Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 14-03-2008, 12.29.33   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Amore e cibo

Amore e cibo

Quale rapporto? Indissolubile accostamento alla scoperta di progressive perfezioni?
Come scopre Isabelle Allende in “Afrodita”,splendido manuale illustrato sulle interazioni tra erotismo e cibo. Lo consiglio alle lettrici che non l'hanno letto, per poi poterne parlare sui vari aspetti.
Anche il desiderio erotico richiede un reale bisogno di soddisfazione e una sensualità a propria misura, senza obblighi di alcun tipo. Amare, parlare, comunicare, assaporare, ecc. : il segreto è crederci veramente, senza imporsi qualcosa di forzato, in una fusione di reciproche percezioni sensoriali, emotive, intellettuali, ecc.



Chocholat

In quel locale appena inaugurato in fondo al viale
ma già alla pàge ed affollato oggi t'invito.
Esposti ed allineati in vetrinette scintillanti
stanno cremini deliziosi e profumati.
Dessert fragranti e soavi, impastati con cacao speziato.
Agili camerierine con aggraziati gesti
mescono specialità sfiziose e alquanto originali,
a base di cioccolato e alcolici miscugli, o se vuoi scegli
misteriosi intrugli esotici dagl' intensi aromi.

Ho qui scoperto come tu, mia estrosa ed amorosa amica,
assomigli a tali sublimi bevande da centellinare pian piano:
nettare che ti ridesta i sensi se si sono assopiti,
per attimi alternati, in dionisiaca festa,
d'esaltato furore ed euforie rasserenate.
Perchè sei tu il mio ossimoro perturbante: a rara dolcezza
unisci un retrosapore amaro;
di te mi sono innamorato e sei la prediletta.

Sei per me la donna tanto cercata e infine giusta,
e ti voglio assaporare lentamente,quasi per rito,come si gusta
una tavoletta di fondente squisito e delicato
che ti si liquefa in bocca tra lingua e palato.
Ma tu, mio dolceamaro amore, non essere mai avara
dei tuoi inebrianti baci al liquore;
del tuo cuore puro prezioso distillato.

arsenio
arsenio is offline  
Vecchio 14-03-2008, 14.36.19   #2
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Amore e cibo

.....se si puo' intendere l'AMORE come soddisfazione dei sensi, simile ad "una tavoletta di fondente squisito e delicato"?, ....o e' invece qualcosa di indefinibile sul cui significato si cerca di approfondire anche in questo forum stesso?
L'unica cosa che accomuna cibo e amore [fisico]e' la soddisfazione di bisogni vitali.
hava is offline  
Vecchio 15-03-2008, 14.19.01   #3
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da hava
.....se si puo' intendere l'AMORE come soddisfazione dei sensi, simile ad "una tavoletta di fondente squisito e delicato"?, ....o e' invece qualcosa di indefinibile sul cui significato si cerca di approfondire anche in questo forum stesso?
L'unica cosa che accomuna cibo e amore [fisico]e' la soddisfazione di bisogni vitali.

