Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 20-11-2007, 10.19.06   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
la diversità è la nostra forza

La diversità è la nostra forza

Stare con gli altri può essere una sfida personale e un momento di crescita individuale. Attraverso la relazione con gli altri, infatti, conosciamo meglio noi stessi. Se siamo aperti attiriamo le persone più adatte per la nostra crescita. Ciò che pensiamo e che sentiamo, infatti, determinano i nostri incontri. La vita è crescita. Può avvenire attraverso la gioia o attraverso il dolore. E come le piante hanno bisogno di pioggia e di sole così noi, più gioia e dolori riceviamo, più cresciamo forti. Ma dopo la pioggia ... splende sempre il sole. Le lezioni di vita ci arrivano attraverso le persone. Se le evitiamo oppure le rifiutiamo, le incontreremo ancora e ancora, sempre più intensamente, finchè saranno così grandi, pesanti e inevitabili da spingerci, finalmente alla consapevolezza. E non riusciremo a vedere altro. I nostri pensieri, le nostre emozioni saranno completamente assorbiti da loro. Questo perchè ognuno arriva nella nostra vita con un motivo. E siamo noi a determinare quale. Alla fine non esistono persone buone o cattive, non esistono religioni migliori di altre, o paesi più belli. Siamo solo persone differenti, e la nostra diversità costituisce proprio la nostra forza.

Manuela Lagardére
direttore dell'Ecole Hellinger di Parigi.

Queste considerazioni che ho ricavato da “Psychologies” di novembre, mi sono molto piaciute come spunto per un discorso dalle varie implicazioni. Perchè è una breve lezione sul valore della relazionalità. Campo in cui noi uomini dobbiamo ancora imparare dalle donne.

Da quali persone siete circondati, nella vostra vita? (virtuale e non ) o desiderereste essere attorniati?
arsenio is offline  
Vecchio 20-11-2007, 13.00.36   #2
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Citazione:
Da Arsenio:
La diversità è la nostra forza

Stare con gli altri può essere una sfida personale e un momento di crescita individuale. Attraverso la relazione con gli altri, infatti, conosciamo meglio noi stessi. Se siamo aperti attiriamo le persone più adatte per la nostra crescita. Ciò che pensiamo e che sentiamo, infatti, determinano i nostri incontri. La vita è crescita. Può avvenire attraverso la gioia o attraverso il dolore. E come le piante hanno bisogno di pioggia e di sole così noi, più gioia e dolori riceviamo, più cresciamo forti. Ma dopo la pioggia ... splende sempre il sole. Le lezioni di vita ci arrivano attraverso le persone. Se le evitiamo oppure le rifiutiamo, le incontreremo ancora e ancora, sempre più intensamente, finchè saranno così grandi, pesanti e inevitabili da spingerci, finalmente alla consapevolezza. E non riusciremo a vedere altro. I nostri pensieri, le nostre emozioni saranno completamente assorbiti da loro. Questo perchè ognuno arriva nella nostra vita con un motivo. E siamo noi a determinare quale. Alla fine non esistono persone buone o cattive, non esistono religioni migliori di altre, o paesi più belli. Siamo solo persone differenti, e la nostra diversità costituisce proprio la nostra forza.

Manuela Lagardére
direttore dell'Ecole Hellinger di Parigi.

Queste considerazioni che ho ricavato da “Psychologies” di novembre, mi sono molto piaciute come spunto per un discorso dalle varie implicazioni. Perchè è una breve lezione sul valore della relazionalità. Campo in cui noi uomini dobbiamo ancora imparare dalle donne.

Da quali persone siete circondati, nella vostra vita? (virtuale e non ) o desiderereste essere attorniati


Da tutto il mio paese...
era una battuta, pero contiene un fondo di verità!
Io vivo in un paesino (meraviglioso per me) e più o meno ci si conosce tutti vicendevolmente... questo fa si che hai modo di uscire di casa e incontrare facilmente persone che della tua vita sanno molto e viceversa... è inevitabile che questo accada, perché siamo sempre le stesse persone a vivere nello stesso posto, il quale non è grande e dispersivo come potrebbe essere invece
una città... Anche se qualche volta si sa, in paese si "spettegola" come si usa dire, comunque la chiacchiera lascia il tempo che trova... perché quella persona di cui si "spettegola" alla fine la conosci, e se vuoi la capisci.
Io amo le persone che mi circondano, sia quelle a me più prossime sia quelle che incontro di meno (anche se non sempre è facile esternarlo )... quando ho fatto l'esperienza di vivere per un pò di tempo altrove, non dico di esser stata male, ma comunque non incontravo la stessa "naturalezza" e "spontaneità" che potevo cogliere qui, nel paesino.
So benissimo che con alcune persone ho affinità e con altre meno ma questo
è sempre e solo un dettaglio almeno per come la vedo io... non è un problema... perché ho capito che alcune volte non sono simpatica neanche a me stessa, per questo dico che non posso pretendere di esser sempre simpatica agli altri... e come accetto me stessa quando mi sto antipatica allora voglio accettare anche gli altri quando hanno le loro debolezze...
Non so se sono uscita OT, o sono entrata troppo nel personale ...
Comunque per me le persone vanno bene così come sono... ognuno è responsabile per sé stesso...
Anche voi forumisti mi state bene così come siete... perché no?!! Siete così carini !
Non desidero cambiare nessuna delle persone che mi circonda...
...come anche Nexus una volta disse: più siamo e meglio stiamo!

