Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 25-06-2007, 23.01.29   #1
Cally89
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2007
Messaggi: 25
Capire se si è pazzi

Come può un individuo capire se è pazzo?
Se uno crede di avere problemi di mente, il solo fatto che si pone questo dubbio significa che non li ha?
Non credo.
Per pazzia non intendo problemi mentali esageratamente gravi, ma tipo avere la mentalità di uno capace di fare del male a qualcuno o robe così.

Forse questa discussione è stupida, ma un giorno mi è venuto questo dubbio.
Come può un tale capire se è pazzo?
Cally89 is offline  
Vecchio 26-06-2007, 17.01.38   #2
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: Capire se si è pazzi

Diciamo che ti spogli nudo in una piazza...o ti metti ad urlare in chiesa, o a ballare durante un funerale di un tuo caro...

Secondo me ci può sempre essere pazzia rispetto agli altri, nel senso che quasi tutti hanno una loro morale e quindi giudicano i comportamenti altrui in base alla loro etica.

Ma se tu cantassi in chiesa perchè in quel momento hai voglia di cantare al limite saresti irrispettoso verso gli altri che sono li per ascoltare la messa...ma rispetto a te stesso saresti pazzo?

Di solito quando uno dice che stà facendo una pazzia è perchè stà facendo qualcosa che va contro la sua natura o i suoi principi, ma se tu nel compiere qualsiasi azione non andassi contro te stesso non credo saresti pazzo...anche nei casi limite...al massimo sarai giudicato un assassino se ucciderai, folle se ballerai nudo in una piazza, blasfemo se commettessi qualche atto non comune in chiesa, ma non saresti pazzo rispetto a te stesso perchè è ciò che sentiresti di fare!!

Non sò, se hai paura di poter essere pazzo dovresti, anche nel solo tuo modo di pensare, dovresti riferire qualche esmpio concreto.

Ultima modifica di individuo : 26-06-2007 alle ore 19.36.43.
individuo is offline  
Vecchio 27-06-2007, 10.16.54   #3
Cally89
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2007
Messaggi: 25
Riferimento: Capire se si è pazzi

Citazione:
Originalmente inviato da individuo
Non sò, se hai paura di poter essere pazzo dovresti, anche nel solo tuo modo di pensare, dovresti riferire qualche esmpio concreto.
Non parlavo di me, io credo di essere a posto, è solo una discussione.
Comunque tu dici in sintesi che non sei pazzo finchè non fai qualcosa contro le tue idee? Quindi quando fai qualcosa che non puoi controllare?
Cally89 is offline  
Vecchio 27-06-2007, 12.27.32   #4
capoverde
Ospite
 
Data registrazione: 23-06-2007
Messaggi: 15
Riferimento: Capire se si è pazzi

Personalmente penso che il diretto interessato, non possa percepire questo suo stato.

L'essere pazzo, e non la depressione come altre malattie emotive, definisce una condizione mentale confusionaria, la realtà delle cose viene percepita con parametri completamente diversi da quelli "normali".

Si vedono persone immaginarie, oggetti e/o luoghi fantastici.... ma per il diretto interessato, il mondo è effettivamente così, quella è la realtà ed è sicuro di essere normale e quindi che tutti gli altri, che vedono le cose in maniera differente alla sua, siano pazzi...

Anche se ci possono essere delle eccezione, come non ricordare il matematico John Nash, da cui è tratto il film A Beautiful Mind..
Citazione:
Nel 1949, il ventunenne e talentuoso matematico John Nash entra nella prestigiosa Università di Princeton con una borsa di studio per il dottorato. Refrattario ad instaurare rapporti sociali, Nash ha solo due amici: Charles, il suo compagno di stanza, e le formule matematiche. Ossessionato dal pensiero di trovare un'idea originale a cui applicare le sue formule, John riesce nel suo obiettivo: in una tesi di dottorato di sole 27 pagine espone geniali intuizioni fondamentali allo sviluppo della "Teoria dei Giochi", facendo così diventare desuete le teorie economiche di Adam Smith.
Le sue idee gli procurano fama e un importante posto di ricercatore al MIT di Boston, dove conferma la sua intelligenza matematica. In piena "guerra fredda" viene contattato dall'esercito per la sua incredibile capacità di decodificatore. Entra così in contatto con l'"eminenza grigia" William Parcher, oscuro personaggio del governo che lo assolda per una missione top secret. Contemporaneamente John trova anche l'amore di Alicia, una giovane studentessa di fisica, che diventa sua moglie.
La vita di Nash viene a questo punto sconvolta da una terribile scoperta. Charles, la sua nipotina e lo stesso Parcher sono in realtà solo proiezioni della mente malata di Nash, affetto da una grave forma di schizofrenia. Vagando come un fantasma tra cliniche e manicomi viene sottoposto a numerose sedute di shock insulinico e ad una massiccia dose di farmaci. Grazie all'affetto ed alla vicinanza dei familiari, Alicia in particolare, e alla sua forza mentale riuscirà ad ignorare le sue allucinazioni, superando incredibilmente la malattia e tornando ad una vita normale. Rinato, Nash diventa docente a Princeton, e nel 1994 è insignito del Premio Nobel per l'economia.
capoverde is offline  
Vecchio 27-06-2007, 13.32.01   #5
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Il nido del cuculo.

