Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 02-02-2003, 10.40.40   #1
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Red face Il vantaggio di essere spontanei

Seguire la ragione non significa come alcuni credono, diventare schiavi della razionalità, ponendo sotto ferreo controllo logico ogni momento della loro esistenza, ma seguire l’ideale di una moderata ragionevolezza.
Ugualmente perseguire la propria crescita spirituale non deve portare a disprezzare il corpo o angustiarlo con alcune pratiche ascetiche come molti fanno.
Semplicità, spontaneità, immediatezza sono le qualità del sapiente, di colui cioè che si accetta per quello che è. Al contrario l’ansia, l’artificiosità dei comportamenti, la frenesia del vivere senza riposo, il desiderio del viaggiare senza scopo sono sintomi patologici di una personalità che non accetta la propria natura.
Secondo voi, come si possono conciliare la ragione e l’istinto, la dimensione spirituale e quella corporea?
Fino a che punto è saggio essere razionali?

Armonia is offline  
Vecchio 03-02-2003, 11.56.00   #2
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
spontaneità

Grazie tante per aver aperto la riflessione a questo concetto.
E' incredibile da fare, ma credo che se fossimo capaci di non tornare indietro di una sola parola mentre scriviamo su questo forum, noi saremmo veramente spontanei, veramente noi stessi. E' possibile? Penso che per qualcuno lo è. Però deve essere una persona altemente sicura di sé. Qualcuno lo è. Forse lo è stato. Magari Gesù?!
Credo che nell'arte e nello Zen abbiamo i migliori esempi di spontaneità. La spontaneità va a braccetto con l'istinto, ma anche con la parte più pulita di sé. Io mi scopro e mi riconosco con la mia spontaneità, non con una struttura autocostruita da convenzioni sociali e di etichetta. Io inviterei chiunque a scrivere senza mai tornare indietro e cancellare. Fermarsi sì, riflettere sì, ma mai tornare indietro, come un ruscello d'acqua fresca: quando è sgorgato, non ci pensa a tornare indietro. Questo relativo ai pensieri che nascono ora, proprio ora dalla nostra mente, non sto parlando di errori di ortografia (altrimenti non ci capiremmo).
Grazie Armonia (un grande saluto a te) di questo argomento, spero che abbia seguito.

Possiamo essere spontanei come bambini? E trattarci senza gravità, allo stesso modo?

La risposta alla tua domanda non è per me alla portata di una verbalizzazione razionale, come non puoi sfamare una persona solo facendogli leggere il menù.

Ciao, Cla

(le modifiche apportate successivamente riguardano solo correzioni ortografiche)

Ultima modifica di Claudio : 03-02-2003 alle ore 12.05.20.
Claudio is offline  
Vecchio 03-02-2003, 14.03.58   #3
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Il problema è che chi è spontaneo è vulnerabile.La bugia è una buona arma di difesa,è uno scudo.E non tutti sono così sicuri di sè da poterne fare a meno.
sisrahtac is offline  
Vecchio 03-02-2003, 16.43.40   #4
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
Però direi che essere sé stessi, senza paura di sbagliare o di ammettere l'errore è un vivere più dignitoso. Forse vivi nella verità.
Si respira male dentro un'armatura.
Ammetto che potresti proteggerti da un cane rabbioso, ma non mi pare che a livello di vita quotidiana sia necessaria. Che vita sarebbe altrimenti.
A proposito: avete letto di quella strana donna che aveva un figlio che ha tenuto con sé fino alla morte (del figlio)? Lui aveva 44 anni e la madre lo ha accudito fino a 20 giorni dopo la morte, pensando che dormisse. Poi le è venuto un dubbio e ha chiamato l'ambulanza. Quando le hanno detto che era morto da 20 giorni si è accasciata al suolo ed è morta. Non lo aveva mai abbandonato, fin dalla nascita. Che vita assurda!!!
Claudio is offline  
Vecchio 07-02-2003, 23.54.35   #5
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Spontaneità!

Adesione al nostro autentico Essere,incuranti di tutto ciò che vi ruoti attorno...Vale a dire:autentico stato di grazia!
Più avanzo negli anni(non che ne abbia molti,eh... )più apprezzo le persone non sovrastrutturate,non ingabbiate in modi di essere e di pensare che non siano i propri...ma quelli indotti dalla nostra frenetica,e abbastanza stupida,società...e anche,ok,dal culto di maestri di pensiero che io magari amo a mia volta,ma rispetto ai quali cerco di conservare il margine più ampio possibile di autonomia mentale(dicono giustamente gli orientali "se incontri per strada il Buddha,uccidilo).
Persone di questa tempra sono rare.E sono rare perchè sono coraggiose...
Quanto alla conciliazione tra istinto e ragione...Io penso-o meglio è il Taoismo che mi induce a pensarlo-che ,per armonizzarli,non vi sia altra maniera che sviluppare quella "intuitività" in grado di istradarci,appunto,spontanemen te,nella direzione più giusta da percorrere...
Tao,infatti,significa "via,strada",e fa della spontaneità uno dei cardini della propria ragion d'essere.
irene is offline  
Vecchio 17-02-2003, 18.59.13   #6
Dreams
Ospite
 
