Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 19-06-2006, 19.31.52   #11
Leonardo Monopoli
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2006
Messaggi: 94
Alessio, dici che l'amore non esiste e che le mie sono solo teorie... Su questo secondo punto, sono più pessimista di te: non teorie, ma congetture. Sul primo punto, invece, cioè sull'amore, forse il termine è un tantino nauseabondo visto l'uso che ne fanno i farisei, e allora chiamiamolo "aiuto". Qualcosa di molto pratico, caro. Inutile fare esempi concreti. Si sa bene cosa significa "aiutare", il che non significa assecondare i capricci dell'altro, tutto il contrario. Tu parli di relativismo dell'amore. Sono d'accordo sino a un certo punto, perché ci sono cose perentorie e che vanno soddisfatte senza alcun relativismo. Se di là c'è un disabile che ha bisogno di un bicchiere d'acqua ogni due ore e mezza, quale relativismo può mai dispensarci da questo atto di aiuto? Un amore pratico quindi, la cui ricompensa è una soddisfazione interiore e il sospetto congetturale di fare la volontà di quel Dio che ci ha creati. Se poi Dio non esiste, avremo fatto la volontà di una razionalità autentica.

Leonardo Monopoli is offline  
Vecchio 19-06-2006, 21.40.27   #12
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Citazione:
Messaggio originale inviato da alessiob

Sunday01 scrive: "Perché se non hai un "creatore", un Dio, su chi puoi scaricare la responsabilità del male e della malvagità???"

Certo che posso. Infatti io non credendo non scarico la malvagità su Dio ma sull'uomo. Sia che è stato dio a crearlo che la natura l'uomo è malvagio, anche se malvagio è un cencetto dell'uomo e quindi può non voler dire nulla.

"Ma l'uomo creato a immagine di Dio quindi libero di decidere per il bene o per il male."

Libero? Dove vivi? in italia in un bel paesino felice immagino.... Ti manderei in brasile, o in india o in qualche quartiere americano. Credo ti servirebbero non più di 5 minuti per dire "Ok ho detto un gran cazzata molti non possono scegliere il bene" Ragazzi che vivono con genitori banditi che vivono con amici banditi che vivono in posti dove si uccide e si spaccia droga, dove se non ti droghi, se non rubi sei fuori dal giro, dove i lavori normali non ci sono per te perchè non puoi andare a scuola e sei ignorante.....

Attendo risposte.


Non tutti gli uomini sono malvagi: se tutti gli uomini fossero malvagi non sapremmo neanche se esiste la parola amore, e invece esiste, e tutti sanno che cos'è, tutti lo cercano, in un modo o nell'altro, nella loro vita.
Quindi è da capire perchè molti uomini sono malvagi...
La mia risposta ti sembrerà ovvia, visto che parlo da credente, ma dove non c'è Dio non c'è nemmeno amore.
Puoi obiettare che esiste l'amore indipendentemente dall'esistenza di Dio, e su questo potrei darti ragione... Molti non credenti vivono una vita impostata sull'amore a differenza di tanti cosiddetti credenti.... Certo conta molto il luogo in cui si vive e i problemi quotidiani che si devono affrontare, ci sono posti come quelli che hai elencato tu dove la vita civile è impossibile, ed essere onesti e puliti anche.... ma questi non sono malvagi per libera scelta....
La causa sta sempre più a monte, perchè ci sono stati altri uomini che hanno fatto sì che questo stato di cose si verificasse, se questi ultimi fossero stati connessi a Dio non esisterebbero ingiustizie e disequilibri tra ricchi e poveri....
L'uomo è libero di scegliere tra il bene e il male, alla base di tutte le ingiustizie ci sono sempre delle scelte umane, per cui se un uomo è connesso con la fonte della Vita che è Dio cercherà di seguire quelle facili regolette di vita che sono i 10 comandamenti, o ne basterebbe anche uno solo: non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te.
Un credente non è portato alla malvagità, in questo caso non sarebbe un credente.
Quindi gli uomini che stanno in Dio non avranno difficoltà a impostare la vita su questi principi di rapporto con Dio e con gli altri uomini, in questo caso molte ingiustizie e iniquità non esisterebbero sulla faccia della terra.
Il senso profondo della vita è per l'uomo, non contro l'uomo, ma come vedi molti, troppi non sanno che farsene di Dio e si fanno la loro legge da soli, con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.
L'uomo senza Dio si darebbe da solo queste regole???? Non so la risposta, ma la mia teoria è quella che ho più volte descritto:
l'uomo che vuole mettersi al posto di Dio, pensando di trarne dei vantaggi materiali, in effetti scatena delle reazioni a catena che si rovesciano su altri uomini... questi sì vittime di altri uomini.
L'uomo che fa della legge di Dio la propria legge non danneggia nè altri uomini nè se stesso... anzi in questo modo si trova veramente ad essere simile a Dio, non per eliminarlo ma perchè essendo in armonia è un tutt'uno con Dio. L'avversario che sta dentro l'uomo è il proprio egoismo e materialismo, che con lo scopo di avere dei cosiddetti vantaggi più o meno immediati fa perdere di vista, appunto il vero senso della vita.
L'amore poi non deve essere solo interiorizzato, ma tradotto e vissuo nella vita quotidiana, perchè la fede senza opere è come una pianta che non dà frutti.