Gentile hava, ancora una volta ti sono debitore, perchè non ti è sfuggito questo mio 3d. In ogni caso non è mia intenzione ridurre un sentimento a una tavoletta di cioccolato fondente, sia pure sia parimenti all'amore antidepressivo,toccasana per l'umore ed abbia pure altre proprietà. Se leggi tutte le rime il senso è ben altro. Avevo già detto che nell'amore il biologico, l'ormonale, l'affettivo, il sensuale, l'istintuale, lo psichico, l'erotico,il sentimentale,ecc. si fondono l'un l'altro, e che sarebbe riduttivo considerarne un solo elemento come certi “scientisti” oggi pretendono. Converrai con me che la vasta gamma di percezioni sensoriali è fondamentale in un'unione amorosa, al pari di una comunicazione di qualità elevata, che si può manifestare pure nell'eloquenza di certi silenzi. Quindi supporrei che voi donne apprezziate la creatività di un maschio nell'inventare
certe atmosfere sensuali con una certa disinvoltura, anche per quanto riguarda cibi e bevande, profumi, ambienti, spettacoli,evasioni ambientali, ecc. Come giustamente disse un' opinionista di “lettere dei lettori”, a un ragazzo che lamentava le eccessive esigenze delle donne d'oggi: “Benedetto ragazzo, se vuoi creare un'atmosfera seduttiva, il sentimento da solo non basta: non puoi pretendere di invitarla ,come primo appuntamento in una pizzeria da raggiungere con l'autobus. Non vorresti anche tu un corteggiatore che sappia creare certe situazioni propizie proprio con lo scopo di meglio suscitare sentimenti, emozioni, romanticismo? L'indefinibilità amorosa ne costituisce il suo maggior fascino; dove il mistero dell'amore sono pure questi coinvolgimenti di reciproci desideri a volte solo intuiti, nel saper creare situazioni fuori norma anche nel corso degli anni che si appiattiscono in un' abitudinarietà di coppia, neppure più ravvivata da una visita estemporanea in un locale suggestivo come un “Chocholat” ... ...
Ma l'ambiguità amorosa, non ha bisogno di svariati ingredienti,non èsaper vedere il mondo entrambi con un po' di poesia, ecc, come abbiamo detto? anceh una poesia di sensazioni e di atmosfera? o no?

Ps. ti piace il cioccolato?

arsenio is offline  
Vecchio 15-03-2008, 22.51.25   #4
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio

Chocholat

In quel locale appena inaugurato in fondo al viale
ma già alla pàge ed affollato oggi t'invito.
Esposti ed allineati in vetrinette scintillanti
stanno cremini deliziosi e profumati.
Dessert fragranti e soavi, impastati con cacao speziato.
Agili camerierine con aggraziati gesti
mescono specialità sfiziose e alquanto originali,
a base di cioccolato e alcolici miscugli, o se vuoi scegli
misteriosi intrugli esotici dagl' intensi aromi.

Ho qui scoperto come tu, mia estrosa ed amorosa amica,
assomigli a tali sublimi bevande da centellinare pian piano:
nettare che ti ridesta i sensi se si sono assopiti,
per attimi alternati, in dionisiaca festa,
d'esaltato furore ed euforie rasserenate.
Perchè sei tu il mio ossimoro perturbante: a rara dolcezza
unisci un retrosapore amaro;
di te mi sono innamorato e sei la prediletta.

Sei per me la donna tanto cercata e infine giusta,
e ti voglio assaporare lentamente,quasi per rito,come si gusta
una tavoletta di fondente squisito e delicato
che ti si liquefa in bocca tra lingua e palato.
Ma tu, mio dolceamaro amore, non essere mai avara
dei tuoi inebrianti baci al liquore;
del tuo cuore puro prezioso distillato.

arsenio

Ciao...
grande vena poetica in questi ultimi giorni.
Questa è bellissima, ed è bellissimo come arriva dritta al mio cuore: come se lo conoscesse.
Arsenio, non ha senso la tua irrequietezza. Non ce l'ha.
Eppure percepisco nei tuoi scritti un'amarezza che un po' mi rattrista.
Quando si legge un buon libro, non sempre si vuole rispondere qualcosa all'autore.
Il nostro piacere arriva dal leggere, semplicemente.
Alle volte lo penso anche di te, mi è difficile intervenire dicendo cose sensate e meditate, e mi limito al piacere di leggere.
Ma è un piacere.
Mi hai fatto venire una grande voglia di cioccolata...

Complimenti per le rime, e per il tema... così romantico che non merita un mio intervento (il cibo e l'amore mi fanno venire in mente quanto il cibo possa essere frutto di un disagio da insoddisfazione amorosa), ma solo la mia contemplazione.

