Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > La Riflessione
 La Riflessione - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 04-03-2012, 13.32.18   #11
rifulgon
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 03-03-2012
Messaggi: 1
Riferimento: Il Cristo Eterno.

Buongiorno a tutti,
premetto di non aver letto tutte le risposte, ma mi incuriosice notare come gran parte delle persone siano impegnate a voler confutare Gesù Cristo ciò che Lui fece e disse (quanto si dice che lui abbia detto e/o fatto)...poi si prosegue elogiando quanto altri personaggi hanno detto/fatto e ci si riferisce al Dalai Lama, a Gandhi ecc... Spesso ci si riferisce a filosofie/mode orientali...
Buona parte di quanto ho menzionato non fa altro che parlare di amore, condivisione, compassione...come, a me pare, anche Gesù Cristo facesse/dicesse... (così dicono)
Vengo al dunque...come mai leggendo che un personaggio (Gesù Cristo) abbia detto/fatto determinate cose lo si discute e ci si impegna tanto per confutarne l'attendibilità; mentre se un altro personaggio (Gandhi,Dalai Lama ecc...) ha detto qualcosa di...buono, per carità, immediatamente si attribuisce maggior valore a quest'ultimo piuttosto che a Gesù Cristo il quale...si narra...(mito?) avrebbe offerto la propria vita, volontariamente, al supplizio, per quanti avrebbero, poi, voluto credere nel sacrificio (propiziatorio) cioè Lui si sarebbe offerto (così dicono) per espiare una colpa che nessun altro avrebbe potuto pagare...
Mi pare...che nè Gandhi (ottima persona) nè il Dalai Lama (ottima persona) nè altri possano vantare nulla di simile.
Mi pare di avere letto che non esiste amore più grande di quello di chi offre la propria vita per i suoi amici...ma mi rendo conto che ciò infastidisce: pensare che qualcuno possa amarti talmente da essersi offerto al posto tuo...l'uomo è veramente strano!

Riccardo.
rifulgon is offline  
Vecchio 04-03-2012, 19.28.28   #12
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Il Cristo Eterno.

Citazione:
Originalmente inviato da aaa
Cristo credo sia la persona con maggiori valenze semiotiche e semantiche di tutta la storia dell’umanità. Personalmente non sono un cristiano,e lo stesso per qualsiasi altra forma di religione dogmatica esistente,ma nella persona di cristo tutti i giorni traggo preziosi insegnamenti, attuabili nella vita quotidiana.

Gesù, o chi per lui, ha certo costituito una svolta, una rivoluzione, una rottura, nello sviluppo del pensiero umano...direi anche una rottura in bene...per allora...se si trascura la distruzione dell'impero romano..o forse non è dipeso solo da questo(!?).
Comunque, nell’ accoglimento della dottrina di Cristo, l'uomo è certo divenuto meno feroce nel suo esplicarsi...o è stata questione di progresso civile(!?).
Merito di una cultura che dal seme delle parole di Cristo si è evoluta e sviluppata, ma merito anche dei martiri...e merito anche di quelle migliaia. centinaia di migliaia, di uomini... letterati, artisti, storici, filosofi e scienziati più o meno credenti o miscredenti, che a partire da quel seme e clima, hanno poi sviluppato loro pensieri e teorie e Vision.

Quindi dire che oggi possiamo trarre i maggiori e preziosi insegnamenti da Cristo direttamente e dai vangeli è un pò riduttivo. Il mondo è profondamente cambiato, grandi e sconvolgenti eventi hanno dato esperienza, coscienza e conoscenza all'uomo.
Credo, quindi, che oltre che in un Cristo precursore, preziose occasioni di conforto, insegnamento e conoscenza non manchino in tutta una cultura formatasi in oltre 2500 anni, a partire dai greci,
Citazione:
la sua filosofia era anacronistica,si potrebbe dire che ci vedeva lungo,la sua paura più grande era che l' uomo sarebbe diventato quello che è oggi,un semplice corpo,un uomo reificato,meccanicista che non sarebbe più stato in grado di comunicare con il suo simile,perche,in fondo e inutile cercare chi sa cosa fra le righe della sua parola,lui auspicava un mondo capace di dialogare con il suo simile,a prescindere dal ceto,dalla razza dalle idee(politiche e religiose)
Ma credo che da sempre, pur con picchi e avvallamenti, il trend dell’andamento relativo al carattere e qualità dell'uomo sia crescente nella sua globalità e certo ciò è anche merito del cristianesimo per noi occidentali.
E’ vero che l'uomo non è... nel suo sentire, conoscere ed esplicarsi... del tutto diventato ciò che Gesù, o comunque il cristianesimo primitivo, auspicava, ma non sarebbe stato possibile: il progredire della conoscenza filosofica oltre che tecnico/scientifica che informa di sé profondamente il nostro mondo attuale con relative conquiste, è stato ed è occasione da non perdere per l’intera specie umana.
Al limite sarebbe piuttosto da porsi il dilemma se l'esserci in sette miliardi sul pianeta sia un bene o un male: crescete e moltiplicatevi disse qualcuno...e io non so se avesse la vista così lunga!

