Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 31-10-2004, 21.15.49   #11
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
se le paure derivano da previsioni frutto di apprendimento, come fare a far svanire la paura? cambiando le previsioni? e come? richiamando alla mente altre possibilità meno negative, anzi, positive?

Se ogni volta che attraverso la strada dovessi stare a pensare che potrei essere investita, o colpita da un fulmine, mi preoccuperei un po'..... per la mia sanità mentale.
Credo che a questo tipo di paure non bisogna lasciare troppo spazio, altrimenti non si vive più, e si sprecano energie inutilmente.
Più che richiamare alla mente possibilità positive, direi che conviene proprio non stare a perdere tempo ad esaminare tutte le possibilità, conviene non pensarci proprio, piuttosto cercare di vivere con più "leggerezza", concentrando le proprie energie verso pensieri più interessanti.

dana is offline  
Vecchio 31-10-2004, 21.55.05   #12
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da dana
Se ogni volta che attraverso la strada dovessi stare a pensare che potrei essere investita, o colpita da un fulmine, mi preoccuperei un po'..... per la mia sanità mentale.
Credo che a questo tipo di paure non bisogna lasciare troppo spazio, altrimenti non si vive più, e si sprecano energie inutilmente.
Più che richiamare alla mente possibilità positive, direi che conviene proprio non stare a perdere tempo ad esaminare tutte le possibilità, conviene non pensarci proprio, piuttosto cercare di vivere con più "leggerezza", concentrando le proprie energie verso pensieri più interessanti.


come dire ad un demente che è uno spreco d'energie, una sciocca perdita di tempo, star lì a delirare.. comunque, bisogna capire che era solo un esempio... per dire che TUTTO può spaventare... e quindi tutto si può desiderare di evitare...

ma se è così semplice, che basta non pensare alle paure per farle sparire... dovremmo tutti rallegrarcene!
una vita in "leggerezza"!
r.rubin is offline  
Vecchio 31-10-2004, 22.09.04   #13
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Per Rubin

Mi sono espressa in modo un po' rude, chiedo scusa.
So che TUTTO può spaventare, ma dobbiamo cercare di non farci spaventare da TUTTO.
Soprattutto se le paure ci condizionano troppo, dovremmo cercare, secondo me, di scrollarcele di dosso, almeno in parte (non è facile, però si può tentare).
Troppe paure non mettono al riparo dagli imprevisti, credo, e la vita va vissuta, non evitata.
E' solo un'opinione personale, a volte faccio molta fatica anch'io a non pensare a certe paure e a cercare di pensare in modo positivo.


dana is offline  
Vecchio 31-10-2004, 22.18.17   #14
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
t'accordo il perdono.. un pò, diciamo rude sì, irrealistica forse, almeno dal mio punto di vista, e sappiamo che abbiamo tutti diversi punti di vista.
certo, troppe paure non mettono al riparo dagli...imprevisti.

forse però, adesso ho capito un pò meglio quello che volevi dire, e allora mi scuso anch'io... perchè parli di "pensiero positivo", che a me evoca il pensiero di chi cerca appunto di non dar credito alle paure, ma pensa sempre con ottimismo, sempre e comunque.

ma qual'è il trucco, come si fa a pensare in modo positivo?

r.rubin is offline  
Vecchio 31-10-2004, 22.39.45   #15
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
ma qual'è il trucco, come si fa a pensare in modo positivo?

Domanda da un milione di dollari, io non ho la risposta.

Una volta l'insegnante di matematica disse a un mio compagno che aveva preso 4 e si disperava: che cos'è un 4 di fronte all'eternità?

Ecco, forse si può provare a ridimensionare certe situazioni, a volte sono solo piccole paure o piccoli problemi risolvibili, oppure si può usare la razionalità: negli esempi da te proposti, anche la razionalità può aiutare a capire che è inutile preoccuparsi troppo per un avvenimento che probabilmente non accadrà.

Essere ottimisti sempre, direi che è impossibile .... non saremmo reali. Il pensare positivo è uno sforzo che male non fa, credo, ma non riesce sempre (se no sarebbe troppo facile ).
dana is offline  
Vecchio 01-11-2004, 01.50.00   #16
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da dana
Domanda da un milione di dollari, io non ho la risposta.

