Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-11-2007, 14.48.05   #1
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Leggendo :

Il rivoluzionario non è altro che un reazionario.
Potrà essere contro un certo tipo di società,
ma sarà sempre a favore di un altro tipo di società.
Potrà essere contro una cultura, ma è subito disponibile per un’altra.

Il ribelle abbandona semplicemente il passato
e non si lascia dominare dal passato.
E' sempre in un continuo cammino
Risponderà a ogni situazione in accordo con la sua consapevolezza presente.


La domanda che mi pongo è questa :

L'unica speranza per il futuro dell’umanità è essere ribelle o rivoluzionario?
klee is offline  
Vecchio 13-11-2007, 17.34.50   #2
griago
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-10-2007
Messaggi: 98
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Personalmente la risposta è palese: la speranza è nel ribelle.
griago is offline  
Vecchio 13-11-2007, 21.27.29   #3
cassiopea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 50
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Citazione:
Originalmente inviato da klee
Leggendo :

Il rivoluzionario non è altro che un reazionario.
Potrà essere contro un certo tipo di società,
ma sarà sempre a favore di un altro tipo di società.
Potrà essere contro una cultura, ma è subito disponibile per un’altra.

Il ribelle abbandona semplicemente il passato
e non si lascia dominare dal passato.
E' sempre in un continuo cammino
Risponderà a ogni situazione in accordo con la sua consapevolezza presente.


La domanda che mi pongo è questa :

L'unica speranza per il futuro dell’umanità è essere ribelle o rivoluzionario?

...ribelle e rivoluzionario..sono due immagini che non lasciano indifferenti. Così per immaginazione, vedo il rivoluzionario come un'idealista..qualcuno che appunto vuol cambiare l'ordine delle cose per arrivare al suo ideale. Sul reazionario non so..però certo il rischio del rivoluzionario è di essere ad un passo dall'intransigenza..
..e il ribelle? la prima associazione che viene in mente è quella dell'insofferenza, il ribelle reagisce a uno stato di cose che non può tollerare..la ribellione non sembra avere un obiettivo mirato, come nella rivoluzione..e il ribelle dà anche l'idea di uno un po' asociale..
però..la stessa ribellione potrebbe rappresentare un primo passo verso la rivoluzione..

cassiopea is offline  
Vecchio 13-11-2007, 22.01.40   #4
aile
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-04-2007
Messaggi: 169
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

La speranza è che ci siano sempre più persone capaci di essere ribelli,
e sempre meno persone col desiderio di avere un grande potere.Il potere dovrebbe essere fatto a pezzettini,a quel punto anche i ribelli potrebbero rilassarsi.
Sono forse rivoluzionaria?
aile is offline  
Vecchio 14-11-2007, 17.45.00   #5
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

I rivoluzionari si caricano di un potere che tolgono all'oggetto contro cui combattono. E di quel potere, in genere, ne fanno un pessimo uso. Il risultato è peggiore di ciò che volevano migliorare.
Vedi rivoluzione francese e rivoluzione comunista in Russia, non mi vengono altri esempi ma ce ne saranno tantissimi.

Rivoluzione è un modo tanto per rivoltare una frittata e magari bruciarla pure il classico ...... dalla padella nella brace..

Una rivoluzione non si fa da soli, occorre raccogliere la rabbia di tanti e tanti.

Mentre il ribelle, necessariamente è da solo. Fa un cammino, paga sulla propria pelle, impara sulla propria pelle. Non ha condottieri né seguaci, da solo combatte per cambiare quel che ritiene sbagliato.
Si basa sulle proprie forze non ruba nulla agli altri, guadagna e perde con il proprio impegno.

Il mondo potrà essere salvato solo dai ribelli. Quando avranno raggiunto, ciascuno da se stesso, la massa critica allora il mondo avrà girato l'angolo di una nuova era.

Il ribelle per eccellenza, secondo me, è stato Gesù.

Non conosco un ribelle più potente di Lui.

I capi non temono tanto le rivoluzioni quanto i ribelli. Le rivoluzioni vengono sedate, i poteri si alternano, ma i ribelli traformano il mondo e nessuno può fermarli per il semplice fatto che sono indipendenti da qualsiasi potere esteriore.
Puoi facilmente abbattere un elefante ma più difficile un stormo di uccelli.

Per questo io sono convinta che è il singolo che può salvare il Pianeta Terra e le creature che ospita.

Se io mi ribello allo spot pubblitario dell'acqua minerale e bevo acqua di rubinetto, chi può fermarmi?

Se io smetto di comprare la frutta che viene dall'altro capo del mondo, qualcuno può impedirmelo?

Se un milione di cittadini non ascolta più i "consigli" del Papa come potrà imporsi il Papa? lo ha fatto quando aveva interi eserciti agguerriti ma ha dovuto distruggere tutti in massa, vedi i Catari, senza alcuna discriminazione.

I ribelli rischiano, a volte, la loro vita come i rivoluzionari ma non si può fare alcun paragone. Anche perchè il ribelle difficilmente usa la forza della violenza verso gli altri per far valere le proprie idee.
Mary is offline  
Vecchio 15-11-2007, 07.42.41   #6
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

l ribelle vuole vivere la vita
in accordo con la propria natura.

Un ribelle si rispetta, rispetta la vita
e ha una profondo rispetto per
il diritto dell'essero umano

Sa che può perdersi nelle sue proprie idee..sa che può cascare e riandare avanti..!


l ribelle difficilmente usa la forza della violenza verso gli altri per far valere le proprie idee.
di MARY

si è vero..quello che scrivi..ma oggi come facciamo ad usare le idee nostre,
Esse vengono (almeno nella mia cittadina) messe da parte..
Ascoltano ma non desiderano "sentire" quelle che dico..
desidero unicamente cambiare il quotidiano.