Data registrazione: 13-02-2003
Messaggi: 4
Non è facile essere sempre spontanei,solitamente ci chiudiamo in noi stessi per difesa ,forse anche un pò di paura influenza tutto ciò...paura di non essere capiti.Chi non è spontaneo,è vero, perde gran parte della possibilità di esprimere al prossimo ciò che pensa,però ciò non vuol dire che non usi la testa,che non ragioni o che viva nella falsità.
Per molte persone è difficile trovare un equilibrio tra razionalità e spontaneità...perchè sono cose differenti...razionalità è ragionamento,pensiero, la spontaneità è qualcosa che fai senza pensarci più di tanto...
Spesso la gente si trova o da una parte o dall'altra...è difficile trovare l'equilibrio anche perchè tutto gira sulla personalità dell'individuo.
Per quanto riguarda il fatto dell'assunsione di atteggiamenti adottati in relazione alla società...beh questo è inevitabile..però credo che si possa istaurare un equilibrio su questo aspetto...lasciando sempre uno spazio al proprio "io" senza farlo influenzare da nulla....cmq sono contro ogni conformismo morale,ognuno deve affrontare le cose con la propria ragione,senza essere influenzati da altri fattori.
Dreams is offline  
Vecchio 30-11-2003, 21.53.45   #7
Viky
Ospite
 
Data registrazione: 27-11-2003
Messaggi: 16
spontanea....forse troppo

per claudio
sono rimasta colpita da quello che hai scritto perchè io mi ritengo spontanea ma credevo che scrivere di getto fosse un fatto normale, che fanno tutti. forse è vero come mi dicono molti, forse sono davvero troppo spontanea, io scrivo di getto su questo forum, scrivo di getto gli sms, le lettere, quasi quasi anche i comiti in classe di italiano!
purtroppo però nn è sempre bello essere spontanei, molte storie le ho rovinate (ma forse le ho anche iniziate?) per questo.
se leggi questo messaggio rispondimi, mi piacerebbe sapere che ne pensi.
baci,viky
Viky is offline  
Vecchio 03-12-2003, 00.27.49   #8
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
...credo che essere spontanei invece sia bellissimo, e penso che tu sia d'accordo con me, quello che non è bello è che non tutti apprezzano. Ma questo è un problema loro, a volte non lo mostrano, ma oltre ad essere sorpresi credo che siano anche un pochino desiderosi di essere anche loro così. Magari dopo anni di obblighi di "stare composto a tavola, parlare educatamente" ecc. vorrebbero anche loro liberarsi da quelle catene che li costringono ad atteggiamenti rigidi e innaturali per la loro indole...
Non so, mi pare di essermi chiarito...
Comunque ammetto che non sempre può convenire ad essere spontanei, ma "troppo spontanei" per me non è possibile: non ho mai visto l'acqua "troppo bagnata". E' nella sua natura.
La spontaneità è una strana cosa!
Ciao!!!
Claudio is offline  
Vecchio 05-01-2004, 21.23.16   #9
FL100
Ospite
 
Data registrazione: 03-05-2002
Messaggi: 13
Non mi viene..

in mente molto sulla spontaneità, se non una frase di Oscar Wilde:
"La spontaneità è una posa, e la più irritante che si conosca"..posto la si conosca, ovvio.
FL100 is offline  
Vecchio 08-01-2004, 16.24.58   #10
moni
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-11-2003
Messaggi: 78
istinto...ragione... impulso..razionalità... miiiii lotta estrema ardua e meravigliosa... azzzzz se così non fosse... ne morirei... o forse mi inventerei qualcosa di diverso ancora!!

ma entriamo nel vivo del discorso...

è vero essere spontanei a volte è essere vulnerabili, nudi.. facili prede del "nemico"... in balia delle interperie... delle cattiverie forse o solo della società strana caotica grigia stressante meravigliosa in cui viviamo... però...se così non fosse mi sentirei un burattino nelle mani di un burattinaio che mi conduce per fili... qualcuno dice anche sia così:...noi siamo solo, appunto, burattini nelle mani di un "tutto" superiore... beh io nel mio piccolo preferisco immaginare il burattinaio in ferie... e io che sul palco mi do da fare a combinare ogni sorta di guaio...svegliando tutti gli altri burattini e perchè no...scappando pure da dietro le quinte andando a fare un giro per il "mondo vero".... !!!

se non ci fosse la spontaneità del vivere, dello scrivere...dell'essere... saremmo davvero tutti robotizzati...però è anche vero che spesso mi trovo a parlare con persone...alle quali chiedo (se c'è un che di confidenza, ovvio...) di togliersi la "pellicola"...perchè anche se pigliano un po' di polvere...non è detto che l'allergia al mondo possa subito manifestarsi...

e poi dai cavolacci... è così bello essere se stessi...lasciarsi andare alle emozioni...gustarsi in toto... e quando non è possibile farlo perchè... forse la situazione davvero non lo permette... è come stare dentro una camicia di forza....

lo dice una che quando scrive non fa mai la brutta copia perchè la bella...sarebbe un'altra cosa... infatti ricordo quando nei compiti in classe di italiano...(tra l'altro... mai portato a casa una sufficienza per via della mia sintassi senza senso)... il proffe oltre a incavolarsi per la mia contorsione...si incavolava pure perchè c'aveva du temi da correggere... e miiiiiii quando mi consegnava il compito era un arcobaleno di colori... va beh...lasciamo perdere... però se tornassi indietro... non cambierei una virgola... anzi forse ne farei una "copia in più" ..

sono andata fuori "tema"? naaaaaaaaa

la spontaneità è proprio questo... lasciar uscire i pensieri da noi e trasmetterli...a parole...a gesti.. a sorrisi... in qualsiasi natura si possano mostrare e se... dall'altra parte non si trova possibilità di "confronto"... beh... come diceva claudio... "non è un problema nostro"... mostrandoci per come si è... spesso si "cozza"... ma mostrandoci per come non si è... ci si nasconde in continuazione e... (dal mio punto di vista...) ci si veste di solitudine...

non mi rileggo... mi verrebbe da ridere!!!
moni is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it