Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 09-12-2004, 17.33.17   #1
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
La Finalita’ Della Vita Naturale

LA FINALITA’ DELLA VITA NATURALE(comunicazione tramite il medium Roberto Setti)
Le finalità della vita naturale non sono illogiche e quindi non sono inaccessibili alla ragione.Guai se l’uomo fosse solo pratico e concreto! Perderebbe tanta parte di quella poca gioia che riesce a gustare e appassirebbe per incapacità di vibrare interiormente al canto della fantasia.
Il materiale dal quale dobbiamo trarre la nostra convinzione non è adulterato e non è falsificabile, perciò abbiamo garanzia di verità. L’ostacolo sta solo nell’interpretazione, il meraviglioso mondo nel quale viviamo e di cui facciamo parte, è uno spettacolo prodigioso, al quale abbiamo fatto l’abitudine e perciò non l’apprezziamo più. Però osservandolo, studiandolo, si scopre e ci rivela le sue meraviglie. Non c’e’ nuova scoperta che ci deluda o mostri aspetti irrazionali: anche quegli accadimenti che alcuni chiamano errori della natura, non lo sono affatto.
Certo, non si può negare che la natura proceda per tentativi e questo non può essere interpretato come incoscienza assoluta e, conseguentemente un automatismo non finalistico della sua vita.
Niente e’ senza scopo nelle funzioni naturali delle specie della natura.
Il fatto che la natura proceda per tentativi, che cosa significa? Se osserviamo un non vedente col suo procedere per tentativi, pensate forse che egli sia incosciente e proceda a caso, senza un suo indirizzo e un suo fine? No, certo: e’ solo mancante di quel senso che gli consentirebbe di dirigersi direttamente là dove vuole giungere. Allo stesso modo la natura non possiede quel senso che la farebbe procedere più direttamente; ma ciò non significa che il suo procedere non sia finalizzato, anzi, e’ proprio il suo tentare fino a riuscire che ci da’ la misura della sua determinazione e la prova del suo finalismo. Ora, domandiamoci quale può essere il fine che la natura ha tentato di raggiungere e tuttora persegue. Capirlo non è impossibile e non rende necessario azzardare ipotesi non controllabili. Basta osservare i risultati del suo faticoso e lungo lavoro, ma non si deve credere che il corpo umano, siccome in ordine di successione e’ l’ultima specie creata dalla natura, sia il fine unico a cui essa tendeva.
Se fosse stato così, tante specie intermedie, una volta costituito l’uomo si sarebbero dovute estinguere e perlomeno non avrebbero dovuto continuare ad evolversi.
Una delle difficoltà per comprendere il finalismo della natura e’ proprio quella di volere interpretare tutto in chiave umana. La domanda da porsi e’ questa: esiste la vita della natura; tale vita tende a qualcosa oppure e’ fine a se stessa? Questa domanda ha un senso più profondo: infatti, se c’e’ un finalismo nella vita della natura, allora e’ vera la concezione spiritualistica del mondo; diversamente, e’ vera quella materialistica.
Certo, per vedere il vero fine della natura bisognerebbe vedere nella sua globalità tutta l’opera naturale, mentre il campo di indagine dell’uomo e’ assai ridotto. Però qualcosa possiamo osservare anche con le nostre modeste capacità.
Per esempio l’istinto di conservazione, che e’ evidente nelle varie forme di vita e che e’ più forte a livello di specie o di gruppo che a livello individuale.
Infatti se osserviamo l’individuo formica, vediamo che quasi non esiste come tale perché fa tutto in funzione della vita del formicaio, così l’ape ecc. ecc. .
Gli animali che si suicidano in massa perché la sovrabbondanza numerica della loro specie danneggerebbe pesantemente altre specie e romperebbe così l’equilibrio della natura, un altro degli esempi dell’intento della natura di conservazione della vita a livello generale.
Ora, se la vita dell’individuo comprende lo scopo di conservare la vita del gruppo e quindi della specie, e se la vita della specie si conserva in un naturale equilibrio di rapporti tra le specie, ciò significa che la vita delle varie specie ha lo scopo di conservare la vita in genere.
Quindi la vita naturale ha quantomeno lo scopo, il fine, dell’autoconservazione.
Senza fare atti di fede si può osservare che uno degli scopi naturali sia quello di conservare e tramandare la vita di ogni singolo individuo, ma, aldilà di ogni singolo individuo, conservare e tramandare la vita della specie; e ancora: aldilà di questo di conservare e tramandare la vita in genere, cioè di tutte le specie. Sì, perché se non ci fosse la varietà e la molteplicità delle specie, nelle quali quella umana non e’ più importante delle moltissime altre, la vita non potrebbe conservarsi.
Ma attraverso la riproduzione, la vita supera la sua stessa caducità temporale, ed e’ proprio attraverso a tale rimedio che si manifesta il suo fine di autoconservazione. Riconoscere il fine di autoconservazione della natura non e’ un atto di fede. Anche sul piano delle sole conoscenze elementari delle scienze naturali, e’ un’affermazione che ognuno può condividere tranquillamente senza correre il rischio di essere considerato un visionario. Ma ciò alla logica basta per arrivare a conclusioni importantissime. E cioè che il corpo umano autoconservi la sua specie con le leggi stesse della natura.
Gestire il corpo umano in funzione delle leggi naturali non e’ cosa facile, in quanto ogni individuo vibra, la coscienza poggia mente su tali vibrazioni per la quale in funzione di essa si fa forza su due punti : proveniente da e proiettato a.
E qui si apre la geneticità individuale che forma l’espressione dell’individuo.
La razza umana poteva benissimo non essere dotata di intelligenza e di autocoscienza, e la vita biologica sul pianeta no ne avrebbe risentito.
La coscienza immersa nelle leggi della natura e attraverso la geneticità crea la psiche, più la coscienza si allontana dalla psiche riconoscendola come madre delle paure, in una successione logica che la porta a liberarsi di tutte le espressioni negative, maggiore e’ la certezza di essere di più di quello che la natura lo porta a conoscenza. Le leggi della natura non hanno nessuna influenza sulla coscienza, ma solo sulla psiche dell’individuo attraverso il suo corpo, imperciocchè la natura prende coscienza di se stessa.
E’ la vita che guida l’uomo, non e’ l’uomo che guida la vita.
Tutto e’ chiaro: basta voler vedere.
isaefrenk is offline  
Vecchio 10-12-2004, 06.09.01   #2
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Cool

