Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-10-2006, 17.00.05   #1
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Peccato e piacere

La religione è di per se molto importante nella nostra vita sociale ma indubbiamente ha messo dentro alla vita di tutti i giorni dei dogmi e delle imposizioni che sono serivte solo a complicare la vita ..
Non ho mai capito come mai per la religione ma anche per la società in genere spesso il piacere diveniva anche peccato o colpa ...
insomma come mai la religione e anche le società più chiuse hanno associato il sesso al peccato l'uso di certe cose che di per se è piacevole a qualcosa di contaminato e cattivo ...
Presumo che probabilmente spesso questa associazione sia collegata ad un modo di essere assolutamente ambigui e non idoneo per le persone e crei delle situazioni di invidia nelle persone le quali a loro voglia impediscono che altre persone godino di privilegi che a loro non sono stati concessi ...
Sarà che l'invidia tenede a conquistare le menti ed imporree dei modi di essere innaturali ????
bomber is offline  
Vecchio 18-10-2006, 19.11.46   #2
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Riferimento: Peccato e piacere

Prendiamo un esempio più semplice: intemperanza (crapula).

Fa piacere mangiare tre chili di gelato, no?
Pero nuoce alla salute e per questo è peccato.

Non sono una grande cattolica. Forse qualcuno può dare una spiegazione teologica più giusta.

Provo per il sesso:
uno può ne fare troppo, diventare un tossico o nimfomano, e allora squilibrato, e anche così nuoce alla salute.
Lucy is offline  
Vecchio 18-10-2006, 21.07.29   #3
Tommy2005
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-09-2006
Messaggi: 176
Lightbulb Riferimento: Peccato e piacere

Il piacere è solo una gratifica !

Se agiamo bene nella vita non è male, perchè è una conseguenza delle ns buone azioni !

Diventa un male o peccato, quando ne è il fine !

Ciao a tutti !
Tommy2005 is offline  
Vecchio 18-10-2006, 23.55.38   #4
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Peccato e piacere

Citazione:
Originalmente inviato da Lucy
Prendiamo un esempio più semplice: intemperanza (crapula).

Fa piacere mangiare tre chili di gelato, no?
Pero nuoce alla salute e per questo è peccato.

Non sono una grande cattolica. Forse qualcuno può dare una spiegazione teologica più giusta.

Provo per il sesso:
uno può ne fare troppo, diventare un tossico o nimfomano, e allora squilibrato, e anche così nuoce alla salute.

Ho preso la religione non tanto quanto religione ma quanto potere, il senso voleva essere prendere in senso lato il potere che impedisce che mette a volte il bastone fra le ruote alla novita e molte volte al piacere ...
insomma quello del geleato penso che sia una cosa abbastanza ragionevole ... ovvero la religione in modo particolare quella cattolica afferma che il nostro corpo non è nostro ma di dio e che alla nostra anima è dato in prestito per cui dobbiamo come ogni cosa che non è nostra avere cura ... e trattare di conseguenza bene il nostro corpo dato che è u n dono di dio ... da cui non si ci potrebbe fare male ne tanto meno suicidarsi ...
ma quello che mi lascia perplesso è il dinnego dei piaceri anche quelli sani come possono essere quelli sessuali che quelli materiali ma che non fanno male ovviamente ...
bomber is offline  
Vecchio 19-10-2006, 13.09.49   #5
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Riferimento: Peccato e piacere

Ciao bomber!

Perché il megafono ??? Capisco anche se uno mi parla sottovoce ...

Credo che la chiesa dice che il sesso sia buono quando due persone che si amano molto vogliono creare una vita nuova, cioè un bambino ...

Guarda arsenio e il suo thread sul desiderio: ci sono uomini che vedono la donna come una decorazione di un bucco brutto e horribile ... Le pare che questo sia sano?

A me no.

Ultima modifica di Lucy : 19-10-2006 alle ore 14.17.26.
Lucy is offline  
Vecchio 19-10-2006, 15.23.26   #6
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Peccato e piacere

Citazione:
Originalmente inviato da Lucy
Ciao bomber!

Perché il megafono ??? Capisco anche se uno mi parla sottovoce ...

Credo che la chiesa dice che il sesso sia buono quando due persone che si amano molto vogliono creare una vita nuova, cioè un bambino ...

Guarda arsenio e il suo thread sul desiderio: ci sono uomini che vedono la donna come una decorazione di un bucco brutto e horribile ... Le pare che questo sia sano?

