Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-09-2007, 09.37.58   #21
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Santificazione della propria compagna e calo del desiderio

Ho notati casi simili come caratteristiche di origine culturale, in gruppi etnici dove tuttora esiste il culto della Madre considerata sacra e non collegabile con l'atto sessuale "impuro". In questi casi la donna acquista questa identita' dopo il matrimonio e la nascita dei figli. L'atto sessuale con la moglie ha l'unico motivo di prolificare, cioe' di confermare la sacra immagine materna.
hava is offline  
Vecchio 13-09-2007, 09.48.42   #22
falbala48
Ospite abituale
 
L'avatar di falbala48
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 110
Riferimento: Santificazione della propria compagna e calo del desiderio

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
Dicono esistano disfunzioni della attività sessuale maschile (calo de desiderio) che siano legate alla idealizzazione della propria compagna, soprattutto in quanto madre, o madre potenziale dei propri figli.
Il controcanto potrebbe essere un interesse sessuale accentuato per la donna che non potrebbe mai essere madre e compagna, ma solo amante.

Credo che non si tratti di situazioni rare. A me in passato è capitato.

Ciò, si capisce, ha un effetto devastante sulla compagna rifiutata, o non desiderata a sufficienza. Sebbene sia compagna e madre perfetta, ... per ciò stesso diventa amante imperfetta.

Questione spinosa, dalle notevoli componenti psicologiche, che dite?

Mucchio di piacchiatelli!!! buongiorno e ben trovati, è da qualche giorno che cerco di leggiucchiare, ma non riesco a focalizzare l'attenzione più di tanto quindi se mi passate la superficiliatà della lettura, analizzo soltanto la mia prima impressione sommaria : vorrei fare alcune domande a markuzzo
cosa c'entra tutto questo con l'amore? cosa c'entra la voglia di sesso sfrenato con l'amore? da ciò che mi sembra di capire secondo quanto scritto da marco tutti i rapporti di coppia sono destinati a trasformarsi in rapporti fraterni? E' un'evoluzione naturale secondo te che scatta nel momento in cui si fanno figli? qualcosa mi sfugge....
falbala48 is offline  
Vecchio 13-09-2007, 10.29.23   #23
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Ignavia

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
L'ignavo, compreso l'ignavo Markuzzo che leggo nel forum (non il Marco che nella vita non conosco e non so com'è), è colui che non sceglie... come detto.
Dante diceva tra Bene e Male, qui tra vita di coppia e vita da conquistatore.

Continuo con le estremizzazioni, solo per capirci.
Confido che mi capirete.

Secondo lo schema che abbiamo costruito, discutibile finchè si vuole, il mondo degli ometti si divide in maritini-Fantozzi e Flavii Briatorii.
In mezzo c’è un po’ di tutto. Essenzialmente un sacco di signori che tirano a campare tra la loro indole fantozziana (più comoda, e molto più pratica) e quella briatoriana (più scomoda, e molto teorica). Qualcuno prova a fare di meglio.

Ognuna è libera di sperare che là in mezzo ci sia davvero qualcosa di meglio (tipo me ).
Se ci crede, tanto meglio per lei.
Gli ometti non avranno nessuna difficoltà ad assecondarla, e dire loro che là in mezzo è pieno di perle pregiate.
marco gallione is offline  
Vecchio 13-09-2007, 10.31.17   #24
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Santificazione della propria compagna e calo del desiderio

Citazione:
Originalmente inviato da hava
Ho notati casi simili come caratteristiche di origine culturale, in gruppi etnici dove tuttora esiste il culto della Madre considerata sacra e non collegabile con l'atto sessuale "impuro". In questi casi la donna acquista questa identita' dopo il matrimonio e la nascita dei figli. L'atto sessuale con la moglie ha l'unico motivo di prolificare, cioe' di confermare la sacra immagine materna.

Quoto Hava.
A quel che scrive ci penserei su.
marco gallione is offline  
Vecchio 13-09-2007, 10.32.59   #25
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Santificazione della propria compagna e calo del desiderio

Citazione:
Originalmente inviato da falbala48
Mucchio di piacchiatelli!!! buongiorno e ben trovati, è da qualche giorno che cerco di leggiucchiare, ma non riesco a focalizzare l'attenzione più di tanto quindi se mi passate la superficiliatà della lettura, analizzo soltanto la mia prima impressione sommaria : vorrei fare alcune domande a markuzzo
cosa c'entra tutto questo con l'amore? cosa c'entra la voglia di sesso sfrenato con l'amore?

Falbala, pur con tutto il bene che ti vogliamo, non ti passiamo la superficialità della lettura.
Torna quando sei più preparata .
marco gallione is offline  
Vecchio 13-09-2007, 11.27.13   #26
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: Ignavia

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
.............................. ...
Un altro punto che solleva Pallina che vorrei tanto condividere (ma non gliela fo') è che "siamo in due" nella coppia, per cui il problema di cui sopra andrebbe preso per le corna (dico in senso figurato).
Mica sicuro che sia così vero: c'è il rischio che siamo 1+1, anzichè 2. Ognuno coi suoi film proiettati nella testa.
.............................. ...

L'essere in due, Marco sottindende sempre la distinzione delle due unità...Per quanta condivisione, comunione d'intenti, affiatamento ci possa essere la coppia è UNA persona + UNA persona. Ma forse tu parli da single provvisto di fervidissima immaginazione, tant'è che i tuoi film te li fai persino da solo vedendo una sconosciuta per strada... ...hai come dire, la possibilità di andare al cinema gratis, e, oserei dire che per te tra il dire e il fare NON c'è di mezzo il mare...

