Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 13-02-2003, 04.11.43   #11
Nerevar Indoril
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 07-11-2002
Messaggi: 2
Esisto quindi devo essere, ma il mio essere vuole veramente esistere?
Il tempo passa ed un po’ mi cambia, anche se all’incirca sono la persona di sempre, eppure guardandomi indietro, verso il passato, mi accorgo di avere avuto altre facce, o almeno altri modi di vedermi. Quello attuale lo considero più veritiero in quanto frutto degli ultimi risultati ottenuti dalla mia ricerca esistenziale.
L’esistenza è un concetto fortemente legato al tempo e forse all’essere questo da fastidio. Probabilmente i disagi esistenziali sorgono perché si vorrebbe essere qualcosa che il periodo in cui si esiste rende difficile o impossibile realizzare. A volte credo che il mio essere sia troppo pigro per sopportare la continua dinamicità dell’esistenza. In questi momenti mi sento il dovere di spronarmi perché in cuor mio mi accorgo di desiderare la morte o almeno una pace.
Altre volte mi ritrovo insoddisfatto per ciò che sono perché non adatto ad affrontare certe situazioni a cui mi trovo davanti, e per rabbia oppure per sport, decido di affrontarle con la speranza di potermi migliorare.
In conclusione ritengo che il mio essere non abbia voglia di esistere, ma al tempo stesso ritengo il non esistere doloroso, forse grazie al piacere che credo sia l’unico motivo valido per continuare a vivere, una vera e propria droga, la quale causa al mio essere assuefazione e senza di essa starebbe male. Probabilmente c’è un che di coraggioso nei folli che decidono di smettere di far uso di tale sostanza.
Eppure tale sostanza secondo me è sacra, forse più della mio stesso essere. Io ritengo il creato più che un dono, un pasticcio del dio (ammesso che esista), un opera riuscita male, ma mossa da buone intenzioni. Come Deirdre afferma, siamo su questa terra con i piedi per terra e la testa fra le nuvole, ciò perché a mio avviso la carne finisce per rendere prigioniero lo spirito anziché elevarne la magnificenza come avrebbe dovuto essere se il demiurgo non avesse sbagliato qualcosa.
Tuttavia a dimostrare le buone intenzioni del creatore, esiste il piacere, quella famosa droga che serve un po’ per rimediare al pasticcio combinato. Ed essa è la soluzione provvisoria (o forse definitiva?) che egli ha apportato al problema che ha causato, lo ritengo l’ultimo dono, quello che da senso a questo meraviglioso mondo abortito.
Nerevar Indoril is offline  
Vecchio 14-02-2003, 15.10.48   #12
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
per Nerevar Indoril

Peccato che ti si legga così raramente... sarà per che, come tu dici... sei un pigro?

Nessun commento da parte mia, capisco troppo bene quello che hai detto e voluto dire. Non potrei dire niente di più di te.

Questo passaggio ha il solo scopo di dirti che dovresti partecipare più spesso al forum. Parlando della famosa droga alla quale ti sei riferito, ...non farcene mancare.


Ciao...
Mistico is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it