Pace a voi!
veraluce is offline  
Vecchio 20-11-2007, 15.28.26   #3
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Da quali persone siete circondati, nella vostra vita? (virtuale e non ) o desiderereste essere attorniati?

Il tipo di professione e i casi della vita mi vedono circondata da persone davvero di ogni tipo.
Come Veraluce trovo che in ogni possibilità di contatto sia un potenziale universo imperdibile e insostituibile, e che ognuno di noi abbia la propria parte nell'attuarlo.

Potrei detestare la grettezza, ma mai dimenticare che anche il "contatto" con la grettezza, se è contatto, inevitabilmente arricchirà entrambi, ed entrambi in misura inimmaginabile a priori.

Per questo non direi mai "vorrei essere attorniata da....": sono sicurissima che perderei un'immensità, illudendomi di selezionare a scopo eugenetico.

Piuttosto vedo un possibile capitolo Morto: uno solo.
E' quello di chi non accetta - se non formalmente - il contatto.

Ecco: della sostanza lapidea, di quella che "non ti tocca" e non fa nulla per toccarti, di quella che può solo - monolitica - precipitarti addosso, di quella che dopo aver TU cercato di toccarla trasmette solo "duro e freddo".... di quella e solo di quella farei molto volentieri a meno.
Confesso: mi piacerebbe proprio che non esistesse.
Credo che non rappresenti "vita" e che , molto semplicemente per questo, potrebbe coerentemete e senza ingenerosità (anzi collaborando al suo fine) essere estromessa dal quadro "vita" senza alcun nocumento.

Esiste nelle mie frequentazioni (virtuali e non).
Come individuarla? Al tatto!!!
Non c'è altro metodo, perchè la costituzione lapidea è trasversale: la trovi in alto e in basso, a destra e a sinistra, nell'analfabeta e nel tizio accedemicamente plirititolato, nell'iper sfigato e nel super-riuscito, nel religioso e nell'ateo, nel possidente e nell'indigente.
....Mi vado convincendo che sia "una razza a sè" (socialmente e culturalmente strutturata come quella degli "altri"). Solo che è parallela. Non fa nulla per comunicare.
E allora, forse, nel risparmiarsi il contatto si realizzarebbe il più alto (forse unico possibile) mutuo vantaggio.

donella is offline  
Vecchio 20-11-2007, 19.45.41   #4
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: la diversità è la nostra forza

"Tutto è uno, tutto è diverso..."

la diversità è la nostra forza
la forza nasce dalla diversità delle
persone............
le nostre conoscenze dipendono
dal volere capire l'altro e la sua diversità.
Per me è sempre stato un arrichimento stare insieme ad altre persone.Partire da un paese per andare
in un'altro significa essere consapevoli di andare incontro

a delle novità..a delle diversità!

Bisogna essere anche "forti" per affrontare gli altri!
Intorno a me vivono persone di razze diverse
e ognuno di loro mi offre la sua
personalità.

Ogni persona è
e
è diversa

Io adoro stare insieme a persone che sono
loro stessi.Adoro le persone spontanee..

ma non sempre si trovano..ma bisogna sapere
che niente e facile e tutto è
difficile.

Anche nel forum ho conosciuto "persone" molto simpatiche e affidabili.Ho imparata tanto da loro e ancora imparerò!
klee is offline  
Vecchio 21-11-2007, 00.44.42   #5
katerpillar
Ogni tanto siate gentili.
 
L'avatar di katerpillar
 
Data registrazione: 14-03-2007
Messaggi: 665
Riferimento: la diversità è la nostra forza

donella
Citazione:
Il tipo di professione e i casi della vita mi vedono circondata da persone davvero di ogni tipo.
Come Veraluce trovo che in ogni possibilità di contatto sia un potenziale universo imperdibile e insostituibile, e che ognuno di noi abbia la propria parte nell'attuarlo.
e ancora
Citazione:
Piuttosto vedo un possibile capitolo Morto: uno solo.
E' quello di chi non accetta - se non formalmente - il contatto.