Come tu riesca a tradurre in poesia atmosfere così congeniali alla mia mente, rimane per me un mistero insondabile.
Avrei voluto fosse come te...

nevealsole is offline  
Vecchio 17-03-2008, 10.47.58   #5
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Ciao...
Come tu riesca a tradurre in poesia atmosfere così congeniali alla mia mente, rimane per me un mistero insondabile.
Avrei voluto fosse come te...


Carissima,benvenuta in uno dei mie nuovi 3d poetici
mi conforta pure riconoscere che sei tra le poche che può comprendere il senso di alcune mie rime. Si tratta ancora di una presenza femminile che evoco nell'immaginario: mi segue incerte predilette situazioni ambientali. “Chocholat” esiste davvero, è stato aperto da poco a Trieste nelle adiacenze di piazza Unità. Soltanto che è un localino modesto, anche se fascinoso e veramente fornito di irresistibili leccornie. L'ho trasfigurato: le bevande inebrianti al cioccolato con aromi e miscugli alcolici non esistono e dovremmo inventarle e si consuma solo al banco.

Non ho mai considerato alcun rapporto con una donna in modo riduttivo. Credo al potere delle parole, nella loro immediatezza a volte maggiore della percezione ambigua di un'immagine. Come mezzo espressivo, non di vuoto effetto retorico. Sempre per un dialogico confronto tra un mondo comunque al maschile ed uno al femminile, con reciproci punti di contatto. Dev'essere divergente e mai arbitrario, sincrono ma non improvvisato e senza riflessione. Distinguendo una vitale affabulazione e le sempre necessarie scambievoli confidenze mai ripetitive o soltanto autocelebranti, che vorrebbero celare zone d'ombra che pur sempre poi trapelano. Amicizia e amore richiedono di stare bene assieme, senza annoiare e senza annoiarsi. Base da cui può sorgere pure l'aspetto erotico-affettivo che non è un'esigenza che si può decontestualizzare dalla vita quotidiana fatta soprattutto di atmosfere situazionali.
Mi piacciono quegli amori, o amicizie amorose, dove ogni giorno sia una “festa “di un ... non -anniversario, come in Alice nel Paese delle meraviglie: essere l'uno per l'altro una “festa da sempre inventare
E' vero che ultimamente “arsenio” s'è rattristato, ma non vorrei che ciò interferisca nella mia vita sociale fuori rete.
Se per esempio qualcuno mi dice più o meno che per me l'amore è solo consumo, come addentare un pezzo di cioccolato, per una terribilmente travisata mia metafora che tu hai capito immediatamente, significa che quella persona non ha capito nulla di nulla di me e non riconosce nemmeno uno spontaneo galateo amoroso senza il quale non esiste seduzione. Purtroppo incomprensioni e fraintendimenti dovuti a propri condizionamenti spesso familiari succedono anche off line. Per questo avevo detto una volta, prima di mettervi con uno/a partner, vedete un po' cosa può aver appreso nella sua famiglia d'origine durante gli anni evolutivi della formazione. E certamente tali persone proiettano su di me una personale concezione , forse appresa, per suggestioni sotto soglia. Certe frequentazioni con individui di limitate ideazioni potrebbero far assimilare idee molto riduttive; secondo un'ottica ben definibile e senza visioni alternative. So che certe donne nella loro vita, ed in ogni contesto scelgono inconsciamente uomini anaffettivi e freddi loro malgrado, come se avessero bisogno di un conferma del fatto di non meritare l'amore, le attenzioni e la stima di qualcuno capace di non trattarle male e di valorizzare la loro sensibilità di genere. Quasi una complicità tra donne con bassi livelli di autostima e uomini che le maltrattano, anche suggestionandole con lavaggi del cervello, inculcando loro come “deve essere un uomo” e come “deve essere una donna”. Certe cattiverie nei loro confronti sono per loro funzionali al bisogno di farsi del male, e potrei citarti molti casi di cui sono venuto a conoscenza non solo in rete.
Ma appunto non intendevo solo questo: è la loro mentalità che ne risente e quella preziosissima intuizione femminile che sa vedere certi vissuti e problematiche affettive, sociali, educazionali, psicosociali, con visioni e sfaccettature ben più ampie di quelle che possono uscire da dibattiti pur in centinaia di rimandi spesso in sequenze sincrone. Certe discussioni non possono esaurirsi in gossip, in esternazioni, in ottiche arroganti ed egocentriche. Con alcune ragazze senza dubbio intelligenti, ma con tale capacità come deviata, ho cercato invano di instaurare un dialogo attraverso lunghi discorsi non tanto con imposti propositi chiarificatori, quanto di mettere sul tappetto più punti di vista anche discordanti, perchè la realtà non è mai univoca. Ma loro certo privilegiano le visoni unilaterali, e che provengono da chi, con grave equivoco, fanno coincidere una “dominanza” artificiosa con un'esperienza di mondo. Spesso si tratta proprio delle persone più fragili e prive di risorse che sanno manipolare menti suggestionabili. Oppure incantano con quella “creatività” che non impegna troppo, perchè non impone idee di base incontrovertibili.
Poi mi si dice con un'allusione che veramente mi ha sorpreso che “qui noi tentiamo di definire quell'indefinibilità dell'amore,che tu riduci al morso di una tavoletta di cioccolato”. Ne terrò certo conto, per poter imparare anch'io qualcosa sull'amore ....
Sai ,qualcuno con me sempre sbaglia indirizzo. Sono sì un sognatore ma anche mi propongo di avere i piedi solidamente per terra con un ragionamento che non accetta compromessi con nessuna esortazione del tipo “Non puoi non socializzare con il pensiero del gruppo”. Se altri rinunciano ad una virile assertività o a quella libertà che fa sempre pensare con la propria testa e secondo personali esigenze,interessi, educazione ricevuta, ecc., sono padronissimi di farlo.

