Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 11-09-2007, 15.37.16   #1
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

"La società afferma:
“Controllati”, e a causa di questo controllo tutte le cose negative vengono gettate sempre più in profondità nell’inconscio, dove rimangono come elemento constante. Allora non si tratta più di essere a volte arrabbiati e a volte no – sei arrabbiato, questo è tutto. A volte esplodi e a volte no, perché non hai un pretesto o devi trovarne uno.

Quando il cibo diventa un nemico non ti nutrirà veramente, anzi nutrirà tutto ciò che è malato in te.
La gente che ha represso la rabbia mangia di più;
continua ad accumulare nel corpo grasso inutile. E hai mai osservato che i grassi sorridono quasi sempre?
Senza necessità, anche se non c’è un motivo, i grassi continuano a sorridere. Perché? Questo è il loro volto, la loro maschera: hanno tanta paura della loro rabbia e violenza che devono mantenere sempre un volto sorridente – e poi continuano a mangiare troppo....
Mangiare troppo è violenza, rabbia. E questa violenza poi invade ogni campo, ogni parte della tua vita..."
Osho
klee is offline  
Vecchio 11-09-2007, 19.04.55   #2
Leni
Ma dov'è l'universo...
 
L'avatar di Leni
 
Data registrazione: 11-09-2007
Messaggi: 8
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

Citazione:
Originalmente inviato da klee
"La società afferma:
“Controllati”, e a causa di questo controllo tutte le cose negative vengono gettate sempre più in profondità nell’inconscio, dove rimangono come elemento constante. Allora non si tratta più di essere a volte arrabbiati e a volte no – sei arrabbiato, questo è tutto. A volte esplodi e a volte no, perché non hai un pretesto o devi trovarne uno.

Quando il cibo diventa un nemico non ti nutrirà veramente, anzi nutrirà tutto ciò che è malato in te.
La gente che ha represso la rabbia mangia di più;
continua ad accumulare nel corpo grasso inutile. E hai mai osservato che i grassi sorridono quasi sempre?
Senza necessità, anche se non c’è un motivo, i grassi continuano a sorridere. Perché? Questo è il loro volto, la loro maschera: hanno tanta paura della loro rabbia e violenza che devono mantenere sempre un volto sorridente – e poi continuano a mangiare troppo....
Mangiare troppo è violenza, rabbia. E questa violenza poi invade ogni campo, ogni parte della tua vita..."
Osho

Non ricordo più dove ho sentito questo particolare (non ho studiato psicologia), ma pare che lo stimolo di mangiare quando si è tesi, nervosi, sia da ricondurre addirittura ai primi mesi di vita, quando un bebè piange e sua mamma gli dà il latte, non perchè il bimbo ha fame ma perchè è la mamma che non capisce le reali motivazioni dei pianto, e calma suo figlio quasi a forza.
E se la mamma è nervosa il bambino lo avverte. Viene tutto trasmesso, anche se non lo si immagina...
Leni is offline  
Vecchio 12-09-2007, 14.04.33   #3
smoothturn
Ospite
 
L'avatar di smoothturn
 
Data registrazione: 21-08-2007
Messaggi: 15
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

Citazione:
Originalmente inviato da klee
"La società afferma:
La gente che ha represso la rabbia mangia di più;
continua ad accumulare nel corpo grasso inutile. E hai mai osservato che i grassi sorridono quasi sempre?
Senza necessità, anche se non c’è un motivo, i grassi continuano a sorridere. Perché? Questo è il loro volto, la loro maschera: hanno tanta paura della loro rabbia e violenza che devono mantenere sempre un volto sorridente – e poi continuano a mangiare troppo....
Mangiare troppo è violenza, rabbia. E questa violenza poi invade ogni campo, ogni parte della tua vita..."
Osho
ma chi l'ha detto ? a parte Osho ovviamente.
non sarei così, assolutista nella descrizione dei "grassi" e così sicuro che quella sia una maschera. Tra l'altro secondo alcuni modelli di pensiero (Gurdjeff & C.) la rabbia non è proprio connaturata ai grassi .
Io anzi trovo molto positivo questa capacita' di sorridere, quasi in ogni situazione e sembra proprio che sia tipica a quel tipo fisico di persone (Gioviali ?)
Il fatto che per compensare altre carenze ci siano persone che si ammazzano di cibo, questa è un'altra storia. Ci sono pero' anche persone che pur di diventare diversi da quanto sono geneticamente soffrono di altri disturbi come l'anoressia . Non sono forse più arrabbiati costoro?!!

Io non sono "Gioviale" ed anzi sono molto lontano come tipo fisico, anche se qualche volta mi piacerebbe avere quella loro caratteristica.

Un saluto
smoothturn is offline  
Vecchio 12-09-2007, 21.48.58   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

La repressione o il cosìddetto "controllo" necessario per una vita sociale è deleterio per la propria vita.

Io ho represso per decenni, ma alla fine rischiavo di scoppiare. Proprio come una pentola a pressione che si ritrova con la valvola di sfioato ostruita.

