Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 25-11-2007, 18.34.13   #11
paolo di abramo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-03-2007
Messaggi: 162
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

L'omosessualita' puo' essere paura del diverso?
Forse perche' cio' che non conosci non puoi amare??
Alla base un piccolo grande dramma irrisolto?
Forse e' piu' facile essere gay che etero, in un certo senso, come e' piu' facile mascherarsi piuttosto che essere spontanei.Secondo me e' un problema di radici sociali diventati interiori.Quando l'individuo,con i suoi sentimenti , non trova il suo posto e allora magari interviene la natura.
Chissa',voi cosa ne pensate?
paolo di abramo is offline  
Vecchio 25-11-2007, 20.15.01   #12
DaphneArgent
Ospite
 
L'avatar di DaphneArgent
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 27
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Citazione:
Originalmente inviato da paolo di abramo
L'omosessualita' puo' essere paura del diverso?
Forse perche' cio' che non conosci non puoi amare??
Alla base un piccolo grande dramma irrisolto?
Forse e' piu' facile essere gay che etero, in un certo senso, come e' piu' facile mascherarsi piuttosto che essere spontanei.Secondo me e' un problema di radici sociali diventati interiori.Quando l'individuo,con i suoi sentimenti , non trova il suo posto e allora magari interviene la natura.
Chissa',voi cosa ne pensate?

Non esageriamo... stiamo rendendo la cosa veramente drammatica e altisonante. E soprattutto la stai ponendo sotto un aspetto che sembra sia un 'problema mentale'.
La tendenza sessuale è come il carattere: si nasce con un indole, la si ha stampata nei geni, ma l'ambiente e la vita la influenza. Niente di così complesso
DaphneArgent is offline  
Vecchio 26-11-2007, 20.30.36   #13
violet
Ospite
 
Data registrazione: 08-11-2007
Messaggi: 5
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Provocazione e curiosità: un sentimento d'amore per una persona dello stesso sesso? e se amore e sesso sono così piacevolmente compatibili?
violet is offline  
Vecchio 26-11-2007, 20.50.27   #14
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Citazione:
Originalmente inviato da paolo di abramo
L'omosessualita' puo' essere paura del diverso?
Forse perche' cio' che non conosci non puoi amare??
Alla base un piccolo grande dramma irrisolto?
Forse e' piu' facile essere gay che etero, in un certo senso, come e' piu' facile mascherarsi piuttosto che essere spontanei.Secondo me e' un problema di radici sociali diventati interiori.Quando l'individuo,con i suoi sentimenti , non trova il suo posto e allora magari interviene la natura.
Chissa',voi cosa ne pensate?

Quali siano le ragioni che portino alla omosessualità credo che non dovrebbero essere un dilemma per chi omosessuale non è.

Quel che è importante per ciascun individuo è il rispetto per l'altro, l'accettazione dell'altro.

Anche perchè ritengo che le scelte sessuali sia etero che omo siano sempre soggettive, e ciascun individuo deve essere libero di esprimerle sempre nel rispetto degli altri, senza imporre, violentare, opprimere alcuno.

Gli omosessuali come altre categorie in genere vengono presi come capro espiatorio, come un "nemico" costruito a tavolino contro cui dirigere l'attenzione delle masse in quel momento.
La religione cristiana ne è un classico e attuale esempio.
Non si scaglia tanto contro i mostri assassini quanto gli omosessuali. Perdona, nasconde, protegge i pedofili ma lancia anatemi contro i gay.

Non credo ci sia nessun dramma dietro l'omosessualità, il dramma lo creano coloro che hanno bisogno di scagliarsi contro qualcuno, se è una categoria tanto meglio.
Chi siamo noi per imporre ad altri quel che devono fare?

Anche perchè molti omosessuali sono persone davvero straordinarie.
Se avessi cento amici omosessuali mi riterrei molto fortunata.
Mary is offline  
Vecchio 27-11-2007, 00.37.36   #15
aile
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-04-2007
Messaggi: 169
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

NON accetto questo appellativo di devianza che si attribuisce alla omosessualità..
Praticamente,siamo tutti d'accordo che l'uomo e la donna,per riprodursi,debbano accoppiarsi.Siamo d'accordo tutti che sia una cosa naturale.
MA ....tutte le persone eterosessuali si riproducono?Tutte le persone eterosessuali fanno l'amore solo per fare i bambini?A me non sembra....

