Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 01-10-2006, 12.26.48   #1
empatico
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 26-09-2006
Messaggi: 1
Question Dubbi sull'IO

Vi siete mai chiesti cosa accadrebbe se fosse possibile il trapianto di cervello??

Voglio dire: sarebbe l'io che si sposta in un corpo nuovo o il corpo che si trova un io diverso?

Meglio ancora: l'Io si trova nel cervello o in qualche altra parte del corpo? o fuori dal corpo??
empatico is offline  
Vecchio 01-10-2006, 16.04.15   #2
ThePrisioner
Ospite
 
L'avatar di ThePrisioner
 
Data registrazione: 01-10-2006
Messaggi: 17
Riferimento: Dubbi sull'IO

Ciao, sono nuovo.
Personalmente, essendo di visione molto materialista ritengo che la nostra vera essenza, il nostro io e tutto il resto risiedano proprio nel cervello.
Questo, inevitabilmente, mi porta a vedere il corpo come una "macchina" ai comandi appunto del cervello, ovvero noi. Pertanto credo che trapiantando un cervello all'interno di un altro corpo, si troverebbe la stessa persona in un corpo diverso.. (sempre che questi regga allo shock e non impazzisca).
ThePrisioner is offline  
Vecchio 01-10-2006, 17.52.18   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Dubbi sull'IO

Citazione:
Originalmente inviato da empatico
Vi siete mai chiesti cosa accadrebbe se fosse possibile il trapianto di cervello??

Voglio dire: sarebbe l'io che si sposta in un corpo nuovo o il corpo che si trova un io diverso?

Meglio ancora: l'Io si trova nel cervello o in qualche altra parte del corpo? o fuori dal corpo??
Secondo me l'io si trova in ogni scena di cui è soggetto. Cerco di spiegarmi..... in questo momento il mio io è nel mio corpo, nei miei ricordi, ma anche nella tastiera, nello schermo del p.c. nella pagina del forum, nel tavolo chiaro che sorregge la tastiera, nello spicchio di finestra, da cui sento provvenire un'aria umida e fresca, nella voce della TV dietro di me, nell'odore del fumo della sigaretta che reggo nelle mani, nelle parole che stò scrivendo...etc..

VanLag is offline  
Vecchio 01-10-2006, 19.46.30   #4
uranio
Ospite abituale
 
L'avatar di uranio
 
Data registrazione: 22-10-2004
Messaggi: 470
Riferimento: Dubbi sull'IO

Citazione:
Originalmente inviato da empatico
Vi siete mai chiesti cosa accadrebbe se fosse possibile il trapianto di cervello??

Voglio dire: sarebbe l'io che si sposta in un corpo nuovo o il corpo che si trova un io diverso?

Meglio ancora: l'Io si trova nel cervello o in qualche altra parte del corpo? o fuori dal corpo??

Trapiantare il cervello? Penso che tutto sarebbe diverso, la persona non si riconoscerebbe come prima. Un nuovo cervello crea una nuova persona e chissà se riporta sulla terra quella morta.................
uranio is offline  
Vecchio 01-10-2006, 20.12.35   #5
Fallen06
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-08-2006
Messaggi: 127
Riferimento: Dubbi sull'IO

Il materialismo(o,modernamente,fi sicalismo) ritiene,a proposito del problema corpo-mente,che non sia necessario postulare l'esistenza di stati mentali in quanto sarebbe sufficiente postulare quella di stati fisici e fisiologici,anche per spiegare i fenomeni psichici.

Ma se il nostro Io fosse riducibile al cervello,ovvero ad un ente fisico e alle sue reazioni fisiologiche,non ci sarebbe alcun motivo per il quale voi ora potreste decodificare il significato delle cose che dico.
Perchè quello che scrivo consiste,fisicamente,di segni grafici;eppure voi non leggete semplicemente una serie di segni grafici,ma leggete un discorso (che si rivolge alle vostre menti e alla vostra intelligenza) dotato(si spera! ) di significato.
Fisiologicamente è possibile vedere i segni grafici od ascoltare il suono delle parole e le loro onde di pressione,ma non tradurre il significato di alcunchè.
Ancora,se voi vi identificaste coi vostri cervelli(nel senso,più precisamente,dei vostri stati fisiologici),questa discussione non potrebbe pretendere di scaturire in voi un assenso o un dissenso razionalmente motivato,critico,scaturito dalla vostra considerazione intellettuale degli argomenti portati dai partecipanti;se il vostro Io fosse identificabile coi vostri stati fisiologici,in risposta alla mia argomentazione voi non potreste fare altro che produrre un suono o dei segni grafici in risposta ai miei suoni o segni grafici,ma non sarebbe affatto necessario postulare che voi state anche riflettendo criticamente e che le vostre risposte abbiano un significato ulteriore rispetto alla loro forma fisica.