Desidero combattere l'ipocrisia..desidero combattere la violenza dei gesti,la volgarità nelle discussioni..desidero potere parlare e non essere giudicata.

Penso che ognuno di noi se è consapevole di se stesso..
riesce ad essere ribelle e comunque
inizia lentamente a muovere certe "acque"
senza fare rumore
ma con il cuore..
klee is offline  
Vecchio 15-11-2007, 10.58.02   #7
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Come già letto tra le righe, il rivoluzionario ha sempre un impegno "politico", nel senso che il suo "essere contro" non è finalizzato a cambiare la sua singola vita o la singola vita di qualcuno, ma quella dei molti, quella della "polis" appunto.


Il ribelle, invece, fa un percorso individuale e quasi sempre la deriva politica o sociale della sua azione è frutto più del fanatismo dei seguaci che non della propria volontà. Quando il ribelle diventa personaggio, per quel suo modo di essere, quasi sempre perde la sua autenticità e finisce per fare il verso a quello che faceva prima senza gli stessi risultati di appagamento interiore, ma con grande irrequietezza.

Il ribelle vuole salvarsi la vita, proteggendola dal falso e dall'ipocrisia della maggioranza. Il punto è proprio questo: il vero ribelle non ha alcuna coscienza di esserlo, agisce secondo la propria natura, in accordo al proprio modo di essere. E' una definizione che lui non può darsi, quella di "ribelle", ma che gli viene affibbiata per mettergli una gabbia attraverso una parola, che ha accezione soprattutto negativa.

L'accezione negativa che avete dato al rivoluzionario non la condivido. Il "rivoluzionario" spesso è un "ribelle" che avverte il dovere morale di fare qualcosa per gli altri. Vedi il Che: nasce come ribelle e diventa rivoluzionario non certo per sete di potere. Il problema del rivoluzionario arriva quando si esaurisce la spinta rivoluzionaria e occorre governare, lì arriva il difficile e infatti il Che (sempre per esempio) non si fermò mai.

Un altro ribelle-rivoluzionario è il Dalai Lama. Ribelle di natura, non sconfessa la sua lotta politica per l'indipendenza del Tibet. Vabbè, si tratta di una rivoluzione di difesa, sono d'accordo, per difendere i diritti del suo popolo, ma è comunque un impegno politico.

La classificazione manichea di ribelle e rivoluzionario non tiene conto di tanti punti di contatto fra le due posizioni.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 15-11-2007, 16.24.28   #8
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Il ribelle, invece, fa un percorso individuale...di VAGABONDO

Si,..... i suoi bisogni sono spesso in conflitto.:
la società chiede una cosa e i suoi
istinti spingono verso una direzione completamente opposta.

I bisogni sociali e personali sono in eterno conflitto.
La società ha le sue richieste,la morale e la religione.

Questi conflitti interiori portano a non essere in armonia..c'è bisogno di movimento,di rinnovamento..

Il conflitto esterno nasce da un conflitto interno..

il ribelle è colui che si sente per primo attaccato...il ribelle ha la pazienza,la speranza..ma desidera liberarsi dalla sua repressione.

il ribelle desiderebbe "creare" insieme agli altri (i suoi simili) un angolo
dove potere parlare e realizzare insieme un sogno

praticare fuori quello che lui pratica "dentro di sé"
risvegliare le sue idee interne
cambiare il modo di vivere per vivere da essere umano consapevole

penso che nel momento suo decisivo è molto determinato e riesce
anche a colpire il bersaglio..sa come muoversi,è preciso.Da una sua "esplosione sia positiva o negativa" potrà aprirsi
una nuova Porta al suo ideale


Essere ribelle significa
regalare
Fuori
il fiore
che nascondiamo
Dentro?
klee is offline  
Vecchio 15-11-2007, 17.43.12   #9
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

"La domanda che mi pongo è questa :

L'unica speranza per il futuro dell’umanità è essere ribelle o rivoluzionario?" (klee)

Sinceramente non capisco perché mai "l'unica speranza per il futuro dell'umanità" debba consistere in una ribellione (individuale) o in una rivoluzione (sociale).
A me il mondo così com'è, con tutte le sue imperfezioni e le sue bellezze, le sue ingiustizie e le sue nobiltà, non sembra senza speranza. E' il solito mondo di sempre nel quale hanno avuto vita cose orribili e cose straordinarie, speranze e disperazioni.
Sicuramente è un mondo perfettibile, ma non mi sembra che si stia all'ultima spiaggia...
iulbrinner is offline  
Vecchio 15-11-2007, 17.53.14   #10
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: La differenza fra ribelle e rivoluzionario?

Vero, verissimo. Ma nel mondo perfettibile di prima la tecnologia non si era a tal punto sviluppata da permettere l'indottrinamento immediato di milioni di persone che, tra l'altro, abusano del loro potere di avere voce in capitolo su tutte le questioni, anche quelle che sono al di là della loro portata culturale.
L'oppressione oggi si è appesantita, soprattutto si maschera molto bene sotto la scintillante illusione del benessere materiale che ti anestetizza quanto basta per dire: non va poi così male!
Il ribelle oggi è quanto mai necessario, non per mettere a ferro e fuoco le città, ma per mettere sempre in discussione quanto ci piove dall'alto, fosse anche la verità più bella e infiocchettata.
Seguirla o meno non inficia in nessun modo la libertà del ribelle, è il ribelle che decide di farlo oppure no poiché è padrone del proprio consenso.
kore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it