Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 24-09-2007, 08.01.37   #1
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
l'insicurezza del futuro

Prendo lo spunto dal topic "cosa salvereste se la vostra citta' fosse in fiamme?" e vorrei proseguire:
la sentite voi l'insicurezza per l'incognito del futuro? che qualcosa succeda e venga a cambiare il corso della vita, o metterci in pericolo? una guerra, una crisi finanziaria, e cosi' via?
la paura della casa in fiamme e' un esempio che conosco personalmente, e alla domanda di Brian Gold penso di frequente senza trovare la risposta.
hava is offline  
Vecchio 28-09-2007, 21.29.47   #2
semiseria
Ospite abituale
 
L'avatar di semiseria
 
Data registrazione: 03-09-2007
Messaggi: 40
Riferimento: l'insicurezza del futuro

Ciao.
Ho frequentato molto l'incertezza del futuro nei miei dieci anni di precariato lavorativo; adesso, con il lavoro sicuro, mi sento molto meglio;
mi torna però ogni tanto in mente una frase di Seneca "Non c'é nulla che non possa accadere": temo che sia proprio realistica; meglio però non tormentarsi troppo pensando a possibili avvenimenti futuri, è più produttivo concentrarsi sul presente.
Immagino che affronterei le disgrazie cercando di lottare e reagire positivamente. Credo di trovare insopportabile un solo pensiero: perdere mio figlio
.
semiseria is offline  
Vecchio 30-09-2007, 19.59.11   #3
Alexiel
Ospite
 
L'avatar di Alexiel
 
Data registrazione: 19-08-2007
Messaggi: 35
Riferimento: l'insicurezza del futuro

L'insicurezza del futuro credo la possa vivere qualunque essere umano in grado di fermarsi di tanto in tanto e riflettere senza superficialità nè superbia.
Nel mio caso si verifica a 2 livelli fondamentalmente:
- A livello personale
- A livello di società

Nel primo caso essa deriva dalla consapevolezza della fragilità della vita, da come la morte avviene tutti i giorni attorno a me senza quasi che me ne accorga.
La vita è così breve, e di noi che rimane? Cenere, o un ammasso di composizioni organiche che nutrono i vermi.
È in vista di questa realtà che non voglio che di me rimanga solo un lontano ricordo, ma qualcosa che non tramonti nel tempo di due o tre generazioni, quindi devo fare qualcosa di importante della mia vita.
Ma...ci riuscirò?
Ho la stoffa per essere qualcuno?
Farò le scelte giuste?
Riuscirò in una società così chiusa e nepotista a trovare un posto per me?
Ho paura di finire con l'essere sbattuta sull'altare prima del tempo e di ritrovarmi a dare senso alla mia vita solo dal punto di vista di moglie e mamma, e questo non voglio succeda, perchè non la sento come la mia strada, voglio essere autonoma.
Non ho ancora risposta.
Un'altra grande, grandissima paura (vi farà ridere, ma è così) è l'aids.
Lo so, è assurdo, eppure capita così, da un momento all'altro, soprattutto in età giovanile (che sto vivendo ora), può succedere di perdere il controllo, o di farti ingannare da qualcuno di sieropositivo, passarci qualche ora insieme e...
e sei un DMW, un Dead Man Walking, un uomo morto vivente, la morte appare all'orizzonte senza che tu possa fare niente, e l'orologio che conta all'indietro non si ferma più, anche se il countdown può essere molto molto lungo.
In breve, ho molta incertezza riguardo al mio futuro personale perchè la vita è strana, ti capitano come fulmine a ciel sereno delle cose strane che possono modificarne il corso all'improvviso, portandoti alla gloria, ma anche alla rovina.

A livello di società ho invece molta più paura che questo capitalismo sfrenato e non curante dello sviluppo degli altri provochi guai seri, come magari una crisi economica (non credo della grandezza di quella del 1929) seguita da crisi del mercato di lavoro, per questo temo per me, ma è anche per questo che m'impegno ad ottenere tutti i certificati di conoscenza possibili per dominare al meglio questo mercato molto insidioso.
L'allarme dei cambiamenti climatici mi spaventa ma mi confonde anche, da una parte un gruppo di malthusiani vuole preannunciare i più gravi secoli della storia terrestre, in cui gli equilibri sono totalmente alterati, d'altra parte guardando oggettivamente la faccenda dal punto di vista biologico: se la natura e i climi cambieranno irreparabilmente si darà il via ad una nuova "evoluzione" e a quel punto la domanda sarà se l'uomo sarà tra le specie che sopravviveranno, certamente non è cosa di fronte a cui rimanere indifferenti.
Un'altra cosa che mi turba è la corruzione che dilaga nella nostra società e gli ideali della stessa, totalmente falsati.
Fino a dove si arriverà continuando sulla via dell'edonismo, di un piacere facile, di un egoismo totalmente personale e guardando superficialmente agli altri?
Non lo so.
La cosa che più mi spaventa è che di questa società, di questo futuro, di questo mondo, faccio parte anche io.
E il futuro del mondo, con le sue insidie, le sue guerre, le sue disparità e ingiustizie, è anche il mio: potrei ritrovarmi a farne parte da potente, ma anche da soppressa, ed è questa la vera incertezza.
Alexiel is offline  
Vecchio 30-09-2007, 22.06.48   #4
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: l'insicurezza del futuro