Ho imparato che non è tanto l'andare in collera che ci fa stare meglio ma la capacità di "vedere" la nostra collera e non alimentarla.

Divenire consapevole di quello che non ci piace, di quello che proprio non sopportiamo e accettare di provare un sentimeto, una emozione negativa. Nel momento in cui l'accetti e riesci a guardarti mentre ti stai arrabbiando, la collera come per incanto scompare.

Nutrire la collera vuol dire non vederla, non accettarla, tentare di nasconderla, reprimerla, distruggerla. Cosa impossibile.

Le prime volte che mi sono "vista" incavolarmi mi è venuto tanto da ridere dentro di me nel vedermi così ridicola, così comica da fermarmi quasi subito: avevo tolto il coperchio alla pentola a pressione e non c'era più vapore a premere.

Gli istinti sono parte di noi quel che conta è imparare a guidarli, non sopprimerli.

Quando provo vergogna per le mie reazioni brusche, per uno scatto poco delicato, per un incavolarmi troppo sproporzionato all'evento penso a Gesù. Nel vangelo vi è un passo che mi piace sempre ricordare per sentirmi sempre umana. Gesù, affamato, passa davanti ad un albero di fico e non trovando alcun frutto maledice e l'albero appassisce.

Era un grande Illuminato ma si incavola ugualmente. Reagisce come un uomo che vive i propri istinti.

Ci hanno insegnato a reprimere e non a comprendere.
Ovviamente è più facile reprimere che comprendere.

E' più facile mettere la spazzatura sotto il tappeto che raccoglierla e gettarla nella pattumiera. Ma alla fine i conti tornano sempre.
Mary is offline  
Vecchio 13-09-2007, 16.42.14   #5
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

ciao a tutti
penso che questo topic contenga una profonda verità , ovvero le negatività nutrono il corpo in maniera sbagliata e possono farlo ammalare.
non penso sia il controllo il valore negativo quanto piuttosto bisogna non nutrire emozioni negative:invidia, maldicenza, odio,voglia di vendetta, ammalano prima l'anima e poi il corpo.
ho notato anch'io che i grassi sono piu' sorridenti ma forse perche' con maggiori quantita' di cibo assumono piu' forza vitale e riescono (anche con la compensazione del cibo) a non farsi molto prendere dalle negatività. certo si parla sempre di quelli che vivono serenamente la loro ciccia senza farsene un dramma
aurora is offline  
Vecchio 14-09-2007, 01.04.32   #6
Bamboo
Ospite
 
L'avatar di Bamboo
 
Data registrazione: 28-08-2007
Messaggi: 32
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

il rancore è davvero deleterio per chi lo serba. Un veleno che ti consuma poco a poco. Non dovremmo mai serbare rancore per nessuno. Non tanto per l'altro(che magari lo merita),ma per noi stessi. Bisognerebbe sempre ricordarlo.
Insomma,facciamolo per noi.

I grassi sono spesso sorridenti? La risposta potrebbe essere strettamente scientifica. Mangiano tanto e male. Quindi più zuccheri(carboidrati,etc...)ug uale adrenalina in circolo(semplifico un bel pò). Si sentono,anzi credono di sentirsi meglio,allora continuano a mangiare il cibo che ricorda quel piacevole stato. Una catena difficile da spezzarsi. Per questo l'obeso ha tanta difficoltà a dimagrire. Deve trovare un qualcosa che lo faccia stare bene,anche senza cibo. Insomma,sono dei drogati di cibo. Poi,bisogna aggungere(ma a chi è obeso questo non piace sentirselo dire),che il mangiare troppo è una forma di avidità come l'accumulare troppe ricchezze.
Comunque basterebbero (vi pare troppo...? )tre settimane senza assolutamente nessun tipo di carboidrato semplice e zuccheri,per dimagrire a vista d'occhio,in maniera sana. Poichè tutto il resto si può continuare a mangiare a sazietà: carne,verdure(a quintali),formaggi,etc....
Bamboo is offline  
Vecchio 15-09-2007, 21.51.25   #7
NebbiaINvalPadana
Ospite abituale
 
L'avatar di NebbiaINvalPadana
 
Data registrazione: 28-12-2006
Messaggi: 158
Riferimento: ..Cosa succede quando nutriamo di rabbia il nostro corpo?

Mangiare è sedativo, è un calmante naturale.

Ci sono persone che se non mangiano diventano nervose, o quelle come me che se non mangiano per un po' di ore si spengono lentamente per la carenza di energia e perdono brillantezza, e io sono magrissimo!

Rabbia è un po' generico per definirlo, comunque è vero che molti grassi continuano a sorridere e a ridere, ma questo credo sia un comportamento diffuso fra le persone che si sentono in imbarazzo. Sono sorrisi fintamente rilassati, probabilmente nel disperato tentativo di piacere.

Conosco grassi che non sorridono affatto. E sono quelli più inca**ati!
NebbiaINvalPadana is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it