Ciao

sunday01 is offline  
Vecchio 20-06-2006, 11.57.07   #13
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Leonardo monopoli scrive: "Un amore pratico quindi, la cui ricompensa è una soddisfazione interiore e il sospetto congetturale di fare la volontà di quel Dio che ci ha creati. Se poi Dio non esiste, avremo fatto la volontà di una razionalità autentica."

Perfettamente daccordo.


sunday01 scrive: "Non tutti gli uomini sono malvagi"

Vero. MA anche se esistesse un solo uomo diventato malvagio non per libera scelta l'intero ideale crolla a pezzi.
Ed esiste molto più di un solo uomo malvagio non per libera scelta.

"La causa sta sempre più a monte, perchè ci sono stati altri uomini che hanno fatto sì che questo stato di cose si verificasse"

Esatto. Uomini che decidono di fare diventare malvagi altri uomini. DOve sta Dio quando qualcuno insegna ad un bambino ad usare la pistola? Chi proteggerà quel bambino?

Io ho sempre scelto il bene, se qualcuno uccidesse mia madre davanti ai miei occhi e io avessi una pistola in mano non esiterei nemmeno un secondo dallo scaricargli il caricatore addosso. E ciò senza scelta, per istinto.

Male, bene? Decidere? Quale decisione? Nessuna. Sono gli eventi che decidono per noi, sono gli eventi che determinano se sarai buono o cattivo, è la società e la natura che scelgono per te.

Non ci credi? Alleva due figli, uno trattalo bene l'altro male e da adulti socoprirai quanto questo è vero.

L'uomo non sceglie il male. é il male che sceglie l'uomo.
alessiob is offline  
Vecchio 20-06-2006, 16.53.28   #14
Leonardo Monopoli
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2006
Messaggi: 94
Caro Alessio, ammettiamo che vi sia una istigazione al male da parte di altra persona, e che tale istigazione avvenga nei confronti di soggetto minore o comunque non maturo; in tal caso, sarà difficile che quest'ultimo possa resistere al male (e quindi la tua tesi è valida)... ma fino a quando? certo, fino a che non diventa in grado di capire cosa è giusto e cosa sbagliato, intendiamoci non secondo il diritto positivo o la morale voluta dai ceti dominanti e dai preti loro alleati... no, giusto o sbagliato secondo quel detto per cui non bisogna fare all'altro ciò che non si vuole sia fatto a sé. In questo momento c'è la libera scelta: il soggetto ormai maturo decide da che parte stare, mettendo in gioco se stesso, scommettendo sul bene o sul male... In questo momento c'è libero arbitrio.
Leonardo Monopoli is offline  
Vecchio 21-06-2006, 15.14.00   #15
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Citazione:
Messaggio originale inviato da Leonardo Monopoli
Caro Alessio, ammettiamo che vi sia una istigazione al male da parte di altra persona, e che tale istigazione avvenga nei confronti di soggetto minore o comunque non maturo; in tal caso, sarà difficile che quest'ultimo possa resistere al male (e quindi la tua tesi è valida)... ma fino a quando? certo, fino a che non diventa in grado di capire cosa è giusto e cosa sbagliato, intendiamoci non secondo il diritto positivo o la morale voluta dai ceti dominanti e dai preti loro alleati... no, giusto o sbagliato secondo quel detto per cui non bisogna fare all'altro ciò che non si vuole sia fatto a sé. In questo momento c'è la libera scelta: il soggetto ormai maturo decide da che parte stare, mettendo in gioco se stesso, scommettendo sul bene o sul male... In questo momento c'è libero arbitrio.



