Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 11-06-2005, 02.07.50   #11
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Ciao Visechi, mi sei mancato.

Però biofilia e necrofilia non corrispondono a vita e morte.
La vita non può esistere senza la morte e viceversa.
Ma i concetti di fromm non negano questo.
Si tratta di un modo per descrivere due diversi atteggiamenti verso la vita, morte compresa. E' ben diverso considerare la morte parte della vita e amare la vita che comprende la morte (biofilia) o amare la morte escludendo la vita (necrofilia).
Fragola is offline  
Vecchio 05-07-2005, 18.11.00   #12
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Citazione:
Messaggio originale inviato da visechi
Ciao, sono ancora vivo e vegeto, sempre più vivo che vegeto… ditemi che vi sono mancato, che non sapevate come fare senza la mia periodica rottura di scatole… suvvia, siate accoglienti come un vaso…
Ah!... accidenti... Certe volte si ha amore per la morte? Beh... forse si, talvolta...

Ecco a noi Sir Visechi! Ma certo che qualcosa di tuo ci è mancato, Sir, ...molto ci è mancato, per ora. ...nulla è eterno.

Siamo accoglienti come spuntoni di attaccapanni, anche se siamo meno femminili dei vasi ...ti va bene lo stesso?
Mistico is offline  
Vecchio 05-07-2005, 21.43.28   #13
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Inizio a crede che amore e morte siano sorelle, figlie della stessa madre, la seduzione. La morte è seducente quanto l'amore.
sisrahtac is offline  
Vecchio 05-07-2005, 22.06.45   #14
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
E il disinteresse da che parte sta......dalla parte della vita o dalla parte della morte.....? forse è solo una sfumatura....? non credo esistano scelte cosi' radicali....ma solo accomodamenti.....o meglio mediazioni...che la vita ti impone.
Kim is offline  
Vecchio 05-07-2005, 22.32.18   #15
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Il disinteresse è il limbo degli eterni indecisi, e penso rasenti il patologico. La nostra mente si nutre di endorfine, se non vogliamo sentirci prosciugati e depressi dobbiamo sedurre ed essere sedotti. Magari anche senza lo scopo dell'atto carnale, ma solo con lo scopo di raggiungere l'anima di chi ci sta vicino.
sisrahtac is offline  
Vecchio 07-07-2005, 18.21.42   #16
Adele
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-05-2005
Messaggi: 72
io credo cheil disinteresse risieda in quello che Pavese ha definito disamore, che non è l'odio. L'odio richiede cominque una certa quantità di investimento libidico, così come l'amore. Avete mai notato che odiare qualcuno ci coinvolge talora come l'amore? Pedinamenti, gelosie, rivalità, ripicche.... Avete mai passato la notte in bianco meditando una vendetta per un collega antipatico? Per certi aspetti il disamore è la più profonda forma di vendetta, equivale all'espressione: tu per me non esisti.
Per quel che riguarda la necrofilia, l'amore per morte, e la biofilia vorrei solo sottolineare che Fromm sostiene la presenza di entrambe le pulsioni negli individui "normali"( la sfera della c.d. normalità è molto vasta) La patologia, o sindrome da decadimento nasce dall'incontro tra necrofilia, simbiosi incestuosa ( con la madre/terra) e narcisismo; è in questa sindrome che vanno ricercate le cause del male. Sicuramente, in quanto investimento libidico, il male attira e affascina gli individui che non hanno sperimentato e vissuto la primaria esperienza dell'amore e dell'accettazione: quando l'ambiente esterno inibisce la naturale tendenza dell'uomo verso la vita, ecco subentrare il desiderio di distruzione e morte, per una sorta di meccanismo di compensazione.
Adele is offline  
Vecchio 08-07-2005, 03.45.30   #17
Lord Enrico
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-01-2004
Messaggi: 79
Non ho capito di cosa si parla precisamente, amore verso la morte inteso come attrazione verso la morte del proprio corpo? o come attrazione verso il provocare la morte all'esterno del nostro corpo? o attrazione in generale verso morte\perversione all'interno e all'esterno?