E tutte le persone eterosessuali che scelgono di non avere figli?Sono anche loro deviate?Malate?
La riproduzione è un fatto assolutamente personale.
E' naturale,ma non obbligatorio.Per quanto ne so,non desiderare figli non è una scelta da deviati.
Che paradossi!Ci sono tante coppie eterosessuali,che magari praticano l'aborto,
e ci sono tanti omosessuali,che si sentono diversi,e sono additati come uno sbaglio della società..
Ma qual è la paura di questa sessualità "innaturale"?
Che porterebbe?Qual è l'aspetto negativo?
Io non riesco a vederlo.
Mi appaiono ogni giorno sempre più evidenti gli effetti negativi delle costrizioni,
ma l'effetto negativo della pratica omosessuale non ancora sono riuscita ad immaginarlo...
aile is offline  
Vecchio 01-12-2007, 23.28.49   #16
ciclico
Ospite
 
L'avatar di ciclico
 
Data registrazione: 28-02-2007
Messaggi: 13
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Solo quando regna la dittatura il buon senso viene meno e le persone non possono più stabilire dei principi cardine dai quali prendere delle eque distanze.
Fortunatamente siamo in una democrazia e ci si mette d' accordo. Si trova un punto in comune dove fissare ad esempio i termini di un concetto e da quello partire per definire tutto ciò che ne discenderebbe.

Per quanto riguarda la sessualità, e non solo, si stabilisce ciò che è normale e da quello si differisce.

Penso che un errore comune sia il caricare moralmente concetti stabiliti convenzionalmente al fine di non fare confusione, visto che un fermo è necessario. Pena la confusione concettuale.

Si certo, il nostro è un paese moralizzato dalla società permeata dalla scure della religione, però il termine salvifico lo conserviamo noi.
Le persone guardano a quel qualcosa che chiamano giustamente diverso, perchè differisce dalla normalità convenzionalmente stabilita ed accettata, con occhio giudicante, moralizzante e escludente della possibilità d' arricchimento dell' umano.

Certo che una persona omossessuale è differente e strana rispetto ad una che non lo è. Ciò è tutto molto razionale e logico, non altro. Certo che una persona strana e differente può arricchirti, già per il fatto che conserva in sè qualcosa che nella propria esperienza può mancare.

Se la realtà circostante, per assurdo ( almeno oggi risulta così ), fosse riempita da individui omossessuali, allora le persone eterossessuali sarebbero strane e differenti. E il discorso si capovolgerebbe.
Ma al di là di una fredda Logica e Razionalità deve costituire elemento fondante la certezza di trovare l' umano divenire nell' Altro, nell' Altro da sè che trova oggettivazione nei corpi.

La Morale che è l' oppio del popolo, assetato dalle sue paure, dalle sue incertezze e dalla sua mancanza. Nel senso che manca per i propri figli.
Ognuno di noi custodisce una parte vitale ed esigente dell' Altro, sessualmente definito, che fatica ad assecondare; perchè è lì che gli estremi trovano congiunzione, nella consapevolezza che nell' altra stanza c' è qualcuno, anche se non dovessimo entrare mai.
ciclico is offline  
Vecchio 03-12-2007, 12.31.40   #17
elair85
frequentatore
 
