senza una transazione che ne delinei il percorso
Di sicuro lo capisco, tanto che ho più volte affermato che descrivere un'esperienza è molto difficile e può portare ad errate interpretazioni.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Pure a me, spesso piace la sintesi, così sforo in monologhi pseudo-poetici ma la ricerca filosofica richiede una sorta di processo dimostrativo a supporto delle idee personali, e con ciò dovrebbe distinguersi dalla fantasia e dalla fantascienza (anche se non sempre avviene! ) Solo alla religione è data la possibilità di contare su "salti quantici" alla cui dimostrazione nulla è realmente dovuto.
[/b]
Sono d'accordo, gyta.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Insomma, come ripeto: benissimo per il tuo concetto.. Tant'è ch'era nelle mie intenzioni nello scritto "semi-poetico" provocare un sentimento di questo tipo ma nella più semplice logica della coerenza del comunicare manca a mio avviso un qualche passaggio per far comprendere perché diamine l'assenza di pensiero risulti l'unica caratteristica peculiare della tanto indagata realtà.
[/b]
Tu sei più brava di me a parlare, gyta; perchè non provi a spiegarlo tu?

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

Se la 'realtà' è solo assenza di pensiero allora i vegetali probabilmente (li amo, ma le mie conoscenze sono scarne.. tranne il fatto che amino oltre chopin anche i pink ) sono gli unici assieme ai minerali ad abbracciare in pieno tale dimensione.
[Hai "gettato il sassolino".. io l'ho raccolto come spesso mi capita di fare.. ]
[/b]
In un certo senso è vero, solo che i vegetali non ne sono consapevoli.

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

P.S.: Esprimere con le parole un'esperienza è spesso fuorviante quando hai a che fare con la Santa Inquisizione.. o con qualcuno che elasticamente abbia problematiche serie.. Differentemente non c'è ambito migliore dove poter far valere appieno il potere seppur limitato del linguaggio nemmeno troppo povero che abbiamo a disposizione! Non ci sono solo i poeti, ci sono anche i pensatori oltre gli sperimentatori!
[/b]
Ma chi ha espresso il dubbio tra sogno e realtà, in questo topic, si riferisce a un'esperienza che ha vissuto e allora egli è pensatore e sperimentatore allo stesso tempo.
cincin is offline  
Vecchio 07-05-2006, 19.09.27   #24
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Pace&Bene.. Cincin!!

Yah! Yes!
[Scrivo su ciò che intendo. Ho specificato sulla mia (e non solo) esperienza personale]

Chiunque abbia voglia di rendersi comprensibile "scrive bene"
Di sicuro non posso scrivere al posto di un altro..



Gyt@-volte-la-cavillatrice
gyta is offline  
Vecchio 07-05-2006, 19.47.17   #25
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da cincin
[b]Non intendevo questo, gyta.
Io volevo dire che quando siamo nel mondo della veglia siamo coscienti dell'esistenza del mondo onirico, quando siamo nel mondo onirico non siamo coscienti del mondo della veglia.
Quindi, nel mondo onirico c'è solo il sogno, nel mondo della veglia c'è il sognatore e il sogno.


Ecco questo e' importante e corretto.
Da dove provengono i contenuti del Sogno?

Ci sono ancora due stati oltre alla Veglia e al Sogno ......
Yam is offline  
Vecchio 07-05-2006, 19.51.13   #26
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Si.. : Lo Stato di Necessità & Lo Stato d' An@rchia!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 07-05-2006, 19.52.01   #27
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Si.. : Lo Stato di Necessità & Lo Stato d' An@rchia!



Gyta

Che ne dici cincin?

edit: ...sono dissolvimenti.....esattamente come in meditazione .....esattamente come quando moriremo...?

Ultima modifica di Yam : 07-05-2006 alle ore 20.01.47.
Yam is offline  
Vecchio 08-05-2006, 08.36.30   #28
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Io è così che mi so esprimere, gyta; chi è interessato mi chiederà chiarimenti.
Ciao
cincin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it