Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-04-2007, 19.16.25   #1
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Irreality show

Da Wikipedia: reality) è un genere di programma televisivo in cui sono trasmesse situazioni drammatiche e umoristiche non dettate da un copione ma che i protagonisti sperimentano esattamente come fosse la loro vita reale.

Mi permetto di avere dei dubbi sul fatto che i protagonisti lo sperimentino esattamente come se fosse vita reale.
In realtà, solo per il fatto di sapere di essere inquadrati e ripresi ininterrottamente, i protagonisti dei cosiddetti realities, cambiano sostanzialmente il modo di affrontare le vicende che si vengono a creare nel programma. Checché ne dicano.
La situazione complessiva è deformata, distorta, sostanzialmente irreale, dal punto di vista psicologico e comportamentale. Anche se può apparire realistica, non lo è.
Molto probabilmente, senza le telecamere sempre addosso, questi improvvisati pseudo attori avrebbero ben altri comportamenti. Essi si atteggiano oltremisura per conformarsi alle aspettative degli autori che li stimolano alla caratterizzazione, enfatizzando le loro peculiarità e marcare aspetti spettacolari.
Per non parlare poi dell’occasione che hanno, questi figuranti esibizionisti e narcisisti, di volersi rappresentare secondo un piano prestabilito. Il tutto volto sostanzialmente a costruirsi un eventuale personaggio da giocarsi nel prosieguo di una possibile entrata, anche marginale, nelle stanze dei piani superiori del mondo dello spettacolo. Per non parlare del mucchio di soldi che andranno al vincitore.
Per cui, queste sceneggiate, questi teatrini, costruiti in laboratorio da esperti della comunicazione e della fiction, sono tutto fuorché reality. Sono semplici show pilotati strumentalmente per indurre noi voyeurs tele dipendenti - guardoni televisivi - a percepirli come reali, spacciando quelle storie interattive molto manipolate come spettacolo.
Che poi si tratti di spettacolo è tutta una faccenda da discutere. Almeno per me.
Sono sistemi per creare personaggi, scelti apposta con determinate caratteristiche atte ad interagire fra loro in un certo modo. Personaggi da costruire a buon mercato da piazzare poi nelle varie trasmissioni come ospiti. Oltretutto questi sono programmi, in genere, a basso costo e con ricchi ritorni economici per i produttori del format.
Noi, dunque, che li sosteniamo con il nostro interesse, restando spettatori passivi, accettando questa sotto cultura televisiva, anche se per semplice svago disimpegnato, incrementiamo questo andazzo, che è meno innocuo di quel che si potrebbe pensare, dal punto di vista educativo.
Ora, conosciuti bene per quel che sono, esaurita la nostra curiosità, digeriti in tutte le salse, a mio avviso, andrebbero abbandonati, come abbiamo fatto con i giochi e giocattoli lasciati nell'infanzia.

Ultima modifica di Mirror : 18-04-2007 alle ore 19.53.09.
Mirror is offline  
Vecchio 18-04-2007, 20.39.22   #2
cielosereno52
Ospite abituale
 
L'avatar di cielosereno52
 
Data registrazione: 21-05-2006
Messaggi: 211
Riferimento: Irreality show

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Da Wikipedia: reality) è un genere di programma televisivo in cui sono trasmesse situazioni drammatiche e umoristiche non dettate da un copione ma che i protagonisti sperimentano esattamente come fosse la loro vita reale.

Mi permetto di avere dei dubbi sul fatto che i protagonisti lo sperimentino esattamente come se fosse vita reale.
In realtà, solo per il fatto di sapere di essere inquadrati e ripresi ininterrottamente, i protagonisti dei cosiddetti realities, cambiano sostanzialmente il modo di affrontare le vicende che si vengono a creare nel programma. Checché ne dicano.
La situazione complessiva è deformata, distorta, sostanzialmente irreale, dal punto di vista psicologico e comportamentale. Anche se può apparire realistica, non lo è.
Molto probabilmente, senza le telecamere sempre addosso, questi improvvisati pseudo attori avrebbero ben altri comportamenti. Essi si atteggiano oltremisura per conformarsi alle aspettative degli autori che li stimolano alla caratterizzazione, enfatizzando le loro peculiarità e marcare aspetti spettacolari.
Per non parlare poi dell’occasione che hanno, questi figuranti esibizionisti e narcisisti, di volersi rappresentare secondo un piano prestabilito. Il tutto volto sostanzialmente a costruirsi un eventuale personaggio da giocarsi nel prosieguo di una possibile entrata, anche marginale, nelle stanze dei piani superiori del mondo dello spettacolo. Per non parlare del mucchio di soldi che andranno al vincitore.
Per cui, queste sceneggiate, questi teatrini, costruiti in laboratorio da esperti della comunicazione e della fiction, sono tutto fuorché reality. Sono semplici show pilotati strumentalmente per indurre noi voyeurs tele dipendenti - guardoni televisivi - a percepirli come reali, spacciando quelle storie interattive molto manipolate come spettacolo.
Che poi si tratti di spettacolo è tutta una faccenda da discutere. Almeno per me.
Sono sistemi per creare personaggi, scelti apposta con determinate caratteristiche atte ad interagire fra loro in un certo modo. Personaggi da costruire a buon mercato da piazzare poi nelle varie trasmissioni come ospiti. Oltretutto questi sono programmi, in genere, a basso costo e con ricchi ritorni economici per i produttori del format.
Noi, dunque, che li sosteniamo con il nostro interesse, restando spettatori passivi, accettando questa sotto cultura televisiva, anche se per semplice svago disimpegnato, incrementiamo questo andazzo, che è meno innocuo di quel che si potrebbe pensare, dal punto di vista educativo.
Ora, conosciuti bene per quel che sono, esaurita la nostra curiosità, digeriti in tutte le salse, a mio avviso, andrebbero abbandonati, come abbiamo fatto con i giochi e giocattoli lasciati nell'infanzia.

Certo.. come tutto quello che ci viene propinato dai tanti mezzi di
dis-incenticazione alla realtà... che non viene costruita dai nostri sensi..ma dalle immagini, dai suoni e parole mediati dagli altri.
Forse per toglierci da un meccanismo di quasi dipendenza da simili avvenimenti..chiederci un poco perchè ci sono simili programmi.. libera un pochino il nostro senso di critica... usufruendo di questi realyti appunto come un semplice passatempo , non come fatto di costume.
cielosereno52 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it