Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 28-07-2007, 14.49.40   #31
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: L'anno delle Olimpiadi Markuzziane

F A N T A S T I C O !!!!!!!!!!!!!!

Che la Ibella è tutta fuori... secondo me... lo davano quasi tutti per scontato!!!

Chi non è Stupido (e ovviamente Tu sei tutt'altro) non s'intriga per una Stupida.

Ma ...per una "fuori".... azz!!!

Tu non l'hai detto per non sembrare livido.
Ci concedi di non averlo detto manco noi... nel dubbio legittimo che tu non ne avessi ancora certezza e che... quindi... l'avresti presa come consolazione da 2 centesimi???

Adesso mi mangio le mani per non averlo scritto prima: tutte le volte che Ti ho risposto... pensavo ad una delle esperienze più magiche della mia vita.

Intrigata di un Pazzo (corrisposta, ma corrisposta come può corrispondere un Pazzo).... piena di care amiche di cui non ne potevo proprio più.... scelsi di "pagarmi" l'Amico e che fosse astretto al segreto professionale: uno Psichiatra... a cui chiedere SOLO di prestarmi i suoi occhi per guardare insieme le MIE cose.

Esperienza a propria volta pazzesca.... fu ... supermagica... per tutto il tempo in cui ci divertimmo... sulla sua fiducia, iperdichiarata, che la Logica può tutto, e che avevo già capito tutto, e che potevo già distruggere tutto, ma - come dice Visir - NON doveva esserci fretta: dovevo solo ragionare e ridere, vivisezionare e ridere: avevo mitizzato NIENTE; la logica lo sapeva; l'emotività - fronte parallelo - era ancora destabilizzata.
Sarebbe bastato pensarci e RIDERE, insieme, su ciò che solo RIDICOLO era e che io sapevo benissimo esserlo.

L'importante era NON avere fretta: l'emotività ha tempi diversi rispetto alla razionalità.

Funzionò alla grandissima.

Non c'è storia della mia vita più "chiusa" di quella.
Ma nom c'è storia che, anche oggi, mi muova a maggior tenerezza verso me stessa: perchè non ci sarebbe MAI stata, quella storia con uno così fuori, se non fosse stato che "fuori" in quella fase, ERO IO.... IO COSI' LOGICA, IO COSI' RAZIONALE, IO COSI' PADRONA DI ME !!!!!!!!!!!

Mi accodo a Visir: quello che c'era di spaciale nella tua discussione... eri Tu!
Uno che - di sicuro - non è cretino.... ma che - come me allora - si è preso la sua vacanza per viversi la dose di fantastica imbecillagine che come Umano pure gli tocca....

Umilissima considerazione a carte ormai scoperte: si nasce in tanti modi diversi e di conseguenza si vive.
Tra i tanti modi c'è quello di chi - chissà perchè - non chiede aiuto, non dice grazie, anzi ... crepa da solo pur di non dover dire grazie; normalmente riceve i grazie degli altri; ma siccome... è fatto così... in raltà non vuole neanche i grazie... non fossa'altro perchè lo obbligherebbero a dire "prego, non c'è di che".

Ora, dico solo (e per esperienza personale): un momento di "vacanza"... pure a Questo... glielo vogliamo lasciare?
E quale può essere la vacanza, per Uno Così, se non quella di fingersi debole e perso... quanto meno per vedere in quanti e come ... POSSONO ricambiare verso Lui ciò che Lui dà ogni giorno verso gli altri (sia ben chiaro: senza sforzo e senza inganno... solo perchè è nato così)..........

Sintesi: sono ultrafelice di sapere che sapevi già tutto.
Sono ultrafelice di "vedere" che - in ogni caso - "il più è fatto".
Sono (immodestamente) ultrafelice (pure la razionalità è un vizio che talvolta sconfina in perversione) di apprendere che sapevi già tutto.
Però - detto con tantissimissima simpatia e stima - consentimi di parteciparti - alla luce di tutto - un dubbio piccolo piccolo ma forse importante nella vita tutta: è che andiamo "per tipi"... e , per questo, chi è dello stesso "tipo" - credo - ha di molto velocizzato il trecartismo ai danni di te stesso che - oggettivamente - esiste, fa male davvero, e COMUNQUE non sarebbe mai stato risolto SE le risorse per farlo non ti fiossero appartenute di TUO.

donella is offline  
Vecchio 29-07-2007, 13.46.27   #32
elair85
frequentatore
 
L'avatar di elair85
 
Data registrazione: 30-04-2006
Messaggi: 144
Riferimento: Lasciare ed essere lasciati. Contemporaneamente. Da due persone diverse.

caratteristiche singolari, che potrei riassumere in: emancipazione oltre ogni limite, discreta durezza e capacità di stare sola sopra la media comune, unite ad un senso di sicurezza di sé, non in antitesi con il concetto di coppia; anzi - se riesco a spiegarmi, e ad aggirare la apparente contraddizione - in simbiosi con il concetto di coppia (coppia solida = risultato di individui solidi, giusto x capirci, con qualche approssimazione).
Quando dico capacità di stare da "sola", voglio dire: sia sola sentimentalmente, che sola fisicamente, in casa, la sera, anche per giorni

