Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 30-10-2007, 23.44.17   #21
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
Secondo me è maturo chi riesce ad ottenere dall'ambiente circostante piena e completa soddisfazione rispetto ai propri bisogni (o desideri, anche).
Magari il problema della "vera" maturità è riuscire a saper decifrare i propri bisogni (e desideri) veri da quelli falsi....

Vuole essere solo una battuta... Però.... mannaggia.... se uno la legge com'è scritta... pare che i capi-mafia siano gli imperatori della maturità....
donella is offline  
Vecchio 31-10-2007, 00.40.58   #22
sentieroluminoso
Ospite abituale
 
L'avatar di sentieroluminoso
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 60
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

La maturità non si può valutare astrattamente, è un valore relativo da rapportare. Il grano si definisce maturo perchè si conoscono esattamente tutte le fasi di crescita, un percorso può dirsi maturo perchè si può approssimare con precisione l'arrivo, ma la vita ha qualcosa di approssimabile? Ha un senso universale, uguale per tutti? (quelli del piano di sopra lo stanno cercando da 700 argomenti, nel caso qualcuno l'avesse trovato, gli si dia una citofonata). Sappiamo per certo che nasciamo e moriamo, possiamo isolare la partenza ma l'arrivo non è ipotizzabile, non è prevedibile in generale a cosa tende l'essere umano, ognuno lo può stabilire solo per se, ammesso che lo voglia. La maturità è il numeratore di una frazione il cui denominatore è ignoto, ho l'impressione che anche qualora lo si volesse stabilire individualmente, si riuscirebbe solo a dar luogo ad una frazione impropria (il cui nominatore è maggiore del denominatore), le potenzialità di crescita sono insondabili e ogni meta è un' approssimazione soggettiva, limitante ed incompleta.
sentieroluminoso is offline  
Vecchio 31-10-2007, 09.43.14   #23
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

"Vuole essere solo una battuta... Però.... mannaggia.... se uno la legge com'è scritta... pare che i capi-mafia siano gli imperatori della maturità...." (Donella)

Hai ragione. Avrei dovuto formularla così:
"Secondo me è maturo chi riesce ad ottenere dall'ambiente circostante, in modo lecito, piena e completa soddisfazione rispetto ai propri bisogni (o desideri, anche).
Magari il problema della "vera" maturità è riuscire a saper decifrare i propri bisogni (e desideri) veri da quelli falsi....
iulbrinner is offline  
Vecchio 31-10-2007, 10.59.44   #24
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
Secondo me è maturo chi riesce ad ottenere dall'ambiente circostante piena e completa soddisfazione rispetto ai propri bisogni (o desideri, anche).
Magari il problema della "vera" maturità è riuscire a saper decifrare i propri bisogni (e desideri) veri da quelli falsi....


E i bisogni degli altri?? Secondo questa definizione il Narciso mitologico [e freudiano] era un esempio di maturita'....
hava is offline  
Vecchio 31-10-2007, 15.35.44   #25
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

"E i bisogni degli altri?? Secondo questa definizione il Narciso mitologico [e freudiano] era un esempio di maturita'...." (hava)

Credo che, in questo caso, tu sia un attimino fuori strada (opinione mia, bada bene).
Il Narciso mitologico era uno che non conosceva la fisica della luce e, quindi, non sapeva che quanto vedeva riflesso nell'acqua era se stesso. Com'è noto, in quell'immagine Narciso si perse, ignorando di andare incontro a se stesso.
A seguire, la psicanalisi - non tanto la freudiana quanto gli sviluppi più recenti della ricerca, a quanto ne so io - ne ha tratto l'allegoria dell'individuo che sembra rivolgersi agli altri, quasi ne dipende, ma, in realtà, non ha altro che lo sguardo fisso su se stesso sino a perdersi, a volte, in questo gioco di immagini riflesse senza capire più esattamente cosa sia proprio e cosa non lo sia.
Tecnicamente credo si chiamino "proiezioni".
Gli altri e i loro bisogni, per il narcisista inteso in questo senso, non sono altro che strumenti per conferme su se stesso e sul proprio valore o disvalore.
Da cui la dipendenza patologica del narcisista dal giudizio altrui che si trasformerebbe, secondo questa sospensione dell'autoconsapevolezza, in un giudizio interiorizzato di idoneità o inidoneità personale (il tutto, messo giù a grandi linee, intendiamoci, ed in modo amatoriale).
Il narcisista è tutt'altro che attento ai propri bisogni, così come è profondamente disattento ai bisogni degli altri; il suo unico bisogno imperativo (capace di offuscare tutti gli altri) è quello di piacere (e di piacersi, aggiungerei, per sottolineare una nota formula contemporanea, davvero sintomatica).
Per questo nella mia definizione ho aggiunto - quasi una postilla - che "il problema della "vera" maturità è riuscire a saper decifrare i propri bisogni (e desideri) veri da quelli falsi...."
In questo, credo che la cultura dei nostri tempi non ci sia di grande aiuto...
iulbrinner is offline  
Vecchio 31-10-2007, 17.26.53   #26
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

