Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 25-07-2006, 14.30.23   #1
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
E' vero che ...

E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?
klee is offline  
Vecchio 25-07-2006, 16.15.39   #2
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Re: E' vero che ...

Citazione:
Messaggio originale inviato da klee
E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?

Dipende.... se sei già di tuo un tipo competitivo...

Ma di solito la competizione ti fa tirare fuori gli "artigli"...
Se è questo che intendi credo di sì!
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 25-07-2006, 17.17.08   #3
catoblepa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2006
Messaggi: 282
Aspetti positivi della competizione: può spingerti a tirare fuori le pa...
Aspetti negativi della competizione: disturbi psicosomatici, ansia da prestazione, invidie, ecc...
Pare però che in questa società non se ne possa fare a meno........bah
catoblepa is offline  
Vecchio 27-07-2006, 08.43.14   #4
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Re: E' vero che ...

Citazione:
Messaggio originale inviato da klee
E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?
La competizione cela la nostra individualità, che è unica, straordinaria, trasformandola in personalità, che è molteplice, e per questo, banale, ordinaria.
cincin is offline  
Vecchio 09-08-2006, 23.40.56   #5
Marynella
Ospite
 
Data registrazione: 08-08-2006
Messaggi: 35
Riferimento: E' vero che ... (competizione)

Io credo che la competizione sia come uno strumento, e come tanti altri strumenti offerti all'uomo dalla sua natura e dal suo intelletto, puo' essere usata bene o male.

Cerco di spiegarmi.

Se lo spirito competitivo "sano" ci aiuta a lavorare sodo per raggiungere dei risultati dei quali possiamo beneficiare senza aver prodotto danni per noi stessi o altri, o dei quali possiamo beneficiare assieme ad altri, allora abbiamo usato uno strumento che ci ha dato un impulso a fare bene. Quantomeno ci ha spinti e aiutati a "tentare" nel migliore dei modi a noi possibile. Cio' significa che se per qualche motivo il risultato non sara' quello sperato, non vivremo questo come un fallimento o una sconfitta. Saremo comunque consapevoli di aver agito nel migliore dei modi.

Se invece lo spirito competitivo non e' lo strumento ma diventa la "via" il modo attraverso il quale ci si presenta al mondo, ossia "io sono quello che faccio e quindi vi spacco tutti perche' devo essere il migliore" allora avremo finito con l'indossare una maschera...quello che era uno strumento come un'altro diventa il nostro volto, cio' che noi siamo, a discapito delle nostre emozioni, di quello che magari proviamo, di cio' che desideriamo davvero e rimane sepolto nel profondo, o di quello che provano gli altri per noi, ci anestetizziamo pur di raggiungere l'obbiettivo di essere i migliori. Infatti se siamo costretti a "non fallire" dovremo riuscire a qualunque costo, e il prezzo potrebbe essere il sacrificio della vita nella sua "qualita" intima e profonda.

Tutti sappiamo che denaro e potere non sono la ricetta della felicita', eppure, il fascino che esercitano e' tale che "brillare" ad ogni costo, superare gli altri, non fallire mai, dimostrare che si e' qualcuno perche' si e' migliore degli altri, diventa una tentazione fortissima.
E' un po' lo schema sociale degli Stati Uniti d'America.
Se sei al top, se sei ok, sei qualcuno e hai tutto.
Basta fallire una sola volta e cadi senza possibilita' di replica dalle stelle alle stalle.
La cinematografia americana e' piena di film del genere, in cui gente di successo, ricca e bella piomba nel buio della miseria in un attimo, dimenticata da chi e' rimasto ai piani alti e ha il terrore di farsi contaminare dal fallimento altrui. E' la sconfitta della solidarieta' e dell'essere cio' che si prova, assieme a cio' che si fa, cio' che si pensa, cio' che si sogna e cosi' via.....

Vivere di competizione ci accanisce nel desiderio della vittoria, e non sempre il premio e' una vita qualitativamente e spiritualmente migliore.

Mettersi in gioco, accettare la scommessa, competere sul campo con gli altri, senza farne uno strumento assoluto ci puo' aiutare a resistere nei momenti di difficolta', ma se il gioco non si impossessa di noi, avremo sempre la lucidita' di capire quando il gioco e' finito e dobbiamo fermarci, senza che il mondo caschi per forza, senza perdere noi stessi, la nostra autostima e l'amore delle persone attorno a noi.
Marynella is offline  
Vecchio 10-08-2006, 00.25.49   #6
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Riferimento: E' vero che ...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?
...anzi esattamente il contrario...
Spaceboy is offline  
Vecchio 10-08-2006, 09.07.25   #7
mark rutland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2004
Messaggi: 343
Riferimento: E' vero che ...

probabilmente mette in evidenza aspetti caratteriali che altrimenti rimarrebbero sopiti opoco evidenziatima che sono cmq presenti , ma non è che cambia radicalmente la personalità
mark rutland is offline  
Vecchio 13-08-2006, 18.14.07   #8
agex
Ospite
 
Data registrazione: 13-08-2006
Messaggi: 29
Riferimento: E' vero che ... (competizione)

Condivido molto di ciò ce ha scritto Marynella...la competizione è una procedura psicodinamica che ha un significato evolutivo perché spinge all'esplorazione....ma se diventa un modello operativo ovvero esistenziale sono guai, perché si tramuta in una ricerca di un piacere di dominio.....
agex is offline  
Vecchio 16-08-2006, 22.58.00   #9
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: E' vero che ...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?

La comperizione è la palestra di uno dei potenziali della nostra personalità.

Quindi la nostra "vera" personalità ne può essere cambiata (o strappata) come un muscolo in una gara.
Lucio Musto is offline  
Vecchio 17-08-2006, 12.48.37   #10
Armonuim
Ospite abituale
 
L'avatar di Armonuim
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 52
Riferimento: E' vero che ...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
E' vero che la competizione cambia la nostra "vera" personalità"?

un tempo (secoli fa) ero molto competitivo in tutto ora quasi per niente e trovo che è molto meglio come sono adesso.

la competitività se esasperata (e proprio la sua essenza porta ad esasperare) ti fa perdere di vista l'obbiettivo.

credo che la cosa migliore sia sempre quella di dare il meglio senza necessità di confrontarsi con qualcuno.

Vi faccio un esempio

10 anni fa tiravo con l'arco e avevo anche dei buoni risultati.
andavo il sabato mattina in primavera in un campo, tiravo stavo bene ed ero in sintonia con quello che mi circondava.
Poi ho cominciato a fare le gare, ottenevo anche dei buoni risultati, mi allenavo ma avevo perso di vista l'obbiettivo principale.

Tirare con l'arco per il piacere di farlo.

più venivano i risultati e più mi allenavo, alla fine era diventato un lavoro, un giorno mi sono accorto in quale circolo vizioso ero entrato, ho smontato l'arco, chiuso la valigia ed ho smesso.

Probabilmente tornerò a tirare ma con un arco scuola, la mattina di primavera in campo qualunque.

Quindi per risponderti


Tutti hanno qualcosa di peggio dentro, le persone + elevate lo hanno sepolto bene, altri lo hanno più in superficie ma la competizione troppo spesso tira fuori quello che c'è di peggio in una persona.

se uno se ne accorge in tempo corre ai ripari se no ti può cambiare facendo prevalere il tuo lato peggiore.
Armonuim is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it