Ciao ciao cara isa. Rieccomi. Ecco cosa ha captato e riportato male il roby secondo me (èh! Perché se se ne esce con ‘finalità di vita naturale’, come credeva che non ci fosse Sté a fare interferenza??!! Ahahah):
“Però osservandolo, studiandolo, si scopre e ci rivela le sue meraviglie” = No, è cos’ che si è solo inventato la bomba atomica senza aiutare anzi nessuna specie. La conoscenza è solo per il potere, e noi useremo sempre quelle info. a discapito del regno naturale, e in sostanza quindi anche di noi. “Niente e’ senza scopo nelle funzioni naturali delle specie della natura”. È molto possibile invece che quello ‘scopo’ abbia la sua insensatezza da puro evento acausale.
“infatti, se c’e’ un finalismo nella vita della natura, allora e’ vera la concezione spiritualistica del mondo; diversamente, e’ vera quella materialistica.” Bàh…questi nessi, come diceva prima, lo contraddicono, perché risiamo nell’ottica duale della mente umana: per forza.., lui che dice che sta ‘canalizzando’ da ‘fonti superiori’ non sta facendo altro che rimescolare input divisivi e razionali. “La razza umana poteva benissimo non essere dotata di intelligenza e di autocoscienza, e la vita biologica sul pianeta no ne avrebbe risentito.”…o roby, roby, iz a uaild uorld…. Infatti, quello che non ti è giunto dalla telefonata della tua coscienza a quella divina, è proprio che non era dotata, ma si è autodotata di codesta coscienza, e posso dirti di più?: la natura avrebbe ottimizzato la specie e adesso non avrebbe da risentirne. Subito dopo mi dai ragione, vedi? Si, quell’autocoscienza crea la psiche, il pensiero complesso, l’io. Ciò che dici dopo non mi è chiaro, ma il finale mi garba, suvvia

-il tuo adorato Kel
(ed isa:
)
Sté-detonator is offline  
Vecchio 11-12-2004, 12.02.50   #3
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
Sté-detonator


quindi!
isaefrenk is offline  
Vecchio 12-12-2004, 05.49.47   #4
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Unhappy

QUI N.D.I. = QUI NATURALMENTE DUBITARE degli 'ILLUMINATI'

Sté-detonator is offline  
Vecchio 12-12-2004, 06.49.08   #5
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
Citazione:
Messaggio originale inviato da isaefrenk
Sté-detonator


quindi!