Ora ti lancio queste rime composte ieri, sempre semiserie, ma che rispecchiano il mio umore del momento

Tempo di poesia

Invocherò la Musa affinché il mio verso
sia melodia che ti rincuora.
E' d'amara ironia la sorte di chi già scorge
la meta del viaggio che gli si accosta
e appena allora, quand' è tardi e l'ombra della notte incombe,
s'accorge che l'amore non è il miraggio inafferrato
che per una vita si rincorre
ma l'incontro di amanti concordi che entrambi vedono nel profondo
attraverso rimandi d'una parola viva ed infinita che a doppio filo unisce
in tacito incrociare di sguardi che li isola dal resto del mondo.

Non so quale destino serbi ai poeti il fato se liriche declamano
in un tempo ormai spoetizzato, quando al loro Elisio di ritmate rime
e di volteggi in lievità di danza,si contrappone un deserto inaridito
ed ostile ai loro verseggi inascoltati.
Forse quello del mitico Orfeo sceso nell'Ade
che perse il suo amore e venne dilaniato?

Oggi le glorie e gli entusiasmi vanno alle fatue parole
d'evocati ectoplasmi ovunque volitanti in vani circoli verbali.
La poesia che salva e che nessun più ode è un lucore d' astri
a distanza siderale e dalla fulgida intermittenza;
unico segnale di rivalsa che riscatta nei tempi cupi dell'insignificanza.

Arsenio

arsenio is offline  
Vecchio 18-03-2008, 08.18.12   #6
paolo pil
Ospite
 
Data registrazione: 13-03-2008
Messaggi: 14
Riferimento: Amore e cibo

Proverei a vedere la cosa da un’altra angolazione, se mi è permesso.

Ero a cena da amici, giusto l’altra sera.
Ironizzavamo divertiti circa il fatto che, specie all’inizio di una relazione, è tutto un cimentarsi alla ricerca del locale più adatto, del ristorante che sappia meglio assecondare la magia del momento, della cena intima dove si possa condividere la sfumatura tra tante prelibate leccornie.

