Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 17-12-2007, 13.11.02   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Quanto si apprezza l'"lintelligenza"?

E' vero che gli uomini non amano l'intelligenza delle donne, se non di quelle che comprendono quanto loro sono “intelligenti”?

E' vero che le donne non amano l'intelligenza degli uomini, se non di quelli di cui sono attratte, a cui l'attribuiscono tout court, e sovente senza fondamento?

E' vero che dire di apprezzare nell'altro soprattutto l'intelligenza, è un'affermazione frequente perchè lodevole, perchè essa stessa intelligente?

Sempre senza generalizzare! Riconoscendo le eccezioni e la difficoltà di stabilire cosa sia l'"intelligenza", e le sue svariate forme e manifestazioni.
arsenio is offline  
Vecchio 17-12-2007, 15.23.47   #2
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Quanto si apprezza l'"lintelligenza"?

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
E' vero che le donne non amano l'intelligenza degli uomini, se non di quelli di cui sono attratte, a cui l'attribuiscono tout court, e sovente senza fondamento?



Cielo, che marasma!

Essendo donna.... se ti dico che mi suoni Intelligente... praticamente (secondo la tua teoria) .... in un colpo solo.... mi spoglio e... (scusa, ma l'hai detto tu) ti dò dello sciocco....

----------------

Per Fortuna mi sembrerebbe di poter dire che non sia vero (se non in minima parte) : come tante, riconosco l'intelligenza di tanti che non mi attraggono per nulla... o che mi sono decisamente e comunque "fastidiosi".
Intelligenti... detestabilissimi!

Poi è vero che chi in chi ti attrae vedi "il meglio".... ma non solo in termini di intelligenza : la cantonata, di solito, è multidisciplinare! (lo vedi anche etico, colto, forte, bello, coraggioso, eroico, SUBLIME! ... Senza fondamento, s'intende!).

------------------

"Apprezzare nell'altro soprattutto l'intelligenza"..... (brutta notizia, concordo)mi sa che non è più vero che "fa chic".
Dovrebbe essere passato di moda.
Anzi rischia di "datare" sul piano generazionale.
Non che sia d'accordo...... ma se in una statistica lampo raccolgo "la parte" risultata più interessante in un uomo come derivante da centinaia di sondaggi tra popolane e Vip.... caro Arsenio... quella parte (seguendo il trendy) .........sarebbe addirittura.... il deretano...... (e la società nell'insieme, mi darai atto, sembrerebbe nel suo andazzo confermare che quello sia il volto e di lì sia atteso ......l'alito vitale )

-------------------

Che gli uomini non amino l'intelligenza delle donne.... ma, Arsenio, con la tua Intelligenza.... ma la poni ancora come domanda
Secondo me non amano neanche quella di chi dà loro ragione.
Per sicurezza.
Perchè chi oggi gli dà ragione... HA PENSATO!... E se domani dovesse pensare in un altro modo???????????????


donella is offline  
Vecchio 18-12-2007, 12.00.24   #3
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Quanto si apprezza l'"lintelligenza"?

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Cielo, che marasma!

Essendo donna.... se ti dico che mi suoni Intelligente... praticamente (secondo la tua teoria) .... in un colpo solo.... mi spoglio e... (scusa, ma l'hai detto tu) ti dò dello sciocco....

----------------

Per Fortuna mi sembrerebbe di poter dire che non sia vero (se non in minima parte) : come tante, riconosco l'intelligenza di tanti che non mi attraggono per nulla... o che mi sono decisamente e comunque "fastidiosi".
Intelligenti... detestabilissimi!

Poi è vero che chi in chi ti attrae vedi "il meglio".... ma non solo in termini di intelligenza : la cantonata, di solito, è multidisciplinare! (lo vedi anche etico, colto, forte, bello, coraggioso, eroico, SUBLIME! ... Senza fondamento, s'intende!).

------------------

"Apprezzare nell'altro soprattutto l'intelligenza"..... (brutta notizia, concordo)mi sa che non è più vero che "fa chic".
Dovrebbe essere passato di moda.
Anzi rischia di "datare" sul piano generazionale.
Non che sia d'accordo...... ma se in una statistica lampo raccolgo "la parte" risultata più interessante in un uomo come derivante da centinaia di sondaggi tra popolane e Vip.... caro Arsenio... quella parte (seguendo il trendy) .........sarebbe addirittura.... il deretano...... (e la società nell'insieme, mi darai atto, sembrerebbe nel suo andazzo confermare che quello sia il volto e di lì sia atteso ......l'alito vitale )

-------------------

Che gli uomini non amino l'intelligenza delle donne.... ma, Arsenio, con la tua Intelligenza.... ma la poni ancora come domanda
Secondo me non amano neanche quella di chi dà loro ragione.
Per sicurezza.
Perchè chi oggi gli dà ragione... HA PENSATO!... E se domani dovesse pensare in un altro modo???????????????