L'avatar di elair85
 
Data registrazione: 30-04-2006
Messaggi: 144
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Citazione:
Originalmente inviato da Socrate78
Vorrei dedicare questo thread ad un tema importante e delicato, relativo all'omosessualità e, soprattutto, alle forti ricadute psicologiche di tale condizione.
Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, quando una persona scopre di essere omosessuale prova un forte senso di angoscia, vive questa condizione come un dramma e, in casi estremi, giunge persino a meditare il suicidio.
Questa reazione, a mio avviso, è in parte spiegabile con il condizionamento culturale e sociale che considera l'omosessualità una devianza, nonostante sia stata totalmente cancellata (già da un pezzo ) dal novero delle perversioni sessuali stilato dall'Organizzazione Mndiale della Sanità.
Al di là di questo, però, mi sembra che l'impatto della scoperta dell'omosessualità sulla psiche delle persone sia eccessivo e vada al di là del semplice condizionamento culturale;in definitiva non c'è nulla di strano nell'essere attratti da individui dello stesso sesso, eppure molti gay vivono malissimo tale condizione e non l'accettano.
E' anora più assurdo vedere come molti genitori di gay reagiscono malissimo quando scoprono l'omosessualità dei figli, quasi come se si trovassero di fronte a qualcosa di abominevole, di delittuoso.
Quindi mi chiedo: perchè l'omosessualità ha un impatto così forte sulla mente di molti gay e delle persone che vivono con loro?Attraverso qualì strategie si può aiutare l'omosessuale a non sentirsi "diverso" e ad accettare la propria sessualità?
Discutiamone insieme.
Ciao

Viviamo in una società arretrata, quindi è ovvio che un povero adolescente che scopre di essere gay abbia questa reazione, quando dovrebbe viverla normalmente, perchè è semplicemente la sua natura e nessuna legge, nessuna cultura, nessuna mentalità può permettersi di manovrare la natura di un singolo, specialmente se non è dannosa per gli altri esseri (essere gay nn vuol dire essere deviati, o assassini, o maniaci) ma vallo a spiegare al resto dell' Italia...
elair85 is offline  
Vecchio 10-12-2007, 12.21.13   #18
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Citazione:
Originalmente inviato da Socrate78
Vorrei dedicare questo thread ad un tema importante e delicato, relativo all'omosessualità e, soprattutto, alle forti ricadute psicologiche di tale condizione.
Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, quando una persona scopre di essere omosessuale prova un forte senso di angoscia, vive questa condizione come un dramma e, in casi estremi, giunge persino a meditare il suicidio.
Questa reazione, a mio avviso, è in parte spiegabile con il condizionamento culturale e sociale che considera l'omosessualità una devianza, nonostante sia stata totalmente cancellata (già da un pezzo ) dal novero delle perversioni sessuali stilato dall'Organizzazione Mndiale della Sanità.
Al di là di questo, però, mi sembra che l'impatto della scoperta dell'omosessualità sulla psiche delle persone sia eccessivo e vada al di là del semplice condizionamento culturale;in definitiva non c'è nulla di strano nell'essere attratti da individui dello stesso sesso, eppure molti gay vivono malissimo tale condizione e non l'accettano.
E' anora più assurdo vedere come molti genitori di gay reagiscono malissimo quando scoprono l'omosessualità dei figli, quasi come se si trovassero di fronte a qualcosa di abominevole, di delittuoso.
Quindi mi chiedo: perchè l'omosessualità ha un impatto così forte sulla mente di molti gay e delle persone che vivono con loro?Attraverso qualì strategie si può aiutare l'omosessuale a non sentirsi "diverso" e ad accettare la propria sessualità?
Discutiamone insieme.
Ciao