per mostrarsi illuminato?
isaefrenk is offline  
Vecchio 12-12-2004, 07.28.07   #6
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
Citazione:
Messaggio originale inviato da Sté-detonator
Ciao ciao cara isa. Rieccomi. Ecco cosa ha captato e riportato male il roby secondo me (èh! Perché se se ne esce con ‘finalità di vita naturale’, come credeva che non ci fosse Sté a fare interferenza??!! Ahahah):
“Però osservandolo, studiandolo, si scopre e ci rivela le sue meraviglie” = No, è cos’ che si è solo inventato la bomba atomica senza aiutare anzi nessuna specie. La conoscenza è solo per il potere, e noi useremo sempre quelle info. a discapito del regno naturale, e in sostanza quindi anche di noi. “Niente e’ senza scopo nelle funzioni naturali delle specie della natura”. È molto possibile invece che quello ‘scopo’ abbia la sua insensatezza da puro evento acausale.
“infatti, se c’e’ un finalismo nella vita della natura, allora e’ vera la concezione spiritualistica del mondo; diversamente, e’ vera quella materialistica.” Bàh…questi nessi, come diceva prima, lo contraddicono, perché risiamo nell’ottica duale della mente umana: per forza.., lui che dice che sta ‘canalizzando’ da ‘fonti superiori’ non sta facendo altro che rimescolare input divisivi e razionali. “La razza umana poteva benissimo non essere dotata di intelligenza e di autocoscienza, e la vita biologica sul pianeta no ne avrebbe risentito.”…o roby, roby, iz a uaild uorld…. Infatti, quello che non ti è giunto dalla telefonata della tua coscienza a quella divina, è proprio che non era dotata, ma si è autodotata di codesta coscienza, e posso dirti di più?: la natura avrebbe ottimizzato la specie e adesso non avrebbe da risentirne. Subito dopo mi dai ragione, vedi? Si, quell’autocoscienza crea la psiche, il pensiero complesso, l’io. Ciò che dici dopo non mi è chiaro, ma il finale mi garba, suvvia

-il tuo adorato Kel
(ed isa:
)


il finale lo abbiamo aggiunto noi e se ti vede daccordo demolisce tutte le tue critiche iniziali.

non si può nascondere il gioco che ci si illude di fare.

isaefrenk is offline  
Vecchio 12-12-2004, 09.38.02   #7
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Citazione:
Messaggio originale inviato da isaefrenk

...
non si può nascondere il gioco che ci si illude di fare.
rodi is offline  
Vecchio 12-12-2004, 10.03.56   #8
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi

perchè secondo te noi stiamo giocando? La vita non ha mai scherzato con noi , ciò che esprimiamo è ciò che abbiamo vissuto. se vedi un gioco nelle nostre parole ti preghiamo di farci notare dove, grazie
isaefrenk is offline  
Vecchio 12-12-2004, 18.28.05   #9
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Smile

-Ecco, isa, tutti gli spiritualisti mi rispondono = a questo punto. E questo è indice dell’uroboro in cui sono e da cui non riescono a uscire per vedere la normalità. Chi risponde così è sempre lui la vittima della stessa illuminazione. Se la frase che ti ho messo io te l’avesse messa un bimbo, avresti potuto replicarmi in quel modo? Insomma, non c’è illuminazione, punto, punto, punto. Siete voi quelli persi nell’atteggiamento neti-neti, di negazione per voler essere, comunque, qualcosa d’altro. Il mostrarsi è vostro, anche quando, e soprattutto, replicate così. Perché guarda, ti potrei ri-replicare. Tu metti in mostra il fatto che io dubitando della cosa mi voglia mostrare già padrone di quella cosa…, non sei al mio stesso gioco, e addirittura un passo più in là? Ecco, ora vi precedo; è chiaro che potresti ri-ri-replicarmi e potremo continuare all’infinito… Non si arriva a nulla, perché è questa altalena l’illuminazione di cui vi beate, solo speculazione filosofica ovvero un gioco di seghe mentali. (*)
- “E’ la vita che guida l’uomo, non e’ l’uomo che guida la vita.
Tutto e’ chiaro: basta voler vedere.” 1-Ho detto che mi garba, non che sono d’accordo. 2-cosa c’entra col fatto che demolisca le critica iniziali? 3-infatti non volete vedere, volete per forza vedere i nessi che vi fanno comodo 4- visto che l’hai messo voi, cosa intendevi davvero, e specialmente per ‘voler vedere’?
- …Il gioco, cvd(*)
Sté-detonator is offline  
Vecchio 12-12-2004, 19.09.24   #10
isaefrenk
Utente bannato
 
Data registrazione: 08-12-2004
Messaggi: 442
Sté-detonator a seconda dell'evoluzione che abbiamo vediamo ciò che sta dentro ed intorno a noi, nessuno pretende che tu veda quello che vediamo noi o altri, se il tuo scopo è il demolire i pensieri degli altri senza nemmeno ragionarci sopra, allora non è ancora il momento giusto per affrontare certi argomenti che più che interesse ti smuovono fastidio.
Chi vuole comprendere lo sta già facendo, il resto sono piccoli dettagli.

ciao ciao
isaefrenk is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it