E' esattamente quello che penso anch'io, perchè una cosa è essere scelti dal male, un'altra perseverare deliberatamente nel male... e dire che non si poteva fare altrimenti.

Ciao


sunday01 is offline  
Vecchio 22-06-2006, 11.06.21   #16
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Libero arbitrio.....Altra discussine aperta da me, che ha portato all'ennesima conclusione di totale disaccordo.

Una volta che sei dentro il giro la scelta è un lusso che difficilmente ti è concesso fare.
alessiob is offline  
Vecchio 24-06-2006, 09.46.55   #17
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Se Dio è veramente onnipotente nulla può toccarlo. Quindi non prova "emozioni". L'unico modo per spezzare quella noia mortale che lo attanaglia e fare del male a se stesso, per provocargli quelle che noi definiremo Senzazioni.

Se nulla può veramente toccare Dio, tantomeno la noia mortale. Vero? Non comprendo questa applicazione di categorie umane a Dio quali l'amore, la noia ecc.

Non comprendo inoltre perchè si attribuisca a Dio una presunta "superiorità" solamente perchè si occupa di ambiti che non riguardano realmente l'Uomo. Dio passa tutto il giorno a guardarsi l'ombelico. E ci gode. Perchè nulla è più bello che guardare l'ombelico di Dio. Per potersi guardare l'ombelico, ha lasciato la creazione in mano all'Uomo. Punto.
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 24-06-2006, 12.11.46   #18
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Einstein diceva: "Quello che mi interessa veramente sapere è se Dio, quando ha creato il mondo, aveva scelta."




Riflettete, e meditate.
alessiob is offline  
Vecchio 25-06-2006, 15.32.36   #19
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
beh, se qualcuno può costringere Dio.. questo non può essere considerato tale. molti hanno l'idea di un Dio onnipotente che tutto può. pensiamo bene a qual'è la massima libertà in relazione al potere. il potere di per sè è un qualcosa che non può essere contenuto o limitato ecc. e se Dio avesse rinunciato al potere intrinseco, dimostrando di essere superiore al proprio potere stesso? in questo modo, trascende il potere e si pone su un piano che noi non possiamo neppure concepire e non solo raggiungere. forse, possiamo solo contemplarlo, come Dio contempla eternamente sè stesso, pago di sè, assetato di sè e dissetato da sè.

L'uomo è la produzione spontanea di questa gioia e di questo appagamento, il potere divino che si estende sul divenire e lo regola secondo ritmi provenienti dalla fonte divina stessa. l'uomo è il prodotto della perfezione di Dio. probabilmente lui non sa neppure che esistiamo.. hihi..
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 27-07-2006, 15.06.32   #20
sapienza
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-07-2006
Messaggi: 43
il senso della vita

Caro Alessiob,
chiediti in coscienza. se questo mondo universale siafatto poi così benE
Dalla risposta che ti dai potrai di conseguenza dirti:
Libero o no;
Una somiglianza intercorre tra chi opera secondo l'uomo e chi ha realizzato questa realtà mondana, universale;
Si può benissimo dire che il Figlio somiglia al Padre:
Se il Figlio si stanca anche il Padre si è stancato prima di lui;
Se il Figlio si adira anche il Padre ha fatto lo stesso;
Insieme sono originati dalla medesima legge, dove va l'uno va anche l'altro, ecco perchè se ad uno piace il DIFETTO anche l'altro amerà la medesima Legge;
Ora dimmi tu:
Ti sembra che il mondo sia perfetto
Che l'universo non abbia fratture, che la tua casa sia costruita per durare sempre
Rifletti e ti accogerai che vi è una Visione che deve ancora essere conosciuta.
Sapienza
sapienza is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it