Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 05-07-2006, 17.49.47   #1
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Mancanza molto profonda..

Spesso mangiamo per nutrire una mancanza molto profonda..

Cosa ne pensate?
klee is offline  
Vecchio 05-07-2006, 18.06.23   #2
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
la mancanza fondamentale è quella con l'IO "identificata" volta per volta con l'oggetto del momento.

In questo caso il cibo.

ciao
turaz is offline  
Vecchio 05-07-2006, 18.23.40   #3
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
mangiamo il nostro dolore...mangiamo spesso senza essere presenti sul momento..siamo assenti e presenti d'avanti al dolore...
klee is offline  
Vecchio 05-07-2006, 22.15.30   #4
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
magari mangiamo solo per sentirci più appagati...
meno vuoti... avete presente quella sensazione di pienezza?
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 06-07-2006, 14.57.47   #5
Sirtaki
Ospite abituale
 
L'avatar di Sirtaki
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 203
ricerca del piacere, di gratificazione.
è uno stile comportamentale che spesso associo anche ad altri ambiti, come nella sessualità, nella ricerca affannosa di sensazioni, nell'assumere rischi....
Sirtaki is offline  
Vecchio 06-07-2006, 15.11.42   #6
Pensiero73
Ospite
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 30
A me succede il contrario invece. Non riesco a mandar giù nulla.
Però il senso di vuoto rimane, quindi non è la soluzione giusta per superare il momento....COme non lo è neanche tuffarsi nella frenesia del cibo.

Ciao.
Pensiero73 is offline  
Vecchio 07-07-2006, 06.28.20   #7
uranio
Ospite abituale
 
L'avatar di uranio
 
Data registrazione: 22-10-2004
Messaggi: 470
Re: Mancanza molto profonda..

Citazione:
Messaggio originale inviato da klee
Spesso mangiamo per nutrire una mancanza molto profonda..

Cosa ne pensate?
Si a volte è vero, però anche se mangiamo la mancanza non si appaga ed invece ci ingrassiamo
uranio is offline  
Vecchio 07-07-2006, 09.53.16   #8
Dito
Ospite
 
Data registrazione: 30-06-2006
Messaggi: 11
Mangiare, riempie i vuoti. Impegnarsi in qualcosa riempie i vuoti. Perché il vuoto spesso fa paura.
Dito is offline  
Vecchio 07-07-2006, 22.36.56   #9
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
penso che il nostro stato di benessere o malessere , si rifletta quasi sempre sulla nostra alimentazione. Non per niente si dice spesso che "è un'emozione che viene dallo stomaco". Un nostro cambiamento emotivo in genere comporta un cambiamento nelle abitudini alimentari: c'è chi perde l'appetito, c'è chi lo aumenta.
Il cibo comunque rimane un'esigenza primitiva......qualcosa di intimamente collegato alle nostre istanze inconsce e istintive.
Basta pensare a tutti i vari disturbi gastro-intestinali, che hanno spesso origini psico-somatiche.
Del resto il "nutrirsi" è un'esigenza vitale, e anche un modo di prenderci cura non solo di noi stessi, ma anche degli altri degli altri.
In genere ci teniamo che una persona a cui siamo legati mangi bene, si nutra in modo sano, ma anche di cose gustose, appaganti in tutti i sensi.
odissea is offline  
Vecchio 08-07-2006, 09.02.30   #10
Pensiero73
Ospite
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 30
giusta considerazione odissea, sono d'accordo con il tuo post.

In una trasmissione televisiva tempo fa che trattava dell'argomento (non mi ricordo su quale canale, <forse su rai 3) si tendeva ad associare questi disturbi come una sorta di auto- lesoinismo, come una punizione per non aver compiuto od aver sbagliato procurando quello stato di disagio.

E' un parere meramente soggettivo perchè non sono nè uno psicologo nè tantomento uno studioso del comportamento umano...anzi ci vorrebbe qualcuno che interpretasse il mio... però mi ricordo che non ero moltot d'accordo sui contenuti della discussione.
Il Riflettere sulla propria alimentazione la conseguenza di una partcolare condizione emotiva (che può essere sia positiva che negativa secondo me) potrebbe essere attribuibile ad uno spostamento (non riesco a trovare altro termine) delle priorità. Cioè quando la nostra mente ed i nostri pensieri sono occupati da uno o preoccupazioni o da stati emotivi alterati facciamo passare in secondo piano alcune esigenze (FONDAMENTALI) che prima occupavano una posizione differente. Ma non è una questione di auto-lesionismo, è una condizoine naturale che ad una certa età (adolescenziale) può verificarsi più di frequente, con il passare del tempo invece iniziamo a vedere le cose da un lato diverso....

Ehm... ho fatto un pò di casino, come spiegazoine non sarà un granchè ma spero che il concetto sia chiaro.

Buona giornata a tutti
Pensiero73 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it