Marco Gallione/sentieroluminoso
Citazione:
La maturità invece, se volessimo condensarla in una definizione, che come tale è sempre riduttiva nella sua esemplificazione, è semplicemente la disponibilità a mettersi sempre in gioco a lasciar morire il nostro Io di ieri per un nuovo Io, oggi, senza per questo versare una lacrima di rimpianto.
Ovvero comprendere profondamente che siccome camminiamo tutti in una palude, se vogliamo andare avanti le nostre fondamenta vanno continuamente edificate pena affogare nelle sabbie mobili.
Questa distruzione del vecchio per il nuovo comporta un prezzo di sofferenza, direttamente proporzionale alla radicazione del nostro ego.

La maggior parte degli esseri di questo simpatico pianeta non vogliono soffrire volontariamente e sono chiamati dal prodotto della propria ignoranza , delle loro stesse azioni e scelte, a vivere ugualmente la sofferenza e la disperazione, ma senza che essa possa produrre in loro un uomo più reale, più maturo (se non in minima parte).
Questi personaggi, numerosissimi, non sono affatto maturi, anche se magari hanno vissuto molti anni e hanno una ragnatela di rughe sul viso come i fili in una centralina Telecom.

Abbarbicati nelle loro opinioni (che non si basano su esperienze autenticamente vissute da se stessi e prive di preconcetti) non hanno le palle per ricominciare da zero.

Questa capacità di essere aperti, riciclabili e rinnovabili è l’unica maturità che conta in un essere umano, una maturità che è avulsa dal numero di anni vissuti, lo ribadisco, e dalle qualità più o meno considerate positive dalla massa di ciechi che brancola in questo mondo schifo.

Paradossalmente credo che i bambini piccoli siano quasi sempre le persone più mature, anche se questa maturità è senza merito in quanto non scelta consapevolmente.
katerpillar: dalla TELA DI ULISSE.

Aprite le vostre case ho ateniesi
e rispolverate gli ancetrali scranni
che videro giudicare e soccombere
il grande Socrate, perché anch'io
come lui, sottoporrò le mie verità
solo al vostro giusizio; e se è vostra
intenzione prendere anche la mia vita,
sappiate che non vi farò sconti
e nulla dimeno pretenderò....ecc.

Caro Gallione, con te come oratore mi tolgo tanto di cappello, ma non farò altrettanto nei confronti dei tuoi consigli; infatti, perdonami, se veramente seguissimo il tuo consiglio per renderci maturi, facendo morire ogni giorno il nostro Io per indossarne un'altro, senza versare una lacrima e senza rimpianti, alla fine della vita: altro che versare lacrime ed avere rimpianti.

Perché se partiamo dal presupposto che la nostra evoluzione è strettamente correlata alle sovrapposizioni architetturali della memoria, facendo tabula rasa ogni giorno rimaremmo amaramente inchiodati a quell'attimo che decidessimo di seguire il tuo consiglio. Allora... che tipo di maturità ci sta proponendo e che ti di maturità è la tua?

In ogni caso, coloro che sanno attuare questo metodo, tutta al più potremmo affermare che quel tizio ha questa prerogativa, abilità o qualità, ma sicuramente non mi sognerei mai di affermare che quel tizio è maturo, perché, per i motivi descritti, la "maturità" non la raggiungerà mai.

