Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 20-09-2006, 10.19.15   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Come sappiamo dalla storia dell’uomo, circa 2500 anni fa le religioni e le filosofie iniziarono a solidificare ed a assumere quelle intense caratteristiche e peculiarità che ancora oggi conosciamo.

Fu in quei secoli infatti che Confucio (551 – 479 a.C) e Lao Tse (604 –531 a.C.) crearono le fondamenta delle filosofie cinesi. Mentre in India Siddarta Gautama Sakyamuni (563 ca-486) spargeva i semi del buddismo e per opera di Mahavira (599-527 a.C.) nasceva il Jainismo. In Grecia i presocratici come Eraclito (540–480-circa a.C), Senofane (565-470 a.C.), Pitagora (571–497), Talete (585 a.C.), cercavano il “principio eterno” ed in Persia Zoroastro scriveva la Zend Avesta. Fu probabilmente in quello stesso periodo che, per opera dei profeti dell’antico testamento, l’ebraismo fissò le sue peculiarità di religione monoteista.

Tutte le correnti e le religioni sviluppatesi in quei tempi avevano ed hanno la caratteristica di essere estremamente tolleranti, dolci, propositive e non impositive. Persino l’ebraismo che è la prima religione rigidamente monoteista, non nega ai "gentili" il diritto ad esistere.

Circa 500 anni dopo questo periodo nasce il cristianesimo, cioè una nuova religione destinata a diventare una delle principali del pianeta, ma diversamente da quanto successo fino a quei tempi, questa nuova religione si sviluppa con pretese assolutistiche, infatti non solo si pone come unica via verso la verità, ma pretende anche di universalizzarsi negando lo spazio vitale a tutte quelle religioni ed ideologie che non concordano coi suoi principi ispiratori.

Dovrà passare un altro lasso di tempo più o meno uguale quando nel 570 d.C nascerà alla Mecca Maometto, il fondatore della terza religione monoteista. Ancora più che il precedente cristianesimo, questa nuova religione, si presenterà al mondo con un’aura di intransigenza e di intolleranza che la renderanno una religione bellicosa e fautrice di gesti estremi.

Questa crescita del pensiero assolutista corrisponde con una crescita dell’intolleranza nell'uomo. So di non sbagliare affermando che il modo sanguinario con il quale si sono manifestate le ideologie totalitarie moderne come il nazismo ed il comunismo, sono degenerazioni di quell’ansia di assoluto che sta crescendo sempre più nei secoli.

Questo è quanto chiunque di noi può scorgere guardando il macro cosmo del pensiero umano. Non si tratta di una lotta partigiana per questo o quel pensiero ma di prendere atto di come ci sia in corso una crescita di un pensiero “assolutista” che se non compreso e fermato porterà il genere umano e lo stesso pianeta verso l’auto distruzione.

VanLag is offline  
Vecchio 28-09-2006, 13.48.14   #2
Vito tuning
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 13-12-2005
Messaggi: 71
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Il problema è che oggi la gente comune è tutta sapiente. Nel momento in cui una persona qualsiasi, cerca di far pensare la gente comune, questi semplicemente, o la prende per matta o non gli danno ascolto. Questo perchè purtroppo nessuno si ritiene più ignorante. Tutti noi che ascoltiamo i pareri diversi di ogni intervento fatto da determinate persone, agl' occhi di chi non pensa ma già sa (la persona comune sapiente), siamo solo degli ebenemeriti ignoranti. Tutti noi che ci ascoltiamo e consultiamo come in un grande centro di recupero siamo presi per matti, incongruenti col mondo di adesso...
Se vai in piazza, cn un megafono o parlando ad alta voce, di un argomento attuale da te interpretato e dove vuoi far capire il tuo pensiero, sperando ke passi qualcuno ke ti ascolti e ke magari lo condivida..., bè, nn fai in tempo ad aprir bocca ke sei già in questura...
Purtroppo la gente nn è più ignorante, e ki pensa cn la propria testa, purtroppo deve farlo "clandestinamente", rimanendo all'oscuro, incompreso dalle masse...
Vito tuning is offline  
Vecchio 28-09-2006, 23.41.02   #3
Adriano Meis
Ospite
 
