Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-03-2007, 10.00.26   #21
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: gli amori inesistenti

Citazione:
Originalmente inviato da falbala48
.....PER ARSENIO
.....senza ripetere rapporti sbagliati dovuti sovente a condizionamenti che risalgono all'infanzia..... Ciao ti leggo sempre anche se non scrivo mai ,ma il tuo linguaggio così specifico mi intimidisce, però questa frase, questo riferimento continuo all'infanzia che leggo nei tuoi post mi incuriosisce troppo e diciamolo pure,mi coinvolge particolarmente, la mia domanda è questa, come si fa a correggere, a superare i condizionamenti che risalgono all'infanzia? in altri post hai scritto dell'intelligenza emotiva, ma come si fa a costruirsi? quali mezzi si possono usare per ovviare ad un danno che nel mio caso è stato deleterio? Io so perfettamente perchè ho determinati comportamenti, so perfettamente perchè penso ed agisco in un determinato modo...ma...non so correggere il tiro...mi mancano gli strumenti per farlo.
Ciao e buona giornata

Grazie per avermi ispirato il post di oggi "certi condizionamenti dall'infanzia"

saluti

arsenio
arsenio is offline  
Vecchio 29-03-2007, 10.24.33   #22
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: gli amori inesistenti

Citazione:
Originalmente inviato da abracadabra
Leggo il forum da pochissimo tempo e qualche giorno fa mi sono iscritto. Passo molto tempo da solo, troppo dice mia moglie, in vita mia ho letto tantissimo conducendo, finchè l'esistenza me lo ha permesso, una vita da Peter Pan, non mi piace confrontarmi molto con le persone anche se sono molto socievole e tutto sommato la gente sta bene in mia compagnia. Le vostre lettere, però, mi hanno spinto a provare ad uscire dal guscio anche se scopro solo adesso quanto è difficile scrivere. E' estremamente complesso non essere supponenti, ieratici o accondiscendenti soprattutto quando il proprio carattere ti porta ormai a comportarti a senso unico. In più entra il gioco del confronto anche se qui è molto più soft rispetto alla vita reale, perchè leggere , e scrivere, lo fai quando ne hai voglia tu, con i tuoi tempi.
Nella speranza che non vi siate annoiati già alla mia presentazione posso dirvi che le vostre lettere mi hanno risvegliato il sapore degli anni addietro, quando mi arrovellavo ( oddio, lo faccio ancora adesso, ma per altre cose) sul significa dell'Amore assoluto, l'amore fra due persone e l'amore secondo me.
Risultato: mi mollavano abbastanza alla svelta ma la tragedia era ricominciare daccapo, nuovi entusiasmi, nuove aspettative ecc. ecc. Forse ero, come ho scoperto di esserlo ancora, sempre per altre cose, un po' troppo fissato con le mie aspettative, i miei pregiudizi, le mie opinioni su come i rapporti avrebbero dovuti essere, ma a distanza di anni di questo non ricordo più nulla. Ringrazio solo queste persone che hanno avuto voglia, spinte come me dalle stesse aspettative che io ho poi probabilmente deluso, di dedicarmi parte del loro tempo insegnandomi, volenti o nolenti, tante cose.
Certo, ci saranno amori inesistenti o liquidi, ci saranno Platoni che sentiranno il bisogno di scrivere dell'amore, impareremo a conoscerci e ad amarci attraverso lo schermo di un computer ma a noi questo non dovrebbe interessare. Ci sarà sempre qualche bella frase in cui non vediamo l'ora di riconoscerci o un libro che esprime bene i nostri sentimenti ( ve lo dice un maestro!!) ma le persone che ho frequentato mi hanno insegnato che teorizzare su cosa sia l'amore, se ho amato o lui o lei ha amato più di me, portano solo a gratificarsi sul fatto, e questo è vero anche se non mi ricordo chi di voi l'ha scritto, che rimaniamo comunque soli.
Quello che mia moglie mi sta insegnando, e quello che cerco di insegnare a lei, è che ogni giorno è un nuovo giorno di impegno senza frasi fatte, senza teorie. Non perdiamoci dietro problemi di immagini reali o realtà immaginate, di definizioni di amori eterni o atteggiamenti , non fate come me, per quello che può servire il mio errore, in quanto dietro ai nostri comportamenti ci sono sempre bisogni insoddisfatti, immagini genitoriali dietro l'angolo, aspettative deluse ma la realtà affettiva possiamo distruggerla e ricostruirla giorrno dopo giorno se questa è chiaramente profumata da sensazione di benessere, di odore di giusto, di percezione di completezza.
Non so quanti hanno avuto il coraggio e la voglia di arrivare a leggermi fino a questo punto. In ogni caso vi ringrazio per il tempo che mi avete dedicato.
Un pensiero affettuoso da Abracadabra


Benvenuto! Condivido. Il rischio maggiore dei forum culturali è proprio scadere nella retorica dei buoni (e falsi) sentimenti).Talora anche per svalorizzare idee dissonanti, e scomode, con quelle personali. Cosa che io tento di sfuggire, alla luce di alcune teorie in parte confermate dalle esperienze dirette e da varie testimonianze, evitando il puro erudito-libresco, come la chiacchiera a vanvera e pseudoculturale.

saluti
arsenio is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it