Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 25-08-2007, 14.59.40   #1
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Il-ludo

E' bellissimo leggere i vostri post "psicologici" ed ancora più osservare come attraverso ognuno di essi ci si affanni a r-esistere nella persuasione di essere dei soggetti, di "avere" dei sentimenti e delle sensazioni, interrogandosi sulle vari'azioni in(de)finite del proprio (mai proprio) esserci. "Ci" si domanda (nel senso che si questiona e si questua, si mendica) sull'amore e sul senso della vita, sui rapporti interpersonali quando manca anche solo un "intrapersonale", sulle chattatine di cui ancora si pensa di essere soggetti sempre assoggettati. Ma sono certo che il dubbio, le crepe che scricchiolano sotto la sottile lastra di ghiaccio della razionalità, "spifferano" ansietà, "spifferano" la paura, rimossa, rimessa, dif-ferita sugli altri, di non essere affatto. Di non essere soggetti di discorsi ma solo effetti di pratiche linguistiche che mai hanno un perchè, che solo dicono il nulla di ciò che (non) si è mai (stati). Il-ludersi, giocare con (un) se stessi di cui intuiamo bene la non esistenza, la r-esistenza....
renzananda is offline  
Vecchio 25-08-2007, 21.28.46   #2
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Il-ludo

Citazione:
Originalmente inviato da renzananda
E' bellissimo leggere i vostri post "psicologici" ed ancora più osservare come attraverso ognuno di essi ci si affanni a r-esistere nella persuasione di essere dei soggetti, di "avere" dei sentimenti e delle sensazioni, interrogandosi sulle vari'azioni in(de)finite del proprio (mai proprio) esserci. "Ci" si domanda (nel senso che si questiona e si questua, si mendica) sull'amore e sul senso della vita, sui rapporti interpersonali quando manca anche solo un "intrapersonale", sulle chattatine di cui ancora si pensa di essere soggetti sempre assoggettati. Ma sono certo che il dubbio, le crepe che scricchiolano sotto la sottile lastra di ghiaccio della razionalità, "spifferano" ansietà, "spifferano" la paura, rimossa, rimessa, dif-ferita sugli altri, di non essere affatto. Di non essere soggetti di discorsi ma solo effetti di pratiche linguistiche che mai hanno un perchè, che solo dicono il nulla di ciò che (non) si è mai (stati). Il-ludersi, giocare con (un) se stessi di cui intuiamo bene la non esistenza, la r-esistenza....

Trovo bellissimo invece, ludico - leggere Renzananda.

Il quale è abilissimo a giocare con le parole. Un gioco a cui purtroppo non so giocare, ma che mi mette in platea ad applaudire.

Ciao
Patri15 is offline  
Vecchio 26-08-2007, 03.17.44   #3
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Riferimento: Il-ludo

Citazione:
Originalmente inviato da Patri15
Trovo bellissimo invece, ludico - leggere Renzananda.

Il quale è abilissimo a giocare con le parole. Un gioco a cui purtroppo non so giocare, ma che mi mette in platea ad applaudire.

Ciao

Si gioca con le parole sempre meno di quanto le parole non giochino con noi o giochino (un) "noi". Ancora illusi di essere soggetti cui appartiene il linguaggio e non appartenenti da per sempre al Linguaggio, al dire di un Altro che ci s(tra)parla "dentro" in assenza di un dentro. Un gioco (giogo) al massacro, che l'amplificazione virtuale rende evidente. Bastava perlatro il buon Lacan ad avvisarci che il discorso non è nell'essere (stra)parlante ma viceversa e che, come (dis)diceva l'Eugenio nazionale glossando il bravo Federico (Nietzsche): "questo solo possiamo dire, ciò che "non" siamo, ciò che "non" vogliamo". E che non si dà un significato ma solo una folla di significanti che non controlliamo, gli spifferi, gli handicap e le trappole linguistiche su cui caracolliamo. La rete è qui (dove?) a ricordarcelo.
Dunque si gradisce l'applauso ma in scena non c'è nessuno, si è davvero o-sceni, fuor di scena ovunque, chat, forum, rete che sia. Un po' come il povero "io" freudiano, mai padrone a casa propria...
renzananda is offline  
Vecchio 31-08-2007, 03.58.11   #4
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Scricchiolar di scricchiolii...

Oh... questo mi era s-fuggito... :-) ...

