Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > Riflessioni sulla Tecnosophia
 Riflessioni sulla Tecnosophia - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 14-07-2014, 04.59.19   #1
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
la tecnologia non avra' la tua anima

https://www.riflessioni.it/tecnosophi...-tua-anima.htm

la tecnologia non avra la tua anima

su quanto sopra vorrei esprimere i miei dubbi..

Citazione:
Il problema non nasce dalla tecnologia come abbiamo già tante volte espresso. Essa in sé non è né buona né cattiva, ma è un’arma a doppio taglio a seconda di come la si usa. Non sarà mai il coltello in sé il pericolo, ma l’uomo che lo usa.
Lo stato dilagante di malessere, non può essere dovuta alla tecnologia o al presunto abbandono degli “equilibri naturali” qualunque cosa questa espressione possa significare.
Né si può affermare che l’uomo delegando la sua vita alla tecnologia, fa che quest’ultima non sia più percepita come qualcosa di inanimato, ma come qualcosa d’indispensabile per “esserci nel mondo”.

l'espressione a me sembra invece che abbia un significato chiarissimo,persino banale..come si fa a non voler vedere che gli equilibri naturali siano stati sconvolti proprio dalla tecnica?
a me risulta invece che prima di questa il pianeta (ma anche noi) non fosse così drammaticamente sconvolto e squilibrato,mi sembra talmente evidente.
e allora da cosa sarebbero stati sconvolti secondo lei..solo dall'uso che se ne fa di questa?…non sarà' mica che e' nella tecnica stessa ad esserci il "germe del malessere" che poi lo faccia riemergere in noi?
credo infatti che l'errore di fondo sia che l'uomo (e la sua tecnica finale) non può essere la misura di tutte le cose e non può proprio perché non puo essere separato,essendo parte in causa
un illusione questa (che qui nel forum viene pure descritta più volte come "volontà di potenza") che oltre a rendere miopi,porta alla distopia e in ultimo all'estinzione.

quello che non e' affatto chiaro secondo me e' l'affermare che la tecnologia sia qualcosa d'indispensabile per "esserci al mondo"..
o forse sarebbe più corretto dire..per alienarci dal mondo!?


Citazione:
l’uomo moderno non dipende dalla tecnica più di quanto non dipendesse l’uomo di 100 anni fa o di 500 anni fa.

ma ne e' proprio sicuro di quello che sta dicendo? ..e su quali parametri?
potrebbero fare dei paragoni,degli esempi concreti che puo valorizzare questa sua tesi?


a me sembra che si voglia a tutti i costi ribaltare l'evidenza,affermare il contrario solo per proporlo come "vero" esattamente come viene ripetutamente propinato (sarà un caso?) dalla attuale dittatura tecno-capitalista..come del resto spiega bene e molto chiaramente Carlotta Maria Correra nel suo articolo
acquario69 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it