Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 19-07-2005, 08.42.27   #1
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Relazioni

Mi piacerebbe sapere da voi come interpetate la crisi che esiste oggi nel rapporto tra uomo e donna...nella relazione tra i due
sessi...
Vi aspetto!
Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 19-07-2005, 08.44.41   #2
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Quale crisi? Io non la vedo nemmeno, ma tu che idea ne hai?
Lord Kellian is offline  
Vecchio 19-07-2005, 09.29.44   #3
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
relazioni

Oggi,le relazioni sono sempre più difficili.La donna ha conquistato tanti gradini,almeno lei lo pensa.Lavora,si sente indipendente.L'uomo non è abituato a vedere la donna "selfservice".L'uomo ha bisogno di attenzione,la donna guarda altrove...
klee is offline  
Vecchio 19-07-2005, 10.46.21   #4
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Re: relazioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da klee
L'uomo ha bisogno di attenzione,la donna guarda altrove...

Ciao a tutti, benvenuta Vaniglia.
Ecco direi che Klee ha centrato il punto.
Rivedevo ieri sera un film (Il matrimonio del mio migliore amico) che mi ha sempre fatto una rabbia pazzesca, perché in fondo mette a confronto due tipi di donna: una che ama incondizionatamente ed in modo disarmante l'uomo che ha scelto e una che "vorrebbe ma non può" perché c'è il lavoro, la carriera, il voler essere amata prima che amare, la parità, il senso di ingiustizia di questo "fare ciò che vuole lui". Finisce che rimane con un pugno di mosche, si umilia inutilmente e lo perde.
Eppure ci sta poco da fare: agli uomini piace essere oggetto d'amore molto più che soggetto d'amore.
A noi questo non basta perché in fondo un po' è vero che con tutta questa emancipazione abbiamo perso i punti di riferimento... eppure quando si fanno figli li rendiamo oggetto d'amore incondizionato.
Stavolta parlo per me e non per il genere femminile: perché non funzionano le relazioni? Paura.
Una dannata paura di prendere fregature, dare più di ciò che si riceve, ammettere di aver sbagliato a giudicare se le cose vanno male, costruire la vita attorno a qualcuno che può in ogni momento scegliere di andarsene.
Così ci si convince di volere, prima di tutto, qualcosa che in realtà non starebbe al primo posto come la carriera, l'indipendenza e così via... eppure eppure se si riesce ad amare senza paura... nessuno fugge via, ma tant'è...

Saluti
Neve
nevealsole is offline  
Vecchio 19-07-2005, 15.20.51   #5
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
paura

E' giusto la paura è la nostra ombra...abbiamo paura della "separazione"..dell'unione...v ogliamo e non vogliamo...la paura ci segue e la paura nasce con noi..Il futuro,il domani è sempre PAURA DI VEDERE QUELLO CHE SUCCEDERA'
klee is offline  
Vecchio 19-07-2005, 18.35.39   #6
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
...si, lo so. e' la paura di soffrire o di soffrire ancora...e cosi' non viviamo...ci anestetizziamo...ci allontaniamo sempre di piu' dalla "via del piacere" come disse Freud...ma la vita e' amore...
Vaniglia is offline  
Vecchio 19-07-2005, 18.46.50   #7
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Amore e piacere

Citazione:
Messaggio originale inviato da Vaniglia
[Be cosi' non viviamo...ci anestetizziamo...ci allontaniamo sempre di piu' dalla "via del piacere" come disse Freud...ma la vita e' amore...
[/b]

E qui già non mi trovi d'accordo, perché amore e piacere non sono proprio per niente la stessa cosa.
La stessa paura di amare che ho io, che mi faccio mille problemi prima di iniziare una storia, ce l'ha pure quello/a che tutte le sere esce e finisce a letto con una/o diverso... però il piacere lui/lei lo prova e magari pensa anche di amare... ma amare è complicato, quando non si ama se stessi.
Manca il tuo punto di vista comunque...

Ciao

Neve
nevealsole is offline  
Vecchio 19-07-2005, 18.53.39   #8
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
per "via del piacere" non intendevo seguire determinati istinti...ma seguire la propria strada....cio' che piu' ci piace....cio' che amiamo...non bloccarci per la paura di perdere, di soffrire...come ormai e' insito in noi....questa paura ci porta sempre piu' fuori strada....non ci incontriamo....non dialoghiamo...appena avvertiamo qualcosa....fuggiamo....ciaoci ao
Vaniglia is offline  
Vecchio 19-07-2005, 19.17.34   #9
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
...anche io ho paura quando inizio una storia...ho paura di soffrire, ho paura di amare,...ma alla fine riesco a superare questo momento e cerco di "buttarmi", nel senso di "viverla"....
Ciao
Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 19-07-2005, 19.36.15   #10
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
paura

dovresti superare la paura perchè la persona che tu starai per conoscere lo risente.Sei tesa e poi può darsi che non riesci a essere te stessa..compris?
klee is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it