... è bello osservar come quella realtà
che ci si aff-anna tanto a ne-gare
sia la stessa che più subdola-mente si torna a ri-affer-mare
come l’es-sere che cacciato fuori dalla finestra
ri-entra dal portone principale col nome di non-essere...
sembra vana-mente che scriver d’illusioni
possa portar già ad un qualche tipo di con-sapevo-lezza,
che forse non serva ancor altro che a gloriarsi un po’ più del nu-ovo antico nato:
il vuoto del non-essere, ma anch’esso non va ananda-mente negato?

Ma queste son facezie della mente
per cui veni-amo a noi...
vorrei por-ti una questione che da non poco
m’attanaglia stra-ordinaria-mente:
la vasta e lumi-nosa co-scienza del ludo come modifica la vita?
Voglio dire, l’aver conseguito il luminoso ris-veglio dalle tenebre di maya
davvero serve solo a gonfiar un po’ più l’eloquio?
O alla ra-dice la perduta r-esistenza stra-volge tumultuosa-mente
infinita-mente ogni più minuta fibra dell’essere e del non essere?
O ancora le montagne tornano ad essere montagne ed i fiumi fiumi,
ma dal mutato eloquio traspariranno risplendenti amenità
che inchinar faranno il cuore e l’esser per intero di chiunque le ascolti?

Mà...!


(un treno in lontananza
a quest'ora accidenti
le serate estive ad Ascea
proprio come allora in un lampo
com'è straordinaria e strana
la mente
ed il fato con lei...)


...

A.

ps. Ascea è l'antica Elea... una piccola perla per te, amico renzananda che mi par t'interessi di tal codeste cose...
nexus6 is offline  
Vecchio 31-08-2007, 13.18.31   #5
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Riferimento: Scricchiolar di scricchiolii...

Citazione:
Originalmente inviato da nexus6
Oh... questo mi era s-fuggito... :-) ...

... è bello osservar come quella realtà
che ci si aff-anna tanto a ne-gare
sia la stessa che più subdola-mente si torna a ri-affer-mare
come l’es-sere che cacciato fuori dalla finestra
ri-entra dal portone principale col nome di non-essere...
sembra vana-mente che scriver d’illusioni
possa portar già ad un qualche tipo di con-sapevo-lezza,
che forse non serva ancor altro che a gloriarsi un po’ più del nu-ovo antico nato:
il vuoto del non-essere, ma anch’esso non va ananda-mente negato?

Ma queste son facezie della mente
per cui veni-amo a noi...
vorrei por-ti una questione che da non poco
m’attanaglia stra-ordinaria-mente:
la vasta e lumi-nosa co-scienza del ludo come modifica la vita?
Voglio dire, l’aver conseguito il luminoso ris-veglio dalle tenebre di maya
davvero serve solo a gonfiar un po’ più l’eloquio?
O alla ra-dice la perduta r-esistenza stra-volge tumultuosa-mente
infinita-mente ogni più minuta fibra dell’essere e del non essere?
O ancora le montagne tornano ad essere montagne ed i fiumi fiumi,
ma dal mutato eloquio traspariranno risplendenti amenità
che inchinar faranno il cuore e l’esser per intero di chiunque le ascolti?

Mà...!


(un treno in lontananza
a quest'ora accidenti
le serate estive ad Ascea
proprio come allora in un lampo
com'è straordinaria e strana
la mente
ed il fato con lei...)


...

A.

ps. Ascea è l'antica Elea... una piccola perla per te, amico renzananda che mi par t'interessi di tal codeste cose...


La vasta e luminosa co-scienza del ludo, come modifica la vita mi chiedi (ti chiedi). Ma questo è pensierino di servo e di asservito al perchè, al modo ed allo scopo, quando il ludo è o-scena-mente fuori di ogni teatrino e rappresentazione, fuor dall'essere e dal non-essere. Le parole sono suoni significanti, soffio di vento o soffio divento, uguagliando l'inuguagliabile transitano l'intransitabile e dicono dimenticando l'incessante infanzia della vita, senza parola. Un in-canto, che canta dentro in assenza di un dentro. Purchè sia un sognare sapendo di sognare, un oblio che si sappia oblio, un dimenticare che non dimentichi il (suo) dimenticare
renzananda is offline  
Vecchio 31-08-2007, 15.25.13   #6
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Il-ludo