Data registrazione: 13-09-2006
Messaggi: 13
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Non capisco proprio perchè, Vanlag, hai questa avversità contro chi afferma che la Verità è già a nostra disposizione. Perchè non può essere così? Perchè questo fascino delle filosofie che (forse mi sbaglio) hanno un messaggio più soft, che scalza meno il pusillanime? Forse ti è di scandalo la Croce, la sua idea (cioè ti pare che Dio, no, no impossibile) .
A parte questo, mi sembra che l'ebraismo sia stato molto più intransigente del cristianesimo, il quale abbatte il muro che vi era tra ebrei(eletti) e gentili.(e qui taglio ora non ho tempo)
Si prende troppo alla leggera l'eredità cristiana, se ne considerano solo i lati negativi. Si ha il sogno di poter laicizzare i valori cristiani e porli come conquista dell'umanità razionale. Non escludo che valori cristiani siano presenti anche in altre religioni o filosofie ma spesso mi domando come in una società come quella di oggi le persone possano arrivare alla carità (per esempio) senza la via di Cristo.(non mi dilungo)
La conferma del Dio cristiano la si trova nella storia. Di ora e di ieri. E' necessario trovare e dibattere sulla storia per vedere se i comportamenti ebraici,cristiani,musulmani siano stati diversi da quelli "laici". Questo dibattito forse però uscirebbe dall'argomento e richiederebbe le conoscenze storiche che io non ho.

Ciao.
Adriano Meis is offline  
Vecchio 28-09-2006, 23.54.27   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Citazione:
Originalmente inviato da Vito tuning
Il problema è che oggi la gente comune è tutta sapiente.
Secondo me il problema non è tanto quello di essere sapienti, quanto quello di autoconvincersi di essere nel giusto fino ad arrivare ad ottundere il giudizio critico della ragione.
La fede purtroppo è cieca.

VanLag is offline  
Vecchio 29-09-2006, 00.11.50   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Citazione:
Originalmente inviato da Adriano Meis
Non capisco proprio perchè, Vanlag, hai questa avversità contro chi afferma che la Verità è già a nostra disposizione. Perchè non può essere così? Perchè questo fascino delle filosofie che (forse mi sbaglio) hanno un messaggio più soft, che scalza meno il pusillanime? Forse ti è di scandalo la Croce, la sua idea (cioè ti pare che Dio, no, no impossibile) .
Il trend di crescita dell’intransigenza del pensiero umano designato in apertura, secondo me, illustra molto bene come le religioni monoteiste siano per lo più responsabili della crescita dell’orgoglio, dell’intransigenza e dell’intolleranza.
L’uomo sta usando Dio per accrescere la sua auto-immagine.


Citazione:
Originalmente inviato da Adriano Meis
A parte questo, mi sembra che l'ebraismo sia stato molto più intransigente del cristianesimo, il quale abbatte il muro che vi era tra ebrei(eletti) e gentili.(e qui taglio ora non ho tempo)
L’idea dell’universalità del cristianesimo è un’idea Paolina come si vede dal seguente brano:

.........oroglioso di essere cittadino romano, fino al punto da latinizzare il proprio nome, Paolo (di Tarso), è così poco ebreo da deridere, egli per primo, gli scrupoli dei suoi correligionari e da considerare “sterco” le prerogative della sua razza. Dopo la conversione si riserverà la propaganda all’estero, quale “apostolo dei gentili” e “collaboratore di Dio” di un cristianesimo notevolmente diverso da quello dei discepoli di Gesù.
Di sua iniziativa e non senza fieri contrasti con costoro, che egli chiama per scherno “le colonne” e “I superdiscepoli”, Paolo, non solo modifica spesso, (come vedremo) il messaggio del maestro, ma ne altera radicalmente la figura stessa.
A quanto narrano gli Atti e le Lettere paoline la sua conversione sarebbe avvenuta all’improvviso, pare verso l’anno 43 o 44 in seguito ad una specie di visione avuta nel deserto, lungo la strada per Damasco. In pratica un’insolazione che lo tramortì e lo tenne tra la vita e la morte per 3 giorni. Insomma: fu convertito da un certo Anania, capo della comunità cristiana di Damasco, il quale avendolo assistito durante la malattia non mancò di fargli credere che era stato guarito per volere di Dio. Appena ristabilito in salute Paolo ricominciò a predicare nella sinagoga di Damasco una fede del tutto personale, e non si curò, se non tre anni dopo, come egli stesso dichiara, di ritornare in patria e di prendere finalmente contatto col centro di Gerusalemme. Ma anche allora vi rimase solo 15 giorni e non vide che Simone Pietro e Giacomo, il fratello di Gesù. Non aveva conti da rendere a nessuno e non voleva accettare consigli nemmeno dagli apostoli.
Tornò a Gerusalemme solo quando furono trascorsi altri anni, per definire l’importante questione se i non-ebrei, che si convertivano al cristianesimo, dovessero essere circoncisi e quindi obbligarli a prestare ubbidienza alla legge mosaica, oppure no. E’ evidente che il punto cruciale non era il rito della circoncisione in se e per se ma l’accettazione di proseliti provenienti dal paganesimo, cioè l’estensione del cristianesimo a tutta l’umanità, teoricamente e non soltanto al popolo eletto.
A Gerusalemme si ebbe un violento scontro tra Paolo e l’amico Barnaba da una parte, Pietro e Giacomo dall’altra. Gli atti degli apostoli tentano di minimizzare l’incidente, facendo credere che Pietro abbia aderito subito al punto di vista paolino e Giacomo abbia soltanto raccomandato ai neoconvertiti non circoncisi venisse almeno vietato di mangiare i cibi proibiti dalla legge.
Una specie di compromesso quindi: non circoncisione, ma inserimento legale degli stranieri nel popolo eletto. Sennonché lo stesso Paolo da una versione diversa dei fatti: egli afferma che nell’incontro di Gerusalemme si venne nella determinazione di separare nettamente i due ambienti: quello degli ebrei circoncisi, rispettosi di tutte le loro prescrizioni legali, e quello dei gentili non circoncisi ai quali tali prescrizioni non interessavano.
Con molta spudoratezza, egli che non ha mai conosciuto Gesù, sostiene che “colui che ha incaricato Pietro di predicare tra i circoncisi, con la stessa autorità ha incaricato lui, Paolo, di predicare tra i non circoncisi” e si auto definisce del titolo di apostolo.
Da quel momento ciascuno dei due continua a predicare per proprio conto e a proprio modo. Ad Antiochia si forma il primo nucleo di cristiani secondo l’indirizzo paolino, che finirà per prevalere. Ciò che li distingue soprattutto non è più la religione predicata da Gesù ma il culto del Cristo come divinità.
Gli atti degli apostoli e le sue stesse lettere ci permettono di seguire i successivi avvenimenti della vita di Paolo: i suoi viaggi missionari, la sua infaticabile attività, alterna di successi ed insuccessi. Probabilmente nel 60 egli compie la sua ultima visita a Gerusalemme. Qui Giacomo lo prega, onde evitare incidenti, di dare una dimostrazione di lealismo verso le religioni degli avi, recandosi al tempio.
Paolo acconsente ma la sua presenza nel tempio solleva l’indignazione dei fedeli: “Questo è l’uomo che va predicando contro il nostro popolo! Deve sparire dalla faccia della terra!” Evita a stento il linciaggio per l’intervento di un manipolo di legionari romani, che però lo arrestano come perturbatore della quiete pubblica. Paolo cerca di sottrarsi al processo in quanto sostiene di essere cittadino romano, in quanto lo “Jus civitatis” lo esentava dalle pene corporali. Nel dubbio viene fatto imbarcare per l’Italia, affinché la sua situazione venga esaminata dalla capitale.
Gli atti degli apostoli terminano bruscamente con la notizia che a Roma Paolo dimorò due anni interi, senza ricevere noie. Siamo ridotti alle ipotesi per quanto riguarda il processo, le circostanze e la data del martirio che la tradizione gli assegna a Roma stessa.
Sicuramente falsa è la credenza che a Roma, in quegli anni, si trovasse anche Pietro e che i due vecchi avversari abbiano trascorso e chiuso assieme, nello stesso martirio, l’ultimo periodo di vita.
E’ vero invece che anche la morte dei due esponenti non fece cessare i contrasti tra “petrinisti” e “paolinisti”. L’atteggiamento rigido, che sconfessava addirittura Paolo come apostata, durerà nei gruppi cristiani giudaiccizanti fino al 5° secolo.
(da La vita di Gesù di Marcello Craveri)

Per altro gli ebrei avevano l’orgoglio di essere il popolo eletto ma non perseguitavano in nessun modo i gentili, pur considerandoli intimamente a loro inferiori.


Citazione:
Originalmente inviato da Adriano Meis
Si prende troppo alla leggera l'eredità cristiana, se ne considerano solo i lati negativi. Si ha il sogno di poter laicizzare i valori cristiani e porli come conquista dell'umanità razionale. Non escludo che valori cristiani siano presenti anche in altre religioni o filosofie ma spesso mi domando come in una società come quella di oggi le persone possano arrivare alla carità (per esempio) senza la via di Cristo.(non mi dilungo).
Qui sbagli di grosso. Il cristianesimo non ha il monopolio del bene, ne della carità ne dell’amore.