E' chiaro,infine,che il cervello,essendo il supporto fisico dell'Io,è determinante per la conservazione di un Io integro ed operante(pensiamo al caso delle lesioni del tessuto cerebrale e ai loro effetti talvolta devastanti sull'individuo),ma questo non basta per identificare l'Io col cervello,così come sarebbe scorretto dire che un'opera teatrale è semplicemente il testo scritto.

Fallen06 is offline  
Vecchio 01-10-2006, 22.35.41   #6
Mr.Chakra
Ospite abituale
 
L'avatar di Mr.Chakra
 
Data registrazione: 27-09-2006
Messaggi: 64
Riferimento: Dubbi sull'IO

Vi voglio raccontare una aneddoto: nel 1848 vi era un uomo americano di nome Phineas Gage. Esso era un ottimo lavoratore (installava vie ferroviarie), ottimo padre di famiglia, ben curato, raffinato. Un giorno accadde un disastro sul posto di lavoro . Pe perforare il terreno a quell'epoca di utilizzava dei tubi di ferro che sotto la pressione di acqua bollente riscivano ad andare in profondità. Quel giorno la barra di ferro invece di andare in prondondità si scagliò verso il cielo tra passando il cranio di Gage da la zona oculare fino alla frontale. I colleghi di lavoro accorsero immediatamente e notarono con meraviglia che gage era ancora vivo. Infatti nonostante avesse perso un occhio er un parte di cervello Gage riusciva a vivere normalmente senza alcun decifit. La cosa strana fu che il carattere cambiò nettamente, in modo radicale. Incominciò ad essere svogliato, violento sul lavoro e con la famiglia, bestemmiava e incominciò a bere ed a fumare. Praticamente era l'opposto di quella persona che era prima dell'incidente.
Domanda : dove era finito Phineas Gage? le virtù di questa persona perchè erano scomparse? perchè l'Io di questa pesona è cambiato?
LA risposta è molto difficile da dare comunque è chiaro che nel cervello risiedono tante personalità. è vero che questo organo contribuisce allo sviluppo del carattere e delle emozioni di una persona, ma esso non è l'Io e e ne la sua sede. E questo ce ne dà una prova Gage. Se il cervello fosse l'Io o la sua sede un trauma del genere avrebbe portato all'annientamento dell'Io e quindi di conseguenza ad una vita vegetativa.
é chiaro che l'Io ha un'altra sede e in un certo senso il cervello e le sue funzioni sono le esplicazioni dell'Io.
Mr.Chakra is offline  
Vecchio 01-10-2006, 23.33.30   #7
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Riferimento: Dubbi sull'IO

perchè le visioni riduzionistiche (fisicalista 'ordinario', o sostenitore della teoria computazionale della mente) non funzionano l'ho cercato di spiegare in molte discussioni in questo forum.

una delle ultime è questa: La mente nel mondo: l'uomo culturale.

naturalmente, il non essere riduzionisti non implica a credere in cose spirituali, o altro. io, infatti, non nego l'importanza del cervello, condizione necessaria della mente. ma dire che non c'è persona (umana) senza cervello è ben diverso dal dire che la mente è il cervello. quindi sottoscrivo l'intervento di fallen, soprattutto quando dice che concludere che la mente è il cervello solamente perchè essa dipende da questo, "sarebbe scorretto [come] dire che un'opera teatrale è semplicemente il testo scritto".


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 03-10-2006, 00.29.03   #8
empatico
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 26-09-2006
Messaggi: 1
Riferimento: Dubbi sull'IO

Citazione:
Originalmente inviato da Mr.Chakra
La cosa strana fu che il carattere cambiò nettamente, in modo radicale. Incominciò ad essere svogliato, violento sul lavoro e con la famiglia, bestemmiava e incominciò a bere ed a fumare. Praticamente era l'opposto di quella persona che era prima dell'incidente.
Domanda : dove era finito Phineas Gage? le virtù di questa persona perchè erano scomparse? perchè l'Io di questa pesona è cambiato?

Il caso che hai citato non è un caso nè un miracolo.

La parte di cervello colpito nell'incidente a Phineas Gage è chiamata lobo prefrontale (in realtà sono due: destro e sinistro). Una funzione specifica dei lobi prefrontali è quella di regolare le reazioni emotive.