Citazione:
Originalmente inviato da renzananda
E' bellissimo leggere i vostri post "psicologici" ed ancora più osservare come attraverso ognuno di essi ci si affanni a r-esistere nella persuasione di essere dei soggetti, di "avere" dei sentimenti e delle sensazioni, interrogandosi sulle vari'azioni in(de)finite del proprio (mai proprio) esserci. "Ci" si domanda (nel senso che si questiona e si questua, si mendica) sull'amore e sul senso della vita, sui rapporti interpersonali quando manca anche solo un "intrapersonale", sulle chattatine di cui ancora si pensa di essere soggetti sempre assoggettati. Ma sono certo che il dubbio, le crepe che scricchiolano sotto la sottile lastra di ghiaccio della razionalità, "spifferano" ansietà, "spifferano" la paura, rimossa, rimessa, dif-ferita sugli altri, di non essere affatto. Di non essere soggetti di discorsi ma solo effetti di pratiche linguistiche che mai hanno un perchè, che solo dicono il nulla di ciò che (non) si è mai (stati). Il-ludersi, giocare con (un) se stessi di cui intuiamo bene la non esistenza, la r-esistenza....

ma credi che ci sia un "sè" che va oltre il soggetto e che, riconosciuto e ascoltato, può parlare senza illudere e illudersi?

Tu sei soggetto o effetto di pratiche linguistiche? Questa è una domanda cruciale.

Visto che quando devi of-fendere trovi parole molto convenzionali che si capiscono senza fare giochi di parole ("rubrichetta", "para-psicologici", "chattatine", "dicono il nulla") per dimostrare l'in-consistenza di qualsiasi razionalità. Chi sta denigrando cosa, se non scriviamo altro che di nulla? Hai mica in te un soggetto che si crogiola nello s-montare gli altri?

Ora mi domando se tu, come tutti noi, non sei perchè ti affanni a ragionare e dimostrare che noi, lungi dall'essere dei soggetti, non siamo altro che "effetti di pratiche linguistiche"?


So che non si può rispondere razionalmente a quello che scrivi e che, già il farlo, rappresenta un clamoroso passo falso (visto che risponderai con altre parole a-significanti -perchè non c'è significato); però sono consapevole del rischio e mi metto alla berlina.

Insomma il punto è: chi scrive per renzan? C'è un chi?
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 31-08-2007, 16.18.59   #7
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Il-ludo

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
ma credi che ci sia un "sè" che va oltre il soggetto e che, riconosciuto e ascoltato, può parlare senza illudere e illudersi?

Tu sei soggetto o effetto di pratiche linguistiche? Questa è una domanda cruciale.



Se leggi meglio, mi pare di capire che dietro al soggetto, che già non c’è, non c’è nulla, c’è il nulla che è il soggetto - non essendo –. Mancando il soggetto, non c’è neppure oggetto, ma, e qui mi discosto non poco, non c’è neppure il ludo, ma l’illusione del ludo (il-ludo). Il ludo è così anch’esso teatrino, pur essendo fuori dalla scena, o solipsistica scena.

"questo solo possiamo dire, ciò che "non" siamo, ciò che "non" vogliamo"
visechi is offline  
Vecchio 31-08-2007, 21.47.18   #8
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Riferimento: Il-ludo

Infatti...nel teatrino dell'il-luder"si" non si recita mai "a soggetto" quando il soggetto manca o (non) è la propria mancanza o la mancanza di ogni "proprio". L'offesa presuppone aver qualcosa da difendere ( o da diffondere) ma quando non si ha nulla, neppure il nulla, dove sta l'offesa? Qui (dove?) nessuno dimostra (se non il) nulla, e il soggetto vanisce in proporzione al suo di-scriversi e mai il contrario. Chi "si" vuole offendere "si vuole" nell'offendersi, si chiama e risponde nell'ac-cadere svuoto di ogni volontà, nel dis-volersi di ogni voler dire....
renzananda is offline  
Vecchio 01-09-2007, 13.37.02   #9
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Il-ludo

Se tutto fosse illusione e nulla esistesse?
In questo caso avrei pagato decisamente troppo per il mio tappeto.

(Woody Allen)
donella is offline  
Vecchio 01-09-2007, 15.16.34   #10
renzananda
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 22-08-2007
Messaggi: 152
Riferimento: Il-ludo

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Se tutto fosse illusione e nulla esistesse?
In questo caso avrei pagato decisamente troppo per il mio tappeto.

(Woody Allen)

In quel caso nessuno avrebbe pagato nulla. Un prezzo troppo caro davvero....
renzananda is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it