Di questi tempi siamo circondati da gourmet sognanti, esperti di chimica applicata all’enotecnica. Fanno oscillare sapientemente il bicchierone, rimirano l’unghia sul cristallo che toglie ogni dubbio quanto al grado di alcolicità.
Improvvisatori.
Talvolta virano – più o meno consapevolmente, con o senza il corso di degustazione serale – verso la apologia dell’alimentazione quale chiave per accedere al paradiso dell’amore.
E’ molto comico.

La tavoletta di cioccolato con la percentuale di cacao tendente a infinito segue la stessa logica. E’ solo meno impegnativa di un clos du mesnil, finanziariamente voglio dire.
Il film buonista con tanto di attrice francese prova solo a sdoganare l’improbabilità della nutella; non è difficile smascherarlo.
Cinematografia per i palati semplici.
Boldi è altra cosa: Boldi è Francis Bacon. La Binoche-pasticcera è l’acquarello che provano a venderti a Varazze, con su’ il porto di portofino pitturato che sembra di stare a educazione artistica tra i bambini di V elementare.

Torniamo all’estasi della nostra coppia preferita.
Lei estasiata di fronte a tanto sapere dispensato con fare complice e poi condiviso.
Lui estasiato, proteso già ad assaporare quel che accadrà dopo poco, nell’intima alcova. Ammesso che interessi ancora, l’intima alcova. Ammesso che ce la faccia ancora.
E’ una situazione che, in men che non si dica, può diventare molto comica.

Vivere un amore intenso che – senza barare con te stesso – ti convinca che la vita vale davvero la pena di essere vissuta è cosa da pochi.
Paradossalmente esiste una oggettività del grande amore. Attiene alla qualità umana di lui, alla qualità umana di lei, e alle fortuite circostanze che – quella volta lì – hai avuto la sfacciata fortuna di vedere incrociate proprio a tuo favore.
Si tratta di prerequisiti forti, che oggettivamente esistono o no.
Può capitare di andare in bianco per una vita, se sono carenti. I prerequisiti. Specie se non si ha fortuna.

Col cioccolato non vai molto lontano.
Se uno poi ci vuole credere, contento lui.

La mia è solo un’altra angolazione dicevo.
Non so se verrà capita. Tante volte le cose migliori risultano sgradite ai più.
paolo pil is offline  
Vecchio 19-03-2008, 14.46.31   #7
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
le bevande inebrianti al cioccolato con aromi e miscugli alcolici non esistono e dovremmo inventarle e si consuma solo al banco.

Banana Mama: cioccolato, banana, rum, latte, zucchero. Si beve freddo, è un frappé.
Deliziosa la cioccolata calda al gelsomino, anche quella alla rosa, anche quella alle spezie.
Ci sono luoghi molto suggestivi, e aromi altrettanto suggestivi.
Anche dalle mie parti c'è una deliziosa cioccolateria, dove assaggiare cose sfiziose in romantica compagnia.
E' bello stupire di avere gli stessi gusti, e dopo un'ora di osservazione del menù... scegliere la stessa cosa (mi sono sempre chiesta: "uhm, sarà veramente ciò che preferisce oppure lo fa per indicarmi simiglianza di gusti? Oppure è poca fantasia? Oppure è semplicemente una tecnica per ovviare alla richiesta di assaggio? Oppure? Oppure cavoli con tutte 'ste domande mi sto già rovinando l'atmosfera da sola..."
Ci sono luoghi decisamente d'atmosfera, non necessariamente alla moda.