davanti a questo tema mi viene spontaneo pensare all'età adolescenziale come il periodo in cui tendenzialmente le nostre pulsioni sessuali si rivelano, e lo fanno con una violenza e una drammaticità che non rivivremo più (fortunatamente) nell'arco della vita.
Io credo che ogni adolescente, chi più chi meno, vive la pubertà con la sensazione di avere un orribile segreto: questa carica sessuale difficilmente gestibile da una parte, il desiderio di contestare e di infrangere l'ordine prestabilito dall'altra. Non è un'età facile, per niente.
Se aggiungiamo poi, a tutto questo turbinio di emozioni e di bollori, il fatto di essere omosessuali, la situazione si complica. Per ogni adolescente è importante l'identificazione e l'appartenenza ad un gruppo sociale (il gruppo dei pari); il fatto che questo gruppo costituisca una minoranza, il fatto che questa minoranza sia il più delle volte screditata, sbeffeggiata, fatta oggetto di rivendicazioni e di isterismi collettivi....non può non mettere ansia ad un giovane che comincia appena ad affacciarsi alla vita. In più, normalmente le aspirazioni dei genitori per il proprio figlio non vanno esattamente in quella direzione:altra dose di ansia, a cui si aggiunge il terrore di deludere le aspettattive familiari.
L'esperienza personale mi fa dedurre comunque che molti miei amici vivono la loro omosessualità con serenità, e posso constatare con piacere che anche molte delle loro famiglie lo fanno: la maggior parte. Per tutti loro comunque, la scoperta e l'ammissione di questa "diversità" sono state un percorso tormentato, soprattutto da un punto di vista interiore. Quello che mi è parso di cogliere dalle loro storie è un comune senso di solitudine che li ha accompagnati nel momento di presa di coscienza della loro identità sessuale: il timore di essere soli, di non trovare nessuno "fatto come loro", "nessun gruppo di pari", nessuno con cui condividere un cammino.Dev'essere una sensazione orrbile, personalmente mi getterebbe nello sconforto.
Attualmente le dinamiche degli adolescenti sono un tantino cambiate: di omosessualità si parla di più (anche se la commercializzazioe della stessa qualche effetto non proprio benefico ce l'avrà) e c'è internet, ci sono le chat, c'è la consapevolezza che di omosessuali ce ne sono tanti, molto più di quanto si pensa anche proprio nella nostra città e, udite udite, nel proprio paesino. Apparentemente quel senso di solitudine e sconforto che i miei amici hanno passato da ragazzini, pare essere risparmiato ai ragazzini di adesso che grazie ai mezzi telematici riescono facilmente a mettersi in contatto con chi vive la loro stessa esperienza. NOn penso sia un cambiamento da poco.
Tornando poi al quesito posto da Socrate, credo che "aiutare le persone omosessuali", amesso e non concesso che queste si trovino in una condizione particolare che richieda aiuto, significhi prima di tutto rendersi disponibili a una comunicazione serena, naturale, senza frasi fatte nè falsi moralismi preconfezionati. Si tratta di rivolgersi alle persone così come è naturale rivolgersi a tutte le persone: ciao, come stai, come è andata la giornata, dove si va sta sera, tua mamma sta meglio, ti sta bene quella giacca, quella cravatta è orribile....io credo che tutti noi abbiamo semplicemente bisogno di normalità e accoglienza, specie chi, per motivi vari, teme di non essere normale e ha paura di non essere accolto. Una volta superato questo scoglio ogni cosa va da sè, tutto diventa naturale e molto più facile di quanto possa esser sembrato inizialmente
odissea is offline  
Vecchio 10-12-2007, 17.38.39   #19
mucca.013
Ospite
 
L'avatar di mucca.013
 
Data registrazione: 14-09-2007
Messaggi: 0
Re: Il dramma dell'omofobia

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Se posso permettermi, a me il titolo di questa discussione mi sembra inappropriato. Visto che questo è un forum pubblico letto un po' da tutti, anche da ragazzi che potrebbero vivere in maniera problematica la propria omosessualità, non è bello che vedano confermate le proprie paure e le proprie ansie da un titolo di questo genere..

Caro vagabondo,

sono d'accordo con te (mi permetto a malincuore di darti del tu)

Io posterei un titolo della serie l'arte dell'omosessualita'. Sono da pochi giorni andata a visitare la mostra sull'arte omosessuale alla stazione centrale di Firenze.

E' una mostra su 2 piani. Difficile verbalizzare le sensazioni: si giocano piu' piani di approccio all'arte ed e' difficile se non irreale fare distinzioni o certificazioni.

Per un dubbio e una riflessione in piu'

consiglio di andare a vederla!

Ciao!
Carolina
mucca.013 is offline  
Vecchio 10-12-2007, 22.40.47   #20
dalmatina7
Ospite abituale
 
L'avatar di dalmatina7
 
Data registrazione: 09-06-2006
Messaggi: 134
Riferimento: Il dramma dell'omosessualità

Penso che si possa aiutare soltanto attraverso l'accettazione e nel dare la sensazione oggettiva che in effetti non ci sia nulla di male.
Personalmente non ho mai avuto nulla contro, ognuno è diverso dagli altri e libero per questo.
dalmatina7 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it