"Non parlavo di me, io credo di essere a posto".

Siamo sicuri? veramente?

Se non parli di te di chi parli? di un tuo amico? di una cosa vista in tv?
delle voci che ti dicono: scrivi!..magari, sai com'è, non si sa mai a questo mondo.

Sarebbe opportuno che specificassi cosa significa per te questa tua domanda.

Vedi a Sparta ogni uomo rispondeva in prima persona di quello che diceva.

A quei tempi il numero della sciocchezze si era ridotto drasticamente, pazzesco?
NOn trovi?
visir is offline  
Vecchio 27-06-2007, 14.26.19   #6
querelle
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 48
Riferimento: Capire se si è pazzi

Secondo me questo tuo conoscente è pazzo (sento di avere qualcosa in comune con lui).
querelle is offline  
Vecchio 27-06-2007, 17.36.33   #7
catoblepa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2006
Messaggi: 282
Riferimento: Capire se si è pazzi

Non so se esistano definizioni precise di cosa sia la pazzia...sicuramente esistono descrizioni dettagliate dei sintomi delle malattie mentali (vedi http://it.wikipedia.org/wiki/DSM-IV ).

Tutto dipende dal concetto di "normalità". E' un pò il cane che si morde la coda, perchè potremmo chiederci cosa si intende per persona "normale"....

Se intendo il cervello come un organo, alla stessa stregua del fegato o altro organo del corpo, mi verrebbe da dire che un cervello di un pazzo funziona in maniera non conforme alla sua funzionalità organica, ossia non fa "il suo dovere" , analogamente ad una mano che non si articola o ad un pancreas che non emette gli enzimi della digestione.

Se guardo ai comportamenti complessivi dell'essere umano, le cose possono complicarsi, perchè talvolta la stravaganza o lo spirito di originalità possono essere scambiati per pazzia e viceversa...
Tu cosa intendevi di preciso?
catoblepa is offline  
Vecchio 27-06-2007, 20.19.15   #8
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: Capire se si è pazzi

...Poi credo di aver fatto una certa confusione anch'io, nel senso che secondo me il mio discorso filerebbe di più se al termine "pazzia" si sostituisse quello di "follia".

In effetti l'essere pazzo, potrebbe essere vista più in termini medici come una malattia, mentre la follia più come un comportamento calato in un determinato contesto sociale.

Quindi ora la mia risposta cambia:

Credo che se uno è pazzo in senso strettamente medico allora credo proprio non se ne possa rendere conto, perchè credo che la pazzia vada a toccare le " alte sfere " della nostra " psiche ".

Credo invece che in certi momenti si possa arrivare a sfiorare la pazzia; e questo lo posso dire per certo, visto che l'ho provato sulla mia pelle.
individuo is offline  
Vecchio 27-06-2007, 21.15.52   #9
uranio
Ospite abituale
 
L'avatar di uranio
 
Data registrazione: 22-10-2004
Messaggi: 470
Riferimento: Capire se si è pazzi

La pazzia non viene riconosciuta dal pazzo, ma solo chi gli sta vicino può notare una anomalia mentale. Il pazzo non si rende conto delle sue anomalie.Se vuoi capire se sei pazzo è già indice di non pazzia perchè tu ti stai rendendo conto con la tua mente di alcune tue anomalie il fatto che te lo chiedi ti dà la risposta che non sei un malato mentale, ma probabilmente un depresso o altro
uranio is offline  
Vecchio 27-06-2007, 23.33.25   #10
Cally89
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2007
Messaggi: 25
Riferimento: Il nido del cuculo.

Citazione:
Originalmente inviato da visir
Se non parli di te di chi parli? di un tuo amico? di una cosa vista in tv?
delle voci che ti dicono: scrivi!..magari, sai com'è, non si sa mai a questo mondo.
Se fossi pazzo la gente me lo avrebbe detto. La mia è una domanda nata riflettendo ma non per questo devo essere pazzo. Io parlo di pazzia e tu per questo mi consideri pazzo??
Tra l'altro come vedi ci sono state risposte sensate quindi questa è una discussione che può esistere e che non è insensata.
Se proprio devo risponderti diciamo "qualcosa visto in TV", ovvero la mia domanda viene fuori perchè magari ho visto qualche film di persone con problemi mentali. La domanda è venuta fuori così, ma senza motivo.
Ora che me ne accorgo mi sono risposto da solo: la prima cosa che ho scritto è "se fossi pazzo la gente me lo avrebbe detto".
Ecco come si fa a capire se si è pazzi. Sempre che la malattia permetta di comprendere ciò che la gente dice.^^
Cally89 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it