Che poi recriminare che saremmo reificati e meccanicisti e non saremmo un mondo dialogante, è assolutamente fuori luogo e anacronistico...quasi una battuta: non abbiamo mai avuto tante occasioni di dialogo, di espressione, di comunicazione come in questi ultimi anni: chat, forum, siti di scrittura, social network estesi a tutto il pianeta, cellulari, computer, tv-show, teatri, concerti, conferenze, ecc... e sarà così sempre più.

Si aggiunga che sono istituite scuole e università per la comunicazione, con incontri, stage, riunioni, dimostrazioni di piazza per proteste e approvazioni... non escludendo chiese, templi e predicatori di ogni genere, trasmissioni radio interattive, ecc...
Quando mai tutti hanno tanto parlato e comunicato con tutti quanto oggi?
Bisogna proprio rifugiarsi in cantina, o salire su una torre a mò di stilita, per sfuggire a tutto questo…e nemmeno, poichè l’etere arriva ovunque!
O forse vuoi dire che l'uomop antico era più spirituale: forse le era, ammesso che fose una qualità, ma solo perchè non aveva riferimenti concreti di conoscenza.
Citazione:
cercavo solo di far capire che siamo tutti uguali e che tutti abbiamo bisogno di tutti. Il vangelo per me e una fonte inesauribile di insegnamenti,
Forse è strano, ma mi pare fortemente ingiustificato il deprezzamento e la stigmatizzazione del’uomo e della società attuale:abbiamo persino inventato il welfare!
Certo non siamo perfetti e la società non è perfetta e c’è molto da migliorare, ma il passato è stato spesso molto peggiore e di molto: abbiamo tanto parlato di Cristo durante i 2000 anni trascorsi (e non sempre trascorsi in modo felice), e infatti o ciònonostante, la democrazia, la libertà e l’anelito alla eguaglianza vivono nei nostri paesi cristiani solo da poche decine di anni…comunque dopo l’illuminismo.
Sembra quasi che non dal cristianesimo e relativo vangelo dobbiamo o possiamo aspettarci libertà ed eguaglianza, ma dalla democrazia e dal pensiero laico.
Citazione:
e ho visto che io, ma non solo io, che possiamo definirci miscredenti nei dogmi della fede traiamo insegnamenti e aiuto negli affanni quotidiani piu della massa ceca e bigotta che si incontrano la domenica in chiesa.
Ma non farei di ogni erba un fascio: esiste forse una massa cieca e bigotta, come per ogni religione o filosofia, ma esiste anche gente che crede ed ha fede e ne trae a suo modo conforto: occorre solo osservare meglio!
Quanto ai miscredenti è difficile e raro che traggano conforto dai vangeli…se non credono!
Comunque a ognuno il suo “credo”…secondo preferenza e wishfulthinking!

Io cercherei, piuttosto, di trarre insegnamento e conforto, se ne avessi bisogno, da culture più evolute, magari più attualistiche e meglio inserite nella gestione della attuale società: tutti ci guadagnerebbero!

Per quanto..alla fine… nulla e nessuno è eterno…ogni filosofia o teoria è destinata a fallire e lasciare il posto a nuovi “migliori” concetti o Vision...tanto più che non dovremmo più attardarci nella passiva attesa degli insegnamenti dall’alto…dal deus ex machina… siamo noi tutti, protagonisti, che produciamo e diffondiamo la nuova Vision.
Citazione:
E' la prima volta che scrivo in un forum e spero che potrò qui dialogare con persone che non si fermano alle solite apparenze e ai soliti discorsi vuoti che si fanno tutti i giorni,sono ancora un pò intimidito dall esporre le mie idee qui ma so di poter dire tanto,quindi leggerete ancora cio che penso e grazie
Ti pare che mi sono fermato alle solite apparenze?…
In ogni caso non c’è ragione di timidezza!
Col coraggio delle tue idee, puoi sempre ribattere e confutare… se hai argomenti.
ulysse is offline  
Vecchio 06-12-2012, 23.14.00   #13
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Il Cristo Eterno.

Citazione:
(scritto da Ulisse):Per quanto..alla fine… nulla e nessuno è eterno…ogni filosofia o teoria è destinata a fallire e lasciare il posto a nuovi “migliori” concetti o Vision...tanto più che non dovremmo più attardarci nella passiva attesa degli insegnamenti dall’alto…dal deus ex machina… siamo noi tutti, protagonisti, che produciamo e diffondiamo la nuova Vision.

Mi dispiace, ma qui si parla del Cristo Eterno, di colui che ha proclamato: "...il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno!!..."-(Mt 24, 35); quindi sostenere che nulla è eterno è infondato, forse (e purtroppo per chi crede nella politica e nel laicismo senza il Cristo Eterno) lo sono le teorie e le filosofie di provenienza e origini prettamente umana, ma per adesso il suo messaggio: "...ama gli altri come te stesso!!..."; la Buona Notizia per tutti gli abitanti del pianeta terra: "...la Verità è nella Carità!!..."; il Santo Vangelo: "...se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti!!...", è vivo e da sempre contemporaneo, altro che crisi economica; anche perchè dopo 1980-anni la Chiesa, con tutte le sue schifezze, è sempre lì a testimoniare, che chi fonda la propria fede sulla sapienza umana e non sulla potenza del Cristo e nella Sua Eterna ragione e libertà, è destinato ad essere attore secondario nel film della sua vita; e che può produrre e diffondere solo visioni, utopie, allucinazioni, niente a che vedere con l'Eterna Realtà!
Duc in altum! is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it