Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 21-09-2007, 21.37.31   #11
sarahh
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2007
Messaggi: 11
Riferimento: suscitare interessi morbosi

Citazione:
Originalmente inviato da Virginia
...quella del prof può essere un caso isolato...avresti dovuto provvedere diversamente.....non so se era un prof di scuole superiori...magari rimetterlo al suo posto con l'intervento della tua famiglia...perchè un professore deve fare il professore e non sbandierare ai quattro venti cose tue personali........e poi perchè gli raccontavi queste cose personali? Insomma forse eri anche un po' tu che allargavi il confine

Quanto alle esperienze con i ragazzi anche qui.......è normale a molte donne, soprattutto se di aspetto gradevole (ma anche non), possono capitare certe cose...pensa che una volta a me un collega di università con il quale ero stata soltanto gentile, come lo sarei stata con qualsiasi altra persona, un giorno mi incontrò e mi vide con un altro collega...mi seguì e mi strattonò afferrandomi per un braccio...la sua gelosia era fuori luogo perchè io non gli avevo mai dato quella "confidenza" tale da giustificare quel comportamento (sebbene non sia mai da giustificare)

E potrei citarti diversi episodi capitati anche ad amiche ...

poi tu dici...



e allora? devi dire di NO stanno superando i tuoi confini! e se ti trattano male fatti rispettare e mandali a "quel paese" scusa la franchezza!
Che te ne fai di questa gente? Se tu non vuoi stare con un ragazzo o è troppo morboso allontanalo poi se ne farà una ragione...

L'unica cosa che posso dirti è di dare fiducia, aprirti ma sempre con moderazione...fino a quando non sai veramente chi hai di fronte e se poi vedi che assume comportamenti "anomali" del tipo vietarti di parlare con persone ecc...allora comunicaglielo in modo chiaro , cortese, ma chiaro! facendo capire che a te non sta bene quel comportamento

grazie,
ti spiego..
gli confidavo qualcosa, niente di scandaloso, ma magari piccole cose che tenevo per me.. magari avevamo interessi in comune, tutto qui.
perché lo facevo? non ne ho idea, forse perchè pensavo che potesse capire un pò come stavo e d'altra parte volevo rendermi simpatica dato che lui aveva un pessimo rapporto con tutti noi..
non credo ci sia niente di male se tutto finisce lì, in fondo molte persone provano affetto innocente o stima verso qualche prof.
il punto è che appunto, in quella circostanza, non potevo dire di no!
non so cosa suscitassi in lui, ma se non gli davo attenzioni o non avevo sempre il sorriso pronto iniziava a prendermi di mira ed erano guai.. (???).
i genitori non erano serviti a niente allora, anzi.. tutto un disastro.. casini con la preside e bla bla bla..
era un bravo attore. e spesso a scuola non c'è giustizia..
ma di questo non mi preoccupo più, è passato.. solo che certe cose rimangono in mente..

ma io dico anche di no, solo che non viene del tutto accettato.. finisce sempre in modo orrendo.
e poi passo sempre io dalla parte del torto, colei che ha lasciato la vittima..
sarahh is offline  
Vecchio 21-09-2007, 23.27.32   #12
NebbiaINvalPadana
Ospite abituale
 
L'avatar di NebbiaINvalPadana
 
Data registrazione: 28-12-2006
Messaggi: 158
Riferimento: suscitare interessi morbosi

Però vedi che lanci il sasso e nascondi la mano?

Se tu ti intrattieni col professore non c'èe niente di male, ma aprirsi così facilmente e MATEMATICO che qualcuno poi si attacca.

Evidentemente sono atteggiamenti tuoi, e il perchè di quello altrui ormai si è reso evidente.

Personalmente credo che tu dovresti pensare a quello che dici e a chi lo dici. Cioè valutare l'effetto delle tue parole sulle persone.

Meglio una parola di meno che una di troppo, ti pare?
NebbiaINvalPadana is offline  
Vecchio 22-09-2007, 10.22.02   #13
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: suscitare interessi morbosi

il NO devi trovarlo principalmente dentro te stessa.

Purtroppo siamo noi, senza volerlo, a suscitare negli altri delle reazioni incompresibili alla razionalità.

Ci sono livelli di comunicazioni che la razionalità non conoscere, ma che avvengono costantemente tra noi e gli altri. Ciascuno reagisce a modo suo spesse volte in modo inconsapevole.