La filosofia pagana abbondava, di esortazioni all’amore del prossimo e all’altruismo, basate probabilmente su una ricerca di “eccellenza” personale e senza bisogno di ricorrere all’aleatoria prospettiva di premi e castighi. Il mondo antico è pieno di esempi di abnegazione, di purezza di costumi, di onestà e di modestia, (da Oreste a Pilade, da Catone, a Lucrezia, da Virginia, a Cincinnato, ecc.) senza complessi psicologici, timori di peccato o terrori di pene infernali. Tali concetti erano sostenuti dalla filosofia pagana in nome dell’universalità della ragione, facendo appello all’intelligenza, al sentimento ed alla dignità dell’uomo. (sempre di M. Craveri).


Citazione:
Originalmente inviato da Adriano Meis
La conferma del Dio cristiano la si trova nella storia. Di ora e di ieri. E' necessario trovare e dibattere sulla storia per vedere se i comportamenti ebraici, cristiani, musulmani siano stati diversi da quelli "laici". Questo dibattito forse però uscirebbe dall'argomento e richiederebbe le conoscenze storiche che io non ho.

Le conoscenze si possono acquisire….. Il dibattito se è leale non può fare che bene a tutti.



P.S: ho avversità verso tutti i totalitarismi di ogni tipo e natura.
VanLag is offline  
Vecchio 01-10-2006, 13.02.58   #6
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Forse basta richiamare l’attenzione sull’atto del giudice Luigi Tosti il quale, per avere tolto il crocefisso da un’aula di tribunale, certo di applicare la Costituzione italiana e la Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo, è stato punito dalla attuale inquisizione con la condanna ad alcuni mesi di prigione, la sospensione dello stipendio e la defenestrazione, mentre se avesse messo il crocefisso in un’aula di tribunale islamica sarebbe stato decapitato!

Possiamo chiamare anche solo questo episodio, TOLLERANZA? O carità cristiana?

Ho sentito qualcuno dire: beh, che fastidio può dare un crocefisso?
Ma allora, come la mettiamo con la nostra Costituzione che dichiara che l'Italia è uno Stato laico.

Il fatto grave non è solo l'assolutismo: mi sembra molto grave che tante persone continuino a non accorgersene: a credere nei dogmi stabiliti dalla madre chiesa così come si è creduto da bambini nelle favole.

Dovremmo essere disposti a rinunciare alle nostre radicate convinzioni quando il radicamento non ha altra profondità che non sia quella della vecchia abitudine: potremmo in tal modo liberarci dalle catene di un modello di cultura che immobilizza, che ci fa andare e riandare sulla medesima strada, con i soliti compagni di viaggio, senza nessuno da incontrare.
Patri15 is offline  
Vecchio 01-10-2006, 17.24.49   #7
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Citazione:
Originalmente inviato da Patri15
Il fatto grave non è solo l'assolutismo: mi sembra molto grave che tante persone continuino a non accorgersene: a credere nei dogmi stabiliti dalla madre chiesa così come si è creduto da bambini nelle favole.
Se ci pensi bene, ancora più grave del credere nel dogma è il voler imporre il proprio credo agli altri.
Se volessimo convincere gli altri dell’errore intrinseco nel termine stesso dogma, oltre che all’abnormità di dovere e voler credere ad un qualche cosa di inspiegato ed inspiegabile, rischieremmo di creare un contro dogma e di cadere, quindi, nello stesso totalitarismo del quale vogliamo liberarci.

La matrice comune di noi esseri umani è biologica prima che religiosa. Da quella comprensione di esseri tutti uomini dotati della stessa intelligenza, dello stesso amore alla vita, della stessa ansia di conoscenza, della stessa voglia di bene e di bello, dovrebbe nascere la tolleranza che riconosca il diritto ad esistere a 6 miliardi individui ciascuno diverso dall’altro. Una tolleranza per la quale non solo non si debba mai più vedere sul pianeta l’intransigenza di chi asserisce, implicitamente o meno, io sono nel giusto e quindi si vive come dico io, ma che addirittura favorisca la reale fratellanza tra i popoli ovviando lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo.