Ciao Ars,



scorzette d'arancia bagnate in cioccolato fondente, fonduta di fragole in cioccolato, bocconcini di pera aromatizzata al liquore, con spolverata di cioccolato fondente.
Ciliege candite al cioccolato.. e mi fermo qui.
Una volta mi hanno dato una ricetta per una cioccolata calda alle spezie, deliziosa. Ricordo la ricetta ma non chi me l'ha suggerita: quando un piacere prende il totale sopravvento sull'altro...


nevealsole is offline  
Vecchio 19-03-2008, 14.51.40   #8
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da paolo pil
Vivere un amore intenso che – senza barare con te stesso – ti convinca che la vita vale davvero la pena di essere vissuta è cosa da pochi.
Paradossalmente esiste una oggettività del grande amore. Attiene alla qualità umana di lui, alla qualità umana di lei, e alle fortuite circostanze che – quella volta lì – hai avuto la sfacciata fortuna di vedere incrociate proprio a tuo favore.
Si tratta di prerequisiti forti, che oggettivamente esistono o no.
Può capitare di andare in bianco per una vita, se sono carenti. I prerequisiti. Specie se non si ha fortuna.
Questo che scrivi è molto vero... Paolo.

Però...

Citazione:
Originalmente inviato da paolo pil
Col cioccolato non vai molto lontano.
Se uno poi ci vuole credere, contento lui.


Questo che scrivi è meno vero... Paolo.
Quando c'è grande amore, il cioccolato sulla coppia è meglio della ciliegina sulla torta... fidati

E, un consiglio, la sfortuna può darsi esista ma: la fortuna aiuta gli audaci.



nevealsole is offline  
Vecchio 19-03-2008, 15.50.13   #9
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Amore e cibo

Riflettendo (eh, sì, ...come posso... ) tra le ormai acclarate e reciproche influenze tra amore-cioccolato-audacia..... m'è tornata in mente Mina.

Ve lo ricordate quel suo brano in cui l'euforia nell'audacia amorosa ...prende traumatico contatto con la realtà... sì, insomma... quello che concludeva così:

"Ma che cosa sarà mai questa robina qua?
Ma perché, come mai, ma perché in gelateria non ci entro mai, eh?
Mmm che cioccolato, dammi il cucchiaino, fai assaggiare un pochettino.
Ma che bontà, ma che bontà, ma che cos'è questa robina qua?
Ma che bontà, ma che bontà, ma che gustino questa roba qua!
Ma che bontà, ma che bontà, ma che cos'è questa robina qua?
Ma che bontà, ma che bontà, ma che gustino questa roba qua!
Cioccolato svizzero? No?
Cacao della Bolivia? No?
Ma che cosa sarà mai questa robina qua?
Cacca?!"


Mina, 1974

donella is offline  
Vecchio 19-03-2008, 18.19.48   #10
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Amore e cibo

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Riflettendo (eh, sì, ...come posso... ) tra le ormai acclarate e reciproche influenze tra amore-cioccolato-audacia..... m'è tornata in mente Mina.

Ve lo ricordate quel suo brano in cui l'euforia nell'audacia amorosa ...prende traumatico contatto con la realtà... sì, insomma... quello che concludeva così:

"Ma che cosa sarà mai questa robina qua?
Ma perché, come mai, ma perché in gelateria non ci entro mai, eh?
Mmm che cioccolato, dammi il cucchiaino, fai assaggiare un pochettino.
Ma che bontà, ma che bontà, ma che cos'è questa robina qua?
Ma che bontà, ma che bontà, ma che gustino questa roba qua!
Ma che bontà, ma che bontà, ma che cos'è questa robina qua?
Ma che bontà, ma che bontà, ma che gustino questa roba qua!
Cioccolato svizzero? No?
Cacao della Bolivia? No?
Ma che cosa sarà mai questa robina qua?
Cacca?!"


Mina, 1974


In un colpo tramontate tutte le mie fantasie al cioccolato.

Leggasi: CHE SCHIFO!!!!

Donella, hai per sempre compromesso la mia associazione cibo/amore: sappilo e pentiti!
Questa Mina proprio non me la ricordavo.
Comunque, nella vita, spesso è questione di fiuto (non a caso...)

nevealsole is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it