Per questo i limiti, i confini, il nostro modo di porci verso gli altri deve avvenire principalmente dentro noi stessi.
Dobbiamo cercare di essere sempre più consapevoli di quel che avviene dentro di noi.

Da ingenua e giovane caritatevole samaritana qual ero un tempo ormai lontano (ma qualche residuo ancora rimane) ho vissuto anch'io esperienze non piacevoli. Con il tempo ho imparato ad entrare in contatto con la gente pur delimitando chiaramente i miei confini. Qualcuno può anche sconfinare ma il recinto viene subito rimesso a posto.

Socializzare, aiutare, comprendere non vuol dire invasione di campo.

Se inviti a pranzo qualcuno questi non se ne va in giro per camere da letto e stanze chiuse. Così dovrebbe essere la nostra vita, attenzione a chi invitiamo a casa nostra, e volta per volta vedere i limiti da rispettare.

Quando sarai tu ad avere chiaro il confine dove c'è scritto: ALT, FARSI RICONOSCERE, ti ritroverai con meno seccature di quanto credi.

Non scoraggiarti mai, impara impara impara. A 90 anni e passa è giovane chi è sempre pronto ad imparare e....mettere in pratica.

ti abbrccio, con tutta la mia comprensione
Mary is offline  
Vecchio 22-09-2007, 11.58.20   #14
Virginia
Ospite abituale
 
L'avatar di Virginia
 
Data registrazione: 18-08-2007
Messaggi: 54
Riferimento: suscitare interessi morbosi


Citazione:
il punto è che appunto, in quella circostanza, non potevo dire di no!
non so cosa suscitassi in lui, ma se non gli davo attenzioni o non avevo sempre il sorriso pronto iniziava a prendermi di mira ed erano guai.. (???).
i genitori non erano serviti a niente allora, anzi.. tutto un disastro.. casini con la preside e bla bla bla..
era un bravo attore. e spesso a scuola non c'è giustizia..
ma di questo non mi preoccupo più, è passato.. solo che certe cose rimangono in mente..

Ti capisco benissimo...non poter dire di no ad un professore...tipica situazione di timore riverenziale... purtroppo tanti studenti non ne sono immuni...io posso solo dire che nella vita in generale ho imparato e sto ancora imparando a dire molti NO...lo so che apparentemente potrebbe sembrare controproducente soprattutto quando si ha a che fare con persone che "reputiamo" più in alto...però lo dobbiamo a noi stessi! ...anche al costo di pagare un prezzo alto...perchè dopo quando ripensiamo a quella situazione del passato siamo fieri di noi...abbiamo agito da persone libere e consapevoli delle nostre scelte.

E' vero la storia del professore appartiene al passato...ma ha lasciato un sottile legame con il presente...perchè quando ripensi a quell'avvenimento lo senti ancora vivo e soprattutto lo associ ad altre vicende identificandone il comportamento "morboso".

Quando dici:
Citazione:
ma io dico anche di no, solo che non viene del tutto accettato.. finisce sempre in modo orrendo.
e poi passo sempre io dalla parte del torto, colei che ha lasciato la vittima..


perchè dovrebbe essere accettato? perchè ti senti dalla parte del torto?
la vita è il gioco delle parti oggi siamo "vittima" domani saremo "carnefici" e allora? Posso mai accettare di dire si per non ferire qualcuno che sta superando i miei confini? la risposta è no! Rifletti... puoi accettare le avance di qualcuno che non ti piace solo perchè non vuoi essere la carnefice? E poi.... perchè finisce in modo orrendo? se delimiti i tuoi confini come più volte ho scritto, gli effetti "orrendi" vengono automaticamente limitati...se non del tutto esclusi (ovviamente se si dovesse avere a che fare con uno squilibrato il discorso cambia ma per fortuna sono casi limite)
Ciao
Virginia is offline  
Vecchio 22-09-2007, 14.29.53   #15
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: suscitare interessi morbosi