Cara donella , ho voluto ancora essere provocatorio. Infatti a questo post accedi per accettare la “sfida” solo tu. Ma le mie affermazioni hanno una base da osservazioni dirette della realtà, oltre che da varie testimonianze d' altre fonti. Pure i forum virtuali stanno diventando sempre più significativi in tal senso, quale riflesso delle tendenze di una diffusa cultura di massa. Da sondaggi e interviste l'intelligenza è sempre un valore richiesto al partner ambito, e messo ai primi posti di gradimento, specialmente da parte delle donne. Gli uomini in realtà temono la donna troppo intelligente che rivaleggia con loro, che mette a nudo le loro lacune, per cui spesso non hanno strumenti sufficienti per tener loro testa, e che vanifica la loro aspirazione di mostrarsi sempre “esperti”, anche senza alcun fondamento.
E' anche vero che si dovrebbe fare una premessa su cosa s'intende per “intelligenza”. Non certo solo il QI rilevato da reattivi psicometrici su abile prontezza numerica o percettività spaziale, ecc. Ma tralasciano doti ben più importanti, come è stato notato. Ora si avverte l'importanza di parametri quale l'intelligenza emotiva o sociale, di quella comunicativo-interpersonale, relazionale-empatica, intrapsichica per dialogare proficuamente anche con se stessi; la creativa per ideazioni divergenti, ecc. ecc. Le donne in realtà sono attratte da tali doti maschili solo se associate a una professione che conceda il prestigio del denaro e del successo. Altrimenti sono suggestionate da altri tratti ancestrali, di dominanza, istintivi, o tipici della cultura ambientale ed educazionale di genere femminile, ecc. ecc. T''immagini se Umberto Eco, Galimberti, Andreoli, Severino, ecc. se con insospettabili nick partecipassero ai forum? Avrebbero certamente meno successo di me, che giustamente, se condizionata, potresti presuppormi non -intelligente, visto che certi miei post, ma non solo in questo forum, vanno a risposta zero. Stessa cosa se partecipo a quelli altrui, vengo per solito ignorato. Viceversa hanno successo proprio i nick che non solo dimostrano una povertà d' idee sull'argomento che propongono, o da altri presentato, ma nemmeno sanno esprimerle e correttamente esporle. Perchè sono uomini d'oggi e per questo valorizzati, allineati al trend subculturale televisivo, digitale,cellulare, internettiano ecc, che sta imponendosi sempre di più. Sono adeguati a un certo orizzonte , mediocre e dal basso profilo, delle attese di certi fruitori .Come,per analogia, succede con le classifiche dei best seller. Senza generalizzare,ma in testa risultano sovente libri spazzatura di presentatori, calciatori, comici, politici, ecc. I rari saggi da lodare sono ignorati, se non per esigenze editoriali, quelli che sono stati pubblicizzati dall'editoria, dai media,dai quotidiani, dai critici benevoli e soprattutto da un nome altisonante e noto, come Umberto Eco, Corrado Augias, ecc.
Ovviamente con le debite eccezioni. Io frequento da lungo tempo i forum anche se con molta moderazione, per questioni di tempo, e certamente ho avuto anche la fortuna di alcuni incontri significativi, dove si è verificato un proficuo scambio di opinioni per entrambi, e pure di lunga durata nel tempo.

Chi privilegia le idee profonde, anche se è capace di alternarsi con una comunicazione più ludica secondo esigenze, inquieta, fa balenare verità che si preferisce ignorare; è ritenuto a volte un pessimista critico verso l'esistente, verso le apparenze, che si astiene dal celebrare. Complesso, fuori dagli schemi, troppo “originale”. Fa pensare, esercizio che la fretta dei tempi di una società liquida ed effimera, usa e getta, non concede più. E''l'età dei Sms, dell'immediatezza delle chat banali che richiedono una digitazione frettolosa e compulsiva, assidua, ammazzatempo, finalizzata all' evasione e non alla formazione, ecc.

Il discorso sarebbe molto più lungo e interdisciplinare, ma per oggi mi sembra che basti.


arsenio is offline  
Vecchio 18-12-2007, 18.10.21   #4
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Quanto si apprezza l'"lintelligenza"?

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Poi è vero che chi in chi ti attrae vedi "il meglio".... ma non solo in termini di intelligenza : la cantonata, di solito, è multidisciplinare! (lo vedi anche etico, colto, forte, bello, coraggioso, eroico, SUBLIME! ... Senza fondamento, s'intende!).


Quoto in pieno quanto asserito da Donella: la donna innamorata vede intelligente anche la capra.

Ritengo, in ogni modo, che l'intelligenza reale, presente e percepibile quando ci si conosce sia molto seduttiva.

Io amo essere stupita, è cosa che mi capita raramente... e solo per mezzo di uomini molto intelligenti. Cosa che decisamente mi fa battere il cuore.

Poi ci sono tanti tipi di intelligenza, quella razionale/scientifica l'apprezzo perché è un qualcosa di non compiuto in me che mi affascina, quella emotiva/empatica/dialogica mi stende perché mi sento compresa... senza dover faticare.

Gli uomini che fuggono le donne intelligenti... sono quelli stupidi.
Ovvero, c'è una insicurezza di fondo in loro, come di intelligenza fondata su basi troppo fragili, che porta a temere la contraddizione o il non conformarsi delle idee.

Grazie degli auguri di Buone Feste, che ricambio.

la tua Musa

nevealsole is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it