A me no.



beh il sesso per la chiesa è bene solo se legato al loro consenso ...
attenzione, per la religione il sesso si può fare, Secondo me farebbero molta fatica a impedirlo, ma se sei sposato o se ....
insomma è legato a un lo consenso da cui ce una certa forma di rifiuto di questo ... eppure dovrebbe essere la cosa piu naturale del mondo ...
Ovviamente ce chi per diverse motiviazioni stravede il sesso in forme malate come i pedofili o gli ossessivi del sesso, ecc... ma questo toglie dal senso di normlità e dal senso di equilibrio dato dalla natura.....
bomber is offline  
Vecchio 19-10-2006, 17.17.43   #7
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Riferimento: Peccato e piacere

Citazione:
Originalmente inviato da bomber
La religione è di per se molto importante nella nostra vita sociale ma indubbiamente ha messo dentro alla vita di tutti i giorni dei dogmi e delle imposizioni che sono serivte solo a complicare la vita ..
Non ho mai capito come mai per la religione ma anche per la società in genere spesso il piacere diveniva anche peccato o colpa ...
insomma come mai la religione e anche le società più chiuse hanno associato il sesso al peccato l'uso di certe cose che di per se è piacevole a qualcosa di contaminato e cattivo ...
Presumo che probabilmente spesso questa associazione sia collegata ad un modo di essere assolutamente ambigui e non idoneo per le persone e crei delle situazioni di invidia nelle persone le quali a loro voglia impediscono che altre persone godino di privilegi che a loro non sono stati concessi ...
Sarà che l'invidia tenede a conquistare le menti ed imporree dei modi di essere innaturali ????

credo che negli esseri umani di ogni tempo e di ogni razza ci sia il timore di avere qualcosa di peccaminoso da scontare, un peccato orginale che tutti si portano dentro a prescindere, solo per il semplice fatto di esistere.
La cacciata dal paradiso terrestre credo sia un mito che accumuna molte religioni, non solo la nostra.
Da qui nasce la naturale tendenza umana di interpretare le cose brutte della vita (malattia, morte, liti, guerre, epidemie e chi ne ha più ne metta)come una punizione divina. La privazione di quello che è piacevole diventa uno strumento per propriziarsi la benevolenza divina e assicurarsi l'immunità dalle catastrofi, e l'immunità dalla dannazione eterna. Questa è la base, e in fondo a pensarci bene è una base bella solida e radicata, che permette di costruire sopra anche struttura complessa, come una prassi sociale, o un sistema di fede.

Mi rendo conto che è un ragionamento estremamente riduttivo, però forse qualcosa di vero c'è.
odissea is offline  
Vecchio 19-10-2006, 19.18.08   #8
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Riferimento: Peccato e piacere

Citazione:
Originalmente inviato da odissea
credo che negli esseri umani di ogni tempo e di ogni razza ci sia il timore di avere qualcosa di peccaminoso da scontare, un peccato orginale che tutti si portano dentro a prescindere, solo per il semplice fatto di esistere.
La cacciata dal paradiso terrestre credo sia un mito che accumuna molte religioni, non solo la nostra.
Da qui nasce la naturale tendenza umana di interpretare le cose brutte della vita (malattia, morte, liti, guerre, epidemie e chi ne ha più ne metta)come una punizione divina. La privazione di quello che è piacevole diventa uno strumento per propriziarsi la benevolenza divina e assicurarsi l'immunità dalle catastrofi, e l'immunità dalla dannazione eterna. Questa è la base, e in fondo a pensarci bene è una base bella solida e radicata, che permette di costruire sopra anche struttura complessa, come una prassi sociale, o un sistema di fede.

Mi rendo conto che è un ragionamento estremamente riduttivo, però forse qualcosa di vero c'è.

beh dare colpa a eventi divini in un certo senso ammette alla persona che le cose nn dipendono da lui per cui in un certo senso è contento perche questo non si puo controllare da cui lui njon ha colpe ...
pensa se dicesse accideenti la malattia è colpa mia perche sono statto a dorso nudo fuori quando neicava che fesso ...
si sarebbe piusemplice ma l'autostima si abbasserebbe molto da cui divneta piu comodo dire non è colpa mia e non dipende neppure da me ...
bomber is offline  
Vecchio 19-10-2006, 19.36.36   #9
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Peccato e piacere

io credo che ognuno nella sua vita deve fare quello che vuole,basta che non danneggi gli altri.per esempio chi fuma non deve stare vicino ai non fumatori.Però se ci fate caso i piaceri nuociono sempre alla salute dell'uomo.se mangi troppo fritto ti nuoce al fegato,se mangi troppa cioccolata fa male alla pancia e così via...l'uomo nella vita non può avere tutto quello che vuole,altrimenti saremmo gia in paradiso!
dany83 is offline  
Vecchio 20-10-2006, 12.47.20   #10
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Riferimento: Peccato e piacere

Citazione:
Originalmente inviato da bomber

Non ho mai capito come mai per la religione ma anche per la società in genere spesso il piacere diveniva anche peccato o colpa ...
insomma come mai la religione e anche le società più chiuse hanno associato il sesso al peccato l'uso di certe cose che di per se è piacevole a qualcosa di contaminato e cattivo ...
Ciao bomber,
le religioni hanno reso un atto così naturale come il sesso, come qualcosa di sporco e cattivo per poter controllare l'uomo.
E lo fa attraverso due meccanismi.
Primo, se l'uomo vive la sessualità in modo parziale e distorta, egli diventa una persona malata, e una persona malata può essere facilmente sottomessa.
Secondo, se io metto il divieto su una cosa tanto naturale come il sesso, è sicuro che quell'uomo contravverrà a quel divieto, perchè la sua natura (e cioè quella di usare il sesso in maniera libera) è più forte di un divieto.
Allora viene creato il peccato, e se hai peccato poi devi chiedere il perdono a Dio attraverso il sacerdote.
Ecco il secondo controllo da parte della religione.

Ciao.
cincin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it