Premesso che ho una vasta e annosa esperienza in fatto di "samaritrofia" e che ciò mi ha procurato in passato sufficienti fastidi, volevo raccontare un episodio pratico.
Una volta ho conosciuto un uomo molto simpatico. La sua situazione economica, lavorativa e affettiva era molto precaria.
Ma lui era gentile, anche se si era rivelato sin troppo disponibile. Del resto in quel periodo non aveva niente da fare e veniva spesso a trovare me e la mia amica nel posto in cui lavoravamo.
Ci sono uscita un paio di volte, è sempre stato corretto e gentile, altrimenti non mi sarei fidata abbastanza da uscirci.
Dopo pochissimi giorni, questa persona, che io ritenevo una semplice conoscenza, venne da me con un bel regalo ingombrante. Si era disturbato a cercarlo, comprarlo, caricarselo e portarmelo.
A quel punto, ormai guarita da quella brutta malattia e fattami perspicace, ho ritenuto bene di rifiutare l'omaggio.
In primo luogo mi sembrava eccessivo.
In secondo luogo avevo "fiutato la pista". All'improvviso avevo avuto un attacco di preveggenza. Mi vedevo già posta nella condizione di dover provare riconoscenza, di dover essere in debito nei confronti di una persona che non conoscevo bene.
Ma nello stesso tempo sapevo di lui quanto bastava per rendermi alquanto diffidente.
Esperienza docet!!! E io ormai posso ritenermi docente a tutti gli effetti.
Allora, nonostante la mia profonda timidezza decisi di rifiutare il dono motivando la mia scelta.
Lui si offese molto, mi disse che non aveva nessun secondo fine (questo mettere le mani avanti diede ulteriore conferma alle mie intuizioni!), mi disse che mi stavo comportando come una sciocca, che lo stavo deludendo molto ecc. ecc. ecc.
Io gli risposi semplicemente che la cosa mi metteva a disagio e che non accettavo regali di questa portata da semplici conoscenti.
Non mi sono lasciata convincere, non mi sono lasciata intimorire dalle sue proteste.
Ho tenuto fermi i famosi paletti e ho fatto rispettare i confini.
Inspiegabilmente, da quel giorno, non l'ho più rivisto nè sentito.
Ne ho concluso solo che lui aveva capito che qui non ci sarebbe stata trippa per gatti, di nessun genere!
Ti dico solo che un tempo, una cosa del genere, pur imbarazzandomi profondamente, non avrei saputo evitarla.
Avrei avuto timore di recare un dispiacere a questa persona. Avrei avuto timore di scatenare una reazione indignata di fronte a un mio rifiuto.
Avrei avuto timore di passare per paranoica e malpensante... la lista delle mie passate paure è lunga un Km.
Oggi preferisco generare equivoci, preferisco fare figuracce, preferisco essere ritenuta una scema, finanche una persona orribile, preferisco attraversare periodi di solitudine claustrale, ma rimanere fedele a me stessa, dire di NO quando a me pare il caso di farlo, e circondarmi solo di persone che mi fanno sentire a mio agio e che sono disposte a rispettare i miei confini così come io rispetto i loro (decreto legge n. 2 e 3 della Repubblica Democratica di Kore).
kore is offline  
Vecchio 22-09-2007, 15.01.45   #16
sarahh
Ospite
 
Data registrazione: 01-02-2007
Messaggi: 11
Riferimento: suscitare interessi morbosi

Per Virginia:
Più che timore reverenziale era paura, perché comunque poi (se non sorridevo, o non ero abbastanza gentile) arrivava a mettermi brutti voti senza motivo etc.. mettersi contro un prof. è terribile..
Sinceramente è passata, anche se è vero che l’associo ancora al fatto della morbosità..
Anche perché ho avuto molte esperienze analoghe con dei ragazzi..amici.. di qualsiasi tipo.
forse il difetto è mio, forse ho un radar particolare..
Diventa orrendo dopo un NO perché anche se vieni tutelata da qualcosa, poi ricevi insulti e vieni colpevolizzata da questa persona e spesso anche da altri (perché magari questa persona ha fatto anche il passa parola lagnandosi con gli altri di quello che ho fatto io..anche se in realtà non ho fatto niente).
Spesso ti diranno “ma tu esageri!” “sei scema se fai così..” etc.. un po’ come la parte finale del messaggio di Kore.
Ma in effetti ora che stiamo riflettendo, quando si può, è indispensabile mettere questi famosi paletti..

Grazie a tutti per avere risposto e aver dato le proprie esperienze, grazie veramente.
sarahh is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it