Io invece, con i piedi per terra, devo mettere tantissimo impegno affinchè il mio film non sia come quel "Ricomincio da capo" con Bill Murray e il suo Giorno della Marmotta... ... E perchè quel " 2" funzioni l'impegno ci deve essere anche dall'altra parte....



Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
A proposito di prospettive divergenti, mi sento - fuori da ogni battuta - di dare un consiglio alle signore che mi leggono: non fate pesare mai esplicitamente l'esigenza di essere desiderate. Mai.


Senza voler peccare di presunzione ti dico che sfondi una porta aperta, non fosse altro per gli anni che ho.
Per questo vorrei tornare per un attimo al discorso originale, al calo del desiderio. E' risaputo che il desiderio vive della "mancanza", non si desidera ciò che si ha. Allora tutto sta nell'essere abili a non svelarsi, a non concedersi sino in fondo. E per quanto sessualmente ci si conosca e si finisca per ripetere gli stessi gesti è "la mancanza" a livello interiore, psichico, che conta e che fa si che quei gesti siano vissuti e sentiti "in modo sempre diverso e appagante". Fino a quando riuscirò a fare in modo che lui non abbia la sicurezza di avermi "presa" il desiderio resisterà nel tempo.....Il desiderio maschile si esaurisce non solo con il possesso fisico ma con la certezza che la donna "dipende" da lui, il classico "non so vivere senza di te"........

Il desiderio della donna che, invece, si nutre "del desiderio dell'altro" non cerca il possesso ma la protezione, ancora oggi per molte significa sicurezza e garanzia del futuro. Sono ancora meno, rispetto agli uomini, le donne che riescono ad essere indipendenti e autonome oltre che nel lavoro anche nel desiderio. Ecco perchè molte donne non amano l'uomo ma il potere che lui ha e quando poi arrivano i figli li amano più dell'uomo. Al quale non resta che arrendersi al fatto di essere relegato alla sola figura di padre... ...
pallina is offline  
Vecchio 14-09-2007, 22.59.50   #27
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: Santificazione della propria compagna e calo del desiderio

Sembra che questa discussione converga verso un tema spesso ricorrente qui nel Forum Psicologia, che è quello - passatemi la volgarizzazione - del "in amore vince chi fugge". Potrebbe anche diventare, a questo punto, "nel sesso vince chi fugge" stanti le vicinanze tra sesso ed amore.

Una amica, con grande cortesia, mi ha inviato alcuni pensieri scritti da un tale che - per certi versi - sosteneva le stesse tesi che, pur con il beneficio del dubbio, vi ho scritte qui, nei giorni scorsi.
Lette quelle stesse tesi scritte da un'altra mano, mi sono sembrate meno convincenti; non perchè costui scrivesse peggio di me: tutt'altro scriveva esattamente quello che scrivevo io.

Stasera sono un po' confuso, e francamente non so nemmeno io il perchè.

Vi lascio una lettera che ho ricevuto dal mio amico Vito, che mi pare c'entri con questa discussione. Vito sostiene sempre che l'importante è la famiglia, e francamente non ne ho mai capito il perchè.
Stasera è meglio che lasci parlare Vito.

"Caro Marco

l'uomo desidera sempre ciò che non può avere ed in questo vi è già la soluzione.

Quindi, basta (basta?) mantenere vivo il desiderio semplicemente rimanendo irraggiungibili (ma non troppo).
Il membro e la patata, sono dunque il termometro della nostra abilità di sostenere questa tensione fra uomo e donna, nello spazio brevissimo di ciò che ci fa sfiorare, ma mai cogliere il frutto del nostro affanno.
Muoversi in uno spazio tanto angusto è solo per le grandi anime.

Questo lavoro alchemico si può operare da se stessi ed in se stessi, ponendosi in quella disposizione d'animo e di pensiero atto a mantenerci a culo stretto nei confronti della prescelta.
Viceversa si deve far conto sull'improvvisazione, che ci pone agli occhi della "fortunata" più oscuri di una denuncia dei redditi di un affiliato a cosa nostra.

A fasi alterne e sapientemente dosate, come un provetto farmacista, atteggiarsi come bimbo limpido e solare e in repentina antitesi, oscuro e sepolcrale come un ergastolano appena evaso.
A tal guisa, giova inframmezzare il nostro apparire di eventi inspiegabili e inspiegati, silenzi e sguardi rapiti verso lo firmamento tutto, a che ella possa intendere grandi pensieri inesprimibili che albergano nel nostro cor infiammato di amor disperato.
Porre le fondamenta del sentimento supremo su una nave e giammai su terra ferma, è opera prima dell'uomo, che novello nocchiere si pone al comando di questo timone onde travalicare lo periglioso mare del sentimento e dell'umana follia.
Tutto è nebbia, ombra e mistero, questo è dunque quello che aggrada agli amanti.
Il resto son canzoni stonate e poesie recitate con il fiato pesante.

Prodigalità inspiegate, piccoli egoismi e qualche goccia di superstizione fanno da condimento a questa pietanza fatta di fumo.
Nulla è dunque più vero che la falsità che deve giocare per prima istanza con noi stessi.

La tua vicenda con la pazzerella è il caso emblematico di ciò che sostengo.

La nostra vita è una partita dove le regole cambiano ogni momento.
Non togliermi l'unica fonte di vera felicità che mi rimane, e cioè nello stupirmi di quanto accade, in barba ad ogni mia migliore previsione e in spregio alla pianificazione più accurata.

La gioia è nell'incertezza, ricorda mio giovane skywalker.
Che lo sforzo sia con te.

Don Vito Soprano"
marco gallione is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it