Inoltre non sono d'accordo nemmeno che gli unici ad essere maturi siano i bambini, anche se ti sei dimenticato di spiegarci il perché lo siano; ma a proposito di loro, quando lo ero io, ricordo che feci una strana domanda a mio padre, chiedendogli, papà: come faro ad accorgermi di essere diventato grande?

Dopo una piccola pausa mio padre rispose: ti accorgerai di esserlo diventato, quando saprai valutare le persone che ti staranno davanti, e per ognuna di loro saprai esternere un comportamento adeguato.

Ricordo ancora che quella risposta mi piacque molto, ma, nonostante l'età, ancora non mi riesce molto bene. Ecco: forse arrivare e applicare quel comportamento potremmo considerarlo un punto di partenza per una vita spesa bene, perché, per altro, come afferma sentiero luminoso
Citazione:
La maturità è il numeratore di una frazione il cui denominatore è ignoto, ho l'impressione che anche qualora lo si volesse stabilire individualmente, si riuscirebbe solo a dar luogo ad una frazione impropria (il cui nominatore è maggiore del denominatore), le potenzialità di crescita sono insondabili e ogni meta è un' approssimazione soggettiva, limitante ed incompleta.
katerpillar

Condivido pienamente.
katerpillar is offline  
Vecchio 01-11-2007, 01.53.53   #27
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
Secondo me è maturo chi riesce ad ottenere dall'ambiente circostante piena e completa soddisfazione rispetto ai propri bisogni (o desideri, anche).
Magari il problema della "vera" maturità è riuscire a saper decifrare i propri bisogni (e desideri) veri da quelli falsi....
Condivido quanto scrivi.
Detto in altro modo, assai importante è il sapere cosa si vuole.

Chi non sa cosa vuole dalla sua vita, non sarà nemmeno in grado di predere determinate decisioni (ed essere convinto di quel che ha scelto, assumendosi le responsabilità della decisione presa a scapito di altre variante possibili che aveva di fronte).

Chi non sa cosa vuole, non sa nemmeno scegliere, e se sceglie qualcosa, non essendo sicuro di sé, dovrà sempre cercare il parere di qualcun d'altro, con la conseguenza che se poi le cose vanno storte, è molto più semplice scaricare le colpe a chi ci ha dato dei consigli (sbagliati), che assumersi personalmente la responsabilità della (sbagliata) decisione presa.

È tutto collegato.

I bambini non sono maturi per più fatti: Non sanno cosa vogliono. Le decisioni per loro le prendono i genitori. Se un bambino rompe qualcosa, la responsabilità in genere va ai genitori, mica al figlio (perché non sa cosa fa). Ecc.

La maturità invece la si raggiunge quando si impare a capire cosa si vuole (dalla vita), imparando poi a scegliere quando ci troviamo di fronte a più opzioni, senza che necessitiamo sempre ancora qualcuno che scelga per noi, e con la conseguenza finale che sapendo cosa vogliamo, scegliendo personalmente cosa vogliamo, uno impara anche ad assumersi la piena responsabilità di quanto ha scelto (sia se le cose vanno bene, sia se vanno male).

Elijah is offline  
Vecchio 01-11-2007, 20.19.58   #28
LST
Ospite
 
L'avatar di LST
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 14
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

Citazione:
Originalmente inviato da klee
La definizione di maturità è avere passato
attraverso le varie esperienze della vita e avere acquistato dentro di se qualcosa che assomiglia a una solida roccia – di avere una certa età ,una persona che avuto una ricca esperienza,una protezione,una persona che sa,una persona di esperienza, una sicurezza?

O

alla maturità che una persona acquista dentro di sè..?Con questa maturità si riesce ad avere più intelligenza emotiva.

