Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-10-2007, 10.51.41   #1
1riccio1000capricci
Ospite
 
Data registrazione: 17-10-2007
Messaggi: 12
sorridere alla vita

Ciao ragazzi!
Vi pongo degli interrogativi.
Come si fa ad essere ciechi dinanzi alla cecità e sordità di chi ti sta accanto?
Come si fa a ricominciare da zero dopo anni di amore conclusosi in una bolla di sapone?
Come si fa a sorridere ad altri, alla vita, quando hai realizzato che per anni hai sempre dato il massimo pur ricevendo il minimo?
Scusate, probabilmente, gli interrogativi sono tanti ma avrei bisogno di punti di vista oggettivi.
Grazie
1riccio1000capricci is offline  
Vecchio 18-10-2007, 17.52.57   #2
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: sorridere alla vita

Riporto il mio pensiero, molto "soggettivo".

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Ciao ragazzi!
Vi pongo degli interrogativi.
Come si fa ad essere ciechi dinanzi alla cecità e sordità di chi ti sta accanto?

Spesso solo perchè si preferisce non vedere, pur comprendendo benissimo la realtà.

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Come si fa a ricominciare da zero dopo anni di amore conclusosi in una bolla di sapone?

E' semplice; basta non pensarci. Ma solo il tempo può aiutare.
Perchè poi parli di "bolla di sapone" ? Forse dovremmo imparare a non fare progetti a lunghissima scadenza, tendenzialmente sempre pericolosi.

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Come si fa a sorridere ad altri, alla vita, quando hai realizzato che per anni hai sempre dato il massimo pur ricevendo il minimo?

Magari l'altra (o l'altro) potrebbero pensare la stessa cosa in questo momento (dato il massimo, ricevuto il minimo).
Credo che nei rapporti (amore, amicizia) ci possano sempre essere degli sbilanci a sfavore dell'uno o dell'altro, ma fa parte del gioco e non bisogna rammaricarsene.
Il ricominciare è sempre difficile, ma vale la pena: quel che viene dopo è sempre più appagante di quel che si crede di aver perso.
Eretiko is offline  
Vecchio 18-10-2007, 18.41.29   #3
1riccio1000capricci
Ospite
 
Data registrazione: 17-10-2007
Messaggi: 12
Riferimento: sorridere alla vita

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Riporto il mio pensiero, molto "soggettivo".



Spesso solo perchè si preferisce non vedere, pur comprendendo benissimo la realtà.



E' semplice; basta non pensarci. Ma solo il tempo può aiutare.
Perchè poi parli di "bolla di sapone" ? Forse dovremmo imparare a non fare progetti a lunghissima scadenza, tendenzialmente sempre pericolosi.



Magari l'altra (o l'altro) potrebbero pensare la stessa cosa in questo momento (dato il massimo, ricevuto il minimo).
Credo che nei rapporti (amore, amicizia) ci possano sempre essere degli sbilanci a sfavore dell'uno o dell'altro, ma fa parte del gioco e non bisogna rammaricarsene.
Il ricominciare è sempre difficile, ma vale la pena: quel che viene dopo è sempre più appagante di quel che si crede di aver perso.


Il ricominciare è sempre difficile, ma vale la pena: quel che viene dopo è sempre più appagante di quel che si crede di aver perso.[/quote]



Grazie Eretiko per la tua risposta.
Quando vivi una confusione di animo, quando hai interrotto bruscamente "la tua vita", hai necessariamente bisogno di confrontarti con qualcuno che abbia una visione totalmente estranea al fine di capire se hai sbagliato o stai sbagliando.
E' vero che in un rapporto di coppia c'è sempre chi ama di più e chi di meno ma ti garantisco che quando tiri le somme e ti rendi conto che il risultato è diverso da quello che avevi sempre sognato fa male, fa male veramente credimi! E' come se per quasi 4 anni avessi inseguito un sogno che improvvisamente si è infranto in pochi giorni. Forse ho sbagliato a fare progetti a lunga scadenza come dici tu, forse avrei dovuto godere il day by day, ma anche quando mi sono sforzata di farlo sentivo che la mia storia senza poter fare un progetto ( una famiglia, dei figli etc) non aveva un senso.
Mi sono chiesta allora: sto facendo tanti savcrifici per cosa? per permettere a lui di andare avanti nei suoi progetti di vita, di carriera...e la mia vita? Chi pensa a me? Chi mi ascolta? Chi capisce i miei sacrifici? Chi mi sostiene nei momenti di difficoltà?
IL ricominciare è necessario, ne sono consapevole, ma la mia vera paura è di incattivirmi. Mi descrivono una persona solare, serena, sorridente ho paura di poter cambiare cambiare.