Quando uno stimolo esterno viene percepito dai sensi, il talamo si occupa di inviare dei segnali a varie aree del cervello. Il ricettore più veloce di questo segnale è l'amigdala che scatena una reazione immediata, istintiva il cui scopo è quello di preservare la sopravvivenza in caso di pericolo imminente in cui non c'è il tempo di pensare e scegliere la soluzione migliore da adottare: sono in pratica tutte quelle azioni che compiamo senza rendercene conto, ma che facciamo per l'appunto instintivamente (sia in caso di emergenze fisiche che emozionali).

Un'altra parte di segnale che parte dal talamo va alla neocorteccia (sede dell'intelligenza razionale) che attraverso i lobi prefrontali permette una reazione più elaborata.
Quando si scatena una emozione, nel giro di qualche istante i lobi prefrontali eseguono la reazione che ritengono migliore fra una miriade di possibilità, in base al criterio del rapporto rischio/beneficio. Nel caso in cui i lobi prefrontali vengano danneggiati, l'individuo è incapace di elaborare delle risposte adeguate agli stimoli emozionali.

Negli anni quaranta si iniziò a praticare la lobotomia nei pazienti con gravi malattie mentali: veniva in pratica danneggiata o asportata chirurgicamente una parte dei lobi frontali. Il paziente risultava alleviato dalle sue sofferenze senza intaccare le sue funzioni vitali, a parte il fatto che non riusciva a più a percepire o provare alcuna emozione. Questo causava un evidente cambiamento di personalità dovuto principalmente ad una totale insensibilità emotiva.

I neuropsicologi che studiano gli stati d'animo dei pazienti con lesioni ai lobi frontali, hanno determinato che una delle funzioni del lobo prefrontale sinistro è quella di regolare le emozioni negative e spiacevoli come una sorta di termostato neurale, mentre il lobo prefrontale destro è la sede di tali emozioni negative ed angosciose. In un gruppo di pazienti reduci da un ictus, ad esempio, i soggetti la cui lesione era localizzata nella parte prefrontale sinistra andavano incontro a catastrofici attacchi di angoscia e terrore, mentre quelli con lesioni nella parte destra erano invece indebitamente allegri.


Citazione:
Se il cervello fosse l'Io o la sua sede un trauma del genere avrebbe portato all'annientamento dell'Io e quindi di conseguenza ad una vita vegetativa.
é chiaro che l'Io ha un'altra sede e in un certo senso il cervello e le sue funzioni sono le esplicazioni dell'Io.

Non necessariamente un trauma cerebrale porta alla vita vegetativa o all'annientamento dell'IO, in questo caso ha portato ad una trasformazione, un handicap: è stato perso l'uso di una funzione (il sesto senso??), come potrebbe essere la vista, l'uso di un arto ecc...

Credo che l'Io abbia una sede non solo extracerebrale ma anche extracorporea
(è solo una senzazione...)

empatico is offline  
Vecchio 14-10-2006, 20.21.18   #9
Chevalier
Ospite
 
Data registrazione: 08-10-2006
Messaggi: 2
Riferimento: Dubbi sull'IO

L'Io: quando un filosofo diceva "l'unica cosa di cui sono certo è che penso" aveva pienamente ragione. Alla fine tutto si riduce a quello: non si può essere sicuri di nient'altro. Un trapianto di cervello non immagino che conseguenze poss'avere sull'Io; bisognerebbe provarlo per saperlo. Chissà che strane sensazioni, o chissà quali effetti potrebbe avere una simile cosa sul cervello stesso. Chissà. L'Io, quant'è immutabile, e quant'è unico; è impossibile trovare qualcuno uguale a te: per aver le tue stesse caratteristiche mentali, proprio uguali, dovrebbe aver vissuto tutte le tue stesse esperienze nello stesso tempo in cui le hai vissute tu,e dovrebbe aver il tuo stesso nome e corpo....tutto anche le conoscenze, ogni virgola potrebbe rendere abissalmente diversa da te un'altra persona.
Voi che ne pensate?
Chevalier is offline  
Vecchio 15-10-2006, 00.20.04   #10
Daniele99
Ospite
 
Data registrazione: 11-10-2006
Messaggi: 33
Riferimento: Dubbi sull'IO

L'io di adesso non è l'io di domani.. è uno status presente...
Dunque il tuo io momentaneo è fatto di corpo, mente e spirito!!!
Daniele99 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it