Ecco: della sostanza lapidea, di quella che "non ti tocca" e non fa nulla per toccarti, di quella che può solo - monolitica - precipitarti addosso, di quella che dopo aver TU cercato di toccarla trasmette solo "duro e freddo".... di quella e solo di quella farei molto volentieri a meno.
Confesso: mi piacerebbe proprio che non esistesse.
Credo che non rappresenti "vita" e che , molto semplicemente per questo, potrebbe coerentemete e senza ingenerosità (anzi collaborando al suo fine) essere estromessa dal quadro "vita" senza alcun nocumento.
katerpillar

Il tuo è un istinto prettamente umano e comprensibile, su cui ,però, bisogna ragionare. Finoi ad una trentina duìi anni or sono la pensavo come te e, tuttora, quando posso evito certe persone, perché mi dico che in quel senso ho già dato.
Ma cosa è accaduto trentanni or sono per vedere certe persone in modo differente? Allora: ero sdraiato sulla spiaggia a prendere il sole con la mia ex, mentre i nostri "ragazzini" giocavano sul bagnasciuga, insieme ad altri bambini, e se la ridevano e spassavano in un modo davvero piacevole. Mi dissi che quello era una bel vedere, perché la spontaneità che trasmettevano era davvero contagiosa.
In mezzo a questi bambini gioiosi, però, ve ne era uno che non riusciva ad esternare la sua spontaneità come tutti gli altri, e pur di essere come i suoi compagni imitava i loro gesti, rideva quando ridevano gli altri, per esempio, ma si vedeva lontano un miglio che il suo era un sorriso imitato a cui non partecipava con gioia: era una copia finta del vero sorriso spontaneo, che doveva essere anche la sua prerogativa infantile.

Rimasi dispiaciuto nel vedere quella scena, ma poi mi dissi che se io potevo valutare qual'era la vera gioia istintiva e senza problemi, lo dovevo proprio al paragone che facevo con questo povero bambino che non riusciva a gioire insieme agli altri. Avevo davanti a me le due facce di una stessa medaglia: bembini felici, bambino infelice. I motivi? La dura casualità della vita, il non vissuto, mancanza di esperienze che non tutti riusciamo a fare nelle stesso modo e, sopratutto: a viverle allo stesso modo.

La conclusione del'assunto è questa: se tutti fossimo uguali nessuno si accorgerebbe (nel mio caso), di quanto sia bella la felicità, l'amore, la simpatia, la spontanietà. ecc. Ecco: in questo senso la differenza è un patrimonio a disposizione di tutta l'umanità, per cui non condanniamo nemmeno quelle presenze "di pietra" o di qualsiasi altra materia siano fatte, quelle persone sono differenti, ma, grazie a dio, anche loro fanno parte di quel patrimonio utile alla società e a noi personalmente.
katerpillar is offline  
Vecchio 21-11-2007, 08.33.40   #6
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Forse il bambino del bagnasciuga aveva giusto mangiato pesante, o bevuto dell'acqua salata.
Diverso o solo imbarazzato di stomaco?

e' una obiezione logica ad una teoria, quella di katerpillar, che trovo anche questa volta abbastanza stravagante
marco gallione is offline  
Vecchio 21-11-2007, 09.12.47   #7
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Ti ringrazio Katerpillar perchè mi hai fatto capire di essermi espressa in modo facilmente fraintendibile.
Io non parlavo affatto dell'introverso, dell'infelice o dell'incapace di comunicare.
Anzi: pensavo esattamente al suo contrario. Pensavo, se mai, ai tanti casi di apparente "grande comunicatore" che è in realtà solo un despota essenziale(storia e politica sono palcoscenico permanente di personaggi così, e non possiamo non esserci capiti).
Il despota essenziale non ragiona con l'altro: al massimo può sembrare che lo faccia. Non ha alcun interesse per l'altro. Non vede nell'altro nulla più che strumento oppure ostacolo al proprio interesse. Finge di ragionare escludendo a priori l'ipotesi che il "ragionamento" possa evolversi verso qualunque punto che non sia quello stesso da cui è partito per solo affermarlo. Finge di ragionare solo per aver ragione.
Il despota è quello che vede l'altro (qualunque altro) come fastidioso moscerino sul parabrezza della propria fuoriserie lanciata con sicurezza in autostrada nella sua magnifica giornata di sole (senza moscerino sarebbe meglio, no?).

Ecco: del despota (di cui esistono incarnazioni a tutti i livelli sociali) farei molto volentieri a meno.
Della sua "diversità" mi augurerei l'estinzione.