Un abbraccio
1riccio1000capricci is offline  
Vecchio 18-10-2007, 23.30.29   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: sorridere alla vita

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Ciao ragazzi!
Vi pongo degli interrogativi.
Come si fa ad essere ciechi dinanzi alla cecità e sordità di chi ti sta accanto?
Come si fa a ricominciare da zero dopo anni di amore conclusosi in una bolla di sapone?
Come si fa a sorridere ad altri, alla vita, quando hai realizzato che per anni hai sempre dato il massimo pur ricevendo il minimo?
Scusate, probabilmente, gli interrogativi sono tanti ma avrei bisogno di punti di vista oggettivi.
Grazie


quando, finalmente, ti rendi conto di essere stato cieco e sordo, di aver sbagliato tutto è giunta l'ora di crescere, di cambiare "pelle" come fa il serpente ad ogni muta.

Il nostro guaio è che vogliamo restare attaccati alla pelle che pur essendo stata nostra, non ci appartiene più, è morta. Ci è servita per farci crescere ma dobbiamo abbandonarla se vogliamo continuare a vivere.

Quando mi sono resa conto di aver dato il massimo senza ricevere nulla in cambio ho capito (dopo tanta sofferenza e rabbia) che era colpa mia e non dell'altro. Che avrei dovuto dare quel che sentivo senza alcun sacrificio, senza suscitare debiti nell'altro. Dare quando sei nell'abbondanza non costa fatica e non impegna nessuno.

Simile ad un pozzo sorgivo che non si sogna mai di chiedere acqua ad un altro pozzo, ma è lui a dire: prendi, prendete pure, fatemi il favore di attingere alla mia acqua, affinchè diventi sempre più limpida.

Quando offri quel che per te è in abbondanza non puoi fare altro che sorridere, ringraziare chi prende da te quel che hai da offrire.

Non sono gli altri a farci sorridere, nessuno può farlo. Il sorriso che non germoglia spontaneamente dentro il nostro fertile terreno d'amore, non potrà ristorare nessuno tantomeno noi stessi.

Ci insegnano di tutto all'infuori di cosa sia l'amore, cosa sia la conoscenza di se stessi, come fare più facilmente il cammino della vita. L'apprendimento è tutto sulla nostra pelle.
Mary is offline  
Vecchio 27-10-2007, 17.30.21   #5
damayantii
Ospite
 
Data registrazione: 02-08-2007
Messaggi: 15
Riferimento: sorridere alla vita

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Il ricominciare è sempre difficile, ma vale la pena: quel che viene dopo è sempre più appagante di quel che si crede di aver perso.

Grazie Eretiko per la tua risposta.
Quando vivi una confusione di animo, quando hai interrotto bruscamente "la tua vita", hai necessariamente bisogno di confrontarti con qualcuno che abbia una visione totalmente estranea al fine di capire se hai sbagliato o stai sbagliando.
E' vero che in un rapporto di coppia c'è sempre chi ama di più e chi di meno ma ti garantisco che quando tiri le somme e ti rendi conto che il risultato è diverso da quello che avevi sempre sognato fa male, fa male veramente credimi! E' come se per quasi 4 anni avessi inseguito un sogno che improvvisamente si è infranto in pochi giorni. Forse ho sbagliato a fare progetti a lunga scadenza come dici tu, forse avrei dovuto godere il day by day, ma anche quando mi sono sforzata di farlo sentivo che la mia storia senza poter fare un progetto ( una famiglia, dei figli etc) non aveva un senso.
Mi sono chiesta allora: sto facendo tanti savcrifici per cosa? per permettere a lui di andare avanti nei suoi progetti di vita, di carriera...e la mia vita? Chi pensa a me? Chi mi ascolta? Chi capisce i miei sacrifici? Chi mi sostiene nei momenti di difficoltà?
IL ricominciare è necessario, ne sono consapevole, ma la mia vera paura è di incattivirmi. Mi descrivono una persona solare, serena, sorridente ho paura di poter cambiare cambiare.