Citazione:
Originalmente inviato da Alexiel
L'insicurezza del futuro credo la possa vivere qualunque essere umano in grado di fermarsi di tanto in tanto e riflettere senza superficialità nè superbia.
Nel mio caso si verifica a 2 livelli fondamentalmente:
- A livello personale
- A livello di società

Nel primo caso essa deriva dalla consapevolezza della fragilità della vita, da come la morte avviene tutti i giorni attorno a me senza quasi che me ne accorga.
La vita è così breve, e di noi che rimane? Cenere, o un ammasso di composizioni organiche che nutrono i vermi.
È in vista di questa realtà che non voglio che di me rimanga solo un lontano ricordo, ma qualcosa che non tramonti nel tempo di due o tre generazioni, quindi devo fare qualcosa di importante della mia vita.
Ma...ci riuscirò?
Ho la stoffa per essere qualcuno?
Farò le scelte giuste?
Riuscirò in una società così chiusa e nepotista a trovare un posto per me?
Ho paura di finire con l'essere sbattuta sull'altare prima del tempo e di ritrovarmi a dare senso alla mia vita solo dal punto di vista di moglie e mamma, e questo non voglio succeda, perchè non la sento come la mia strada, voglio essere autonoma.
Non ho ancora risposta.
Un'altra grande, grandissima paura (vi farà ridere, ma è così) è l'aids.
Lo so, è assurdo, eppure capita così, da un momento all'altro, soprattutto in età giovanile (che sto vivendo ora), può succedere di perdere il controllo, o di farti ingannare da qualcuno di sieropositivo, passarci qualche ora insieme e...
e sei un DMW, un Dead Man Walking, un uomo morto vivente, la morte appare all'orizzonte senza che tu possa fare niente, e l'orologio che conta all'indietro non si ferma più, anche se il countdown può essere molto molto lungo.
In breve, ho molta incertezza riguardo al mio futuro personale perchè la vita è strana, ti capitano come fulmine a ciel sereno delle cose strane che possono modificarne il corso all'improvviso, portandoti alla gloria, ma anche alla rovina.

A livello di società ho invece molta più paura che questo capitalismo sfrenato e non curante dello sviluppo degli altri provochi guai seri, come magari una crisi economica (non credo della grandezza di quella del 1929) seguita da crisi del mercato di lavoro, per questo temo per me, ma è anche per questo che m'impegno ad ottenere tutti i certificati di conoscenza possibili per dominare al meglio questo mercato molto insidioso.
L'allarme dei cambiamenti climatici mi spaventa ma mi confonde anche, da una parte un gruppo di malthusiani vuole preannunciare i più gravi secoli della storia terrestre, in cui gli equilibri sono totalmente alterati, d'altra parte guardando oggettivamente la faccenda dal punto di vista biologico: se la natura e i climi cambieranno irreparabilmente si darà il via ad una nuova "evoluzione" e a quel punto la domanda sarà se l'uomo sarà tra le specie che sopravviveranno, certamente non è cosa di fronte a cui rimanere indifferenti.
Un'altra cosa che mi turba è la corruzione che dilaga nella nostra società e gli ideali della stessa, totalmente falsati.
Fino a dove si arriverà continuando sulla via dell'edonismo, di un piacere facile, di un egoismo totalmente personale e guardando superficialmente agli altri?
Non lo so.
La cosa che più mi spaventa è che di questa società, di questo futuro, di questo mondo, faccio parte anche io.
E il futuro del mondo, con le sue insidie, le sue guerre, le sue disparità e ingiustizie, è anche il mio: potrei ritrovarmi a farne parte da potente, ma anche da soppressa, ed è questa la vera incertezza.


Ciao Alexiel ---e' quello che ho cercato di fare anch'io alla tua eta' : ottenere tutti "i certificati possibili" per assicurarmi sicurezza per il futuro. E' questo il messaggio che trasmetto a figli e nipoti. La vita mi sembra tanto imprevedibile ed insicura che solo cosi' ci e' dato di rinforzarci per superare le difficolta'.
Penso che l'insicurezza del futuro generi una delle maggiori ansie dell'umanita. Se sapessimo che cosa ci aspetta potremmo prepararci o anche evitare.

Quello che dici Alexiel sul significato che vorresti dare alla tua vita perche' ne resti il ricordo, e' un argomento che varrebbe la pena di approfondire per se stesso. E' umano voler preservare la memoria lasciando tracce positive.
hava is offline  
Vecchio 02-10-2007, 15.01.26   #5
semiseria
Ospite abituale
 
L'avatar di semiseria
 
Data registrazione: 03-09-2007
Messaggi: 40
Riferimento: l'insicurezza del futuro

Accetta
le sorprese
che sconvolgono i tuoi progetti
disperdono i tuoi sogni
danno una dimensione totalmente diversa
alla tua giornata
e, forse,
anche alla tua vita.
Non è per caso.
Dà libertà al Padre,
perché Lui stesso costruisca
la trama dei tuoi giorni...
Helder Camara

Affidato alla libera e personale interpretazione di ogni utente del forum
semiseria is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it