E senza nemmeno sentirmi scortese: il mio rifiuto del suo modo di essere, in fondo, è solo un cortese e timido ricambiare il sostanziale suo rifiuto, non del solo "modo di essere", ma addirittura dell'essere di tutto il suo prossimo in blocco...

donella is offline  
Vecchio 21-11-2007, 11.26.17   #8
m.85
Ospite
 
Data registrazione: 03-11-2007
Messaggi: 26
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Da quali persone siete circondati, nella vostra vita? (virtuale e non ) o desiderereste essere attorniati?

Rispondo subito alla seconda domanda: da nessuno in particolare, ma da tutti quelli che mi capita di incontrare, ognuno per quello che è! Tutti quelli che incontriamo inevitabilmente ci trasmettono qualcosa. Ogni incontro, ogni sguardo, ogni parola è un dono prezioso da accogliere e valutare. Anche chi ci offende, anche chi ci fa soffrire, anche chi si mostra indifferente può aiutarci a capire qualcosa, fosse anche solo cosa non vogliamo essere, come non volgiamo comportarci. In questo ordine di idee direi che non dobbiamo aver paura di incontrare nessuno. Tutto sta nel dare ad ogni cosa il giusto peso e trovare per tutto la posizione corretta.

Venendo all'altra domanda, personalmente sono circondato da persone di ogni tipo, chi è sincero e trasparente, chi doppio e falso, chi condivide i miei punti di vista e chi no...Ma questo non mi spaventa affatto! E quando ho bisogno di stare vicino a qualcuno, in base a quanto di volta in volta sento il bisogno di condividere con qualcuno, scelgo chi più di volta in volta sento vicino.... perchè ognuno è diverso, ed ha una sua sensibilità, anche chi ci appare solo freddo ed indifferente....

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
So benissimo che con alcune persone ho affinità e con altre meno ma questo
è sempre e solo un dettaglio almeno per come la vedo io... non è un problema... perché ho capito che alcune volte non sono simpatica neanche a me stessa, per questo dico che non posso pretendere di esser sempre simpatica agli altri... e come accetto me stessa quando mi sto antipatica allora voglio accettare anche gli altri quando hanno le loro debolezze...

Approvo!!!
m.85 is offline  
Vecchio 21-11-2007, 12.23.03   #9
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Citazione:
Originalmente inviato da donella
....Mi vado convincendo che sia "una razza a sè" (socialmente e culturalmente strutturata come quella degli "altri"). Solo che è parallela. Non fa nulla per comunicare.
E allora, forse, nel risparmiarsi il contatto si realizzarebbe il più alto (forse unico possibile) mutuo vantaggio.


Interessante discussione, complimenti a tutti.
Leggendoti Donella mi è venuto in mente una cosa: ma se fosse vero il paradosso della scuola di Palo Alto (è impossibile non comunicare), allora anche il "lapideo", in realtà, comunicherebbe qualcosa col suo atteggiamento...
nevealsole is offline  
Vecchio 21-11-2007, 12.56.29   #10
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: la diversità è la nostra forza

Io sono in un momento particolare, quindi la mia risposta è relativa a questa fase, magari più tardi, sfiorata da saggezza, la penserò diversamente.
Purtroppo tutta questa diversità, dal mio piccolo angolino di mondo, non la vedo. Vedo esseri bidimensionali che sguazzano in concetti come verità, giustizia, onestà, pace, amore, sincerità, correttezza, pulizia, amicizia, benevolenza, retto sentire, calore solare ecc. ecc. E sono tutte cose bellissime. Peccato che non gettino ombra. Non c'è un capello fuori posto, non c'è errore, non c'è rimpianto, non ci sono rimorsi, ingiustizie, infelicità o tantomeno, orrore orrore, contraddizioni! Una larghissima fetta di umanità sembra celarsi, pudicamente, agli sguardi della coscienza più spietata.
Attenzione, non parlo di ipocrisia, ma di assoluta buona fede, di qualità realmente inerenti alle persone che mi circondano.
Ecco, a volte, nei momenti di stanchezza e di sconforto, vorrei essere circondata da persone felici e infelici, forti e deboli, peccatori e virtuosi, stupidi e intelligenti, vincenti e perdenti, puliti e sporchi, che siano in grado di ammettere odio e amore, menzogna e verità, ingiustizia e giustizia, pregi e difetti. Perché, a me personalmente, dopo un pochino la virtù che non trionfa su nessun vizio mi annoia a morte.
Vorrei avere intorno a me più persone che, come Veraluce, abbiano il buon gusto, qualche volta, di farsi antipatia da sole.
kore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it