Non so quanta gente tu abbia conosciuto in vita tua ma non mi sembrano cose cosi' rare e introvabili!!!!
Per quanto riguarda il discorso dell' essere lasciati be', succede, come hai detto tu... Quindi è chiaro che nessuna di queste due persone vada bene: una non la vuoi più l' altra non vuole più te, quindi devi solo voltare pagina e basta, non c'è altro da fare, non c'è da pensare, ne' da ricordare, ne' da sperare... Basta, faranno parte della tua esperienza di vita e nient' altro. Per quanto riguarda la ragazza che hai lasciato tu non penso nemmeno che tu ci voglia tornare insieme, e dopo essere stato con quest' altra di cui ti dichiari tanto innamorato penso che non ti vorrebbe più neanche lei.. QUindi un problema è risolto, L' altro è piu difficile perchè sei impotente davanti a esso, non puoi cambiare idee e sentimenti altrui (Cosi' come la tua ex non puo' farlo con te per fortuna), quindi ripeto l'unica cosa è rassegnarsi e guardare solo avanti, non si guarda mai indietro, non porta a niente...
Buona fortuna
elair85 is offline  
Vecchio 30-07-2007, 09.31.33   #33
falbala48
Ospite abituale
 
L'avatar di falbala48
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 110
Riferimento: Lasciare ed essere lasciati. Contemporaneamente. Da due persone diverse.

cucciolo, eccomi, anche io vi ho pensato nel mio fine settimana, lo faccio spesso, l'idea che ho è che in questo forum facciamo un pò terapia di gruppo anche se ci manca il supervisore lo trovo molto utile, personalmente leggo le risposte di tutti, a volte salto qualche frase, sono un pò come il coniglio matto di alice, voglio correre sempre...come già detto credo che tu sia a buon punto , stonatela pure se vuoi ma non fare come la scimmia: nella jungla una scimmia su di un albero fuma tranquilla e canta, ride da sola..etc... passa una lucertola e le chiede il perchè di tanta contentezza, la scimmia risponde che è dalla mattina presto che fuma e sta bene, la lucertola chiede se può provare anche lei, salita sul''albero comincia fumare a più non posso ,al pomeriggio dice alla scimmia : senti mi si è seccata la gola, muoi di sete scendo un attimo e vado a bere, raggiunto lo stagno, stonata per il troppo fumo ci cade dentro e viene salvata dal coccodrillo che stupito le chiede come mai fosse caduta in acqua, la lucertola racconta della scimmia e del fumo sull'albero...il coccodrillo molto in...ato che nella sua jungla si facessero cose così immorali parte alla volta della scimmia, arrivato sotto l'albero..si sente un urlo stupito....min....ia (non c'è traduzione "parola universale") e quant'acqua ti vivisti? traduzione qunat'acqua ti sei bevuta?
scritta forse perde un pò ma credo che apersone intelligenti renda lo stesso il senso...cum grano salis...ma sono sicura che tu ne abbia abbastanza, continua le tue elaborazioni, ne uscirai ,come credo tutti qui nel forum ,una persona migliore se non altro più profonda...anche se nessuno di noi vorrebbe essere profondo visto il prezzo...

inchallh
falbala48 is offline  
Vecchio 01-08-2007, 10.50.46   #34
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Il mondo è dei disperati?

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione

.........................
Vuole dirci, Pallina, con la sua acuta e disincantata (dico davvero, con stima) osservazione, che circolano persone apparentemente diciamo “perbene”, diciamo “normali”, e via dicendo, e non più giovanissime, che si imbarcano in relazioni alla ricerca di qualcosa che “serve” tipo compagnia per qualche giorno? Tipo relazione “a termine”, a scadenza entro xy settimane prestabilita?! Tipo – Aiuto! – sesso per qualche giorno/settimana?


........................

Un mondo di persone normali/conformiste che – allora – vivono invece di finto-conformismo, di squalismo disperato? Di questo stiamo parlando? Che divorano l’esistenza con un certo cinismo, prendendo quello che a loro serve nascoste dietro un velo di innocua normalità? Apparente normalità, e – dietro – disperazione divoratrice di quello che serve. Ho capito bene?


Per assurdo Marco non c'è affatto avidità, tanto meno disperata, in quel modo di comportarsi. Sono persone, uomini e donne, che tranquillamente ti dicono che non hanno nessun interesse e nessuna voglia di impegnarsi. Relazioni che possono durare qualche settimana ma non oltre, diciamo, i due mesi nelle quali non investono alcuna speranza: le vivono e basta. A volte sono davvero una "toccata e fuga"....Un "carpe diem" ahimè....molto terra terra...
Te lo dico con cognizione di causa non "personale" ma quasi...
I motivi? L'immaturità (nonostante l'età), l'incapacità di mettersi in gioco, la superficialità, l'aver subito e mai superato un abbandono, a volte l'eterna ricerca dell'altro/a ideale (e hai voglia tu a fargli capire che non esiste se non nella loro testa...). E tutto sommato, sai, vivono pure bene. Con il tempo diventano sempre più, direi inconsapevolmente, egoisti/e sempre più centrati sulle loro necessità, smettono di avere aspettative (forse sono gli unici che ci riescono). Un prendersi e lasciarsi quasi senza nessuna sofferenza (il dubbio comunque m'assale...), un "do ut des" che a volte non lascia nemmeno spazio alla sorpresa e alla imprevedibilità del momento. Non sono disperati, Marco, forse cinici, forse superficiali ai nostri occhi e per il nostro vivere. Ma noi, ai loro occhi, come siamo? Eterni illusi? Destinati all'infelicità? Siamo le loro prede ideali?

Conosco bene comunque anche i finti anticonformisti. Per me tra loro e le persone di cui ho scritto sopra, non c'è nessuna differenza. Sono solo persone diverse da me e a me sta poi accettare di confrontarmi con loro o no.
Tragico è quando ti ritrovi ad avere una sorella fatta in quel modo lì... ...
pallina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it