Essere all'Arrivo della maturità è come sentire una nostra personale realizzazione

Quasi alla realizzazione dell'Amore per se stesso..
La realizzazione di un frutto per tanto tempo curato?grazie et merci!

non ha un gran che senso sai... persona matura... PER COSA?
dire "quella persona é matura" suona un po come dire "voglio andare". andare dove?
é un po indispensabile specificare perché abbia un po di senso. nel caso di 'andare' anche semplicemente con un "via". non credi?
LST is offline  
Vecchio 02-11-2007, 05.03.32   #29
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

klee
Citazione:
La definizione di maturità è avere passato
attraverso le varie esperienze della vita e avere acquistato dentro di se qualcosa che assomiglia a una solida roccia – di avere una certa età ,una persona che avuto una ricca esperienza,una protezione,una persona che sa,una persona di esperienza, una sicurezza?
LST

Citazione:
non ha un gran che senso sai... persona matura... PER COSA?
dire "quella persona é matura" suona un po come dire "voglio andare". andare dove?
é un po indispensabile specificare perché abbia un po di senso. nel caso di 'andare' anche semplicemente con un "via". non credi?
katerpillar

Mi sembra che klee abbia specificato: "passando attraverso le varie esperienze della vita". Oppure: "una ricca esperienza ecc.", per cui il paragone da te portato non mi sembra che rispecchi l'inesattezza del quesito.

In ogni caso credo sia meglio rimanere con gli esempi terra terra, in modo che possiamo comprendere il fulcro centrale della domanda, poiché, a mio modo di vedere, quello richiesto da klee non è altro che un problema che riguarda la nostra memoria.

Ovvero: quando facciamo delle esperienze queste si vanno a fissare nei nostri ricordi, e più ne accumuliamo e più riusciremo a non fare errori o, perlomeno, a diminuire i comportamenti sbagliati, nocivi per noi o per gli altri; per tale motivo una volta si affermava che, gli anziani erano la memoria storica della tribù, oppure si riuniva il consiglio degli anziani o il consiglio dei "saggi".

Nella pratica i componenti del villaggio chiedevano a chi aveva vissuto più a lungo, di trovare le soluzioni ai problemi da risolvere. Infatti, potremmo definire la saggezza come una particolare connotazione o capacità propria di chi è in grado di valutare in modo corretto, prudente ed equilibrato le varie opportunità.

Oppure, potremmo affermare che la saggezza "dovrebbe" essere la prerogativa di coloro che hanno avuto più tempo per accumulare esperienze in tutte le direzioni, ma valutando la velocità con cui ognuno di noi può accumularle, non di rado troviamo dei giovani saggi.

Allora in base alle esperienze fatte possiamo affermare che vi sono dei saggi che sono più saggi di altri, in determinati settori (come volevi intendere tu), ma li entriamo nel campo delle specializzazioni, mentre klee, essendo di origine Pellerossa Navajho, credo, si riferisca alla saggezza degli anziani indiani che partecipavano al consiglio fumando il calumet della pace.

Gli anziani:

PS: "essendo di origine Pellerossa Navajho", vuole essere solo una battuta scherzosa, meglio specificarlo se no il capo si I.............zza.
katerpillar is offline  
Vecchio 02-11-2007, 12.57.27   #30
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Quali sono le qualità per definire una persona matura?

"non ha un gran che senso sai... persona matura... PER COSA?
dire "quella persona é matura" suona un po come dire "voglio andare". andare dove?
é un po indispensabile specificare perché abbia un po di senso. nel caso di 'andare' anche semplicemente con un "via". non credi?"


Scusami,excuse-moi ma non ho capito bene quello che hai scritto..
ho piuttosto non ti sei spiegato/a bene..!

Maturare dentro per crescere Fuori!!!Guardarsi dentro,nel profondo..con la pazienza,la pazienza si riesce a vedere la Porta della saggezza e saggezza è MATURITA'


Bellissimo e dolce questo testo scritto da Kater Pillar

Oppure, potremmo affermare che la saggezza "dovrebbe" essere la prerogativa di coloro che hanno avuto più tempo per accumulare esperienze in tutte le direzioni, ma valutando la velocità con cui ognuno di noi può accumularle, non di rado troviamo dei giovani saggi.

Allora in base alle esperienze fatte possiamo affermare che vi sono dei saggi che sono più saggi di altri, in determinati settori (come volevi intendere tu), ma li entriamo nel campo delle specializzazioni, mentre klee, essendo di origine Pellerossa Navajho, credo, si riferisca alla saggezza degli anziani indiani che partecipavano al consiglio fumando il calumet della pace.


Grazie
klee is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it