Per morte si intende anche "distruzzione"?
io tendo a legare profondamente i concetti di creazione=>distruzione=>creazi one
Nel senso che dalla distruzione verso l'interno\esterno nasca la creazione. Distruggendo si crea, creando si distrugge.
Si ok, non mi son affatto spiegato

Ma personalmente non nascondo un mio interesse in entrambe le direzioni, sempre che siano opposte(e secondo me non sono opposte).

Essere biofili e necrofili allo stesso tempo è possibile? vedere le due cose come unite e non opposte?
L'"odio" e l'"amore verso la vita possono essere legati da un rapporto di proporzionalità diretta? Più si ama, piu si odia?

Mi rendo conto di esser stato molto confuso e non pretendo che voi capiate quel chevolevo dire, perchè rileggendomi non lo capisco neanch'io

Comunque sento di nutrire un profondo amore verso la vita, non espresso ed una profonda perversione verso la vita, sempre non espressa.

Centra qualcosa col discorso di Fromm?
Lord Enrico is offline  
Vecchio 08-07-2005, 22.46.57   #18
Adele
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-05-2005
Messaggi: 72
Effettivamente Lord Enrico il tuo discorso è un tantino confuso...
Cercherò di rispondere comunque ai tuoi interrogativi, per quel che posso, sperando di non confonderti ulteriormente le idee ( anche perchè non sono un'esperta). Innanzitutto cos'è l'amore? E' una cosa difficile da definire in senso oggettivo, la si può genericamente definire investimento libidico. Ora, questa energia può essere utilizzata in modo costruttivo per fini che incrementano la vita (scambio, reciprocità, accettazione...) e in tal caso si è biofili o, viceversa, per trasformare ciò che è vivo in morto e in ciò consiste la necrofilia (che è dunque anche distruzione ). Non è sbagliata la tua osservazione sulla contemporanea presenza di tratti biofili o necrofili nel medesimo soggetto, Fromm sottolinea che sono molte poche le persone esclusivamente biofile (Papa Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta) così come altrettanto esiguo è il numero di assoluti necrofili ( Hitler). Per il necrofilo ogni essere è un oggetto, così come anche ogni sentimento e pensiero e, siccome l'unico modo che gli individui hanno di relazionare con gli oggetti è il possesso, il mondo del necrofili è tenuto sotto stretto controllo. Il biofilo viceversa accetta e rispetta la vita non solo degli individui ma anche delle cose circostanti ( è come se prendessero vita), sa accettare il rischio e l'imprevedibilità, indispensabili per crescere e maturare.
Inoltre alla necrofilia è associato il carattere anale - accumulatore caratterizzato da tratti quali parsimonia, ostinazione, ordine,narcisismo ma anche sadismo e masochismo. Anche in campo criminologico si è parlato, a proposito di serial-killer, di qualcosa di simile alla necrofilia, la necromania caratterizzata non solo dall'attrazione patologica per la morte ma anche dal procurarla e dal piacere che scaturisce dal contatto con la propria vittima. L'attrazione per la morte in senso generale non è patologica, anzi ritengo rientri tra le normali seduzioni nei confronti di ciò che ci è ignoto e tuttavia molto vicino.
Infine il concetto in base al quale l'odio si alimenti dell'amore e viceversa ( più si odia più si ama) credo non sia corretto, probabilmente odio e amore traggono la loro energia dalla stessa fonte ( libido).
Spero di aver compreso correttamente le tue perplessità e di aver risposto in modo chiaro. Baci
Adele is offline  
Vecchio 09-07-2005, 11.50.38   #19
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Citazione:
persone biofile (Papa Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta) così come altrettanto esiguo è il numero di assoluti necrofili ( Hitler).


Il Papa, capo del cattolicesimo, che propaganda la castità, non mi si venga a dire che è biofilo. La chiesa è una "morte bianca". Mentre Hitler rappresenta il lato provocatorio della morte nei vari Papi io ci vedo il lato seduttivo, il Cristo in croce è il simbolo primo della seduttività della morte. E' questo l'inganno che va smascherato!
sisrahtac is offline  
Vecchio 09-07-2005, 12.32.10   #20
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Anzi, dai preti c'è solo da imparare. Se comandano il mondo da 2000 anni ci sarà un perchè. Evviva la necrofilia bianca! Adeguiamoci al sistema necrofilo, portiamo a morte questa terra e questa razza, una volta per tutte.
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it