Una volta l'insegnante di matematica disse a un mio compagno che aveva preso 4 e si disperava: che cos'è un 4 di fronte all'eternità?

Ecco, forse si può provare a ridimensionare certe situazioni, a volte sono solo piccole paure o piccoli problemi risolvibili, oppure si può usare la razionalità: negli esempi da te proposti, anche la razionalità può aiutare a capire che è inutile preoccuparsi troppo per un avvenimento che probabilmente non accadrà.

Essere ottimisti sempre, direi che è impossibile .... non saremmo reali. Il pensare positivo è uno sforzo che male non fa, credo, ma non riesce sempre (se no sarebbe troppo facile ).

l'insegnante la dice giusta... però 4 è moltissimo rispetto a 5 niente rispetto all'eternità scherzo, secondo me ha ragione.

ridimensionare, certo, razionalità anche (ma l'uomo è capace d'irrazionalità?). cmq, una cosa sono i problemi, un'altra le paure.
puoi essere capace di risolvere un'equazione, ma avere una paura tremenda di non riuscirci.. ecco, c'è la razionalità delle emozioni, che rende complessa la cosa. molto complessa.

vedi, ad esempio chi soffre di disturbi d'ansia, magari sa benissimo che non c'è niente da temere, ma questo non gli basta a far passare la paura... mah, se qualche psicologo intervenisse..
r.rubin is offline  
Vecchio 01-11-2004, 11.34.45   #17
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da dana
Se ogni volta che attraverso la strada dovessi stare a pensare che potrei essere investita, o colpita da un fulmine, mi preoccuperei un po'..... per la mia sanità mentale.
Credo che a questo tipo di paure non bisogna lasciare troppo spazio, altrimenti non si vive più, e si sprecano energie inutilmente.
Più che richiamare alla mente possibilità positive, direi che conviene proprio non stare a perdere tempo ad esaminare tutte le possibilità, conviene non pensarci proprio, piuttosto cercare di vivere con più "leggerezza", concentrando le proprie energie verso pensieri più interessanti.





bomber is offline  
Vecchio 01-11-2004, 11.38.55   #18
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da dana
Domanda da un milione di dollari, io non ho la risposta.

Una volta l'insegnante di matematica disse a un mio compagno che aveva preso 4 e si disperava: che cos'è un 4 di fronte all'eternità?

Ecco, forse si può provare a ridimensionare certe situazioni, a volte sono solo piccole paure o piccoli problemi risolvibili, oppure si può usare la razionalità: negli esempi da te proposti, anche la razionalità può aiutare a capire che è inutile preoccuparsi troppo per un avvenimento che probabilmente non accadrà.

Essere ottimisti sempre, direi che è impossibile .... non saremmo reali. Il pensare positivo è uno sforzo che male non fa, credo, ma non riesce sempre (se no sarebbe troppo facile ).



certo questo e un modo per pensare positivo ....
va beh forse il discorso dell'eternita forse è un po esagerato ..pero diciao che in certe situazioni si puo sempre pensarte che potrebbe andare peggio...
classica quella di pensare che se prendiamo 4 forse sarebbe peggio essere a scuola in iraq pensando non al voto ma andarci vivo anche il gionro dopo ...
d'altronde il pensiero positivo e anche il modo per vivere felici ...
se riesci a pensare sempre che le cose non vanno poi cosi male si riesce spesso a sopravvivere meglio a quello che sono i classici disagi di tutti i giorni ...
bomber is offline  
Vecchio 01-11-2004, 11.53.33   #19
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
l'insegnante la dice giusta... però 4 è moltissimo rispetto a 5 niente rispetto all'eternità scherzo, secondo me ha ragione.

ridimensionare, certo, razionalità anche (ma l'uomo è capace d'irrazionalità?). cmq, una cosa sono i problemi, un'altra le paure.
puoi essere capace di risolvere un'equazione, ma avere una paura tremenda di non riuscirci.. ecco, c'è la razionalità delle emozioni, che rende complessa la cosa. molto complessa.