E’ solo nel riconoscimento della nostra uguale “umanità” e nel fare un passo indietro da parte di chi si è per secoli e per millenni sentito superiore agli altri, che le culture, le filosofie, le religioni possono rivitalizzarsi e riprendere a guidare l’uomo nella sua evoluzione prtandolo decisamente oltre la sua fase istintuale.

Il mondo globalizzato stà esasperando i conflitti ed i contrasti e non saranno le bombe intelligenti a dirimere i conflitti. La storia moderna (Vietnam, Iraq), ci insegna che ormai non è più possibile sottomettere un popolo perché l’invasione è così coercitiva e becera che il popolo invaso preferisce la morte all’annichilimento culturale.
Inoltre se ricordiamo le parole di Samuel P. Huntington dove asserisce: L'occidente conquistò il mondo non grazie alla forza delle proprie idee, dei propri valori o della propria religione (ai quali ben pochi esponenti delle altre civiltà furono convertiti), ma in virtù della superiore capacità di scatenare violenza organizzata. Gli occidentali dimenticano spesso tale circostanza; i non occidentali non la dimenticano mai. ci rendiamo conto di avere 5/6 del pianeta che potrebbero essere nostri potenziali nemici armati di un rancore atavico cristallizzatosi nel corso dei millenni.

Davanti a questo quadro sconsolante cosa facciamo? Continuiamo a ripetere tra noi che siamo i migliori, i più civili, e ci beiamo della nostra forza militare. Bombe atomiche, missili a lunga gittata, bombe intelligenti, armi non convenzionali… E crediamo tutto ciò ci garantirà il nostro stile di vita nei secoli a venire.
Il tutto per le velleità di ricchezza di qualche furbo armatore miliardario e per la nostalgica volontà di potenza iscritta nel Dna di qualcuno di noi che, come 2000 anni fa, crede che: Gli dei, infatti, secondo il concetto che ne abbiamo, e gli uomini, come chiaramente si vede, tendono sempre, per necessità di natura, a dominare ovunque prevalgano per forze. Questa legge non l'abbiamo istituita noi e non siamo nemmeno stati i primi ad applicarla; così, come l'abbiamo ricevuta e come la lasceremo ai tempi futuri e per sempre, ce ne serviamo, convinti che anche voi, come gli altri, se aveste la nostra potenza, fareste altrettanto.

Quel bel discorsetto citato sopra in corsivo apparteneva ai nostri antenati di più due millenni fa, cioè prima del cristianesimo, prima del medio evo, prima del rinascimento, prima dell’illuminismo, prima della rivoluzione industriale e tecnologica.
Apparteneva ad un uomo biologicamente arcaico che si era emancipato ben poco dal regno animale, ma allora bisogna veramente chiederci se tutti i nostri progressi consistono nell’avere sviluppato una tecnologia che ci ha permesso di andare sulla luna o se abbiamo sviluppato parimenti anche una comprensione di noi stessi e del mondo che ovvia quella volontà di sopraffazione e di dominio sugli altri esseri umani, residuo della nostra bestialità animale.

Ho finito il sermone….. scusami Patri15 ma, pigliando spunto dalle tue parole mi sono infervorato nell’ampliare il discorso.


Ultima modifica di VanLag : 01-10-2006 alle ore 20.28.24.
VanLag is offline  
Vecchio 01-10-2006, 19.32.54   #8
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Il pensiero assoluto e la fine del genere umano

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Se ci pensi bene, ancora più grave del credere nel dogma e di voler imporre il proprio credo agli altri.
Se volessimo convincere gli altri dell’errore intrinseco nel termine stesso dogma, oltre che all’abnormità di dovere e voler credere ad un qualche cosa di inspiegato ed inspiegabile, rischieremmo di creare un contro dogma e di cadere, quindi, nello stesso totalitarismo del quale vogliamo liberarci.
............................
..... ma allora bisogna veramente chiederci se tutti i nostri progressi consistono nell’avere sviluppato una tecnologia che ci ha permesso di andare sulla luna o se abbiamo sviluppato parimenti anche una comprensione di noi stessi e del mondo che ovvia quella volontà di sopraffazione e di dominio sugli altri esseri umani, residuo della nostra bestialità animale.

Ho finito il sermone….. scusami Patri15 ma, pigliando spunto dalle tue parole mi sono infervorato nell’ampliare il discorso.

Caro VanLag, non sei certo tu a doverti scusare, sono io che ti ringrazio per i tuoi post dai quali continuo ad apprendere.

Ciao
Patri15 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it