Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 10-02-2007, 12.50.33   #11
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Riferimento: il tao della fisica

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian

Non sono d'accordo però sulla questione del riduzionsimo. Proprio il passaggio di testimone che tu citi mi lascia perplesso infatti. Anche nel campo delle neurescienze mi sembra sia in voga il riduzionismo, che spiega i fenomeni mentali come derivanti dall'interazione di neurotrasmettitori e molecole varie all'interno del cervello.



Avevo omesso un passaggio, forse due. Ora mi proverò a chiarire meglio.
Intendevo dire che il "passaggio del testimone" (della ricerca più avanzata) dalla fisica teorica alle neuroscienze può suggerire l'impressione, tuttavia scorretta, che la ricerca "in sè" receda a schemi più classici.
Il fatto è che le neuroscienze non hanno il background teorico-concettuale della fisica teorica contemporanea, o meglio, ce l'hanno solo in parte.
La neurofisiologia adotta modelli sperimentali riconducibili, in fisica, a quelli classici.
L'ingegneria genetica è ancora, in grande misura, "descrittiva", come lo è il tronco principale dell'albero di cui è ramo, ossia la biologia.
La neurochimica si affilia ancora, principalmente, alla farmacologia ed assai meno alla biochimica della complessità, per il fatto che quest'ultima, per applicarsi al cervello, abbisogna di una quantità di dati ancora insufficienti per quanto attiene ad un qualsiasi modello di "mente" o di "coscienza".
La psicologia e la neurologia, in quanto non ancelle di alcuna delle discipline precedenti, sono essenzialmente "cliniche", ossia empiriche.
Promette di più la psichiatria biologica, i cui canali di ricerca muovono in mille direzioni ancora prive, però, di un'organicità di disegno.
La matematica e l'informatica applicate alla mente, infine, nonostante i suggestivi risultati dei vari progetti Darwin, mancano dell'elemento basilare: ossia un modello teorico-concettuale di "coscienza" con cui potersi confrontare.
(Personalmente sono dell'opinione di Penrose e credo, quindi, che non siano destinate ad andare oltre la costruzione di insetti di silicio, per quanto sofisticati e affascinanti).

Ecco, in estrema sintesi, il panorama e l'orizzonte cui si apre la ricerca scientifica del nuovo secolo.
Un panorama ed un orizzonte che si schiudono da un passato recente e densissimo, ma necessariamente "diverso" da quello cui la fisica quantistica ci ha abituati nel '900.
Tale diversità, a mio parere, suggerisce l'erronea impressione di una "recessione" a modelli teorico concettuali più classici, più deterministici, ma non per questo "riduzionistici".
La dovizie di conoscenze, dati sperimentali e scenari che le diverse branche della ricerca in neuroscienze sfornano in continuazione, infatti, non si appoggia su alcun sistema teoretico del passato.

Tale sistema è di là da venire: i tempi non sono ancora maturi per un Newton della neurofisiologia.
Per suggerire, con un'immagine puramente metaforica, lo "stato dell'arte" della ricerca oserei dire che, dopo Copernico e pur in presenza di molti Galilei,ci manca ancora un Keplero...!
E sarebbe un gran colpo di fortuna che ne stesse nascendo uno, da qualche parte del mondo, poichè di Galilei, Newton, Bohr, Planck, Lorentz, Einstein, ogni secolo ce ne dà una manciata: ma i Keplero, se non nascono al momento giusto, non nascono affatto.
Weyl is offline  
Vecchio 10-02-2007, 17.16.04   #12
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Con permesso

Citazione:
Originalmente inviato da Farvat
Le neuroscienze?! Ah perché si pensa ancora di chiarire il problema della coscienza partendo dal cervello?

E da dove, se no? Dal fegato?
Weyl is offline  
Vecchio 13-02-2007, 19.25.31   #13
Farvat
Ospite
 
Data registrazione: 06-02-2007
Messaggi: 13
Riferimento: Con permesso

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
E da dove, se no? Dal fegato?

Ah ma allora non sono il solo ad aver fatto questa stupefacente scoperta?!... io sostengo che la mente risiede nel fegato!
E' ovvio! é logico... quando state male e avete preoccupazioni non avete mal di fegato?! La fegatologia è il futuro della scienza.

P.s. del resto non si diceva una volta che il cervello secerne i pensieri come il fegato la bile?! bene prendiamo il coraggio in mano e saltiamo il fosso! La bile e il pensiero sono la stessa cosa!
Farvat is offline  
Vecchio 13-06-2007, 12.35.10   #14
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
riferimenti

Il tuo quesito è a mio parere correlato con un atro topic su "il principio di indeterminazione e altre implicazioni", nella medesima sezione: scienze.

Vi ho dato il mio contributo, chi abbia tempo e voglia può leggerlo, potrebbe aiutare.
visir is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it