vedi, ad esempio chi soffre di disturbi d'ansia, magari sa benissimo che non c'è niente da temere, ma questo non gli basta a far passare la paura... mah, se qualche psicologo intervenisse..



certo ovviamente i disturbi d'ansia e le paure immotivate sono cose ben diverse da una persona che si immerge nella sua classica rutine per non vivere...
si in un certo le due persone sono magari sullo stesso piano o meglio uno non riesce a superare le paure mentre un altro magaqri (nei casi piu gravi )
supera le sue paura con una stabilita di vita ...
ovviamente le persone che hanno paura si chiamano fobici ..ed hanno paura per vari motivi di alcune cose ben specifiche (anche se esiste chi ha paura di tutto )
di norma si tende a curare queste persone che una desensibilizzazione graduale allo stimolo negativo ..cercando pian piano di metterlo di fronte alla fone del suo terrore facendo in modo che pero questo evento non sia traumatico ma molto graduale ...arrivando a capire che non e poi cosi negativo ,...
i disturbi d'ansia sono leggermente diversi da quello che sono le fobie o meglio i fobici sono persone che sono attivate da un certo stimolo hanno paura non ce piu lo stimolo non hanno piu paura mentre chi ha disturbi da stress la cosa è duiversa la paura puo nasciere sia da eventi stressanti come troppo lavoro ,crisi famigliari , lutti e via dicendo per cui si arriva ada vare certi sintomi abbastanza complessi derivanti derivanti pero da precedenti stimoli ...
potrebbe anche essere una persona che per le sue paure generalizzate e immotivate porta i sintomi di un disturbo d'ansia in effetti questo tipo di persone date esperienze precedenti tendono a prendere piccoli segni che non hanno relazione con avvenimenti spiacevoli come premonizoni di questi da cui lo stress...ovviamente non ce nulla da aver paura ma loro non riescono a distinguere questo da cui cercare di ....cavoli mi sono prolungato troppo ....
bomber is offline  
Vecchio 01-11-2004, 11.56.47   #20
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Citazione:
Messaggio originale inviato da bomber
certo ovviamente i disturbi d'ansia e le paure immotivate sono cose ben diverse da una persona che si immerge nella sua classica rutine per non vivere...
si in un certo le due persone sono magari sullo stesso piano o meglio uno non riesce a superare le paure mentre un altro magaqri (nei casi piu gravi )
supera le sue paura con una stabilita di vita ...
ovviamente le persone che hanno paura si chiamano fobici ..ed hanno paura per vari motivi di alcune cose ben specifiche (anche se esiste chi ha paura di tutto )
di norma si tende a curare queste persone che una desensibilizzazione graduale allo stimolo negativo ..cercando pian piano di metterlo di fronte alla fone del suo terrore facendo in modo che pero questo evento non sia traumatico ma molto graduale ...arrivando a capire che non e poi cosi negativo ,...
i disturbi d'ansia sono leggermente diversi da quello che sono le fobie o meglio i fobici sono persone che sono attivate da un certo stimolo hanno paura non ce piu lo stimolo non hanno piu paura mentre chi ha disturbi da stress la cosa è duiversa la paura puo nasciere sia da eventi stressanti come troppo lavoro ,crisi famigliari , lutti e via dicendo per cui si arriva ada vare certi sintomi abbastanza complessi derivanti derivanti pero da precedenti stimoli ...
potrebbe anche essere una persona che per le sue paure generalizzate e immotivate porta i sintomi di un disturbo d'ansia in effetti questo tipo di persone date esperienze precedenti tendono a prendere piccoli segni che non hanno relazione con avvenimenti spiacevoli come premonizoni di questi da cui lo stress...ovviamente non ce nulla da aver paura ma loro non riescono a distinguere questo da cui cercare di ....cavoli mi sono prolungato troppo ....



ok non sono riuscito a colpiere nel segno perche mi sono distratto da quello che scrivevo cmq fondamentalmente l'irrazionalita delle paure spinge le persone ad avere paura di tutto, per curare questi tipo di patologia di norma si cerca di esporre il problema alla radice e cercare di far capire alla persona che non deve temere nulla da stimoli che lui ritiene pericolosi ...
bomber is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it