Un abbraccio


Beh ricci, nn ci sono tanti segreti da svelare... magari la persona che era accanto a te ti ha già dato il massimo forse nn è quello che chiaramente volevi tu.... xchè molto spesso in una relazione di coppia o amicizia ci aspettiamo dall'altra parte qualcosa in cambio a quello che stiamo dando noi.... ma noi non siamo l'altro. Dobbiamo imparare a parlare chiaramente con l'altro e chiedere quello che ci serve.... lo so che nn è facile.
Io spero principalmente che tu ti senta una persona solare e serena xchè credimi quello che vedono al di fuori di noi nn sempre corrisponde al nostro vissuto.
Molte persone mi descrivevano serena ,solare e io stavo vivendo dentro di me un inferno... questo nn deve scoraggiarti ma solo farti riflettere nn sempre le cause delle nostre infelicità vengono da terzi...magari è come affrontiamo noi la vita ....
Io ti auguro ogni bene .... in bocca al lupo
damayantii is offline  
Vecchio 27-10-2007, 18.32.28   #6
aile
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-04-2007
Messaggi: 169
Riferimento: sorridere alla vita

Citazione:
Originalmente inviato da 1riccio1000capricci
Ciao ragazzi!
Vi pongo degli interrogativi.
Come si fa ad essere ciechi dinanzi alla cecità e sordità di chi ti sta accanto?
Come si fa a ricominciare da zero dopo anni di amore conclusosi in una bolla di sapone?
Come si fa a sorridere ad altri, alla vita, quando hai realizzato che per anni hai sempre dato il massimo pur ricevendo il minimo?
Scusate, probabilmente, gli interrogativi sono tanti ma avrei bisogno di punti di vista oggettivi.
Grazie


Anni di amore non finiscono mai in una bolla di sapone.Possono far soffrire come poche altre cose,ma se le hai vissute con intensità e perchè ci credevi,
non sono state inutili,non è stato tempo perso.Hai costruito qualcosa,magari sarai costretta a distruggerlo e hai ricominciare,ma non è un qualcosa di vano e che devi farti sentire svuotata.
La tua vita sei tu,non quello che hai.
Capisco il rancore,la delusione,per aver "capito troppo tardi",ma
quando realizzi che la storia è finita...
pensi sempre:ma che cosa ho fatto finora?
Perchè non ho aperto gli occhi prima?
Semplice,la risposta è:hai aperto gli occhi,quando ne sei stata in grado.
Io non riesco a darmi altre spiegazioni.

Il mio consiglio è di continuare a dare il massimo,senza usare troppo la bilancia per quello che hai indietro.
Non deve farti sentire male,il fatto di non essere ricambiati...gli errori degli altri ci possono far soffrire,
ma non devi pensare che i loro errori sono conseguenze dei nostri.
Se tu hai dato il massimo e ricevuto il minimo,devi solo accettarlo,
perchè non puoi farci niente.Tu sai quello che fai tu,
non puoi entrare nel cervello degli altri.Quindi
io la vivo così:io do il massimo,e vivo le mie storie aspettando di trovare una situazione che mi appaghi completamente.Senza condannare chi ci delude.
Questo credo che possa farti sorridere,non subito,ma..presto!

Nel senso,è ovvio che ci si senta così,anch'io ho pensato le stesse cose...
ma è inevitabile.Non si può sapere a priori come andrà!!Per questo bisogna essere un po' pronti a tutto..
senza costruire troppi castelli.


La cosa di cui devi liberarti per prima è la rabbia.Non ti porterà da nessuna parte.Sentiti triste e sola,ma non arrabbiata.


ps scusa ho supposto che sei una lei.ma non ne sono sicura..
aile is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it